Sto caricando...

Tamaryn
The Waves

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Non so a voi, ma a me gli anni di merda coincidono sempre con un sacco di musica ascoltata.

Sarà che ci si consola... sarà che il contrasto si nota di più.

Ultimi della lista di quest'anno, i Tamaryn. Arrivati con le foglie d'acero rosse, gialle, marroni. Sono in due, lui, il produttore multi-strumentalista Rex John Shelverton e lei, Tamaryn, la cantante.
Non so com'è... ma ultimamente "due" mi sembra un numero perfetto. Lei canta, sussurra, sospira. Ed è bellissima.
Lui fa tutto il resto. Il lavoro sporco. Probabilmente chiuso nella sua cameretta, e marchingegni vari.

Mettiamo subito in chiaro: shoegaze. All'ennesima potenza. Asciutto, per niente segaiolo. Tanto Bloody (no Mary relationship). Lei arriva dalla Nuova Zelanda, lui è di San Francisco. Il disco è prodotto dalla Mexican Summer.
A questo punto lo sentite anche voi l'odore di sabbia e deserto? Sole e vento?

Tanto spazio in questo album, tanto respiro, ahhh ne avevo bisogno. Quel tocco di dark-psicadelia che ci sta, semplice, spontaneo, immediato. Il tipo è un grande, non ci sono palle.
E lei dolce e fluida come sciroppo. D'acero.

Un senso di perduto e di già sentito, come no! Tuttavia ancora qui, sempre da afferrare.
Anche se è un anno così, tanta musica.
E quel sentimento di… domani chissà.

Intanto oggi, adesso, ora... una tisana al Tamaryn?

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su OttantUno

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera:
Recensione:
Oggi, fare un buon disco di shoegaze è quasi impensabile. Ormai si è detto tutto, tant'è che nel 2006 i Fleeting Joys facevano un disco che non era influenzato da questo genere, bensì direttamente dalla sua sintesi (matrice MBV e non JAMC), Loveless, dal quale attinsero senza mezzi termini a piene mani, à la Zucchero, per intenderci. Spudorati. Ma il disco, sebbene manifestasse ormai una mancanza di idee, e non credo solo da parte del gruppo (che peraltro era al suo debutto), per la cronaca, era riuscito. Ma, insomma, non è più facile incarrare un buon disco di questo genere. Questi due tamarrini forse ci son riusciti. Bella rece, Gambe.


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
il brutto vizio di baipassare nomi sconosciuti mi stava facendo perdere il tuo prezioso distillato di sapienza recensorea. Con l'augurio di mandare al diavolo, una volta per tutte e senza aspettare il 2011, quella "equazione"...


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
sentiamo un po'


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
@DLF: hai mai avuto una D2hs?


dlf
dlf
Opera:
Recensione:
Reverse, no. Però ho una D3s ;-)


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
reverse
reverse
Opera:
Recensione:
ne avrei una mezza idea ma alla fine sarebbe più o meno il doppione della olympus e3. §Metto via x il futuro FX e - soprattutto - per il 105 defocus :p


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
la d2hs dicevo


dlf
dlf
Opera:
Recensione:
Reverse, la D2Hs è un po' vecchiotta e anche ai tempi non era proprio il massimo sul mercato. Nikon si è rifatta alla grande in questi ultimi due o tre anni ma presentare una reflex orientata ai fotogiornalisti con quattro megapixels, 8 fps e 1600 asa nel 2005 quando Canon aveva molto di meglio non mi ha mai convinto. Infatti a quei tempi tutte le agenzie fotografiche usavano Canon, solo la D3 e derivate hanno riportato avanti Nikon. Per non parlare dell'ultima serie di ottiche prof: sublimi. Io risparmierei per qualcos'altro... Scusate l'off-topic.


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
si ma io voglio i fissi :p


dlf
dlf
Opera:
Recensione:
Cavallo goloso...


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
DLF e tu ce l'hai il 70-200 f/2.8 VRII??? Scusa Kosmo ma questi mi attizzano.


dlf
dlf
Opera:
Recensione:
No, Geenoo. Ho il predecessore...


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
DLF antico... con la D3s ci metti quel tubo scuro e sfocato ai bordi? PuaH!


dlf
dlf
Opera:
Recensione:
Ahahahah!! Fino all'anno scorso c'erano vere e proprie sette di adoratori del vecchio 70-200 e ora c'è chi ci sputa sopra! Siete insaziabili! Comunque non hai tutti i torti: il VRII è una bomba. E' che ho fatto anche troppe spese a riguardo quest'anno, l'usato non lo vuole quasi più nessuno e poi chissà se cambierò mai un obiettivo che mi ha dato tante soddisfazioni.


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
volevo postarlo già nel mio commento precedente, 'fanculo ai giorni di merda, non ne abbiamo proprio bisogno


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Gentile coetanea Kosmogabri, non avevo capito che la fecalità dei tempi fosse dei tempi tuoi personali e me ne rammarico. Ti consoli la circostanza che il non essere non tanto in Piemonte quanto in Italia, di popò te ne risparmia un bel po'. A questo punto però un po' di curiosità la desti a me: in qual foresta landa risiedi? Se non sono indiscreto, ça va sans dire.


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
@Aliosha domanda da un milione, io sto ascoltando molto Scout Niblett ma anche Nina Simone. Propendo piu per le voci jazz... vado sempre a scavare lì @Cappio ho preso nota di Fleeting Joys, grazie! @Imasoulman, molto gentile, il suo ultimo è fra i miei dell'anno (quelli da traghettare nel prossimo) @Nico63, te lo dissi, solidarietà! Sono suissa...'notte!


patto asociale
patto asociale
Opera:
Recensione:
qualcuno ha un rimedio contro l'insonnia


Stanlio: una canna, anche da pesca
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Shoegaze asciutto, per niente segaiolo. E' qualcosa che ricorda vagamente i My Bloody Valentine. Ciao, Gabri.


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
(Era una domanda) :|


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Shoegaze asciutto, per niente segaiolo. E' qualcosa che ricorda vagamente i My Bloody Valentine. Ciao, Gabri.


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
Vagamente, infatti li cito, Bloody (non Mary). ciao Zione!


algol
algol
Opera:
Recensione:
Potrebbero interessare. E poi scrivi più spesso che è sempre un gran bel leggerti. E per quanto mi riguarda il coefficiente di merdosità dell'annata incide non sulla quantità (che rimane invariata sull'alto) ma sulla qualità. Insomma, più mi deprimo e più sento roba lagnosa per autocommiserarmi. Viceversa tendo ad eccitarmi con sana grezzeria. Più o meno eh


Hell
Hell Divèrs
Opera:
Recensione:
sleazer
sleazer
Opera:
Recensione:
Belli! Lei, lui, tu, la rece e la musica!


Aliosha
Aliosha
Opera:
Recensione:
nina simone c'è già, una di queste sere inviterò a casa scout niblett


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
Hell nelle females siamo troppo uguali! :)


Sid
Sid
Opera:
Recensione:
Vedi perché un'occhiatina al Deb ce la devo sempre dare! Ho deciso di tuffarmi pure io nello sciroppo d'acero.


nino
nino
Opera:
Recensione:
le grandi emozioni sono sempre sofferte. BRAVA!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Waves è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link