Sto caricando...

The Feelies
The Good Earth

()

Voto:

Passo nervoso, ritmi spezzati, minimalismo implacabile, furore controllato e quelle chitarre che nemmeno i Television. Questo era “Crazy Rhythms”, il primo leggendario album dei Feelies

“The Good Earth”, il secondo, invece è delicato e cristallino, una specie di jangle folk dentro una bolla magica. A traccia uno, per dire, già ti scappa un sorriso, che tale è l'effetto di quel suono spensierato e sognante. Traccia due poi rincara la dose, al punto che non ti rimane che vagare per le colline a 30/40 chilometri all'ora.

Tre recupera un po' dell'antico furore. quattro squaderna una clamorosa digressione velvettiana di quelle che, davvero, resistere non puoi. Fantastico...

Si, fantastico, ma, in forma di bozzetti da niente e idillii incantati, il meglio deve ancora venire: il suono si impiglia tra i rami, i rami giocano con la luce e quel che vien fuori son dei ricami jangle che nemmeno le suorine di Palo Alto.

Ah signori, “The Good Earth” è un ipnotico intrecciarsi di trasparenze attraversate da un tiepido sole, una specie di “risonanza meravigliosa e calda”, come direbbe il Quieto e il Quieto è uno che ne sa a pacchi.

Ma ora dimmi lulù, dimmi...quanti anni hai?

Ecco, sarà forse che sono invecchiato un pochino, ma, allo splendore post punk di quel primo leggendario album, oggi preferisco queste mille sfumature tra sorriso, malinconia e trascendenza. Tu chiamale se vuoi good vibrations.

Ah, dietro la consolle c'è Peter Buck dei Rem. Qualcosa vorrà pur dire...

...

Ah,i Feelies faranno bene anche dopo, anzi benissimo...

Trallallà...

Commenti (VentUno)

sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Mai sentito nominare qvesto Pietro Buco dei Remme.
Chi ci sarebbe?
E poi cosa ci farebbe dietro la consolla?
E, soprattutto, perchè non ci stà davanti?
Troppi dubbi, zero certezze.
Non possiamo andare avanti così, ohibò.


imasoulman: e neanche una fantasmagorica versione 2 a squarciare ogni nembo temposteso...bah, non ci sono più le mirabili recensioni-multiversion di una volta.
Altro che le mezze stagioni, altro!
imasoulman: *tempEstOso
luludia: Ma carissimo herr sfascia, si aggiorni un pochino!!!! Oltre al Micca e al Gambadilegno ci sono anche altri Pietro. E comunque, vuole delle certezze? Gliene regalo una, ma lei non la sparpagli troppo in giro, eccola qua: pizza calda e birra fredda e mai (mai!) il contrario...
sfascia carrozze: Mi stà dicendo che, io, proprio io mè medesimo, che finoggi ho bevuto solo pizza fredda e mangiato AqvaVelva avrei herrato?
luludia: Non saprei, ma questo forse spiega molte cose....
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Bella recensione e proposta per me totalmente ignota. 5 starz.


luludia: ringrazio...
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
ebbene sì, maledetto Carter-Lù, mi hai fregato anche questa!
Non sai da quanto tempo immemore avevo in mente di scrivere di questo disco del cuore, che per me vale tanto quanto la nevrosi spastica del primo, acclaratamente e universalmente dichiarato capolavorissimo che tutti quelli che fanno le liste dei dischi più importanti della gnu-uei ce lo mettono sempre, e pure molto alto in classifica.
Si diceva, disco del cuore: ebbene sì, un po' perchè l'attesa fu tanta e sempre differita, un po' perchè l'antipasto (un piccolo bocconcino, ma di che qualità...) del 12'' dei Tryfles di 'The Explorer Holds' ci aveva messo un'acquolina in bocca da salivare come un molossoide affamato.
E per fortuna che le aspettative non andarono deluse: tanto nevrotico e urbano (di quell'urbanesimo alla Hoboken, periferia così lontana così vicina dall'impero newyorkese, ma così prodiga di frutti musicali) il primo, quanto splendidamente quieto nel suo folk-rock riaggiornato di metà ottanta questo. Un disco che vale l'alto titolo che scelsero (Pearl S. Buck...non solo Peter, dunque): la Buona Terra, coi suoi sapienti ritmi lenti e cadenzati, per chi sa aspettare da sempre buoni raccolti


imasoulman: ah, sottolineo col grassetto o evidenzio col fucsia la tua 'Ecco, sarà forse che sono invecchiato un pochino, ma, allo splendore post punk di quel primo leggendario album, oggi preferisco queste mille sfumature tra sorriso, malinconia e trascendenza. Tu chiamale se vuoi good vibrations.'
Colpito e affondato
luludia: Bellissimo commento, al solito. Che dire, questo è un disco proprio magico, poi si, tutti i feelies sono buoni, ma qui c'è qualcosa di inspiegabile, al punto che, inizialmente, pensavo di dire una cosa tipo: io ci rinuncio, ma c'è qui il folletto dei campi, il protettore del raccolto, magari ve lo spiega lui. Purtroppo (o per fortuna) il suddetto folletto si è limitato a sorridere.
woodstock
woodstock
Opera:
Recensione:
Discone di cui penso sia molto difficile parlare, e infatti tu non lo hai fatto benissimo
A rileggerti!


luludia: Speriamo di far meglio in futuro!!!
Annette
Annette
Opera:
Recensione:
Bella! Adoro i Feelies, ma la mia versione ufficiale sarà sempre che preferisco Crazy Rhythms... si sa che è un vezzo tutto femminile quello di mentire sull'età!


luludia: Occhio che tra un po c'è il ballo delle debuttanti. Spero che tu sia pronta.
sfascia carrozze: Mentire sull'età è sempre sbagliato.
Io, peresempio, ho sempre detto il vero quando vi ragguagliavo di provenire da quella della Pietra.
luludia: Quale Pietra?
Annette: @[luludia] temo che per un simile evento io non sia, né sia stata, né mai sarò pronta.
Annette: Caro @[sfascia carrozze] eppure ero sicura di aver sentito di racconti di lei con i dinosauri, ora mi dichiara di provenire appena dall'età di una non ben specificata Pietra. Mi sa che anche lei si stia un po' abbassando l'età...e di qualche decina di milioni di anni. Neanche io sono mai arrivata a tanto!
sfascia carrozze: @[luludia]
Pomice, ça va sans dire.
La uso per lenire i calli alle mani prevalentemente originatisi dall'uso compulsivo dei manubbri.
Chieda a @[IlConte] sè non mi crede: anche Lui celli ha.

@[Annette]
E' vero.
Ma, essendo halto ben uno-e-qvaranta, si tratta solo di un discorso di coerenza esistenziale.
IlConte: Calli ormai vitalizi …
sfascia carrozze: Anche Lei, come mè, prevalentemente da manubbri o altro?
IlConte: Il più bastardo è il bilanciere… sagomato …
sfascia carrozze: Ma non è che parla dell'Angolato?
Oppure dice quella specie di grigliettina fotta dove si appoggiano i calli?
IlConte: Ahahahahahahah in effetti volevo dire angolato ma… quella grigliettina è davvero letale
Madoooooooooooooo
sfascia carrozze: Ammèmmipiace avere i calli, comunque, e per qvesto non ho mai usato i "guantini" dappalestra, se non #forse agli esordi nel recente 1984.
Soprattutto mi piace mangiarmeli (i calli: in mancanza d'altro).
IlConte: Ahahahahahahah, mangiarmeli!!!
Comunque gvantini da fighetto mai mai usati
Che, scherziamo??!!
sfascia carrozze: Mi fanno abbastanza ridere quelli che me ne venghono tutti bardati, fin dal primo giorno, di guanti, fasce, tutine più o meno attillate, bottigliette colorate con dentro non si sa bene cosa, barattoloni extralarge di proteine e pastiglie misto-assortite.
E poi si allenano, per modo di dire, venti minuti al massimo.
Sono certo che avrà ben presente questo tipo di soggetti.
Gli sportimbecilli sono presenti a ogni latitudine dello stivale, temo.
IlConte: Ahahahahahahah
Perché deve ricordarmi plebaglia simile, Fratello??!!
Certo, venti minuti (pure male) ma stanno lì due ore a rompere il cazzo a tutti…
AL ROGO!!!
sfascia carrozze: Ma infatti questa gente non va in palestra per allenarsi (con la bocca tappata): vanno a parlare.
Più che altro di sè stessi.
Come sè la loro presenza non fosse già ben più che sufficiente ad abbassare il livello di umanità.
IlConte: Ahahahahahahah zio vaka, Fratello… che pensieri veramente saggi e, purtroppo, veri.
Io non parlo più con nessuno nemmeno li, savansadir
Vado subito alle 8,30 che c’è anche poca umanità
Anzi ora vado
Oggi Dorsali-Spalle-Trici se la schiena regge, savansadir
sfascia carrozze: Bravo Ragazzo!
Vadi, si distruggha e torni!
IlConte: Per andare vado, sul tornare… Le so dire
Orevuar
sfascia carrozze: E, comunque, quando capita(va) con le DeDonzelle mi sofferm(av)o leggermente di più.
A parlare solo di pesi, naturalmente.
IlConte: Si, ma dopo l’allenamento… altrimenti non fai bene nessuna delle due cose.
sfascia carrozze: Parola dell'esperto!
IlConte: E comunque… “ava” e “avo”, appunto…
sfascia carrozze: In effetti mi sa che vado ad allenarmi anch'io.
In garasg, però.
Tanto non c'ho gnente di nulla di meglio da fare.
As usual.
IlConte: #eja
Si parte
IlConte: Che cazzo vuol dire VH?! Me lo sono già dimenticato ..l
sfascia carrozze: Sarebbe UH! con al V a forma di V
IlConte: Ahahahahahahah
Muoio!!!
IlConte: Pensavo a Van Halen… già detto
#forse
Pinhead
Pinhead
Opera:
Recensione:
E dimmi pure quanti anni ho io, se il mio Feelies preferito è «Time For A Witness».


luludia: Eccolo qua il giovanotto del gruppo!!! Comunque coi Feelies si va sempre sul sicuro...
madcat
madcat
Opera:
Recensione:
Da parecchio che vorrei ascoltarli. E poi quelle facce in copertina su Crazy Rithms mi hanno sempre attirato


luludia: Te li straconsiglio, per me sono eccezionali...
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
E' la prima volta che vedo dare così tante 5 stelle a un disco dei Feelies che non sia CR.
L'ho sentito di sicuro ma evidentemente non mi ha colpito se non lo ricordo. Sono troppo giovane?


luludia: beh, riprova...ci sono dischi (ma anche film, libri) che, semplicemente, non era il momento...poi capita anche il contrario...riguardo all'esser giovane, domani c'è il ballo della scuola, se non hai già un accompagnatore, se vuoi ti ci porto io...
TataOgg: Davvero Lully? Mi ci porti? ♥
luludia: certo...e con la torpedo blu...per darmi un tono di gioventù... Giorgio Gaber "Torpedo blu"
Conteverde
Conteverde
Opera:
Recensione:
Quando vedo un album di quegli anni, con una copertina raffigurante dei nerd spaesati e vestiti da bibliotecari, secndo me e' quasi sempre un capolavoro e non so perchè....
Bellissima pagina


luludia: saremo mica un filino spaesati anche noi?
Conteverde: Esattamente .
Come in quell'altro film lì di Pozzetto, come si intitolava , Ragazzo di Campagna :-)
luludia: ahahahha....
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Ah, il buon vecchio track by track... di Lulù!


luludia: ahahah, il traccheggio è il mio forte...
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Come al solito so quasi nulla di quello che proponi, ma il pezzo che hai messo è davvero una fikata...
E comunque sei luludioso e luludico anche nel track by track..


luludia: si fa del nostro peggio...
CosmicJocker: Questo è l'importante!
JpLoyRow
JpLoyRow
Opera:
Recensione:
Il giovanotto Jovanotti ecco chi bisognerebbe recensire.


luludia: l'hai già fatto molto bene tu...
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Lana caprina; musica e recensore!!


luludia: soprattutto il recensore!
lector
lector
Opera:
Recensione:
Delikatessen!


luludia: Alla prossima pane e salame...
lector: Buono pure quello!
Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Ti vedo informissima lulu. Questo disco mi manca, di loro conosco solo il primo disco, e che disco


luludia: Provalo!!! Poi mi dirai...
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Ciao


luludia: Ciao Odra!!! Tutto bene?
JpLoyRow: Odradek si cheti
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Mi ricordo che quello famoso non era male…
Ho sentito un paio di pezzi per me decisamente “lagnosi”…
Ma io, si sa, non capisco e ho gusti entrambi del cazzo

Alla recensione mi fido 5 (capito nulla, savansadir)

Anche se Woodstock pone perplessità (ho stima di Woodstock)


sfascia carrozze: @[luludia] è uno dei massimi esponenti della mefitica diffusione del concetto di #lagnarock
Si sà.
IlConte: Ahahahahahahah diciamo che per me lagna non è proprio negativo… è lagna, una roba un po’ strascicata sia nel sound che nella voce… priva di guizzi…
Insomma na lagna
Ahahahahahahah
sfascia carrozze: Per fortuna, a parte i DeAscolti di @[luludia] di #lagnarock non ho mai sentito gnente-di-nulla.
Non volontariamente, perlomeno.
IlConte: Ahahahahahahah
woodstock: Lulù è sempre fra i top e se non ci fosse bisognerebbe inventarlo...però questa volta secondo me ha toppato co ste traccia 1 traccia 2 traccia 3. Il disco è molto bello davvero ed è difficilmente classificabile, sta dentro la parabola artistica di questi quattro pazzoidi, per questo ho detto che credo sia abbastanza difficile parlarne. Conte, almeno la cover dei Beatles sul primo devi provare a sentirla :)
luludia: oggi parte la mia nuova lista, una specie di rieducational...
IlConte: Il primo l’ho anche preso entrato qui da poco penso perché metteva ascolti o scriveva recensioni quel rincitrullito di @[Almotasim ]
Lo ricordo valido pur non essendo proprio il mio pane quotidiano rimetti a noi i ns crediti e inducici in tentazione e non liberarci dalla goliardia
Amen
Almotasim : Anch'io lo ricordo valido Almo, pur essendo parecchio rincitrullito.
Il primo lo hai perché è spakkoso e perché hai la tua teoria del primo LP.
IlConte: Yesssssss
dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
good vibrations, yes


luludia: very good...
vibration
vibration
Opera:
Recensione:
si richiamano Good Vibrations ,sogno da una Vibration all'altra sperando, barando nell'aprire un occhio di acchiappare questo disco volante vestito dalla sua copertina che tante cose ci racconta con la musica delle parole.
Con le virgole sono perso in spirali a piacere ma mi sono perso anche con il significato.
AMEN


luludia: ciao vibration, benvenuto tra noi...
vibration: grazie per la pazienza
Kism
Kism
Opera:
Recensione:
WOW! Splendido recupero. Ricordo perfettamente l'uscita e l'acquisto di questo Album. Canzoni che ballavamo in discoteca (proprio cosi'). The High Road e Let'Go...non mi stanca mai! Una delle migliori uscite degli anni '80, e la loro migliore.


luludia: In discoteca??? Pazzesco...
Psycobob
Psycobob
Opera:
Recensione:
Bella e divertente rece, e che tempismo il mio:ho comprato il disco proprio settimana scorsa! Beh sì, bello veramente...


luludia: Ottimo acquisto...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Good Earth è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link