Radiohead
Minidick [Hacked]

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nella scelta di come farmi scoglionare la giornata, tra le varie opzioni, c'era quella di infilarmi su Debaser e scrivere la mia solita puttanata su un disco tanto pompato quanto inutile.
Sto parlando di questi nastri trafugati (sembra) a casa di Tom Yorke, in merito a delle sessioni registrate dell'album capolavoro "Ok Computer" di fine anni 90.
18 brani (li chiamiamo brani?) estenuanti, interminabili, sfilacciati, registrati in demo senza cura del suono ecc. Alcuni della durata di 1 ora e mezza cadauno per un'interminabile session di quasi 18 ore di musica (?): distopicaotica, straniantabile, delapinate, laceroide e inconclusessiva da far venire il latte alla giugulare destsa. Un esercizio di stile per masochisti con tendenze depressive in grado di ottenere il suicidio assistito, dopo sole poche ore di ascolto.

Sembra che il lavoro hackerato dei Radiohead abbia già indotto i ladri ad entrare in comunità.
Brani già editati (sul disco OK Bla bla) senza cura del suono e pieni di sporcature (la nascita di Paranoid Android, Karma Police ecc) riproposte in più tracks più l'aggiunta di improvvisazioni scialbe e senza spessore. Materiale che, come ha sottolineato il chitarrista Jonny Greenwood, non sarebbe mai stato pubblicato. E ne aveva ben d'onde.
Diciamo che questa mossa del gruppo di NON cedere al ricatto dei ladri (chiedevano solo 150.000 dollari, sti poracci) è stata spiazzante.
Resta poi da vedere se davvero qualche fans avrà il fegato di sciropparsi queste 18 ore da taglio delle vene al costo di soli 18 dollari. Anche se il ricavato, visto la scarsità e la povertà del contenuto, pare sarà devoluto alla Onlus ambientalista Extinction Rebellion che a Londra ha fatto già abbastanza parlare di sé.


Vi dirò, a me sta cosa "puzza" di operazione di marketing pilotata. Però io sono un vecchio rincoglionito misantropo di cui nessuno più rammenta le eroiche recensioni degli anni passati qui su Debaser.

Questa DeRecensione di Minidick [Hacked] è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/radiohead/minidick-hacked/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

woodstock
Opera: | Recensione: |
Le rammento, le rammento...nostalgicone
BËL (01)
BRÜ (00)

joe strummer
Opera: | Recensione: |
ahahha ho riso di gusto sui ladri che entrano in comunità. Ma fare la critica di registrazioni "di lavoro" non mi pare sensato. Dire che è marketing poi mi pare ridicolo ;)
BËL (02)
BRÜ (00)

aleradio: Come entrare in studio mentre accordano le pelli e dire ma che è sta merda
odradek: Eh, ma non riesce più a fare le "eroiche recensioni". Una vera tragedia.
The Punisher: Mi pare ancora MENO sensato VENDERE queste prove in rete. Se proprio vogliamo.
joe strummer: Si possono ascoltare gratuitamente eh
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Ma come, niente track by track? Doppio uno allora
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
Il primo paragrafo dice tutto.
BËL (01)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Che poi si intitola MINIDISCK ma per un errore (o un lapsus freudiano) mi è uscito MINIDICK.... Ahauah ahauahah :)))))

BËL (01)
BRÜ (00)

odradek: No, non si chiama nemmeno minidisCk, si dice minidisk. - Sul dick, hai tutta la nostra solidarietà. Coraggio, ma alla tua età avresti ormai dovuto fartene una ragione...
odradek: Sono andato a verificare su Bandcamp e no, non è nemmeno minidisk: lo hanno chiamato minidiscs. Ed è stato acquistato già da un numero impressionante di persone, a buon pro di Extinction Rebellion
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
la rece è meglio del disco sicuro
BËL (03)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
Rammemto tutto quello accaduto su queste depagine e anche cose accadute altrove...
BËL (02)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
18 ore?
Ma è un EP?
BËL (03)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
io onestamente sono della stessa idea; per quanto apprezzi i radiohead, mi puzza. E far pagare delle demo che francamente non trovo di molta importanza, potevano farlo senza sta trovata. Voglio dire, con tutto il rispetto per Yorke e soci, si tratta di cazzeggio in studio che molti loro fan agguerriti prenderanno come oro colato spacciando il tutto per eclettismo.
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: sottolineo un SE grande come una casa; mica ho la certezza che stiano dicendo una balla.
ilafante: Ho letto che il ricavato sarà devoluto in favore di Extinction Rebellion, non sapevo neanche esistesse questo movimento, l'ho letto ora. Anche a me puzza parecchio ma nell'evenienza mi piace pensare che l'abbiano fatto per sostenere una causa in cui credono, del resto (come dici) possono contare sui fan agguerriti (o idioti, dipende dai punti di vista)... La trovata del furto è un modo come un altro per richiamare l'attenzione su questi files, nel senso "se qualcosa è stato fottuto evidentemente ha un valore" e allora tutti pronti a mettere mano al portafoglio per SOLI 18 giorni. Sembrano le offerte del Piccol...
RinaldiACHTUNG: esattamente il mio pensiero
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Ma la merda più la giri e più puzza... E la sagra continuuuuuaaaaa

BËL (02)
BRÜ (00)

JonatanCoe: The saga continues Wu-Tang, Wu-Tang....
Wu Tang Clan - Triumph
Andrew65
Opera: | Recensione: |
Sempre molto ficcante lo stile del "Punitore". Ha sempre la capacità di suscitare interesse con le sue stroncature, è un grande. Per quanto riguarda il disco, c'è molto di vero. E non dipende tanto dalla lunghezza dei brani (lo dice un amante di Atom Earth Mother), quanto dall'assenza di contenuti. Mediocre tendente al brutto.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: