Sadus
Chronicles of Chaos

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Piove "che Dio la manda" questa mattina qui in Ossola; il pisciatoio d'Italia non si smentisce mai (porcazozza!!). E la neve cade appena sopra la mia borgata; e la chiamano primavera.

Non me ne capacito, sarà forse il mio stato d'animo non certo idilliaco del periodo, ma ho messo sullo stereo questa bomba ad orologeria. Una pioggia acida della durata di sessantanove minuti. Una raccolta antologica del 1997 che ripercorre la carriera dei Sadus; attraverso tre dischi di devastante e velocissimo Speed-Thrash realizzati fino a quel momento.

Una band pazzesca i Sadus (from Antioch California); nascono a metà degli anni ottanta e si impongono da subito come una delle realtà più furenti e "dannose".

Conoscono solo e soltanto un verbo: quello di suonare il più velocemente possibile, riuscendo a comporre brani di una difficoltà compositiva impressionante. Canzoni anche di consistente minutaggio che amplificano a dismisura il loro approccio così annichilente; stordiscono e colpiscono durissimo. Continui cambi di tempo gestiti in maniera inumana da una sezione ritmica che dal punto di vista dello Speed Metal non ha nessun tipo di paragone.

Giganteggia in ogni secondo della raccolta la dominante figura di Steve DiGiorgio al basso; non chiedetemi che tecnica usa, non chiedetemi il numero delle corde del suo strumento. Non ho mai capito nulla di tecnica (e non solo di tecnica qualcuno penserà); sono da questo punto di vista ignorante e ne vado fiero. Per dare maggior peso alle mie lodi nei confronti di Steve (peraltro ragazzo del '67 come il sottoscritto), aggiungo che ha suonato in "Human" ed "Individual Thought Patterns" dei Death. Serve altro? Non credo.

Chitarre "thrashissime" al quadrato ed una voce imbestialita chiudono il cerchio; un cerchio pericoloso da crollo nervoso.

Partite dal terzo brano "Sadus Attack": centoquattrosecondi che riassumono quanto ho scritto fino a questo momento.

Ne rimangono altre sedici di furibonde mazzate...CERTAIN DEATH...

Pazzeschi ed inauditi Sadus!!

Diabolos Rising 666.

Questa DeRecensione di Chronicles of Chaos è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/sadus/chronicles-of-chaos/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Ahahahahahah Sadus Attack è favolosa il mattino presto (tanto io no dormo quindi uguale in effetti). Il “cantato” si sa è per me insopportabile ma il tiraggio musicale invece notevole!
Ok di tecnica capiamo tanto uguale, ma non provarci a togliermi il titolo nobiliare del più ignorante ehhhh, tu sei moooooooolto più dotto ahahah.
At salut nobile! (Consueto nobilissimo scritto “furente e dannoso”)
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Meglio non contraddirti....Ahahahahahahha. Micidiale gruppo davvero Conte!!!
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Ecco:
ora ho capito la (tutt'altro che) sottile linea rossa [per citare un film notoriamente brutto] che ci lega sin alla nevrasse nonostante i kilotoni di kilometri che vi ci separano ma, in qualche minsterioso modo, ci uniscono indefessamente.
*ignorante-e-ne-vad o-fiero*
Ecco.
Qvesto è.
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Quoto assolutamente esimio; ti sono vicinissimo ancor di più da oggi, anzi da sempre. Nonostante mari e monti ci separino.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
SI ma è uno di quei dischi coi RIFF o sono solo rasoiate?
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: E chi lo può dire proggen! Ho appena scritto che non capisco una mazza di tecnica. Comunque gruppo con due coglioni tanti, fidati e ascolta.
proggen_ait94: okok, me la rollo
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Lunedì vado a fare il picchenichhe e mi porto il boombox colla cassetta di questi.
BËL (02)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Scommetto al Lago; spacca tutto allora, papere e pesci compresi!
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
SI ma è uno di quei dischi coi RIFF o sono solo rasoiate?
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Credo si tratti di riffoiate.
O rasIFF.
Dipende dalla quantità di umido nell'aere circostante.
Harlan
Opera: | Recensione: |
Tu non ci crederai Dema, ma ultimamente li ho scoperti assieme agli Onslaught e Artillery, e ho in loop continuo Visions Of Misery. Che gruppone!
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Rido a crepapelle perchè da due minuti ho piazzato sullo stereo A Vision of Misery che si apre con la furiosa e dai mille cambi "Through the Eyes of Greed". Ho l'enorme rammarico di non essere riuscito a vederli dal vivo. Però Steve DiGiorgio un paio di volte me lo sono beccato ed è un fenomeno al basso.
GenitalGrinder
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «"imbestialita" mi par vocabolo più consono alla voce di Darren Travis.». Vedi la vecchia versione Chronicles of Chaos - Sadus - Recensione di GenitalGrinder Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Quante volte cI hanno detto le speranze dello speed thrash metal sono fumo. Sono stanchi di lottare... e' la pioggia che va e ritooorna il seeereno. Ciao DeMa! Bella pagina!
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Ma che stai a di!?!
Almotasim : Eh, citavo I Rockes e sbagliando la citazione pure... quante volte cI hanno detto sorridendo tristemente.
lector
Opera: | Recensione: |
E quando smette di piovere che ti ascolti?
BËL (02)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Gli Alunni del Sole!!
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
DiGiorgio bassista di livello mondiale che usa il Fretless Bass (senza tasti quindi niente punti di riferimento) strumento in cui ci vuole una precisione assoluta, non avevo dubbi che piacesse ad Harlan, velocissimi con cambi di tempo straordinarii merito di bravi musicisti e poi non c'e la in cantato con la tecnica Growl ma la tipica voce Heavy Metal. Ti saluto con un ciao DeMa, leggendo i commenti precedenti mi era venuto il dubbio che la recensione l'avesse scritta DeMa. Tanti auguri GG di Buone feste a te e famiglia. Voto quattre stelle e non cinque perché trovo assurdo fare un best of di 70 minuti su 115 minuti di musica complessiva dei tre album.
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Se lo dici tu, riguardo la tecnica usata da Steve, mi fido! La compilation, se ben ricordo, si rese necessaria nel 1997 da parte della label Mascot a causa della scarsissima reperibilità dei primi tre dischi dei Sadus che vennero in seguito finalmente ristampati. Ciao ragazzo, contraccambiando gli auguri.
Johnny b.: Così ha un senso, cambio il voto 5 tutta la vita.
Elfo Cattivone
Opera: | Recensione: |
Fu proprio grazie ai Sadus che scoprii questo sito, era l'unico in cui erano recensiti.
C'è Facelift in questa raccolta?
BËL (01)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: Certo che è presente il brano tratto da A Vision of Misery!
Elfo Cattivone: Facelift!!
Facelift!!
Facelift!!
NeKro
Opera: | Recensione: |
Mi ricordo "Valley of Dry Bones" su A Vision of Misery....li ho sempre paragonati ai Kreator di Extreme Aggression, ma con un approccio ammmericano alla materia!
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Mai piaciuti i Kreator; mentre invece i Sadus....
Elfo Cattivone: Magari ti piace questa cover
gorelust - extreme aggression
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
ok genital, il disco me piace, che faccio, mi prendo i dischi da cui proviene o qui c'è tutto ciò che va ascoltato?
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: