Sto caricando...

Testament
The New Order

()

Voto:

La California non è solo starlette da telefilm da day-time, squillo d'alto borgo, super produzioni cinematografiche, pomposità e altri mille luoghi comuni. California sta anche per culla e patria della buona musica. Fu proprio in questo Stato così distante dal grigiore di New York, a dare i natali a due generi fondamentali come l'hardcore punk e il thrash metal della Bay Area.

Per sfogarsi e riempire le proprie giornate, fu così che nei primissimi anni '80 ragazzi della middle-class come Milo Auckerman, Jello Biafra e Henry Rollins presero le chitarre e iniziarono a suonare quasi per gioco, riuscendo a rappresentare e raffigurare anche con i loro testi una società più o meno malata.

Fu proprio infatti dai vari Dead Kennedys, Black Flag e company, che pochi anni dopo vede nascere e svilupparsi, grazie a gente come Metallica, il thrash metal e un nugolo di band provenienti dai dintorni di San Francisco che cominciarono a velocizzare ed estremizzare il classico sound Maiden-iano.

E così arriviamo ai Testament. Si formano nel 1983 sotto il monicker The Legacy, ma successivamente per diversi problemi viene cambiato poco dopo nell'attuale. Dopo un primo demo, danno alla stampe il primo full-lenght "The Legacy" e un anno più tardi, era il 1988, questa bomba di puro thrash metal che va sotto il nome di "The New Order".

A nessuno piace arrivare secondi. I perdenti di successo non sono mai piaciuti a nessuno. Ma poco importa se il Testamento non fa parte della triade di ferro Metallica-Slayer-Megadeth e poco importa se non ha inventato il genere. Come direbbero in molti: facile dire di essere un thrashers e poi conoscere giusto i Metallica e qualche canzone di Mustaine e soci. Ecco il gruppo di Billy e soci rientra in quel piccolo novero di band dello stile musicale precedentemente esposto da cui ogni buon cultore del genere che si dichiara tale non può non conoscere e non ascoltare.

Solo sfiorati dal successo dei 'Tallica, i quattro di San Francisco hanno decisamente un attitudine decisamente valida e che quasi chiunque può confermare. Adesso parliamo del disco.

Ecco la sintesi del platter: batteria a mille senza interruzioni per tutta la durata del disco, chitarre taglienti in grande spolvero, basso volentieri in evidenza e il carisma da capo tribù del nativo americano sig. Chuck Billy dietro il microfono. Il gruppo con cui si possono trovare i maggiori punti di contatto in quanto ad aggressività e stile vocale sono senza dubbio gli Slayer, annata 1986. Per dirla tutta ci avviciniamo molto ad Araya e soci, piuttosto che ai più melodici Metallica e Megadeth. Indi per cui dimenticatevi le ballate di metà disco e i tempi lenti.

Un'atmosfera inquietante, temporale e tuoni, chitarre acustiche un inizio che fa molto "Raining in blood" fa da intro all'opener "Eerie Inhabitans" su cui fa capo un ritornello semplice.

A livelli da orgasmo però si arriva con i successivi tre pezzi. La velocissima title-track che non ti dà un attimo di respiro nemmeno sul corto refrain. E poi signori arrivano due capolavori in fila, due gemme di thrash con la doppia H: la spettacolare "Trial By Fire" uno dei migliori pezzi dei Testament di sempre che si apre con un delicato arpeggio e un piccolo assolo pulito a cui successivamente si aggiunge un ottimo giro di basso raffinato di Christian che sovrasta le chitarre, prima che Chuck prenda il comando delle operazioni e faccia letteralmente esplodere la track.

Ma il pezzo più violento del disco, solo 2 minuti e 46 secondi, risulta essere la sorprendente "Into The Pit" che dimostra che quando i Testament si ci mettono in quanto a ferocia non sono secondi nemmeno agli Slayer. Quest'ultimo è il perfetto esempio di canzone del genere e personalmente come vorrei fosse ogni canzone del gruppo. Ovvero niente galateo, niente buone maniere, niente avvisi e troppe attenzioni, solo adrenalina pura. Quest'ultima sembra voler riprendere il discorso della splendida e furiosa "Over The Wall" per il sottoscritto forse la più bella thrash song di sempre.

Sulla stesso piano c'è pure la scoppiata e incazzata "Disciples Of The Watch". Le due strumentali invece dimostrano la gran classe dei due axemen Peterson e Skolnick evocando atmosfere magiche e fatate in cui vengono adoperate le acustiche e utili pure per dare un attimo di respiro. Apprezzabili gli intrecci delle due sei corde, ma con tutta la simpatia che posso avere verso Billy e soci, una certa costellazione in lontananza continua ancora a splendere di luce propria e regnare in maniera incontrastata (cit. Orion).

Peccato che qualche pezzo vedi "A Day Of Reckoning" e "The Preacher" siano sottotono. Mentre tutto sommato è buona la cover degli Aerosmith "Nobody's Fault" che segna l'unico cambiamento stilistico sul disco, visto che si tratta di un roccioso pezzo hard-rock in cui cala l'intensità ritmica.

Se si vuole ascoltare un disco carico di pathos e pura energia o semplicemente approfondire il gruppo con uno dei suoi dischi principe "The New Order" risulta essere altamente consigliato a metallari e non.

Testament do it better.

Commenti (VentiNove)

Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
Ecco il mio resposno. La prima parte, sulla storia della band potevi risparmiartela, anke perkè questa è la terza uscita (dopo "The Legacy" esiste un live dei Testament non ufficiale). Poi... sarò io, ma odio quando scrivono "i 'Tallica"... belah! Cmq nel complesso la recensione è buona, il disco è magnifico ma non eguaglia "The Legacy" picco irraggiungibile dalla stessa band, nonchè il mio disco preferito di tutta l'area thrash metal. E, si, hai ragione: Over The Wall è una figata di song!


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
Buona rece, ma oltre alla triade avrei nominato anche gli anthrax: The Big Four of Thrash!


JURIX
JURIX Divèrs
Opera:
Recensione:
Bea recenZion! Grande album (quella che mi piace di più è "Disciples Of The Watch"), anche se personalmente preferisco "Souls Of Black".


Taurus
Taurus
Opera:
Recensione:
anatas veramente io ho tracciato le origini del genere partendo dai primissimi anni '80, ai Testament e alla sua storia ho dedicato due righe esatte. Poi i Testament non è che abbiano la visibilità dei Metallica che tutti conoscono un pò.
gli Anthrax non li discuto affatto Caught in a mosh fatica a uscire dall'mp3, ma Over the wall è un delirio cioè in quanto a potenza e parti strumentali ha pochi rivali come pezzo thrash principe.


Taurus
Taurus
Opera:
Recensione:
poi chuck billy nel suo genere è uno dei migliore, ho dimenticato di aggiungere alla rece che qui ancora non c'è traccia di growl/scream a differenza dei primi sprazzi sul successivo.


Psycroptic
Psycroptic
Opera:
Recensione:
sono dell'opinione che i Testamente abbiano una discografia quasi perfetta, dove per quasi si intende Demonic.........mentre i big del thrash, metallica e megadeth su tutti si sputtanavano alla grande alla ricerca del successo commerciale, i testament e gli slayer si sono evoluti in modo intelligente e coerente, sfido chuinque a trovare album thrash di fine anni 90 migliori di the gathering o god hates us all...........


Psycroptic
Psycroptic
Opera:
Recensione:
e poi chuck billy e' un grande!!! nonostante tutto quello che ha passato e' e sara' sempre un frontman coi controcoglioni!!


g.g.junior
g.g.junior
Opera:
Recensione:
la rece non è male ma i Testament non mi piacciono molto, sono ottimi si, ma non mi hanno mai esaltato... bho i gusti...


hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
tra gli annoverabili del listone , " gli inutili del Metal", con la straordinaria partecipazione dei fratelli Pippo e Mario Santonastaso . italia colore 1988


Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
Chuck Billy èp un singer coi controcazzi! Il migliore della scena thrash. e c'è chi tesse ancora le lodi a Merd Magnetic dei MErdallica..... @JURIX: miiiiiih! Souls Of Black è una figata!!!!!


Taurus
Taurus
Opera:
Recensione:
ogni gruppo ha suoi pregi e difetti: i megadeth hanno tecnica mostruosa, anche se mustaine vocalmente non mi dispiaccia affatto, chuck è più carismatico. Souls of black credo sia meno thrash di questo..


Anatas
Anatas
Opera:
Recensione:
Souls of black è un gran bel disco ma non può essere paragonato con questo... troppa divergenza. Ma rimane uno dei miei album preferiti. E poi non credo che si tratti di una questone "meno thrash"... sinceramente non significa nulla, anke perkè SOB è thrash cazzuto al punto giusto. Diverso è il caso di The Ritual, album che, sinceramente, on mi è affatto dispiaciuto anche se molto più ruffiano e, in questo caso, molto "meno thrash"


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
peccato per la batteria...ci mancava il "tocco" di un Dave Lombardo e allora stavamo a posto...la rece è ok, ma avresti dovuto citare la splendida strumentale "a musical death"...P.S: a me piace anche "the ritual", in pratica una controparte del black album dei metallica...


Taurus
Taurus
Opera:
Recensione:
allora il vizio di non leggere le recensioni è comune qui, le ho citate le strumentali eccome, si souls of black sarà thrash ma ha pure pezzi più melodici e heavy che su questo non ci sono, su the ritual confermo sebbene troubled dreams spacca.


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
c'hai ragione scusa...l'ho letta distrattamente...


PepsiForever
PepsiForever
Opera:
Recensione:
si ma non t'incazzare Taurus, ti ho anche chiesto scusa


gemini
gemini
Opera:
Recensione:
Bella recensione, disco fantastico


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
pepsiforever bastaaa :-D


PepsiForever
PepsiForever
Opera:
Recensione:
mitico il giustiziere, è stato un lapsus il mio. E' ovvio che non siamo la stess persona :-D


fedeee
fedeee
Opera:
Recensione:
evviva i commenti di giusti e pepsi :D


Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
Gran bell'album per quello che ricordo! Recensione un po' da "metallaro entusiasta": promossa :)


Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
Dimenticavo di quotare gustosamente Psycroptic ai commenti 6 e 7! Anche se, precisando, anche molto degli album degli Anthrax schifati da tanti, come Stomp 442, sono godibilissimi.


Psycroptic
Psycroptic
Opera:
Recensione:
senza contare i grandissimi sound of white noise e we come for you all!!!!


Franci!
Franci!
Opera:
Recensione:
Tra il commento 15 e 16 Giusti si era dimenticato di fare log-out :)) Dopo hai cercato di rimediare, eh furbacchione? Ma vuoi ancora ripeterci che non hai nessun fake? Come mai Pepsistronzo commenta solo, con 5 annessi, le recensioni di Punisher e del Giustiziere? Misteri della fede.


Taurus
Taurus
Opera:
Recensione:
non sapevo di essere diventato un metallaro "entusiasta", ma lo prendo come un complimento suvvia! Icnaruccio finalmente che posti un commento serio sulle mie recensioni, non ci speravo più..


Franci!
Franci!
Opera:
Recensione:
Vuoi seriamente un 1? No, perchè sennò leggo la recensione e te lo appioppo, torellino mio ;)


Fallen
Fallen
Opera:
Recensione:
comunque si dice "d'alto borDo"


March Horses
March Horses
Opera:
Recensione:
Secondo me il loro migliore


Thrashdefender
Thrashdefender
Opera:
Recensione:
Dopo The Legacy il migliore. 100


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The New Order è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link