The Myrrors
Hasta La Victoria

()

Voto:

Purtroppo per fortuna è sempre così, una myrroriana avventura parte ogni·fantastica·qualvolta come una processione desertica già iniziata; Hasta La Victoria è di annata 2017 e si approccia come un gancio all’inerente cammino; cambia l'attrezzatura e non la filosofia, l'ensemble lascia per strada molti strumenti elettrici come eccessiva zavorra per il pellegrinaggio; flauti, tambura, violini e bouzouki sono presenti tra i tanti e volano sotto il sole negli strati percussivi che fanno da curvo metronomo, con una resa delle loro identità talvolta indistinguibile a causa delle insolite movenze che vengono date agli strumenti; i suoni sono innumerevoli come le ritmiche, mentre il colore in copertina è il colore della musica, ed il calore emerge dal basso, diretta semina del penultimo Entranced Earth; similmente al precedente, il racconto è quasi un'esclusiva degli strumentali; musica circolare, evocativa, psichedelia che gode delle moderne produzioni, ed anche se ogni tanto si permette di dilungare le idee un tantino troppo si fa - almeno da me - perdonare; lungo il disco, qualche miraggio che mi sembra di aver avuto riguarda la musica indiana, latina e dei nativi, tutto immerso nel solito krautrock che regna ogni impronta discografica dei myrrors; il rock fa non poco da provenienza per la banda, ma qui risulta per me solamente un’idea alquanto astratta.

Organ Mantra tira sul carro come solo questi degni musicanti sanno fare;

Tea House Music esemplifica come gli accompagnamenti percussivi, i fiati ed i cordofoni si districano nella sabbia di queste dune sinusoidali;

Hasta la Victoria può esplicitamente indicare che non si fermeranno, ma per come l’ascolto si incespica in questa prolissa conclusione lo sembra davvero;

Comunque, altri goduriosi applausi ed altro discobolo da immersione.

LP

Questa DeRecensione di Hasta La Victoria è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-myrrors/hasta-la-victoria/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Mi sono piaciuti i lavori precedenti,questa nuova veste sembrerebbe molto interessante. Vedremo.
BËL (00)
BRÜ (00)

MikiNigagi
Opera: | Recensione: |
Sempre sì
BËL (00)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grandissima band, tra le migliori in circolazione.
BËL (00)
BRÜ (00)

ziltoid: Tutti disconi, niente da far
Festwca
Festwca Divèrs
Opera: | Recensione: |
Borges ha visto l'Aleph in una cantina, in fondo alla scala sotto la sala da pranzo: una piccola sfera di due centimetri di diametro. Era un falso Aleph? Io ne ho trovato uno tra Tea House Music e Hasta la Victoria, durava circa tre minuti e in esso ho visto infiniti specchi che si riflettono tra loro. Sarà quello autentico? Certo è che i Myrrors sono per me sempre godibili ma non riesco a definirli o inquadrarli più precisamente di un generico "psichedelia".
BËL (01)
BRÜ (00)

ziltoid: infiniti myrrors
psychopompe: Oh io non me li sono mai cagati sti qua. Da quando fanno musica? Possibile che tutti ne parlate così bene e me li sono fatti scappare? Da cosa parto?
Carlos
Opera: | Recensione: |
Non conosco, ma recensione top. Se qualcuno lo sa: devo mettere Artista del Popolo per caso?!
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
Cazzo scaricato questo e il precedente. Ma ci piacciono proprio tanto! Gruppo del cuore subito!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: