The Darkness
Easter Is Cancelled

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Sappiamo sempre cosa aspettarci da un nuovo album dei Darkness.

Se questo è un bene o un male, sta a voi deciderlo. I fratelli Hawkins, arrivati al quarto album post reunion, decidono di fare qualche piccolo cambiamento con questo nuovo “Easter Is Cancelled”; niente di rivoluzionario, sia chiaro. L’attitudine cazzona è sempre lì (come conferma dovrebbe bastarvi il titolo, ma se proprio non vi basta il disco è stato descritto dagli stessi autori come un “concept album sulla teoria dei multiversi”), ma stavolta c’è qualcosina in più, qualcosina che fa pensare ad un’inedita volontà di crescita.

Alla produzione (anche questo forse per garantire maggiore autonomia) torna il chitarrista Dan Hawkins (dietro alle manopole anche per il riuscito “Last Of Our Kind” di quattro anni fa), ed il sound in alcuni episodi ne giova profondamente, tornando ai fasti dei primi due dischi: “How Can I Lose Your Love” non avrebbe sfigurato in “One Way Ticket To Hell… And Back”, “In Another Life” è una vera e propria erede del vecchio classico “Love Is Only A Feeling” e sarà sicuramente un must dal vivo.

Per il resto, i rocker britannici provano ad osare un po’ e l’operazione riesce pure bene; il singolo “Rock And Roll Deserves To Die” apre tra chitarre acustiche, flauti ed improvvise fiammate hard rock, andando a costruire una struttura vagamente prog che spiazza un pochino ma convince appieno. “Deck Chair” è un episodio scuro e riflessivo, davvero sorprendente da trovare in un disco della banda Hawkins, ma la vera sorpresa è “Heavy Metal Lover”, pezzo fantastico che unisce l’attitudine cazzonissima del quartetto britannico ad un’ambizione nella costruzione del brano davvero insolita, con strepitose citazioni a certo metal estremo ed il solito gran gusto nel riffing.

Anche dove le cose si mantengono più “canoniche” (tra AC/DC, Queen e compagnia), il giochino stavolta funziona (“How Can I Lose Your Love”, “Heart Explodes”) e si viaggia spediti tra riffoni ficcanti e divertenti, i soliti falsetti impossibili di Justin Hawkins e assoli torrenziali e tamarri al punto giusto.

Bel ritorno questo dei Darkness: divertente, simpaticamente tamarro ma con una puntina di ambizione che fa sorprendentemente bene al sound dell’ormai veterana hard rock band britannica.

Brano migliore: Heavy Metal Lover

Questa DeRecensione di Easter Is Cancelled è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-darkness/easter-is-cancelled/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

madcat
Opera: | Recensione: |
Ecco questi non li ho mai retti proprio, non c'è una cosa una che mi piaccia. Come dire sono un concentrato di molte cose che nel rock detesto.
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Lei non capisc(i)e gnente-di-nulla di musicarock
Lo seppya.
madcat: Lo seppyavo già senza che arrivasse lei! Ma chi si crede di essere?! Sfascia? Tze
Valentyna
Opera: | Recensione: |
Idem come @[madcat] mai sopportati. Ricordo in particolare un brano natalizio fastidioso ed urticante come uno sciame di mosquitos.
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Christmas tiiiiiiiiiiime don't let the bell eeeeeeeeeeends
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Raggelanti
BËL (00)
BRÜ (00)

Onirico
Opera: | Recensione: |
Erano il liofilizzato radiofonico della copia carbone della copia dei Queen, senza avere manco uno delle loro qualità, già quando uscirono. Che mi ricordi io, l'unica canzone a cui resto affezionato è "Love is only a feeling"...
BËL (01)
BRÜ (00)

pier_paolo_farina: Le qualità sono:
_Dan Hawkins è una macchina; uno dei migliori chitarristi ritmici sulla piazza. Dal vivo regge agevolmente da solo il groove del gruppo permettendo al fratello di concentrarsi sul canto, le smorfie i salti e le cazzonate varie del suo repertorio, nonchè gli assoli di chitarra (ottimi, precisi e belli cicciotti, grazie a quella Gibson bianca perfettamente sfruttata).
_Il songwriting è di livello. Tolti gli episodi più rocciosi in stile AC-DC e quelli più commerciali col ritornello facile, ve ne sono tanti altri con progressioni armoniche tutt'altro che scontate, arrangiamenti tutt'altro che scontati, un uso della chitarra acustica, delle dinamiche, dei cori (certo, ispirati dallo stile di Freddie Mecury) tutt'altro che ecc. ecc.
_Non piacciono il muso da stronzetto e la voce da operetta di Justin Hawkins? In quanto alla simpatia, c'è di peggio sulla piazza, scommetto che gente come Bob Dylan, Mick Jagger, Don Henley, Neil Young, Ritchie Blackmore, il povero Lou Reed ecc. ecc. sono/erano molto peggio. In realtà Justin ha una voce fuori dal normale e la sua piccola nicchia fra le voci rock, grazie all'uso intensivo di quel suo falsetto estremamente potente e deciso, se l'è meritata.
Sotto la crosta cazzona c'è un gruppo solido e dal tiro notevole, sufficientemente diverso da tutti gli altri. Derivativo certo, ma lo erano anche i Beatles fino al 1966, per dire.
algol
Opera: | Recensione: |
Talmente cazzoni da risultarmi simpatici. Non al punto di prendere il disco.
BËL (03)
BRÜ (00)

Harlan
Opera: | Recensione: |
La mia prima canzone, passata rigorosamente con bluetooth ai tempi delle medie, fu I Believe In A Little Thing Called Love. Praticamente sentivo solo quella, e qualcosina dei Black Eyed Peas.. Incuriosito, visto che non li risentivo da anni, l'anno scorso ho sentito quello che era il loro nuovo disco, Pinewood Smile. Ho staccato dopo la terza traccia, non fanno più per me..
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Fanno schifo ma io li adoro.
O forse li adoro perchè fanno schifo.
Insomma li adoro.
BËL (04)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
A Love is only a feeling associo molti ricordi, però credo che farei fatica ad ascoltare adesso un disco intero. Magari a piccole dosi si, tipo mentre faccio le pulizie a casa.
BËL (02)
BRÜ (00)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
Conosco solo il singolo con cui hanno sfondato nel 2000 o 2001. Pero' non capisco come possano non essere simpatici da morire al genere umano tutto. Fanno rock, ridendoci sopra, e mi par di ricordare che lo faccessero pure con cognizione di causa. Praticamente elio e le storie tese nell'universo dei queen... possono star sul cazzo giusto se li prendi seriamente, ma se li prendi seriamente mi sa che hai qualche problema. O forse li ho mal interpretati io all'epoca.
BËL (03)
BRÜ (00)

kloo: 2004
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Sono uno di quei gruppi che mi stanno simpatici che però non ascolto nemmeno costretto
BËL (02)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
io li trovo divertenti quanto quei gruppi ridicoli di ragazzini che emulano i loro idoli e vengono presi per l'ultima novità in un campo musicale dove ugualmente immagine e pose hanno lo stesso peso della musica, praticamente vicini allo 0
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Concordo con nes, algol, Sfascia...
I soliti poser che sparlano di cose che non conoscono... perché sono troppo cretini...
Vabbè farina vi spiega tutto. Possono non piacere - pure a me mica fanno certo impazzire - ma dire che non sono qui non sono la solo perché sono dei cazzoni...
Vabbè solite storie ...
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Cretini la band eh
Che vi aizzate subito
Ahahahahahahah
kloo
Opera: | Recensione: |
Registrai all'epoca il live a Milano, ero in piena fase Queen ed avevo appena raggiunto la consapevolezza che Mercury era morto e che riascoltare le stesse canzoni della stessa band per un lustro non ha giovato. Puntai sui cloni The Darkness, durarono un anno nel mio immaginario poi arrivarono le prime band alternative rock e sono uscito dal tunnel.
BËL (04)
BRÜ (00)

IlConte: Che vitaccia, Nobile... tragedie...
Chainsaw: In un universo parallelo c'è un kloo che non è mai uscito dal tunnel ed anzi è entrato nella spirale del power metal sinfonico
axel
Opera: | Recensione: |
Per me permission to land era proprio fico.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
Io ho appena letto la loro pagina di wikipedia italia. Sono io, o e' una delle cose peggio scritte di sempre?
BËL (00)
BRÜ (00)

MikiNigagi
Opera: | Recensione: |
Il singolo fisso in rotazione su radiofreccia mi fa morire
BËL (00)
BRÜ (00)

NeKro
Opera: | Recensione: |
Mi sono fermato ai primi due. Li trovavo divertenti. Li vidi pure dal vivo a Milano e il concerto fu spassosissimo (certo il batterista era un cane se non ricordo male).
Poi, persi assolutamente di vista.
BËL (00)
BRÜ (00)

Jdv
Jdv
Opera: | Recensione: |
Mi sono sempre piaciuti e ancora oggi mi piacciono..Buon disco anche se preferivo il precedente..Justin è un gran chitarrista , sottovalutato a mio parere ..dal vivo sa il fatto suo
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: