Sto caricando...

Robin Hayward
Nouveau saxhorn nouveau basse: Elegy to a Failed Instrument

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

I vecchi di paese parlano poco e lentamente perché sanno che in fondo non c'è niente da dire, che tutti - eccetto loro - sono degli imbecilli.

Non sto parlando di quelli che attraverso le premure elargite al nipotino o al canarino di turno riacquistano le stelline nello sguardo impazienti di mordere la loro fetta di Eterno Ritorno, né tantomeno dei baciapile sudaticci che ricercano senza sosta quell'indulgenza plenaria che li mondi da ogni peccato e che li possa presentare candidi, soffici e profumati come lenzuola lavate di fresco davanti alle penetranti occhiate di un dio accusatore.

Parlo dei vecchi che bestemmiano quando leggono la prima pagina di un giornale, che mandano affanculo il loro compagno di briscola per una giocata intempestiva, che si cambiano le mutande una volta ogni due settimane. Se hanno dei nipoti questo non significa che li vogliono troppo tra i piedi, se anche ammettono l'esistenza di un qualsivoglia demiurgo non perdono certo tempo a leccargli le chiappe e liquidano la questione parafrasando Heine: "Dio mi perdonerà. È il suo mestiere".

Sono persone che forse non le avranno viste tutte, ma tutto hanno intuito; forse non crederanno più in niente, ma niente le ha ammazzate.

Con un vecchio di cotal guisa bisogna attaccare bottone nei rari momenti in cui è in buona: di solito a circa metà mattinata quando - dopo un paio di cognacchini a stomaco vuoto - una calma alticcia da guerriero a riposo mitiga la riottosità forgiata negli anni e il prossimo si trasforma in un diario su cui vergare le proprie memorie.

Sedetevi con lui al bancone di un bar e più che al contenuto prestate attenzione al suono delle sue parole; a quella voce grassa, limacciosa e corrosa da un inveterato tabagismo: l'essenza di "Nouveau saxhorn nouveau basse" è tutta quì.

Una vecchia tuba dalla fronte aggrottata che senza fretta riempie la sala con il suo profondo baritono. Note vibranti, lunghe, strascicate, sgranate ad una ad una e perse per sempre in una nebbiolina di ricordi.

Una vecchia tuba e il racconto di una vita intera scandito da ampie boccate di fumo. Un pigro monologo che galleggia a mezz'aria grazie ad un subdolo gioco di riverberi avvolgenti in cui tutta l'intensità delle frasi è sostenuta da silenzi carichi di sottotesto.

Una vecchia tuba dalla barba incolta, dalle mani callose e dai gesti gravi che soppesa l'effetto dei suoi aneddoti sul volto di chi l'ascolta. Una minimal classical declinata ad una drone ambient sui generis; un'eloquenza essenziale, poderosa e vivida che traduce in immagini i ricchi riflussi di un cuor d'ottone.

La voce di un vecchio può essere un invito al viaggio come la sirena di una nave che sta per salpare.

Commenti (VentiQuattro)

algol
algol
Opera:
Recensione:
Se si parla di geriatria presente!


CosmicJocker: Ahahahah!
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Vecchi... e chi ci ammazza?


CosmicJocker: Niuno mai...
mrbluesky
mrbluesky
Opera:
Recensione:
dalla foto pensavo avessi recensito tromba degli squallor ma faresti ugualmente un capolavoro


CosmicJocker: Grandissimi gli Squallor...!
ZiorPlus
ZiorPlus
Opera:
Recensione:
Bello spaccato intimistico sull' "anzianitudine" alla quale seppur controvoglia credo di appartenere.
Usare la metafora (?) della vecchia tuba è come direbbe Tomas Milian roba da Testa di volpe, bel colpo!
Fà da contraltare, dipende da chi trovi al bancone di quel bar, che spesso non è che si diventi più saggi dispensando chissà che perle di saggezza ma, non potendo più dar cattivo esempio, solo più rompicoglioni.


CosmicJocker: I saggi rompicoglioni mi sono simpatici... Anche se non credo alla saggezza onnicomprensiva, ma solo a quella...parcellizzata..
Grazie Zior!
ZiorPlus: Mio nonno per restare in forma iniziò a camminare per cinque Km al giorno quando aveva sessant'anni. Ora ne ha novantasette e non sappiamo dove diavolo sia finito. (ScemoCit.)
CosmicJocker: Chissà quante volte avrà doppiato il punto di partenza....
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Bella pagina, davvero.
Appena ho tempo lo ascolto: quindi nel prossimo fine settimana.
Saluti asteriscati Cosmo!


CosmicJocker: Ciao *..
Attendo il responso.. Credo sia un disco che o si ama o si odia..
snes
snes
Opera:
Recensione:
I vecchi che descrivi mi piace che stiano nel loro micro universo di solitudine e sguardi vitrei. che ognuno abbia quel che si merita.
Sto sentendo il disco... mi sembra un po' una presa per il culo...
La recensione come al solito invoglia all'ascolto, ottima.


ZiorPlus: Beh come darti torto, effettivamente dopo un primo (superficiale) ascolto sembrerebbe un ibrido tra una asfittica sirena navale in una giornata di nebbia ed un peto.
CosmicJocker: Eppure a me questa ricchezza di suono, questa zoommata sulle linee di tuba che si sbriciolano in riverberi ha preso..
Poi certo, il dinamismo non è da queste parti e capisco la vostra perplessità..

Sui vecchi nes, condivido in parte ciò che dici (fai in buona parte), eppure mi è capitato di pensare a cosa si celasse dietro a una vita apparentemente piatta "interpretando" cose come un gesto o un tono di voce. Probabilmente ero comunque fuori strada, ma io tendo molto a farmi dei film..
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Nella tua mano c'hai sempre l'asso, il tre e il re di briscola!


CosmicJocker: Verissimo Almo.. Peccato che mi accade mentre gioco a Scarabeo..
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Il disco mi piace davvero, da ascoltare comunque a debita distanza dalle mutande di tre settimane fa!


CosmicJocker: Questo è poco ma sicuro JC! Il disco ha preso pure me..
Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Anche a me pareva "Tromba" degli Squallor... Eccellente. Anche se quel "quì" lì con l'accento ti è sfuggito di certo, malandrino!


CosmicJocker: No, è che sul tuo monitor ci sono gli schizzi di olio bollente con cui friggi i tuoi ospiti: hanno allungato il puntino della i.. A te non la si fa, diavolaccio!
IlConte: Ahahahahahahah
HOPELESS
HOPELESS
Opera:
Recensione:
La recensione è buona, il disco... Kosmische... mi hai fatto ascoltare uno degli album più brutti ascoltati in vita mia, hehehe (e me ne sono capitati eh, penso formula, scelta della strumentazione e tentativo gli siano riusciti male). Sui quei vecchi lì la penso come detto da nes sopra. Effettivamente l'unica cosa che salvo è quella sensazione di sirena di nave che abbandona il porto. La raucedine da fumo alla radio sarebbe un gran bel sentire con le letture giuste. Hula.


CosmicJocker: Non so, c'è questa ricca austerità nel sound che mi ha preso.. Questa attesa per la linea di tuba successiva riempita dai riverberi della precedente, questo Godot che arriva ma non rimane sufficientemente per cambiare davvero le cose..

Comunque Hope, ascolare una cosa brutta brutta è raro tanto quanto imbattersi in una cosa, bella bella.. Dovresti rimgraziarmi ;)
snes: "questo Godot che arriva ma non rimane sufficientemente per cambiare davvero le cose.." ma quanto è bello leggerti?
CosmicJocker: Però così mi fai arrossire eh.. Grazie nes..
HOPELESS: Ma infatti il mio commento deborda di gratitudine: 1) perché è un piacere leggere le tue digressioni/fantasie, 2) perché far ascoltare uno dei dischi più brutti della storia è comunque un azzardo da primato al negativo. Insomma... lo zenit è importante così come lo è il nadir.
lector
lector
Opera:
Recensione:
E se vuoi giocare a briscole con me, impara a capire i segni! Dannato puzzone!


CosmicJocker: Ma sai che pure Drupi mi ha detto una cosa del genere?..
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Devo ammettere che l'ascolto mi ha lasciato freddino... la recensione invece è molto bella. Questi lupi di mare, se possiamo chiamarli così, mantengono una loro poesia e simpatia finché ci stai distante; se invece ci hai a che fare ogni giorno diventano insopportabili schioppacoglioni. Sono i classici vecchidimmerda.


CosmicJocker: 'sto disco proprio non fa breccia...

Comunque, lungi da me voler romanzare il mondo senile. Credo che, come dici tu, la discriminante sia una conoscenza aleatoria che permette una certa sopportazione.
Il problema è che questa cosa la provo anche con alcune persone della mia età, insomma anche i quarantennidimmmerda non mancano..
Grazie proggen
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
ad un ascolto distratto non mi ha fatto alzare lo sguardo da quello che facevo


CosmicJocker: Il colpo di fulmine è importante, si sà..
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
I vecchi bisogna ammazzarli da bambini...


CosmicJocker: E con questa direi che la discussione è terminata...
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
I vecchi di oggi sono i trenta/quarantenni degli anni 80...
Il peggio del peggio, savansadir


CosmicJocker: Si eh? Io essendo a quei tempi un marmocchietto non saprei dire, ma 'sta cosa non mi suona strana..
IlConte: Suona da dio, fidati di me
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Mi dispiace doverlo dire, Cosmo, ma questo disco è davvero inascoltabile: non brutto, ma proprio repellente. Proprio non ci riesco, scusa CJ.


CosmicJocker: Ci mancherebbe, le proposte sono fatte per essere accolte o declinate..
algol
algol
Opera:
Recensione:
Incuriosito dal disappunto generale, oramai insolito per il sito, mi sono spinto all'ascolto.
E devo proprio dirlo, sta roba fa davvero cagare.
Improponibile.


CosmicJocker: Ahahahah.. Insomma, abbiamo dei risultati bulgari.. Che dire mi spiace aver fatto perdere del tempo..
MA TUTTO QUESTO NON MI FERMERÀ! ;)
123asterisco: ahahahahahaaahahahahahahaahah

Magn ifico.
algol: Non è stato tempo perso.
Alla fine sta roba è talmente assurda che mi ha fatto troppo ridere.
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
@[G] dico io, ma lo sai che questa recensione risulta mandata il "il 15 febbraio 1960 in mattinata"??
È forse giunta l'ora di dirmi che questo non è il 2021?..


HOPELESS: hahahhahahahhahahahahhahahaha sto morendo.......
CosmicJocker: Io non so più nulla ormai.. E io che credevo di essere in un anno dispari..
CosmicJocker: Ma forse è tutta colpa di quel buzzurro di messer @[sfascia carrozze].. La coccarda "facile da leggere" sta forse a significare che anche un DeUtente di 1960 anni avrebbe potuto vergarla? No, me lo dica..
HOPELESS: Immagino il tuo smarrimento quando l'hai letta. Occhi sgranati per capire se si sta sbagliando a leggere o che e la sensazione "che cazzo succede?" davanti allo schermo, un film di fantascienza, hahhahah... ciao Joke.
CosmicJocker: No che poi.. C'è chi pensa che io sia a un passo dalla follia..
'ste cose mi affossano, sapevatelo!
sfascia carrozze: Il tempo non esiste, si sà.
Se davvero esistesse #forse saremmo tutti nel #1960
#forse
CosmicJocker: Così però mi si sta dando il colpo di grazia eh! Non so se obnubilarmi o, invero, ringraziare...
sfascia carrozze: Facci Lei.
Facci.
Dislocation: Chebbello, una recnsione inviata quando non era ancor nato e mancavano tre annetti buoni buoni.
Com'ero giovane.
CosmicJocker: Ah non dirlo a me Dislo.. In quel tempo stavo recensendo i cirri di Andromeda se la memoria non mi fa difetto...
Dislocation: A me la memoria non fa difetto, è che proprio non ne ho più, di memoria.
Dislocation: A me la memoria non fa difetto, è che proprio non ne ho più, di memoria.
Dislocation: Di cosa stavamo parlando?
CosmicJocker: E chi lo sa? E, soprattutto, quando ne stavamo parlando?
Dislocation: Ma noi chi siamo?
E c'è vita su Marte?
sfascia carrozze: Certo che ce n'è.
Soprattutto se lo paragoniamo al Molise.
Che non si sa neppure se esista.
Dislocation: Ma che cosa, scusa?
CosmicJocker: Scusate, avete visto Erminio?
sfascia carrozze: Comunque mi lasci farle notare che la DeRecensione si è leggermente auto-aggiornata.
Ora è del 1969
UH!
CosmicJocker: Tutto ciò è sgomentevole, financo raccapricciante!
sfascia carrozze: Avrebbe preferito un qualunque 1967?
CosmicJocker: Beh, non esageriamo..
sfascia carrozze: Ecco, appunto.
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
La recensione più bella del 1960!
Magnifico.


sfascia carrozze: Non dica eresie!
E' la recensione più bella del 1969!
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
Sbaglio o c'è un uso studiato dell'allitterazione ? ...
ma cosa ho detto? Sono pazzo a dire certe cose? ...
va beh ... certo che tu ed unduèttrrrè andate a braccetto come gusti musicali, cheddddue-cocones sta roba. in alcuni momenti nella mia beata ignoranza ho alzato il volume al massimo perchè pensavo ci fosse un problema dell'audio per poi brasarmi un timpano. Rece decisamente bella.
Ma come cazz hai fatto a mettere 1960? ma che te lo chiedo a fare tanto non me lo dirai mai.


CosmicJocker: Ahahahah sei un grande fiamma! Più che un uso studiato dell'allitterazione direi un uso casuale dell'alligatore...
Comunque sì, io e 123 indugiamo spesso in queste cose minimal..
Il 1960 non so, chiesi a G sopra perché mi sa che è un errore di sistema (si dice così?)..
Però avere la recensione più vecchia del DeB quando i creatori del DeB (probabilmente) non erano ancora nati beh... Sono cose proprio belle..
iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
Una recenzia che ti manda indietro nel tempo.


CosmicJocker: Altro che la Delorean del dr. Emmett Brown..

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Nouveau saxhorn nouveau basse: Elegy to a Failed Instrument è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link