Sto caricando...

Testament
The Legacy

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"L'agnello spezzò i sette sigilli e apparvero davanti a me quattro cavalli e quattro cavalieri: il primo era di colore bianco e colui che lo cavalcava aveva un arco; il secondo era rosso fuoco e a colui che lo cavalcava fu consegnata una spada: il terzo era di colore nero e colui che lo cavalcava aveva una bilancia in mano; l'ultimo cavallo che mi si presento davanti era di colore verdastro e colui che lo cavalcava si chiamava Morte e gli veniva dietro l'Inferno. Fu dato loro potere sopra la quarta parte della terra per sterminare con la spada, con la fame, con la peste e con le fiere della terra. Il sole si offuscò, la luna diventò color sangue, le stelle caddero, il cielo si ritirò e un grande terremoto smosse isole e monti. Qualsiasi uomo cercava rifugio, per nascondersi dall'ira del agnello e da Colui che siede sul trono. La profezia si stava avverando." (citazione biblica)

Con questo disco continua l'apocalittica epoca del thrash metal, iniziata un anno prima (1986) con i vari capolavori "Master Of Puppets", "Reign In Blood", "Peace Sells... But Who's Buying?", "Game Over".
È un debutto straordinario quello dei "bambinetti" Testament, privo di ogni minima decelerazione o fermata. L'apice della violenza e della rabbia viene raggiunto in tutto il disco e per tutta la sua durata di 39 minuti. Una vera apocalisse di suoni ultra veloci e potenti che sconvolge il mondo metal e professa la grande bravura della band.
L'alto livello tecnico della band è come "l'agnello" che spazza via gli indugi e sfonda le porte della dimensione metal.

Assoli di chitarra micidiali, piatti stoppati, riff maledetti e al limite massimo della velocità.
Il solito Billy fa la differenza: questa volta emette pochi growl, esalta ogni pezzo ed offre scream al fulmicotone. È lui, mentre urla furioso e intenso, la figura rappresentante dei Testament, grezzi e furiosi come non mai in questo debut album, che ha come difetto solo una produzione non ottimale. Il giovane Skolnick e Petterson formano una coppia di chitarristi che non dà mai respiro.

I pezzi sono tiratissimi e non danno sbocco ai vostri pensieri di tranquillità mentale e fisica. "Over The Wall", "Burnt Offerings", "C.O.T.L.O.D.", "Alone In The Dark": è storia, amici.
"The Legacy" vi farà venire "fame" di thrash metal; vi farà venire voglia di "combattere-pogare" con il primo individuo che vi si presenta davanti; farà venire la "peste metal" alle vostre orecchie e vi ucciderà brutalmente con ogni singolo brano. Per fermare l'irruenza di questo capolavoro avete solo due alternative: o premete il tasto "pause" del vostro stereo e andate a prendervi un bicchiere d'acqua per calmarvi, o prendete a manganellate il vostro impianto! Niente al mondo riesce a fermare tale irruenza, arrivata direttamente dall'inferno più profondo e malvagio per annientare la terra, come da profezia.

Un disco mastodontico... o meglio... APOCALITTICO!!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaCinque

Hal
Hal
Opera:
Recensione:
cliff devi sapere che l'altro giorno sono rimasto mezz'ora davanti ad un esposizione di cd metal ripetendomi di continuo "adesso ne prendo uno" ma non ci sono riuscito. Prima o poi però ci riuscirò. Forse.


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
ehi ehi non ci prendiamo per il culo! chi cazzo è che ha scritto "vabbè, chissenefrega" autenticandosi con il mio nome?? uno scherzo di pessimo gusto. sono io il vero CLIFFBURTON86!!! cmq hal spero che tu ci riesca un giorno!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Dato che si parla di scuole? Iko era una "citazione colta" quella sulla tua rec dei radiohead (Vedi Mia Rec Metallica Kill'em All e tua rec Radiohead- Kid A (?)).
Grande the legacy


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Preferisco andare a Gardaland.


KurtTheFish
KurtTheFish
Opera:
Recensione:
Buon esempio di thrash, i (vecchi) metallica sono su un altro pianeta


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
secondo me è il migliore dei testament


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
non lo trovo da nessuna parte!cmq grande over the wall!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
maestoso.epico.bellissimo.grandi testament.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
cliff hai souls of black?


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
si. dei Testament mi manca solo Pratice what you...e il live i Eindoven, perchè?


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
no perche e' l'unico che non ho e poi ho ascoltato solo la title track


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
buono come disco, anche se inferiore ai capolavori di Billy e co.


BathoryAria
BathoryAria
Opera:
Recensione:
Metal up your ass;: quest'album è un pilastro del thrash, nessun commento. Grezzissima la recensione


EvilSimon
EvilSimon
Opera:
Recensione:
Tirato, grezzo, arrabbiatissimo, TRASH! Sembra più una raccolta di capolavori che un disco d'esordio.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Mah...bellino,ma prendi reign in blood,dagli il tempo di suonare 2-3 o anche 4 pezzi e svanisce.
Inoltre i pezzi mi rimangono nella testa anche per 3 giorni di fila,una roba impressionante.
Cmq è caruccio.
P.S. Recensione appassionata e coinvolgente,peccato l'ultimo pezzo delirante(tornando a RIB,se metti su quello che fai,prendi la rincorsa e dai una testata sullo stereo? oppure lo lanci dalla finestra ?).


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Dai ragazzi,il cd è bellino,anche a me piace,però basta prendermi a manganellate!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Axl666
Axl666
Opera:
Recensione:
Cliff sei il solito metallaro-cazzone e questa recensione ne è l'ulteriore conferma. Perchè non fai un po' di head-bang contro un muro???? Fa molto metal, davvero...Comunque è bellissima la "peste metal" (questa volta dico davvero, non ti sto coglionando) il finale però è davvero da deficiente...Capisco che il disco sia stupendo, ma tu sei stup..IDO!!!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Capolavoro.
Non servono altre parole.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
GRANDE SHCOLNICK!!!!!


metalmaniac
metalmaniac
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Capolavoro del genere


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ma che cazzo devo leggere per carità.. buon esempio di thrash.. metallica un'altro pianeta... bellino.... BELLINO ???? The Legacy??? Ma come si fa?
Il disco che contiene gli assoli più belli della storia del metal! Probabilmente il miglior esordio del mondo! Un giorno 4 mostri registrano un album e pam sfornano 9/9 classici mettendo su un pilastro del thrash indistruttibile! Così dal nulla! Nessuno mai esordendo ha fatto un album così completo come The Legacy. Se non lo capite vi consiglio vivamente di rispolverarlo, perché è davvero un album FONDAMENTALE. Bellino... mah.. proprio no comment.
E poi dire che RIB lo spazza via vuol dire proprio ottusità. Fuori discussione che RIB è RIB e va sentito una volta al dì minimo, ma The Legacy è uno dei pochi album che gli tiene testa, pur avendo uno stile completamente diverso.


strawberryNgarlic
strawberryNgarlic
Opera:
Recensione:
basta citare gli odiosi Slayer come dei geni......sono solo dei fottuti nazi


strawberryNgarlic
strawberryNgarlic
Opera:
Recensione:
ho invertito i voti...


sexyajax
sexyajax
Opera:
Recensione:
METAL MERDAAAAAAAAAAAAAA


thrash is not trash
Opera:
Recensione:
OVER THE WALL!!!!!!!!
mitici disco grandissimo bella rece...


Senmayan
Senmayan
Opera:
Recensione:
grande disco, assoli e riff da paura.


March Horses
March Horses
Opera:
Recensione:
Appena uno scalino sotto The New Order


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Legacy è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link