The Stalin
Stop Jap

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando il punk arrivò nel Sol Levante.

Era il 1979 e , con un due anni di ritardo rispetto ai kids occidentali, Michiro Endo fondò una band controversa fin dal nome, band che rappresentava e rappresenta tutt'oggi il simbolo del punk nipponico.

Lo so, siete abituati al devastante noise rock 'n' roll di Guitar Wolf e Teengenerate. Ma date un ascolto ai nipotini scapestrati di baffone. Non ve ne pentirete e capirete molte cose riguardo lo sviluppo di questo genere nel paese dei manga e dei Samurai.

"Stop Jap", secondo parto datato 1982, è provocazione allo stato brado. Josif Stalin era l'uomo più odiato in quel paese e un titolo simile non poteva che essere letto come una dichiarazione di puro anti-patriottismo.

Considerazioni politiche a parte, questo disco è una bomba dal primo all'ultimo secondo.

La canzone più bella e significativa è la sgangherata "Romanticist". Stupendo, nella sua semplicità semi-amatoriale, il video prodotto ai tempi. Quattro teenager incazzatissimi e in cerca di una solida identità in mezzo a tanti "ismi".

Seguono sferzate di puro punk rock come la title-track, deliziosa, e la grintossissima "Money".

Piuttosto diversa dal resto delle songs è la finale "Warusahawa No Genso", un rock paranoico e contorto che ricorda talune cose dei Germs.

Sono proprio i fantasmi di icone autodistruttive quali Darby Crash, Sid Vicious e Iggy Pop a gettare oscure e minacciose occhiate brano dopo brano.

Nella ristampa del 2003 troverete anche due note e gustose cover. Una di "Light My Fire" e una di "No Fun" (guarda caso!)

Niente tecnicismi, produzione a basso costo , pur non cadendo nel lo-fi, e tanta furia.

Seguirà l'album "Mushi" , ma gli Stalin preferiranno avvicinarsi all'hardocre punk di band come Exploited e GBH. Insomma: altra storia e altre vicende.

"Stop Jap" : da sentire per pogare e per conoscere un mondo lontano dal nostro. No, non è una frase fatta.

Questa DeRecensione di Stop Jap è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-stalin/stop-jap/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

algol
Opera: | Recensione: |
Ottimo report. Poi approfondisco, nonostante il punk non sia il mio genere mi hai incuriosito.

Marco Orsi: fammi sapere!
algol
Opera: | Recensione: |
Secondo me il nippo è un idioma rock. Funziona alla grande, loro sciroccati al punto giusto.

Carlos
Opera: | Recensione: |
Ci volevano sul deb

JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Kaiser, mi son fatto un giro su discogs: ma quest'album ha i titoli solo in giapponese? Bravi, taglienti e forsennati , anche se fa strano sentire liriche nipponiche nel punk!

Marco Orsi: Giapponesissimi.
snes
Opera: | Recensione: |
Che moniker di merda.

IlConte
Opera: | Recensione: |
Ho sentito un paio di pezzi... troppo punk e troppo poco punkrock pur mua.
Approvazione al nome baffone ovcors,
Dal Giappone praticamente conosco bene solo Guitar Wolf

Almotasim
Opera: | Recensione: |
lector
Opera: | Recensione: |
Bella segnalazione!

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Zozzoni al punto giusto...

MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
figo, adesso sono stravolto pòi approfondisco
con il disco (vedi non mi viene neanche una battuta decente) ciao


JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grezzi, onesti, mi acchiappano fin là ma ben vengano 'ste Recenzione punkettose.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: