Rachel's
The Sea and the Bells

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ore 6:00 del primo giorno di una nuova vita.

Partire! Partire per non tornare, partire per rinnovarsi, partire per non morire. Arrivo al porto risalendo la corrente dei vicoli e il tepore di un pianoforte, una raggiante apertura melodica che brucia i profumi della notte, scuce il sole dal filo dell’orizzonte. Partire per raccapezzarsi, partire ignorando tutto, partire per non… Ecco la nave! I gesti austeri e decisi di un violino in livrea la spogliano dalla foschia. Partire Dio mio! Solamente partire…

... Due ore dopo.

Passeggiando sul ponte della nave la fuliggine di ricordi informi copre lo smalto della speranza. Nella mia testa bisbigliano un violino e un violoncello, un misterioso conciliabolo da camera in cui vengono rivelate colpe forse solo immaginate. E infine eccoti! In filigrana ai miei passi, dal crescendo di un pianoforte lunare, dalla grana sonante delle sue note. Il tuo volto, i tuoi capelli. Io dovevo partire. Partire per non amare più.

Ore 11:00 del primo giorno di una nuova vita.

A prua della nave mi avvolgo nel cappotto, mi faccio coraggio e guardo di sotto. Osservo il mare, ascolto il suo respiro… Idiozie! Scempiaggini! Bisogna restare sull’uomo! Devo pensare a cosa voglio davvero, alla mia vita, al suono di quella viola che imperversa a mezz'aria, quella viola malinconica dove germogliano possibilità, quella viola sostenuta dalle radici di percussioni rotonde e ferme, quella viola che dalle possibilità potrà cogliere i frutti della risoluzione.

... Tre ore dopo.

Nella mia cuccetta. Solo. Non ho pranzato. Ascolto. Spasmi acuti e sibilanti sgorgano dalla gola di una chitarra dilaniata da unghie feroci. Portano la voce stridente del vento, di altri che prima di me sono partiti, partiti per non soffocare. Sdraiato sulla branda ascolto. Ancora quel pianoforte. Forse l’amo ancora.

Ore 18:00 del primo giorno di una nuova vita.

Di nuovo a prua! Si fila veloci! L’unìsono di strumenti a corda gonfia le vele! Voliamo per mare verso l’ignoto! Novelli Gordon Pym alla conquista del Polo! Io sono la perla e il mondo è la mia ostrica… No!.. Il vento cade come uno straccio bagnato e una bonaccia improvvisa riduce il sound a una stasi catatonica. Qualcosa si fa largo tra le onde, mezza donna e mezzo pesce! Si avvicina! Digrigna i denti! Dice che… AAAAAARGHHHH!!!

Ore 22:00 del primo giorno di una nuova vita.

Vecchio oceano, sei un immenso livido bluastro apposto al corpo della Terra” diceva Lautréamont. Sono ancora vivo. In piedi a poppa, sfinito, sfiduciato, ma ancora vivo. Osservo la scia lasciata dalla chiglia e mi perdo con lei fino a scomparire. Ma dagli abissi emerge un clangore lontano, campane nell’aria sonora e poi un violino straziante mi riporta indietro, indietro da lei. Basta! Devo suturare le mie ferite, prosciugare i miei lividi.

Un’ora dopo.

Ancora sulla branda. Il rombo della tempesta è impastato con gli scricchiolìi della nave, con i suoni disarticolati di un ensemble da camera in equilibrio precario. E poi una voce. Una voce nella mia testa.

Mezz’ora dopo.

Per ricominciare, per andare avanti, devo provare a liberarmi. Ecco cosa dice quella voce. Ecco cosa dicono quelle morbide linee di violoncello che strisciano nel sound con ferma dolcezza. Basta con il Passato! Basta con lei! No, non scriverò più. A mare queste righe! Dal fondo dell’oceano pregheranno per me. Pregate per me.

… … …

… … …

Ore 10:30 del primo giorno di una nuova vita.

Oggi, in riva al mare, ho trovato una vecchia bottiglia. Dentro c’era una specie di diario di viaggio. Ho letto di un violino che mi ha ricordato quello dei Dirty Three di “Ocean Songs”, di un pianoforte che aveva qualche consonanza con quello di “Copia” di Eluvium. Eppure non si trattava delle energie dell’oceano, né delle oscillazioni emotive di bucolici paesaggi. No, parlavano di un uomo. Seguire il flusso, farsi ispirare dalle sincronicità, farsi guidare dalle luccicanze: battezzo questo giorno come il primo di una nuova vita.

Questa DeRecensione di The Sea and the Bells è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/rachels/the-sea-and-the-bells/recensione-cosmicjocker

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Grande grande grande Cozmic, sempre nuovo. Imperioso come i flutti.
PS. Dalle ore 14 niente più viola?
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Ahahah! Grande Almo..
Motoko
Opera: | Recensione: |
Overflash
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: ... Really?!
Motoko: Appena ho iniziato a leggere la rece ho iniziato a canticchiarla: viaggiare per non tornare mai più.
E' più un mio problema mentale. La recensione è impeccabile, ascolterò il disco che non conosco.
CosmicJocker: Buttati con fiducia sul disco che è davvero meraviglioso..
Grazie del passaggio e dell'apprezzamento..
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Cazzo che album, è una vita che non l’ascolto...mi manca il tempo e lo spazio (e pure qualcosa che dia un dannato ritmo)...tu più teatrale del solito e forse anche più bravo...forse.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Più teatrale del solito è un gran complimento per me... Thanks music!
lector
Opera: | Recensione: |
Onda su onda
il mare mi porterà
alla deriva
in balia di una sorte bizzarra e cattiva
onda su onda
mi sto allontanando ormai,
la nave è una lucciola persa nel blu
mai più ritornerò.
BËL (01)
BRÜ (00)

lector: P.S. Gran disco!
CosmicJocker: Eh beh! Il buon Paolino con le parole (tra le altre cose) ci sa fare..
Comunque sì, gran disco questo..
Dislocation
Opera: | Recensione: |
"La nave è come una nave, ed essendo una nave è abbastanza normale che vada nel mare.
La nave ha anche un motore ed avendo un motore non sa dove va ma continua ad andare..."

Cheddisco! Ebbravo Cosmico, ut sempre, savasandirr.
BËL (01)
BRÜ (00)

Dislocation: *ut semper, devo smetterla col bianco e la focaccia al mattino.
CosmicJocker: ... Ed anche il Giorgione non scherzava mica con i testi..
Comunque, bianco e focaccia al mattino rendono il giorno un piacere sopraffino! (se la focaccia è quella di Recco poi....)
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
disco dalla forza magnetica
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Decisamente...
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
La mia nuova vita è iniziata ieri sera verso le 20.15:
da quel momento non riesco ad ascoltare altro che non sia Gretagrind

l'ascolto di sfascia carrozze: Greta Thunberg sings Swedish Death Me...

Bannatemi prima che sia troppo presto, Vi supplico.
BËL (00)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Lei è un dannato!! Non mi ha citato e il mio cuoricino ne risentirà per sempre! Vado subito a De-Odiarla!
CosmicJocker: Ho detto per sempre? Volevo dire 30 secondi...
Il mio cuoricino è volubile, si sa..
sfascia carrozze: Penitentziagite!
IlConte
Opera: | Recensione: |
Dovrei averti già detto quanto mi dispiace essere così zoticonevrotico da non sapermi gustare queste splendide melodie... se non nei film.
In quei film e/o documentari lenti, molto lenti -
Che @[Anatoly ] mi ha detto che non si dice lenti ma non mi ricordo - che mi intrippano... strano eh?
Però questo album mi sembra proprio bello ... lo acquisto così mi “obbligo” ad un salutare ascolto ahahahahahahah

Di te alla scrittura caro amico Poeta Cosmico - Poeta Cosmico è mio e qui ormai lo utilizzano tutti e chi paga pegno, l’ingegno e Il brevetto?! -
ormai non so più cosa dire... mi arrendo...
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Sono io che dovrei pagarti l'obolo per avermi apostrofato così!
Grande Nobile.. Procedi all'acquisto perché questo disco merita..
Se poi ti farà cagare però non prendertela con me eh!
Sappi che ti voglio molto bene...
IlConte: Ahahahahahahah
Mai me la prenderei con te!!!
macaco
Opera: | Recensione: |
Navegar è preciso.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Mi sei molto brazileiro mac..
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Non so perchè, non c'entra un cazzo, ma mi è ritornato in mente Oceano Mare.
Che bella suggestione Cosmico!
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Grazie JC..
Eh ma le associazioni bizzarre sono sempre una cosa molto bella..
E poi Baricco aleggia sempre nell'aria: ha ispirato il nick di almeno uno dei guru del sito..
Caspasian
Opera: | Recensione: |
“Guarda fuori dalla finestra (del treno che sta andando), questo non ti ricorda quando eri sulla barca? E più tardi quella notte eri sdraiato guardando il soffitto, e l‘ acqua nella tua testa… E hai pensato con te stesso: perchè il paesaggio è in movimento ma la barca è ferma?“ (il macchinista della locomotiva a William Blake-Johnny Depp nell‘ inizio di “Dead Man“ di J. Jarmusch).
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Ti ringrazio, mi hai ricordato la voglia che ho di rivedere questo film..
emgag
Opera: | Recensione: |
Il conte di Lo-Tremòn(e)! Il più grande onanista di tutti i tempi.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Uno dei più grandi si.. Per questo, se vivrò abbastanza, gli dedicherò una pagina prima o poi..
emgag: La leggerò volentierissmo!
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
buona cosa per approdarvi
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Se sei in vena di navigazioni neoclassiche/da camera mi permetto di consigliartelo caldamente proggen..
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Detto che Ismaele è molto meglio di Gordon Pym, ma il disco è bello o è brutto?
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Vabbè ma lo dici solo perché Moby Dick è un tuo pinco (pallino)..
Il disco è davvero tanta robbba Pin..
Pinhead: Su Moby Dick ci hai preso in pieno. Sul disco mi è bastato vedere i generi per sapere che non mi piace, non mi fido.
CosmicJocker: Un giorno, foss'anche molto lontano da ora, lo farai, eccome se lo farai.. Riuscirò a strapparti la fiducia..! Aaaaaahahaha (risata demoniaca con tanto di pupille dilatate)..
Pinhead: Mi fido del CJ letterario, infatti tornando a casa pensavo che dovrei leggere qualcosa di Pie, perché Gordon Pym è un personaggio di Poe, giusto?
CosmicJocker: Esactly..
CosmicJocker: Con la "x" al posto della "s" và..

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: