Ride
Tomorrow's Shore EP

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nel 2017 i Ride hanno messo a segno il loro grande ritorno dopo ventuno anni con un grande disco come "Weather Diaries".

Un album che ha ridefinito il loro sound, modellandolo e plasmandolo secondo canoni più attuali, ma senza snaturarlo. Nonostante questo, l'allontanamento da certi stereotipi shoegaze era già molto evidente, per quanto quelle sonorità non fossero state ancora completamente abbandonate; la volontà della band, anche poco prima dello scioglimento del 1996, era comunque già questa, per quanto allora il tentativo si fosse rivelato maldestro e disastroso. Adesso, con il centro pieno di "Weather Diaries", Bell, Gardener e soci possono muovere davvero i primi passi verso il futuro in maniera più sicura e stabile.

Primo assaggio è questo EP di quattro pezzi battezzato "Tomorrow's Shore", prodotto e mixato dallo stesso team dell'album che lo ha preceduto (i brani arrivano proprio da quelle sessions e sono stati esclusi probabilmente per un'eccessiva eterogeneità con il resto del progetto); ritroviamo quindi i fidati DJ Erol Alkan e Alan Moulder. Si tratta di brani che fanno un passo deciso verso il futuro, diversificando notevolmente la proposta della band britannica.

Ed è una svolta evidentissima già dal singolo "Pulsar", pezzo quasi interamente appoggiato su di un synth martellante e violento che ricorda le prime cose dei MGMT così come i più recenti M83. La successiva "Keep It Surreal" è un indie rock fatto e finito che si inspessisce via via che il brano scorra, un po' alla maniera della vecchia "Bugman" dei Blur.

Il ritmo cala con la floydiana "Cold Water People", forse il pezzo più ambizioso dell'EP, che ci introduce all'ottima (e conclusiva) "Catch You Dreaming", sinuosa e dilatata, forse il pezzo più "aggiornato" a certe sonorità in voga ultimamente (vengono subito alla mente i Tame Impala).

"Tomorrow's Shore" è un gustosissimo antipasto di quello che verrà, un modo per i Ride per delineare quattro possibili scenari futuri: uno di questi potrebbe essere quello giusto. O, perché no, anche tutti e quattro. Al prossimo album l'ardua sentenza.

Brano migliore: Pulsar

Questa DeRecensione di Tomorrow's Shore EP è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ride/tomorrows-shore-ep/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

madcat
Opera: | Recensione: |
Eh, coi Ride devo ancora recuperare quello del 2017, se poi questo ha pure influenze Blur me li recupero entrambi.
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Keep It Surreal è praticamente Bugman, anche l'intro della successiva mi ricorda i Blur di 13 (Swamp Song)
SilasLang
Opera: | Recensione: |
Addirittura si sono riformati i Ride? Sto perdendo colpi...anche se alla fine, col senno di poi, hanno dalla loro un grandissimo album ["Nowhere"], un paio di EP bellissimi e poco altro di (per me) rilevante. Mi hai incuriosito comunque...
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Si sono un po' attualizzati e smussati ma l'ultimo merita davvero, secondo me
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
si si si :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Peccato. Su Spotify non c'è. Così mi sto ascoltando Weather Diaries. Una figata di disco.
Non conoscevo la Band. Per me tutto nuovo.
Bravo a incuriosire un orso come me.
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Se hai tempo allora recupera assolutamente Nowhere e Going Blank Again, due pietre miliari nascoste
Falloppio: Segnato. Danke.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: