Sto caricando...

Robert Eggers
The Northman

()

Voto:

Sono passati parecchi anni ormai dalla visione di The Witch e ancora conservo il ricordo di quel magnifico terrore. Una vertigine, un senso di sperdimento e nudità di fronte alle macchinazioni del demonio. Il male che sgorga soprattutto da noi, che si insinua nelle nostre carni fino a portarci alla follia, allo svuotamento. Non l'ho mai rivisto, ma mi è chiara la distanza che lo separa dal nuovo lavoro di Eggers.

The Northman è un film di maniera, che non trasmette mai una sensazione di autenticità. Il regista lavora con il suo immaginario, fa leva sulle qualità che indubbiamente possiede: la visione che turba e rapisce, la creatività e il gusto per le incursioni horror che sanno sconvolgere ma anche in qualche modo deliziare; la costruzione di un'atmosfera infusa di cupo misticismo. Ci tuffiamo volentieri in questo mondo gelido e violento, assaporiamo il gusto del sangue, percepiamo sulla pelle il vento pungente dei regni di Norvegia e Islanda.

Un film lungo con una storia abbastanza piatta, che però non annoia proprio grazie a questo uso profondamente estetizzante della cinepresa. Il mio sguardo si è soffermato compiaciuto sui volti deformi degli stregoni, sulle carni putrescenti delle vittime, ha sondato i paesaggi desolati dell'estremo nord, si è riscaldato al fuoco dei vichinghi, ha lambito le carni delle fanciulle rapite.

Tuttavia, Eggers non riesce a nobilitare del tutto una storia e un copione che non reggono il confronto con i suoi numeri prettamente registici. La scrittura in particolare delude per la sua verbosità gratuita, un'enfasi eccessiva, appesantita dal registro aulico che non risulta troppo gradito, perché non ha un contrappeso nelle vicende che scorrono a schermo. Le parole devono andare di pari passo con la visione: le frasi enfatiche possono funzionare negli scenari grandiosi (Il Signore degli Anelli senza linguaggio alto non sarebbe lo stesso); qui vedo prevalere un mondo selvatico e rude, che si sarebbe adattato meglio alla reticenza praticata ad esempio in un film come Valhalla Rising.

La storia richiama le vicende di Amleth, ma le maneggia in modo grossolano, quasi surreale. Il dubbio non è pervenuto, qui, il nostro si muove in una dimensione bidimensionale che sembra voler flirtare con i piatti eroi contemporanei. Il ritratto che ne emerge è insipido, con alcuni contraccolpi che scadono quasi nel comico (il confronto con la madre, dopo tutta quella prosopopea, fa sorridere). Il linguaggio registico non riesce a raccomodare le diverse istanze portate avanti dai personaggi: non sa decidersi sul punto di vista che vuole adottare, perché in fondo non sa cosa dire su questa storia. O meglio, non ha quasi nulla da dire. Vuole solo vestirla con abiti scintillanti, ma alla fine emerge un senso di miseria, di povertà.

Commenti (Tredici)

Onirica
Onirica
Opera:
Recensione:
Inutile dire che lo vedrò lo stesso, vero?
E che The Witch non mi ha entusiasmato la il successivo horror del regista, The Lighthouse, lo trovo quasi un capolavoro, con quel bianco e nero suggestivo e il grande Willem Defoe che spettanza indemoniato?
E che la tua pagina come sempre è una bomba?


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Insomma, il solito regista talentuoso che hanno chiamato per dirigere l'ennesima pacchianata hollywoodiana? Non saprei.

PS: "The Witch" è uno dei film più belli che abbia visto negli ultimi anni.


Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Hamlet
Ham Let
Let Ham

Sarei tentato di lasciare un prosciuttone al posto delle cinque ztelline, ma credo di non averlo più


sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Insomma, detto in termini più terra-terra, sembrerebbe una boiata pazzesca.


NeKro
NeKro
Opera:
Recensione:
Mi attirava molto poco. Dopo aver letto la tua (sempre ottima) recensione, mi attira ancor meno. Poi lo svedesone l'ho sempre trovato davvero legnoso, molto meglio il padre e pure il fratello.


federico"benny"
federico"benny"
Opera:
Recensione:
Effettivamente, a fine visione, non rimane molto a parte un grande impatto estetico e un bel cast (ed essendo fan della nana islandese, mi ha fatto piacere rivederla recitare, pur se in una sola scena). Ho trovato poi piacevoli alcune trovate di regia e messa in scena degli elementi più prettamente fantasy, sempre perennemente in bilico tra sua effettiva esistenza nel mondo e superstizione/trip mentale dei vari protagonisti. Peccato poi che la storia non offra particolari sussulti né per il modo in cui viene narrata né per gli avvenimenti in sé, abbastanza prevedibili, e che il personaggio di Anya Taylor-Joy (che sta vivendo un meritato successo) sia interessante per tutto il film, ma venga ridotto sul finale a mero interesse amoroso del protagonista. Insomma, molto carino, ma Eggers ha fatto di meglio.


hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Joe qui parlano enfatici perché è più vendibile ad un pubblico più ampio, questo film non punta ad essere un Valhalla Rising, ecco perché fan così. Comunque, pre-avvertito che mi sarei trovato di fronte a un colossale blockbuster con qualche ambizione da autore (nella forma e nello stile almeno), devo dire che mi ha intrattenuto. Si è vero se uno lo confronta con i più personali due film precedenti questo ne esce con tutte le ossa vichinghe rotte.


joe strummer: Anch'io non mi sono annoiato, però ecco...
hjhhjij: Si be, non lo rivedrei a breve, diciamo così.
Narcosmicoma
Narcosmicoma
Opera:
Recensione:
Trasmetti quel "fastidio" nel vedere una storia ad ambientazione norrena in un linguaggio che non gli appartiene. Vederti citare Valhalla Rising non fa che confermare questa impressione, mai stato un capolavoro ma dannatamente autentico. Un timewarp mille anni addietro, di un'immersivita` unica.
Questo probabilmente lo vedro` comunque, just for fun.


ZiOn: Gran film "Valhalla Rising".
Onirica: Confermo, bellissimo anche per me, come quasi tutto Refn d'altronde.
hjhhjij: "mai stato un capolavoro" Oddio, se non lo è ci va vicino.
Narcosmicoma: @[hjhhjij] Non so dirti perche` non lo trovassi un capolavoro, forse un po' troppo spoglio a livello di trama? Onestamente non ricordo. Ma credo la fascinazione (di entrambi) sia la stessa, capolavoro e` sempre e comunque un etichetta :D Importa veramente poco...
hjhhjij: Questo è verissimo, sono dettagli da chiacchiera da bar. Anche se questo è il nostro bar effettivamente.
RamirezAlHassar
RamirezAlHassar
Opera:
Recensione:
Aldilà che la bravura di Joe non si discute riguardo le sue imperiture analisi cinematografiche.
Non capisco il motivo per il quale uno non dovrebbe andare al cinematografo/visionare una pellicola solo per opinioni altrui,
Valide
Ma pur sempre estranee.


joe strummer: Infatti, io ci vado se mi interessa il film, non per le recensioni. Poi le scrivo per mio personale divertimento, tutto qua
RamirezAlHassar: No ma infatti la considerazione riguardava i suoi fedeli seguaci (in linea generale), visto che spesso ho scorto queste intenzioni.
Poldojackson
Poldojackson
Opera:
Recensione:
Un film senza spessore che punta tutto sullo shock visivo e lo splatter.


ZiOn: Insomma, una vera merda.
Poldojackson: Beh sì, l'ho visto sabato, mi son fatto fregare dai riferimenti all'Amleto...
hjhhjij: No Zion, non è una vera merda. Nemmeno lontanamente. Ma non è nemmeno un grande film. Si tratta di grosso intrattenimento ambizioso (troppo). Ma per intrattenere intrattiene. La merda è altra.
ZiOn: @[hjhhjij]: il commento di @[Poldojackson] non lasciava spazio a dubbi 😃
hjhhjij: Be, è il commento suo, quello dei due poveri recensori ad esempio non conta ? :D
hjhhjij: Insomma, veditelo poi decidi ahahha
Poldojackson: NO, NO... resta nel dubbio, con i soldi del biglietto ti ci bevi due birre!
Hellring
Hellring
Opera:
Recensione:
Concordo. E dispiace dirlo, ma con il senno di poi il floppone al botteghino era abbastanza annunciato. Non si capisce come la Universal gli abbia anche concesso un budget superiore per un film che può pescare in un ambito di pubblico abbastanza ristretto. Se, come temo, questo The Northman era il biglietto da visita esibito da Eggers per qualche majors, beh credo abbia fallito.


adrmb: Ah, sta floppando? Pensavo stesse andando bene
Hellring: È costato intorno ai 90 milioni di dollari e ad oggi ne ha incassati poco più di 50 nel mondo. In Italia è poco sopra al milione di euro e tra poco non sarà più in sala. Calcolando che per guadagnarci il film deve incassare circa il 50% in più di quanto costa hanno preso una sveja che la metà basta.
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
mi hai spinto a vedere Valhalla Rising, visto che questo mi sa che non è ancora piratabile


dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
passo per il voto alla rece......


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera