Slowdive
Catch The Breeze

()

Voto:

Gli Slowdive sono stati una delle migliori band degli anni '90, tanto bravi quanto ignorati. Questa è la conclusione a cui si arriva dopo aver ascoltato "Catch The Breeze", la doppia antologia che ripropone i momenti più alti della loro breve ma folgorante carriera. "Rock impressionista" è stato definito da alcuni critici.
La loro musica era un rock psichedelico al rallentatore, fatto di melodie eteree ed impalpabili che si fanno strada tra distorsioni oniriche e riverberi oceanici. Dream pop e shoegaze. Cocteau Twins e My Bloody Valentine. Questi sono i termini di paragone. Ma non pensate ad un gruppo-fotocopia di queste band. Tutt'altro. Gli Slowdive sono stati invece fra i gruppi più originali della loro scena musicale; non si sono mai crogiuolati nel loro talento, ma hanno in realtà cercato sempre di spingersi oltre, di trovare altre vie, altri suoni.
 I 25 brani riproposti in questa raccolta sono tutti dei piccoli gioielli degni di nota: melodie da infarto con gli occhi fissi sul pedale del distorsore, in "Morningrise", "Catch The Breeze", "40 Days", "When The Sun Hits"; brani ieratici e cupi che lambiscono il dark come "Avalyn I", "So Tired", "Melon Yellow"; il vortice siderale di "Souvlaki Space Station"; l'ambient-rock di "Albatross" e "Golden Hair", cover di un brano di Syd Barret. Non viene neppure trascurata la fase finale della carriera della band: brani rarefatti ed atmosferici come "Blue Skied An'Clear", "Crazy For You" e "J's Heaven" ritrovano qui il loro splendore fuori dal tempo.
Giustizia è fatta per una delle migliori band inglesi degli ultimi 20 anni, gli Slowdive.

Questa DeRecensione di Catch The Breeze è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/slowdive/catch-the-breeze/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

northernsky
Opera: | Recensione: |
bravo.breve ma bellissima recensione che rende finalmente giustizia a uno dei gruppi più sottovalutati di sempre. giustissimo: gli slowdive furono molto originali nel loro approccio allo shoegaze.
BËL (00)
BRÜ (00)

lukin
Opera: | Recensione: |
ottimo signor lupo, non sapevo di questa antologia. Ogni volta che ascolto Souvlaki è un bel viaggetto
BËL (00)
BRÜ (00)

sylvian1982
Opera: | Recensione: |
Da quanto lessi a suo tempo mi sarei aspettato molto di più da "Just For A Day" e da "Souvlaki". Non brutti ma nemmeno trascendentali. Dalle loro ceneri sono nati i Mojave 3 e "Excuses For Travellers", quello si, è un lavoro veramente degno di nota.
BËL (00)
BRÜ (00)

josi_
Opera: | Recensione: |
Sì concordo con Sylvian, sarà questione di tempi ma a me Neil Halstead qui non mi incanto l'1% di quanto lo faccia coi Mojave 3
BËL (00)
BRÜ (00)

josi_
Opera: | Recensione: |
* non mi incantA
BËL (00)
BRÜ (00)

lukin
Opera: | Recensione: |
ecco io i Mojave 3 non li ho mai ascoltati, dovrei?
BËL (00)
BRÜ (00)

josi_
Opera: | Recensione: |
Dovresti. Rifornisco il solito "negozio" di un sapido campione
BËL (00)
BRÜ (00)

Ashluke
Opera: | Recensione: |
Un pò slowcore e un pò shoegaze. Proprio piacevoli gli Slowdive. Souvlaki mi garba ma Just for a day mi fà proprio godere.
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
bello, ma proprio bello tutto
BËL (00)
BRÜ (00)

Ashluke
Opera: | Recensione: |
Anzi se devo dirla tutta li troppo molto migliori rispetto ai Mojave 3. Anche se Excuses rimane un buonissimo lavoro secondo me non raggiunge assolutamente i traguardi di Just for a Day. L'unico che mi manca degli Slowdive è il misterioso Pygmalion. Qualcuno lo ha ascoltato? Cosa ne pensate? E' consigliato l'acquisto?
BËL (00)
BRÜ (00)

Ashluke
Opera: | Recensione: |
trovo non troppo. scusate.
BËL (00)
BRÜ (00)

Tessio82
Opera: | Recensione: |
ashluke io non solo te lo consiglio ma ritengo pygmalion un gran lavoro, certo segna l'abbandono dello shoegazer e si entra in acque più new age, post-rock indefinito, è senz'altro il loro disco più a tinte astratte, quello che ricavi dall'ascolto e qualcosa di molto fascinoso te lo assicuro, se proprio vuoi assaggiare un pezzo prova ad ascoltare questa: blue skied and clear, e senti di cosa erano ancora capaci. Una band che amo, una delle migliori band inglesi degli anni 90.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ashluke
Opera: | Recensione: |
Grazie per la dritta Zigghio, chiaramente lo reperiró non originale visto il suo modico prezzo.
Adieu
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: