Randy California
Kapt. Kopter and The (Fabulous) Twirly Birds

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ci sono storie che andrebbero raccontate nelle scuole, se queste fossero veramente luoghi dove il fine unico ed ultimo fosse la crescita spirituale e culturale delle persone... ma tant'é...

Randy Craig Wolfe nasce e cresce in California in una famiglia che lo immerge da subito nell'humus musicale dell'Ash Grove, famoso locale folk di Los Angeles, fondato e gestito dallo zio, ma durante la sua adolescenza la famiglia si trasferisce a New York e lì Randy a quindici anni entra in contatto con Jimi Hendrix che lo vuole come chitarrista per i suoi Jimmy James & the Blue Flames. Hendrix lo ribattezza Randy California (vista la sua provenienza) per distinguerlo dall'altro Randy che suonava con lui (ribattezzato anch'egli, per le sue origini, Randy Texas). Il giovane è un prodigio, tanto che Jimi lo vorrebbe con lui quando Chas Chandler lo chiama in Inghilterra per formare l'Experience, ma i genitori di Randy (sedicenne) non gli concedono il permesso, avallando (forse involontariamente) Chandler che voleva Hendrix come unica chitarra per la nuova band. Ma l'aver perso questa (a posteriori) incredibile possibilità non lo fa perdere d'animo, anzi torna a Los Angeles ed insieme al patrigno-batterista Ed Cassidy forma la sua band... Spirit, con la quale licenzia fra il 1967 ed il 1971 quattro magnifici album, che mettono in luce le strabilianti doti del giovanissimo chitarrista e queste non sono assolutamente passate inosservate, ed è materia controversa ancora oggi il plagio che Jimmy Page avrebbe operato al giro di chitarra di "Taurus" degli Spirit per creare l'introduzione di "Starway To Heaven" degli Zeppelin, pur avendo Page sempre negato.

Nel 71 Randy è esausto ed una caduta a cavallo con conseguente ricovero in ospedale gli danno il tempo di meditare ed il prodotto è la decisione di abbandonare gli Spirit. "Kapt. Kopter and the (Fabulous) Twirly Birds" vede la luce sul finire del 1972 ed è il punto di svolta della carriera del giovane chitarrista, appena divenuto ventunenne.

La recente scomparsa dell'amico e mentore Jimi Hendrix deve averlo scosso profondamente, tanto che l'intero album vive di quella presenza e Randy ne sembra conscio, anzi sembra addirittura voler sublimare il suo suono come un omaggio postumo, rendendo ogni struttura, ogni ponte, nota, riff... maniaco depressivo. Noel Redding (accreditato nel disco come Clit McTorius) ed il batterista della sua band Road, Leslie Sampson (accreditato come Henry Manchovitz) gli vengono certamente utili in questo, per cui l'opener "Downer" è un angosciante viaggio al centro della propria anima sporca e stanca, una catarsi che lo porta ad incontrare il proprio demonio ed a stabilire con lui una sorta di tregua nella successiva "Devil", dove tutto è più morbido e rarefatto. Le cover presenti ci insegnano come sia possibile rivisitare canzoni di altri in maniera talmente personale da farle diventare proprie e nuove, come per "I Don't Want Nobody" di James Brown, del quale mantiene la sessuale lascivia, pur costruendole intorno un angosciante turbine hard-blues impazzito o per "Mother And Child Reunion" di Paul Simon che trattata da Randy diventa una splendida ballata sudista, carica di rabbia e malinconia che introduce al funky malato della sua "Things Yet To Come" dove è la chitarra volutamente sghemba ed inquieta a farla da padrone e la voce che esce quasi sommessa direttamente dalle sue budella martoriate e rivoltate. Memore di quello che Hendrix fece con "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band", Randy prende "Day Tripper" e soprattutto "Rain" e le tritura sotto uno schiacciasassi, in una sottile polverina acida impastata con una malsana poltiglia bluesy, diventando realmente altro e diverso dalle originali pur rimanendo fedele e devoto all'umore che le ha generate, creando a mio avviso il miglior tributo mai offerto a Lennon e McCartney. La conclusione è il più diretto e sentito omaggio all'amico che non c'è più, per cui "Rainbow" vive per tre minuti e quaranta secondi di puro blues Hendrixiano, direttamente ispirato dalle torbide sessions di "Electric Ladyland".

Randy California tornerà a guidare saldamente gli Spirit e negli anni pubblicherà altri lavori solisti (senza purtroppo mai raggiungere la magia di "Kapt. Kopter and the (Fabulous) Twirly Birds") fino al maledetto gennaio del 1997, quando il mare agitato dell'isola hawaiiana di Molokai se lo porterà via, dopo essersi lanciato al salvataggio del figlio Quinn.

Queste storie, sfortunatamente, non si insegnano a scuola, e quindi rimarranno sempre e solo a disposizione di chi avrà la voglia ed il coraggio (uniti a fortuna e sensibilità) di andare a cercarsele.

Rest In Peace Randy (California) Craig Wolfe.

Questa DeRecensione di Kapt. Kopter and The (Fabulous) Twirly Birds è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/randy-california/kapt-kopter-and-the-fabulous-twirly-birds/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (QuarantaNove)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Splendida. Bravissimo...
BËL (00)
BRÜ (00)

IcnarF
Opera: | Recensione: |
psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
come al solito non avevo idea di niente posteriore a Dr. Sardonicus, per cui mi cospargo di girella motta (ho finito il guano) e, insieme al Golosastro, mi dirigo verso la ricerca di suddetto disco. Ma hai per caso letto di recente la biografia di Hendrix Room Full OF Mirrors (peraltro consigliatissima)? Le parole in cui spieghi la faccenda Hendrix-California è identica a come l'avevo letta! O era da un'altra parte?....
BËL (00)
BRÜ (00)

Backdoor Man
Opera: | Recensione: |
Gran bella recensione, non c'è che dire.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Randy è stato un magnifico musicista, Hendrix aveva visto giusto. Questo ed i primi Spirit sono da avere tutti, in seguito non so. Bella recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
E beh, Lewis, ti dico solo che appena finito di leggere la recensione ho cliccato su "descarga", sto ascoltando "Things Yet To Come" e ti ringrazio.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ardalo
Opera: | Recensione: |
quoto tutti
BËL (00)
BRÜ (00)

4urelio
4urelio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Come sempre ti riveli una garanzia....
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Tra te e Supersoul fate venire i complessi d'inferiorità: non vale!
BËL (00)
BRÜ (00)

sharunas
Opera: | Recensione: |
grazie lewis, in questi giorni ascoltavo gli spirit e mi chiedevo se non fosse giunto il momento di ascoltare il disco solista di randy california. la domanda si è trasformata grazie a te in un piacevolissimo imperativo. è molto bello leggere delle recensioni che sanno coniugare informazioni precise e suggestioni vivide... io spesso provo a raggiungere un simile equilibrio e cado... i miei più sinceri complimenti
BËL (00)
BRÜ (00)

mocampo
Opera: | Recensione: |
blechtrommel
Opera: | Recensione: |
In questi casi il cinque è sempre poco, non da un'idea esatta..A Lewis tutto il mio rispetto come grandissimo recensore.
BËL (00)
BRÜ (00)

coccagnocca
Opera: | Recensione: |
paginone...complimenti.
BËL (00)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
bella storia, per non dire della rece...
BËL (00)
BRÜ (00)

c'è
Opera: | Recensione: |
bella pagina
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
Wow... quanta bella gente (bella solo perchè mi ha votato... bene :-))). Era da molto che volevo fare la rece di questo disco, ma ho aspettato che mi arrivasse una copia in plastica nera, cosi' da poterne assaporare l'essenza. E' realmente un disco fantastico, certo risente (molto) ell'influenza di Hendrix), quindi non è per niente un disco innovativo nel 1972, ma è di tale bellezza che diventa commovonte.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
@psycho... non l'ho letta, purtroppo. Sono immerso nelle opere di Carnevali (Emanuel). Pero' la storia è abbastanza famosa, se poi si pensa che Jimi lo ha voluto con se che aveva 15 anni...
BËL (00)
BRÜ (00)

c'è
Opera: | Recensione: |
preferita
BËL (00)
BRÜ (00)

gae
gae
Opera: | Recensione: |
complimentoni. sto ascoltando or ora taurus degli spirit...cazzo se ci somiglia a stairway...
BËL (00)
BRÜ (00)

Rock Antologya
Opera: | Recensione: |
no ragazzi, non esiste! In realtà furono gli Spirit a copiare i Led Zeppelin, perchè Stairway fu scritta da Page nel '60, solo che era una versione demo non ultimata, gli spirit ne vennero in possesso del nastro, che sottrassero a Page dopo un festino con baldracche, travestiti, alcol, sesso, droga e rockkerrolle, e lo usarono per la laoro Taurus, così Page, quando tornò sobrio, nel '71, si incazzò e completò quel demo creando Stairway to Heaven, che a Taurus gli dava paga non poco. Vi assicuro che questa è la verità, fidatevi che io in quegli anni facevo il Trans a Londra, e certe coso mi sono state confessate in intimità. Ecco il link - link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

Rock Antologya
Opera: | Recensione: |
e poi quello sulla cover è Frank Zappa! O no? Boh...
grande disco e splendida recessione comunque e sempre e comunque sia
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
...grande lewis, il miglior album chitarristico di Randy California compreso quelli Spirit. Il miglior tributo a Lennon/Macca? Bisognerebbe chiedere loro (peccato che Lennon non possa rispondere) cosa ne pensano, visto che Randy li stravolge. Del resto lui era un loro ammiratore. Da ricordare che appena dopo questo disco ne registrò un altro assieme al patrigno con il nome Kaptain Kopter And Commander Cassidy In Potato Land ma la casa discografica si rifiutò di pubblicarlo perchè quel guazzabuglio stile Zappa lo riteneva commercialmente improponibile...
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
@super... è un mio giudizio. Avro' ascoltato almeno 3/400 versioni di pezzi dei Beatles e devo dire che le piu' lontane dall'originale mi hanno sempre preso di piu'... queste due, la versione reggae di Let It Be di Upsetters e quelle prog di Eleanor Rigby degli olandesi Sandy Coast o I Am The Warlus degli Spooky Tooth... non credo che Macca sia d'accordo con me, magari Lennon di piu'. :-))) Potato Land è in coda da tempo immemore... o forse è già arrivato e non me ne sono accorto...
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ah... sulle covers dei Bitols, ho volutamente evitato di nominare quella di Sergente Pepe che Hendrix fece live 3 giorni dopo l'uscita del disco... sarebbe come citare Maradona quando ti chiedono chi è il giocatore piu' forte di tutti i tempi... troppo facile. :-))))))))))))
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
...le covers dei Bitols...grande argomento, vedo le tue e rilancio con quella di "She said, she said" fatta dai fantastici Walking Seeds con una grande chitarra fuzz-psichedelica , nello stesso eccezionale album c'era anche quella ultraacida di " Peter's trip" di Mike Bloomfield/Electric Flag...e il cerchio si chiude :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
e I Want To Hold Your Hand rif(r)atta dai Moving Sidewalks?
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
@psycho che riffoni Gibbons ...il contrario di quella che fecero quei due pazzi dei fratelli Mael :-))))

BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
sadeyedpocahontas
Opera: | Recensione: |
Splendida Lewis.
BËL (00)
BRÜ (00)

antoniodeste
Opera: | Recensione: |
Bella e sentita scheda, che fa luce anche sulla vicenda umana di questo singolare e splendido musicista.
BËL (00)
BRÜ (00)

bluespower
Opera: | Recensione: |
bravo tollani, ecco un saggio di coem parlare bene di un chitarrista senza scaderenelle banalità da wikipedia di c'è.....
BËL (00)
BRÜ (00)

OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera: | Recensione: |
Stupenda Lewis, metto tra le preferite. Ma perchè ancora non ho ascoltato gli Spirit? :-(
BËL (00)
BRÜ (00)

D-will
Opera: | Recensione: |
Conosco solo gli Spirit, ma questa rece è così bella.....
BËL (00)
BRÜ (00)

SUPERVAI1986
Opera: | Recensione: |
meravigliosa.....sono senza parole caro @Lewis mi sto inchinando davanti al pc.....recensione sublime, come il disco.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
Un ringraziamente anche agli "ultimi" arrivati... @ole... boh..? Provvedi al piu' presto :-))
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
@ppsycho e supersoul... non conoscevo I Want To Hold Your Hand dei Moving Sidewalks... è pura follia. Grazie, davvero...!
BËL (00)
BRÜ (00)

47
47
Opera: | Recensione: |
arrivo in ritardo.. bella vera, la rece: -"Queste storie, sfortunatamente, non si insegnano a scuola, e quindi rimarranno sempre e solo a disposizione di chi avrà la voglia ed il coraggio (uniti a fortuna e sensibilità) di andare a cercarsele."- a meno che non ci sia qualcuno che, appunto, fa "scuola" ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

mien_mo_man
Opera: | Recensione: |
non sono i miei preferiti, Randy e gli Spiriti, ma il 5 non te lo leva nessuno
BËL (00)
BRÜ (00)

lukin
Opera: | Recensione: |
magistrale Lewis.
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
riascoltato a palla in questi giorni,è un discone da far paura, della serie play loud! teniamoceli stretti dischi ...e recensori del genere ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grazie anche a mien e lukin... @soul... troppa grazia.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
e pure a 47
BËL (00)
BRÜ (00)

IL SICILIANO
Opera: | Recensione: |
Disco spettacolare
BËL (00)
BRÜ (00)

DanVerlaine
Opera: | Recensione: |
Da dire comunque che, contrariamente a quel che si crede, i fantanstici Spirit dei primi 4
album sono più la band di Jay Ferguson, che non di California.E' Ferguson che firma
la maggior parte dei brani più interessanti.Ovviamente anche Randy piazzò dei guizzi niente male, oltre a caratterizzare il sound col suo stile chitarristico, ma le idee più brillanti furono di
Ferguson.Vero è che tendevano a lavorar di squadra, però il membro più ispirato era Feguson.
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
arrivato venerdì in edizione rimasterizzata della esoteric. Dispiace aver aspettato due anni, disco molto bello, chapeau!
BËL (00)
BRÜ (00)

hellraiser
Opera: | Recensione: |
Grande Randy, il dopo Spirit mi è ignoto, ma conoscendo il suo stile sicuramente grande dischetto... bella rece
BËL (00)
BRÜ (00)

imasoulman
Opera: | Recensione: |
in questa pagina si è dibattuto assai sulla (e sulle) cover dei Fab Four, ma vogliamo dire che la versione qui presente di "I don't want nobody to give me nothing..." del Padrino del Soul è qualcosa di tellurico? Un disco fenomenale, quanto ci manchi Randy
BËL (00)
BRÜ (00)

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Bel disco
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Grande disco di heavy psych, con la particolarità della vena depressiva (gli echi e i riverberi a tratti malati, le manipolazioni...). Downer dovrebbe essere un bad trip classico. La chitarra ronza e vaga con una malizia particolare
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: