Robert Pete Williams
Free Again

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Se si dovesse usare un'unica parola per definire lo stile musicale di Robert Pete Williams, questa parola potrebbe essere: primitivo.
Sì, perché il country blues di Williams non lascia scampo, è asciutto, duro e crudo, di un'autorevolezza tale da poter risultare ostico per un neofita di blues, perché Pete non fa musica per compiacere il pubblico, per lui la musica è il modo più autentico per affondare una zampata nell'anima dell'ascoltatore e per fare i conti con se stesso e con il mondo.
Questi conti cominciò a farli nel 1956 quando, incolpato dell'uccisione di un uomo durante una rissa, finì nel penitenziario di Angola, nella Louisiana. Williams ha sempre sostenuto che uccise l'uomo per legittima difesa, ma non fu creduto. Nel '58 ancora in carcere incomincerà, grazie a Harry Oster e Richard Allen due etnomusicologi, a registrare le sue prime canzoni, poi contenute nel bellissimo disco "Those Prison Blues", che verrà però stampato solo nel 1963. All'inizio del 1959 Pete fu scarcerato ma con l'obbligo di lavoro presso una fattoria in cambio di solo vitto e alloggio. Nonostante il duro lavoro e le rigide regole della libertà condizionata nel 1960 Williams inciderà per la Prestige/Bluesville un disco dal titolo emblematico e cinicamente ironico, ovvero questo "Free Again", l'album contiene tutte canzoni tradizionali, ma riarrangiate in maniera decisamente personale da Robert.
Già con la bellissima title track che apre il disco, Williams sfodera il suo canto cavernoso dal sapore millenario, mentre la sua chitarra acustica ha un suono delicato e ricercato, ma allo stesso tempo incisivo e penetrante, la sua 6 corde difficilmente ripete una frase nello stesso modo, cerca sempre di infondere un carattere pereciso ad ogni nota che esegue.
Tra gli esempi migliori di questo suo modo di suonare, per me, sono le splendide "Almost Dead Blues" e "A Thousand Miles from Nowhere" in quest'ultima canzone Robert ci fa intendere come per lui sia difficile uscire dalla condizione di prigioniero perché questo è anche uno stato mentale.
Un altro dei miei pezzi preferiti è "Thumbing a Ride", dal suono polveroso e spettrale, dove Pete si aggira per le strade di una città ma ha la sensazione di essere invisibile agli altri.
Il disco capitò anche nelle mani di Captain Beefheart e il sound lo colpì così tanto che nel suo "Safe as Milk" del '67 inserirà, da questo lp, una bella versione di "I've Grown So Ugly".
Con "Free Again" Williams dà vita ad un album che non lascia scampo: straziante, desolante e amaro, che mostra un'anima sola, intenta a liberare tutti i fantasmi che si agitano al suo interno.
Un disco non facile, come ho già detto all'inizio e non per tutti, ma se riuscite ad entrare nella sofferente poetica di Robert vi toccherà nel profondo.

Questa DeRecensione di Free Again è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/robert-pete-williams/free-again/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Non ricordo chi lo disse ma è terribilmente vero: 'l'uomo nelle condizioni estreme da il meglio di se stesso'. Probabilmente, se non avesse conosciuto la gattabuia non sarebbe diventato il grande artista che tu elegantemente descrivi. Nuovo stimolante ascolto, come sempre.
BËL (01)
BRÜ (00)

Mr Wolf: È molto probabile, tra l'altro il blues stesso nasce da condizioni estreme. Grazie per il passaggio JC.
lector
Opera: | Recensione: |
Roba per pochi....
BËL (01)
BRÜ (00)

Tucidide
Opera: | Recensione: |
Togli un'artista dalla sua area di confort e darà il meglio.
Bella rece.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Grazie.
zappp
Opera: | Recensione: |
grande disco ed altrettanta sentita recensione bluesata.
BËL (01)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Grazie zappp. Pensavo fosse un disco abbastanza sconosciuto, mentre già in 3 lo conoscete. Bene!
BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Piacevole pezzo scritto... a tempo debito verificherò anche i pezzi musicali
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Grazie. In caso buon ascolto.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
blu scuro scuro, eh? proviamo
BËL (01)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Scurissimo.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Robert Johnson prenditi cura del Ns Lupo.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Vado a deamarti con demoni incorporati...
Mr Wolf: Ahah… Grazie Conte.
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Non conosco bene, approfondirò per bene. Ciao Lupus, sempre in gamba ;^))
BËL (01)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Ciao Hell e grazie. In caso, buon approfondimento.
hellraiser: Ma grazie a te che metti oro colato in casapagina, sei un "esemplare ormai raro da difendere". Come lupo e recensore ;^))
Mr Wolf: AhahAuuuuuhhh
Caspasian
Opera: | Recensione: |
"Williams sfodera il suo canto cavernoso dal sapore millenario": ci siamo, ci siamo...
Scavatore lui, scavatore tu.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: :)
dsalva
Opera: | Recensione: |
Bella come al solito.... Vado ad esplorare
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Grazie dsalva. Buona esplorazione.
Nico63
Opera: | Recensione: |
Arrivo in ritardo ma arrivo. Questo non lo conoscevo, debbo rimediare.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: In effetti non è molto conosciuto, infatti mi sono anche un po' stupito che ben 3 debaseriani conoscano il disco.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: