Snow
12 Inches of Snow

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


C'è qualcosa nelle produzioni anni novanta che mi ha sempre affascinato, ovvero, la ricerca di un beat primordiale e -perché no- primitivo.

I cultori più morbosi del reggae sono sempre stati avvezzi ad un certo ostracismo nei confronti dei prodotti più mainstream, considerati quindi come versioni annacquate del genere.

Adesso mettete in conto un ragazzo canadese bianco che spunta fuori con un singolo di successo conquistando tutte le radio. Lapidazione, no?

Nel periodo in cui Informer fece il botto, Snow era finito persino in galera. Un'accusa pesante di aggressione e tentato omicidio lo mise seriamente nei guai per un annetto. Questo ragazzo vide per la prima volta il videoclip del proprio brano in TV assieme agli altri detenuti; da non credere.

Alla fine degli anni ottanta, Darrin venne soprannominato -come prevedibile- Snow prima dalla famiglia Brown che lo introdusse a queste sonorità, e successivamente dal suo allora nuovo amico Dj Marvin Prince. Cresciuto in un quartiere multietnico, egli fu il Superb Notorious Outrageous Whiteboy.

Informer e Lonely Monday Morning condividono lo stesso testo tranne che per il ritornello (della seconda è presente anche la bella versione remixata).

La radice più hip hop viene espressa invece in Creative Child. Lo stile è ovviamente, e come accennato, molto autoreferenziale.

Darrin O'Brien ,quindi, di annacquato non presenta un bel niente -anzi- i testi di questo suo primo album trattano argomenti abbastanza delicati (seppur in salsa dancehall). Ed è proprio questo ciò che colpisce. Come scrissi già altrove, trovo altamente figo quell'artista che riesce nell'intento di fondere una melodia ed un testo che sembrano così distanti tra loro per indole. Merito anche di Mc Shan e del produttore Edmond Leary.

Questa DeRecensione di 12 Inches of Snow è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/snow/12-inches-of-snow/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Non riesco proprio ad apprezzarlo, sarà un mio limite, nonostante la tua esaustiva analisi mi ha invogliato bene e meglio all 'ascolto.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: grazie! comunque non si tratta di un limite, è normale
Y2Jericho
Opera: | Recensione: |
Questo Snow, a differenza di Jon, qualcosa la sa.
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: ahah sai che pensavo la stessa cosa
JonatanCoe: *abbia ... Spero che non finisca all'inferno per questo.
JonatanCoe: ...anzi no.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Ah, ma è quello di "Informer"?

In quel 1992 era onnipresente peggio di Marco Damilano nei talk show televisivi odierni de LA7.
In effetti l'avevo completamente obnubilato: e non è detto che fosse un male.

BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: nei novanta ha fatto un po'di album; ultimamente è tornato alla ribalta diciamo grazie ad famoso remix di informer
lector
Opera: | Recensione: |
Anche questo non fa per me.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: ci sta :)
Tucidide
Opera: | Recensione: |
Questo me l'ero perso, e dopo l'ascolto continuerò a.
Bella comunque la tua recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: grazie tuicide
RinaldiACHTUNG: *tucidide
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Musica lontanissima dalla mia tazza del te; mi terrò volutamente distante da simili sonorità per me pressochè aliene.
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: in realtà generalmente non sono neanche le mie, tranne appunto qualche raro caso

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: