Sto caricando...

Stratovarius
Destiny

()

Voto:

Un minuto di stucchevoli coretti ci introduce a questo Destiny per quanto riguarda la band che inventò il power metal "moderno".
Fortissime influenze neoclassiche, per cui interminabili virtuosismi e dualismi di chitarra e tastiera, il tutto condito con melodie MOLTO easy listening, linee vocali quasi sempre in bilico tra falsetto e voce normale e doppia cassa stile elicottero (non è un mistero che lo stile di Jorg Michael sia imitato da tutti i batteristi power metal).

I cinque finlandesi, dopo un masterpiece come Visions, arrivato dopo quattro album di discreta fattura, si sono spaparanzati sugli allori, godendosi il successo e il giusto titolo di Maestri del Power Metal, e facendo da questo Destiny in avanti della totale mancanza d'innovazione la loro arma "migliore".
Canzoni carine, alcune maestose ed epiche, (stupendi gli oltre 10 minuti di Anthem of The Worlds) altre deliranti speed song da headbanging continuo (No Turning Back o Cold Winter Nights). Assoli tanto veloci quanto semplici sfornati a ripetizione dal duo Johansson (idolo personale di Janne Warmann dei Children of Bodom) - Tolkki, quest'ultimo vero e proprio mastermind del gruppo.

Se da una parte abbiamo canzoni molto belle come quelle già citate a cui aggiungerei Playing With Fire, Venus In The Morning e S.O.S, dall'altra ci sono un paio di ballad insopportabili, 4000 Rainy Nights o Years Go By, la noiosissima title track e l'inutile Rebel.
Troppo poco per un gruppo da cui ci si aspettava miracoli dopo l'esaltante Visions, e da cui sono arrivati solo mezzi fiaschi in cui il songwriting è rimasto pressoché invariato, e si sa che prima o poi gli accordi finiscono.

Per mia fortuna dopo questo Destiny ho avuto l'accortezza di procurarmi il loro Best Of prima di procedere verso altri acquisti... credetemi vi basterà anche solo quello (+Visions) per sapere tutto sugli Stratovarius.

Ultimi Trenta commenti su CinquantUno

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
che rottura sti strato...li odio sti power del cazzo...i sonata artica son veramente bravi invece..concordo hatemoor..la mia preferita è black sheep


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
principessa: O MIO EROE TI PREGO SALVAMI DA QUESTA SVENTURA!!!!!!
eroe: NON TEMERE MIA PULZELLAAAAAAAAA!!! LA MIA DURLINDANA TI TAGLIERà LE CATENE!!!
principessa: OH MIO EROE..... ( e sviene )
eroe: O PORCA TROIAAAAHHHHH IL DRAGOOOOOOO CHE MI VUOLE MANGIAREEEEEE
drago: TI MANGIOOOOOO
eroe: NOOOOOOOOOO
e finirono tutti e due divorati dal drago


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Questo è uno dei dischi che mi è piaciuto meno degli strato..mooolto meglio Visions,però che banalità quei testi..sulla tecnica però non si discute..anche se preferisco 1000 volte di più i Rhapsody di "symphony of enchanted land".


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
hatemoor ti adorooooooooooo


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
dov'é la recensione di elements pt.2?
cmq buona la recensione e a mio parere ottimo il disco!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Non capisci un kazzo!
Fottuto!


R1095852
R1095852
Opera:
Recensione:
Stavolta non mi son ritrovato più di tanto, hai scritto alcune cose non del tutto vere, per esempio il grande Kotipelto mica canta in falsetto, fa acuti della madonna con la voce VERA, e poi Rebel mica è inutile, gli assoli di Johansson e Tolki sono spettacolari. Io questo disco lo amo, è forse il migliore che hanno fatto, ti do comunque un tre perchè mi stai simpatico...


Suengiu_metal88
Suengiu_metal88
Opera:
Recensione:
figuriamoci se Kotipelto canta in falsetto... a me questo CD sciala un bordello...


R1095852
R1095852
Opera:
Recensione:
Ma mica ti si era castrato? hai sentito solo le prime quattro o sbaglio?


Leg
Leg
Opera:
Recensione:
Non ho mai scritto in questo sito... e voglio cominciare dal mio album preferito. Sarà perché questo album mi ha cambiato la vita, ma credo che sia un capolavoro senza precedenti: potenza, melodia, tecnica e definizione del suono qui si fondono creando qualcosa di unico. E dico questo con alle spalle parecchi anni di ascolto di roba come Iron Maiden, Pink Floyd, Led Zeppelin, Deep Purple, Metallica, Motorhead, etc, etc... Ma qui c'è qualcosa di diverso, quasi di magico, che nessun altro album degli Strato è mai riuscito a riproporre. Le mie tracce preferite sono: Destiny, Venus in the Morning, Years Go By, SOS e Cold Winter Nights


R1095852
R1095852
Opera:
Recensione:
Ti capisco Leg...questo cd è troppo bello...


Suengiu_metal88
Suengiu_metal88
Opera:
Recensione:
No IO, adesso è quasi a posto...cmq nn c'è bisogno di sentirlo tutto x dire che Kotipelto non canta in falsetto...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
secondo me non tutto di quello gia' detto in precedenza e' vero si' e' vero che certe canzoni sono un po' bruttinee PALLOSEE ma rappresentano per chi le ha scritte degli episodi della loro vita e credetemi e' bellissimo accorgerci che ci sono altre persone che li vivono tali e quali a noi


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
destiny e' bellissimo .....:)risp


Li
Li
Opera:
Recensione:
Secondo me qualke falsetto Timo lo schianta...certo la sua voce arriva ad acuti già notevoli di suo, ma quegli urletti non sono tutti tutti "al naturale" (ma potrei benissimo sbagliarmi, il mio è un parere!).Per quel che riguarda il disco...è stato il primo cd metal che ho ascoltato e che mi ha fatto diventare un'accanita seguace del genere:solo per questo gli appiccico un bel 5!(che ci volete fa?gli sono affezionata!:))


Suengiu_metal88
Suengiu_metal88
Opera:
Recensione:
cara Li, vedo che stai spaziando un po' tutti i maggiori cd power...si capisce che 6(o eri) appassionata del power...forse qualche falsetto ce lo schianta hai ragione...però è bravo...


R1095852
R1095852
Opera:
Recensione:
Piccio ma perchè la perseguiti ovunque va? tanto non te la da...


Li
Li
Opera:
Recensione:
mica sengiu mi dà fastidio,eh!mi fa piacere spiccicare 4 kiakkiere con qualcuno ogni tanto!!:)


R1095852
R1095852
Opera:
Recensione:
skerzavo D...


Li
Li
Opera:
Recensione:
Lo so, tranqui!!!:))))


Suengiu_metal88
Suengiu_metal88
Opera:
Recensione:
certo caro IO...non ti preoccupare...lo so che 6 geloso...però almeno non ha 40 anni...cmq una cosa...sUengiu...e non sengiu...tutto qui...va bene basta se no IO domani mi pesta...:))))))


Li
Li
Opera:
Recensione:
Suengiu....ok!!!!!:)


Suengiu_metal88
Suengiu_metal88
Opera:
Recensione:
brava!!!!:)))


alimatteo86
alimatteo86
Opera:
Recensione:
per me è il migliore degli strato, anche meglio di visions


Donzia81
Donzia81
Opera:
Recensione:
Fino ad un'anno fa possedevo l'intera discografia, poi ho deciso di darci un taglio con il "power" e l'unico album che non mi sono mai tolto e proprio questo! Per Me "DESTINY" è perfetto! ed è l'unico album degli STRATOVARIUS che riesco ad ascoltarlo milioni di volte senza mai stancarmi...


becchino
becchino
Opera:
Recensione:
4000 rainy nights è il pezzo migliore, ma adoro questo disco..


superpanta
superpanta
Opera:
Recensione:
la noiosissima title track??? qui stiamo impazzendo.


Karter4
Karter4
Opera:
Recensione:
Letto power-pop e sono scoppiato a ridere XD i voti.... -__-


raskolnikov86
raskolnikov86
Opera:
Recensione:
Non sono d'accordo con la recensione: qui gli Strato sono in buona forma, a parte la doppia cassa ripetitiva, troppo, di Michael...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Destiny è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link