Silversun Pickups
Carnavas

()

Voto:

Dopo il promettente debutto dell'Ep "Pikul", i californiani Silversun Pickups ritornano con un album vero e proprio, "Carnavas", già definito dalla stampa d'Oltreoceano come il ritorno dello shoegaze, movimento (se così si può definire) che ha nei My Bloody Valentine e Slowdive i precursori nonché forse i massimi esponenti.

L'esordio dell'album è quasi folgorante, quella "Melatonin" di pumpkiniana memoria che, attraverso un ottimo lavoro sulle voci, riesce a ricreare quelle atmosfere eteree tanto care a Corgan e soci. Il brano convince già al primo ascolto, peccato che chitarre in feedback a volumi altissimi e quell'aura di "dream pop" che avvolge l'intero "Carnavas" sia roba ascoltata e riascoltata; peccato che l'album riesca solo in parte a mantenere gli standard qualitativi di "Melatonin".. peccato un po' di cose, insomma, ma andiamo per ordine.

Dopo la più che trascurabile "Well Thought Out Twinkles", che, nella accozzaglia di richiami 90's, ha una cadenza addirittura Stoner, si ritorna agli stilemi di Kevin Shields con "Checkered Floor", ma soprattutto con il pezzo forse più felice dell'album, "Little Lover So Polite" che, udite udite, sembra quasi una cover dei Verdena primo stampo. "Lazy Eye", più che un brano a sé stante, è un tributo evidente ai Pumpkins e, in particolare, a quella "1979" che si riconosce (scomodamente) da una batteria pressoché identica dall'inizio alla fine... Insomma, album altalenante che riadatta le sonorità shoegaze senza però riuscire ad andarne oltre in nessuno dei seppur buoni episodi di "Carnavas": i paragoni così evidenti diventano fastidiosi se dopo un primo ascolto ci si rende conto della poca personalità dei brani. La loro assimilazione di sonorità 90's, dal già citato shoegaze al grunge, dallo stoner al dream pop, ha il merito comunque di riuscire a dare un taglio coeso all'intero lavoro e ciò che ne risulta è tutto sommato più che gradevole.

Ma non chiamiamolo neo-gaze, perché potrebbe essere la volta buona che Shields e i My Bloody Valentine, infastiditi dal proliferare di gruppi (più o meno) cloni, ritornino in studio. Per davvero.

Questa DeRecensione di Carnavas è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/silversun-pickups/carnavas/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

hugoniot
Opera: | Recensione: |
in mio possesso,ancora da ascoltare..ma forse abbandono
BËL (00)
BRÜ (00)

Raiden
Opera: | Recensione: |
Male, perché io trovo che nonostante i richiami a gruppi storici del decennio passato, il disco dei Silversun Pickups sia comunque genuino, ben suonato e ben cantato. Per me uno dei migliori del 2005. La recensione non è malvagia e condivisibile in più punti, però è esageramente critica, dato che lo shoegaze è comunque un genere che prima di questo album era ormai stato sepolto...
BËL (00)
BRÜ (00)

sickman_84
Opera: | Recensione: |
mah.. il mio giudizio è severo in quanto la qualità compositiva di alcuni pezzi (anzi, molti) lascia un po' a desiderare.. ne avevo sentito parlare talmente bene che mi aspettavo il Disco dell'Anno. Così non è stato. Non sono daccordo sul fatto che lo shoegaze fosse morto e sepolto, gli Amusement Parks On Fire ci girano attorno; altri gruppi più noti come Mercury Rev primo stampo e gli stessi Mogwai hanno un po' di shoegaze nelle vene. Questo è solo il mio modesto parere..
BËL (00)
BRÜ (00)

!renton!
Opera: | Recensione: |
La rece non è brutta...ma l'album è una squisitezza...ti fa volare...poi come fa a non piacerti "Lazy eye"...troppo bella

BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: