Ringo Starr
Ringo The 4th

()

Voto:

"Ringo The 4th", ovvero l'inizio della fine commerciale di Ringo Starr come solista. Dal 1977 in poi i suoi album avranno dei successi commerciali minimali, scomparirà dalle classifiche sia americane e europee per entrare nel circuito degli affezionati e dei patiti beatlesiani.

Le cose erano andate già un po' maluccio con il precedente lp, "Ringo's Rotogravure", ma questo disco è diverso perché il buon drummer è coautore di tutti i brani originali insieme a Vini Poncia. Non ci sono più i contributi degli ex compagni e questo incide in modo decisivo sull'appetibilità del prodotto. Quando si ascolta un disco di Ringo Starr però si rimane lo stesso sorpresi, si pensa subito a come abbia potuto mettere insieme il suo ennesimo album in condizioni disastrose. Infatti nel '77 Starr passa gran parte del suo tempo tra feste a L.A. in cui abusa di superalcolici in modo preoccupante. Le sessions dei suoi dischi sono enormi feste continue in cui si suona, si incide, si mangia e si beve e il risultato paradossalmente è che spesso i suoi lp, come anche nel caso di questo "Ringo The 4th", sono suonati e prodotti molto bene, incredibile. Comunque il disco è appena passabile, Ringo vira verso i suoni della disco music e R'n'B con esiti decisamente poco convincenti. Un altro stile in cui la voce è tutto, non bastano le cariche degli ottoni squillanti, i bassi che emettono fluide basse frequenze, ci vuole il carisma e la potenza vocale. Ecco perchè il disco fallisce miseramente nonostante brani di buona potenzialità come "Out On The Streets" e "Tango All Night" che sono discreti esempi di come anche Ringo Starr se vuole può scrivere qualcosa di buono.

Collaborazioni illustri con Tony Levin e Steve Gadd rendono ottima la base musicale, per il resto lavoro che fugge via senza troppi sussulti e la cover è una delle cose più orribili che siano mai state fatte in questo campo.

Questa DeRecensione di Ringo The 4th è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ringo-starr/ringo-the-4th/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

fredrick
Opera: | Recensione: |
ma è ringooo!
BËL (00)
BRÜ (00)

polkatulk88
Opera: | Recensione: |
rece molto buona,stavo per mettere 4 ma in realta dice tutto quello che si puo dire su questo sfortunato LP,che per inciso non conosco come del resto la maggior parte della produzione di ringo!
BËL (00)
BRÜ (00)

currahee72
Opera: | Recensione: |
Concordo in tutto.Disco appena,appena passabile.
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
Ma che copertina orrenda.
BËL (00)
BRÜ (00)

panapp
Opera: | Recensione: |
La copertina è assolutamente GENIALE, sembra un incrocio fra "The Rocky Horror Picture Show", "Cappello a cilindro" e Re Artù.
BËL (00)
BRÜ (00)

aries
Opera: | Recensione: |
Probabilmente il peggiore tra i lavori solisti di Ringo e uno dei peggiori tra quelli solisti degli ex Beatles; però è miracoloso che sia riuscito a registrarlo tra gli stravizi e addirittura a partorire qualcosa di decente. La copertina è puro trash (anche se Yoko Ono nuda in Two Virgins è un filino peggio...)
BËL (00)
BRÜ (00)

London
Opera: | Recensione: |
già la Ono nuda è vomitevole
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: