Sto caricando...

The Damned
Damned Damned Damned

()

Voto:

Qual è stato il primo gruppo punk inglese in ordine di tempo a pubblicare un 45 giri? E quale a far uscire il primo 33? E ad andare per primo in tour negli USA? E a sciogliersi per primo quando non eran trascorsi che un paio di mesi dall'uscita del loro secondo album, per il quale avrebbero voluto lavorare in sala di produzione niente meno che con Syd Barrett, dovendo accontentarsi viceversa del suo sodale Nick Mason? E a riformarsi mantenendo in vita una ragione sociale che dura fino ad oggi, pur non essendo ciò assai probabilmente un bene?

Se avete risposto Damned ad una qualunque delle precedenti domande, vi siete aggiudicati uno sputo - o se preferite, una lattina - in mezzo alla fronte. Sì, proprio loro, i Dannati londinesi. Quelli che all'appuntamento col vinile e dunque con la storia fregarono sul tempo sia i Sex Pistols che i Clash. Quelli che scelsero come cantante uno che faceva il becchino e a cui piaceva travestirsi da vampiro, ossessionato com'era dal mito del conte Dracula. Quelli che ebbero in origine un chitarrista geniale, ma - ahiloro! - se lo lasciarono scappare troppo presto (inciso n.1: qualcuno, un giorno, si prenderà pur la briga di glorificare Brian James e i suoi Tanz der Youth). Quelli ai quali chi scrive è stato disposto a perdonare anche tutte le innumerevoli brutture degli ultimi vent'anni e mezzo - e quante ce ne han propinate! da riempirci un paio dei loculi che tanto ama Dave Vanian...-, in cambio di un primo disco che fece capire nel bel mezzo dei Settanta quale linfa rigeneratrice il punk poteva apportare al moribondo corpo di (un certo tipo di) rock.

Ma quanto furono punk i Damned? Qui sta il busillis. Se vale la teoria del punk come attitudine più che come genere ormai pronto - ed eravamo solo nel 1976... - a divenire stereotipato, i Damned di quella primissima ed irripetibile stagione furono un gruppo straordinariamente punk. Proprio per questo contribuirono a rivitalizzare la musica agonizzante che stava loro intorno tanto quanto gli altri loro coevi compari. Forse di più.

Guardiamo la copertina del loro epocale debutto. Niente slogan né proclami né tanto meno politica, nessuna estetica provocatoria e neppure il ghigno incazzoso alla Sid Vicious. Solo quattro impuniti sbruffoncelli che preferirono, incuranti di un immaginario di lì a poco circoscritto in rigoroso clichè, la goliardia da ragazzacci rock'n'roll che si tirano torte in faccia per poi leccarsele l'un l'altro. Più Belushi-Bluto di "Animal House" che Johnny Rotten. Non per loro mentori alla McLaren che preparavano la grande rock'n'roll swindle, ma uno schietto e ruspante soggetto cresciuto a pane e pub-rock come Nick Lowe, che sempre sia lodato (inciso n.2: qualcuno, un giorno, si prenderà pur la briga di glorificare tanto lui quanto gli altri vecchi leoni quali Brinsley Schwarz e Dave Edmunds).

Nelle dodici tracce di "Damned Damned Damned" alligna pertanto lo spirito più genuinamente sincero, dissacrante, violento e malato del rock. Quel medesimo spirito per cui a ragion veduta si ritiene che a Detroit arcinoti come Stooges e MC5, così come a Sydney oscurissimi come Missing Links inventarono senza saperlo il punk-rock con quasi un decennio di anticipo. Se in quei giorni Iggy non fosse andato a "ripulirsi" alla corte del Duca Bianco, ma fosse per caso passato per Londra, molto probabilmente oggi non sarebbe vivo ma avrebbe magari cantato in quei Damned. Il suo alito marcio sarebbe stato il soffio vitale che avrebbe benedetto brani che sembrano autentiche outtakes di "Raw Power" con il plusvalore dato dalla carica dirompente di quei giovani cazzoni ("Fan club", l'epico e inarrivabile crescendo di "Feel the pain", con Brian James che urla al mondo quale immane stronzata sia dire che i punk non sanno suonare). Mi piace poi immaginare la faccia dell'ascoltatore-medio di metà Settanta, quello pasciutosi a Yes e EL&P, quando dalle casse gracchianti della radio fuoriuscirono riff spiazzanti accompagnati da ritmi ipercinetici e da suoni buona-la-prima come in "Neat Neat Neat", "I fall", "Stab your back" o "See her tonite". Oppure l'intro marziale inaudito di "New Rose", pietra angolare che non sappiamo in quanti milioni di casi è stata il primo motore che ha spinto qualcuno a formare una band.

Per finire, visto che le "colpe" dei padri a volte possono ricadere giustamente sui figli, ecco i Nostri alle prese con "1970", cavallo di battaglia proprio dell'Iguana e depravata famiglia. Manco a dirlo, trattato alla maniera settantasettina. Più realisti del re. Niente voli pindarici, niente sax, niente dilatazioni free. Meno di tre minuti brutti, sporchi e cattivi come raramente (dico Radio Birdman, dico Saints) il punk-rock fu in grado di sintetizzare. Cambiandone pure il titolo.

"...Senti il dolore...A me va alla stragrande...". Via le cuffie stereofoniche, si poteva davvero tornare nei garage e per strada.

La risurrezione del rock passò per l'ennesima volta attraverso una dannazione.

Commenti (SettantaSei)

paloz
paloz Divèrs
Opera:
Recensione:
Pietra miliare


Taxirider
Taxirider
Opera:
Recensione:
Buona recensione e, sopratutto, lodevolissimo ripescaggio! Si sentiva la mancanza di una recensione sul primo parto dei Damned!


pistolpete
pistolpete
Opera:
Recensione:
/stricnina/
/stricnina/
Opera:
Recensione:
martin eden
martin eden
Opera:
Recensione:
stavo per colmarla io questa lacuna, ma è un bene che l'abbia colmata tu. L' album è un capolavoro, qui i Damned non hanno sbagliato un pezzo.


cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera:
Recensione:
Cazzo, hai scritto una recensione su qualcosa che conosco pure io ;-)


axel
axel
Opera:
Recensione:
alleluja!!!!! qualcuno l'ha fatta la recensione su questo plendido album! recensione all'altezza, complimenti!


47
47
Opera:
Recensione:
rece sontuosa, io non li conoqqui ma dai link pare tutto molto bello :)


psychopatha
psychopatha Divèrs
Opera:
Recensione:
molto bravo. penso che cercherò questo disco, anche perchè m'hanno sempre consigliato di evitare i damned. ma è anche vero che chi lo diceva conosceva solo un lp del '90 circa, e magari non era davvero un granchè. sono sicuro che rimarrò folgorato


Franci!
Franci!
Opera:
Recensione:
Tra l'altro mancano pure i Dead Boys nel DeDatabase, mannaggia a noi! :)


Franci!
Franci!
Opera:
Recensione:
Anzi, controllato meglio. Ci sono. Bè, 5 comunque.


alessioFRIGIDO
alessioFRIGIDO
Opera:
Recensione:
franci, basta figure di merda, pensa piuttosto smontare più velocemente la strumentazione dei FRIGIDo al nostro prossimo concerto a nocera inferiore, altrimenti ti licenzio.....bravi questi damned, mica delle merde come i Clash, che io e il mio devoto zerbino Franci abbiamo giustamente ridimensionato rispetto ai magnifici Frigido!


Franci!
Franci!
Opera:
Recensione:
Pugliese, guarda che a me i primi Clash piacciono. Vedi di informarti bene prima d'attaccarti alle mie chiappe.


g.g.junior
g.g.junior
Opera:
Recensione:
ottimi ottimi ottimi


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Bravo bravissimo!! (e guarda quanti commenti!!:DD)


blechtrommel
blechtrommel
Opera:
Recensione:
Grande! Chissà perchè una recensione su un gruppo così da te non me l'aspettavo, beh una piacevole sorpresa! Hai visto che i tuoi fedeli lettori stanno aumentando?:D Keep on rocking!:DD


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
una cosa che nn sopporto e' il punk.


SUPERVAI1986
SUPERVAI1986 Divèrs
Opera:
Recensione:
pagina molto interessante....BRAVO!


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
il disco punk dei Damned! Quando entra "Neat Neat Neat" capisci che la magia del rock si rinnova, la resurrezione passa dalla chitarra tremolante di "1969" degli Stooges a quella di "This gift" dei Mudhoney...Quando nel tour USA andarono a vederli i ragazzi che suonavano nelle bande punk americane appena nate tipo gli Avengers se tornarono a casa carichi di meraviglia. Rat Scabies alla batteria era fenomenale. Peccato che siano finiti a suonare nelle discoteche come quel pazzo di Capitan Sensible. PS. thanks per il link alla mia recensione dei Missing Links ;)


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
grazie a tutti e una richiesta agli editors: perdonate la mia sventatezza, ma quel secondo "Damed" (!) del titolo nun se pò proprio vedè...fatemi fare qualsiasi penitenza, anche ascoltare tutte le recensioni dell'ultimo anno lette da quella simil-Natolia, ma vi prego, correggete quel titolo!!!


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
"Qualcosa, al derecensore, può sempre sfuggire, ci mancherebbe: poiché egli scrive per passione. Ma non deve temere, né preoccuparsi perché — sempre per passione — ci sarà sempre un editor che leggerà la recensione e darà un’aggiustata qua e là." uhm...


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
editors
editors
Opera:
Recensione:
Problema risolto! Che la gioia sia con tutti voi!


Pasquale
Pasquale
Opera:
Recensione:
C'è lo spirito più genuinamente sincero, dissacrante, violento e malato del rock, ma sono grezzi e di poca capacità creativa. Questo è l'unico disco che arriva alla sufficienza col minimo necessario, pur avendo la produzione di Nick Love. (Altro che "This gift" dei Mudhoney) Poi si son sgonfiati subito.


anfoxx
anfoxx
Opera:
Recensione:
Capolavoro, ma consiglio l'acquisto dell'antologia Smash it up. C'è proprio tutto e si trova anche a poco


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
@pasquale "ma sono grezzi e di poca capacità creativa"...guarda che questi erano punk non prog , Nick Lowe li riprese con un registratore a otto tracce in un paio di giorni, in seguito si raffineranno pure lambendo il pop e il gothic (vedasi Strawberries) ma che ce ne frega più di loro?


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
@pasquale 1."sono grezzi", in stretta confidenza, ti dirò che è proprio il motivo per cui amo questo disco 2."sono di poca capacità creativa", mah guarda, sul valore intrinseco della chitarra di Brian James mi sono espresso nella recensione (e il suo curriculum è lì che parla, se non bastano i misconosciuti Tanz der Youth, magari il nome dei Lords of the New Church ti dirà di più...), poi sulle qualità di Rat Scabies ti rimando al commento di supersoul. Non ho capito peraltro il riferimento "Altro che This gift dei Mudhoney". Infine, che si siano sgonfiati, e tanto, lo dice anche la recensione, anche se non subito (Machine gun etiquette è ancora un eccellente disco, qualcosina di buono c'è pure nel Black Album e in Strawberries, poi notte fonda)


Pasquale
Pasquale
Opera:
Recensione:
Per grezzi ti do ragione, ma il resto, anche i pezzi migliori come "Neat Neat Neat" o "Born to Kill" non riescono ad entusiasmarmi più di tanto. "Altro che This gift dei Mudhoney" l'ho scritto riferendomi al commento di supersoul che paragona (Parere rispettabile) "Neat Neat Neat" agli Stooges ed ai Mudhoney, che per me giocano in un'altra serie. Ti riferisci 2 volte alla recensione, l'ho letta e t'ho dato anche un buon voto.


currahee72
currahee72
Opera:
Recensione:
Tutto grande!Bella la frase finale.


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
ma non paragono niente e non faccio questione di classifiche del migliore, io salto dalla sedia anche quando sento l'attacco di "Anarchy in UK" (anche se pure mio nonno sapeva che i Pistols non sapevano suonare) e mi si rinnova il brivido blu, e non mi succede con tutti i gruppi di questo mondo, anche (e soprattutto) con quelli raffinati e creativi...


Pasquale
Pasquale
Opera:
Recensione:
Nel 20 mi sembrava che tu paragonassi, ma se non paragonavi... Per parlare di brividi, io li sento di più se ascolto Gas Chamber o Right Side Of My Mind degli Angry Samoans oppure Beyond and Back degli X o ancora 12xU dei Wire, per citare solo i primi che mi vengono in mente, questo disco non è un capolavoro dal punto di vista musicale, e per me non merita 5 stelle.


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
Già ma gli Stooges, i Damned e i Sex Pistols, i Mudhoney sono quelli a cui dobbiamo dire grazie per il discorso che facevo della "resurrezione" (in epoche diverse)del rock, anche io amo gli Angry Samoans, Wire e gli X ma si sono agganciati al carrozzone, è cosa diversa dal ragionamento che facevo al 20, altrimenti dicevo che il brivido me lo fa venire Roy Harper quando canta "Another Day"


alessioFRIGIDO
alessioFRIGIDO
Opera:
Recensione:
concordo con supersoul come sempre, e vi annuncio che la prossima resurrezione rock sarà opera del monnezza-core dei Frigido!


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
concordo con supersoul come sempre, se poi mi tira fuori "Another Day" di Roy Harper...(una delle cinque canzoni che salverei dal disastro termonucleare)


Pasquale
Pasquale
Opera:
Recensione:
Ai Damned e i Sex Pistols, dico grazie per essere stati i primi (in Europa). Non credo che gli altri si siano agganciati al carrozzone, perchè il punk era nell'aria già da tempo. Se i Damned avessero pubblicato questo disco solo 2 anni dopo, sarebbe passato quasi inosservato e non sarebbe ricordato come capolavoro, 5 stelle per me significa che tale si considera. IMASOULMAN che tu concordassi con supersoul era scontato, ad ogni modo non sto questionando, dico solo quello che penso di questo disco.


Pasquale
Pasquale
Opera:
Recensione:
Ed ho detto tutto.


axel
axel
Opera:
Recensione:
eppure anche i sex pistols hanno un loro perché. certo sono tai una grande beffa ma hanno il loro valore (non solo storico). questo album dei damned é splenido...io per il primo giorno he l'ho ascoltato non sono andato oltre la prima traccia perché continuavo a mettere in repeat "neat neat neat" :D. pure io aprezzo molt il suono ruvido e grezzo di questo lavoro!


popoloitaliano
popoloitaliano
Opera:
Recensione:
Nota a margine: le primissime copie di questo disco (rarissime e supervalutate) furono pubblicate con un grossolano errore di stampa. Sul retro copertina c'era la foto di Eddie and The Hot Rods. Io non butterei via del tutto i Damned anni 80, quel dark/pop di facile ascolto lo si ritrova oggi in diversi altri gruppi (non chiedetemi chi perchè non mi viene in mente)


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
secondo me i Wire non si sono aggrappati al carrozzone. Lo hanno superato, poi si sono fermati, l'hanno ribaltato e si sono fatti i cazzi loro. Giusto per prendere le date: Never Mind the Bollocks e' uscito il 28 ottobre, Pink Flag a novembre... poi per come la vedo io un solo riff di "Strangeles" distrugge migliaia di discografie. Magari li si vede come degli intrusi all'interno del punk perche' da Chairs Missing hanno fatto tutt'altro... ma che tutt'altro.


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Mi si scusi, ma intendevo "strange" ...il sonno mattutino e soprattutto domenicale.


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
magari dovresti specificare QUALE discografie distruggerebbe "strange" dei wire.


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Ad un ritardato come te l'unica cosa che devo specificare e' il modo di togliersi di mezzo... sono cose da grandi queste, torna ai fumetti e ai libri porno.


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
te lo dico io: quel riff non distrugge un cazzo di niente e tu sei il solito ultra-gasato cazzaro del cazzo.


omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
grande, me lo cerco


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
ma puny, c'e' il sole... porta il ragazzino al parco, scippa le vecchiette, ma fa qualcosa. Sembri Robertino. Ciaoooo... ah, l'unica cosa che mi sfugge e' perche' ti proteggano, ma capita quella si perde il bello. Ciao... buona domenica e fozza Napoli


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
piuttosto, smettila di frignare come una ragazzina dagli editor con le tue richiestine ridicole; lo capisci si o no che gli stai sfracassando i maroni? fatti i cazzi tua.


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
bravo bravo volpone... con questo commento hai confermato che o sei parte dello staff o sei abbastanza vicino da ricevere informazioni.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
..e figurati se non c'entrava lo staff!! :DD


iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
aggiungere questa riga al commento 49 >>>>> o che sei meno scemo di come fai....


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Bartle, mi sa che c'e' poco da ridere... io mando mail o a te o a voi e costui che non e' ne voi ne te le conosce.


iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
che sia un hacker???


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
@Alessio: il Giustiziere è venuto a sapere che tu hai recentemente preso contatto con lo staff solo a seguito di un breve intervento di Turkish in chat, alla presenza anche di altri utenti, nella serata di venerdì sera. Il contenuto delle tue richieste non mi risulta sia stato riferito. Indi, per l'ennesima volta, hai parlato per un cazzo. Cordialità.


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Ma cordialita' a voi. << hai parlato per un cazzo >> punti di vista ;) Buon divertimento.


alessioFRIGIDO
alessioFRIGIDO
Opera:
Recensione:
Ma quel coglione di Franci non viene a difendermi? Mo' lo meno....è tutto un complotto di debaser, mi hanno fatto tenere soltanto 15 fake ( gustavostrunz, telespalmabob, trota di mare etc etc), lo staff complotta chiaramente contro me e c'è!!! è un complotto contro il monnezza core dei frigido!!!!!


Franci!
Franci!
Opera:
Recensione:
Pugliese, ma perchè invece di attaccarti alle mie chiappe non dai un occhiata al tuo figlioletto che è passato direttamente dalle Hot Wheels al bong? Uomo di merda.


Rorix
Rorix
Opera:
Recensione:
Grandissimo ripescaggio!


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
uno dei pochi gruppi panc che mi garba, il singolo New Rose/Help! è storico. Bella rece come sempre


rocknrollsuicide
rocknrollsuicide
Opera:
Recensione:
a livello strettamente musicale, in my opinion, questo si mangia sia nevermind the bollocks che l'omonimo dei clash; e tanta altra roba del periodo. la cover di 1970 è devastante, idem new rose, fan club, neat neat neat, stab your back...li ho sempre trovati molto vicini a quegli altri sozzoni dei dead boys, in particolare quelli di "young loud e snotty". ma scopro l'acqua calda. la gara a chi era più panc è interessante quanto il torneo di tresette col morto del circolo arci di foiano della chiana. anche perchè è stato talmente tante cose (il panc non il tresette) che limitarlo a questo o quel gruppo e disco mi sembra una distorisione enorme... solo in questi commenti sono stati citati x, wire, dead boys, avengers, angry samoans, tutti diversi uno dall'altro, e aggiungendo i primi che mi vengono in mente i birdman, gli heartbreakers, gli x-ray specs, gli adverts, i toy dolls, i mad, gli sham69, o non so sorella maldestra, stiff little fingers, crime, 999, pagans e via citando tipo figurine...tutti ugualmente, anzi tutti diversamente "punk", ognuno a modo loro...


Oo° Terry °oO
Oo° Terry °oO
Opera:
Recensione:
60 commenti in una recinzione di Imasoulman? Woah!


gnagnera
gnagnera
Opera:
Recensione:
bella recensione, bel disco e grande gruppo, fino a questo disco, il resto meglio metterci una pietra (tombale come ricordi tu) sopra.
ah poi certo che somigliavano ai dead boys (ma meno perversi) i due gruppi erano amici e finirono per fare tour insieme


omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Che disco, viva viva soulman.


donjunio
donjunio
Opera:
Recensione:
Una delle vette di quella stagione, rece sublime come un passaggio dietro la schiena di Pistol Pete.


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
ancora super thanks a tutti per esser passati...don, lo sai che se fai paragoni con PistolPete rischi di mandarmi in deliquio, vero?...:)))


SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Grande...Uno dei dischi con la quale son cresciuto, e sicuramente il loro piu bello..


De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Che pagina meravigliosa!!! E chiedo perdono al recensore per aver impiegato più di quattro mesi a trovarla e leggerla e rileggerla ancora; il derango elevatissimo dimostra quanto essa sia formidabile. Non mi sembra nemmeno giusto aggiungere inutili parole a così tanta meraviglia sonora e scrittoria; consentimi di dedicare l'album a tutte quelle persone che hanno sempre considerato i Punk come pessimi artisti e ancor di più incapaci di suonare. Bravissimo alla quinta!!!!!


imasoulman: come direbbe Renatone Pozzetto, ellamadoooooonaaaaaa...ti ringrazio, per rimanere in tema, esageratamente ;))
odesso
odesso
Opera:
Recensione:
Discone, uno dei caposaldi del genere. "New rose" "neat ,neat, neat" e "stab your back" classici


Pinhead
Pinhead
Opera:
Recensione:
lector
lector
Opera:
Recensione:
Però, adesso, avresti il dovere morale di recensire i Tanz der Youth!


Flame
Flame
Opera:
Recensione:
Gran rece, me l'ero persa, ci ho travato risposte a un po' di domande che mi sono sempre fatto ma non ho mai avuto la voglia di sbattermi a trovare una risposta. E secondo me John Belushi è stato per forza più punk di Rotten.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Dopo Machine Gun Etiquette come fa a non venirti voglia, dopo aver letto sta rece? Mi ero un po' arenato su Phantasmagoria, mo torno in pista


Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Damnatio ad bestias. Recensione bestiale sui Dannati.


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Sono venuto a tirarmi su il morale...
Grazie, porca di quella troiaaaaaaaa
Ahahahahahahah


imasoulman: ma grazie a Lei, NH
Anche se il punk non è la sua tazza di Amaro del Capo, questo disco fa per Lei, almeno penso lo faccia
IlConte: I Damned mi piacciono eccome
IlConte: Google Traduttore

Li ho conosciuti tramite gli Zepp tanto tempo fa...
Che sembra strano eh...
imasoulman: questo e 'Machine Gun Etiquette' sono disconissimi da avere a qualunque costo
imasoulman: allora si fidi dei Suoi Numi Tutelari, non di me...
IlConte: Ahahahahahahah
I primi tre li ho
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
ahahhahahaha
Bombette!
Troppo più meglio punk di tanti più punk, per me! E' questo il punk che ci piace! Heeeyyyy...


imasoulman: la tua attenzione e la citazione del Nano Ghiacciato (così lo insultavamo ai tempi al Palasport l'odiato rivale milanese)!
Ce n'è abbastanza per ritenere questa uggiosa giornata con pioggia battente simil-novembrina, una splendida giornata
TataOgg: A-LE'!
Annette
Annette
Opera:
Recensione:
Nuova strategia: proviamo coi sensi di colpa!
Già nel 2017, Lector le faceva notare di avere il dovere morale di recensire Tanz der Youth... Beh, Lei non l'ha ascoltato e ancora oggi i Tanz der Youth rimango sconosciuti al Deb. Se non si prenderà Lei la briga di glorificarli, nessuno lo farà. Lo sappia.
Comunque è sempre un gran piacere leggerla😊


imasoulman: provi con i fiori...o con i cioccolatini...
per intanto grazie per il passaggio, onorato come sempre della Sua preziosa attenzione
Annette: Fiori e cioccolatini? Tradizionale ma, alla fine, di poche pretese. La facevo più difficile!
imasoulman: allora lascio a Lei l'iniziativa
Mi stupisca!!
Annette: Perché mi complico sempre la vita?! Maledetta me! Pensare che sarebbero bastati fiori e cioccolatini e ora invece... Va bene, tenterò!
imasoulman: 'tenterò' è splendida coniugazione verbale polisensa!!
se il supremo accademico della crusca (ricca di fibre, si sa) @[GrammarNazi] vuole passare a confermarlo...
GrammarNazi: Efficace anfibologia, mi lasci dire.
imasoulman: tipo girino, rana, tritone...quelle robe lì?
GrammarNazi: Esattamente.
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Che ripescaggio! Che recensione! E gran disco pure il disco, tra quelli che mi piacciono di più nel non sempre adoratissimo punk settantasettino.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Damned Damned Damned è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link