Sto caricando...

The Work
See

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando ritornai in Brasile dopo un mese passato nella sempre piú lontana Italia, rimasi sgradevolmente colpito nel trovare ammuffito tutto ció che la mia casa conteneva. Non avevo affatto pensato che lasciandola chiusa durante la stagione delle piogge avrei trovato quella sorpresa. Compresi in seguito che quest´episodio non era altro che un piccolo sintomo di un equilibrio. Se da un lato qua, tutto é estremamente fecondo; dalle piante che crescono a vista d´occhio, alle ragazze madri che spensieratamente sfornano bimbi, dall´altro c´é morte, degrado e deterioramento. Condizioni presenti nella vita di molta gente e nelle cose in generale.

Ricordai lei. Portava con sé poche cose, qualche foto e abbastanza recente. La levezza del fardello e la sua propensione al non accumulare cose, mi affascinó non poco. Percepii poi come l´ambiente modella la nostra cultura e quanto i nostri ambienti fossero differenti. Pensai alla vecchia casa rurale di mia nonna che conserva tutto perfettamente, nonostante il passare degli anni o alla casa dei miei dove volendo posso ritrovare i miei quaderni delle elementari.

Cosí adesso, vorrei accumulare meno oggetti possibili, sentirmi piú leggero e meno condizionato dalle cose, come dai miei CD; al sicuro in Italia, lontani dalle malfamate muffe brasiliane. Uno di loro é questo "See" del 1992, ultimo album in studio dei The Work.

Lo comprai quando usci o poco dopo, probabilmente spinto da qualche recensione. Ricordo che pure un´ amica lo possedeva. Pensai allora che fossero conosciuti, invece mi sbagliavo, di loro si parla poco. Ricordo anche che li paragonai ai King Crimson ma all´epoca avevo pochi riferimenti. Non credo neppure conoscessi ancora gli Henry Cow, che cito non certo per paragoni stilistici quanto a causa di Tim Hodgkinson, membro dei The Work insieme ai meno famosi Bill Gilonis, Mick Hobbs e Rick Wilson. Lo stile musicale ha poco a che vedere con il RIO, tantomeno con il progresssive. Che sia rock, non ci piove. Non mi piace chiamarlo post-punk, anche se appare decadente e urbano. Ha il suo fascino nelle ritmiche, con chitarra tutt´altro che virtuosa, sembra qualcosa di sospeso fra le Wave: la No, la New e la Dark. Il pezzo "Tell" mi suona carico di riferimenti: sembrano i Talking Heads che virano i primi King Crimson.

Danno l´impressione di essere uno di quei gruppi che difficilmente si possono collocare in un posto preciso. Chi arriva a loro per la strada del rock in opposition si depara con uno stile con atmosfere inusuali ai comuni riferimenti del genere, chi invece li conosce aspettandosi un lavoro post-punk o industrial, puó rimanere sorpreso da certe soluzioni che con l´orecchio di oggi non posso definire complesse ma bensí inusuali.

Lontano dalle orecchie di molti, nella loro piccola storia, i The Work ci hanno regalato dei lavori di indubbio valore (questo e "Rubber Cage", soprattutto). Li ascolto con molto piacere anche oggi, e vi assicuro che son poche le musiche che dopo vent´anni mi porto ancora appresso. Come a dire: tanti album col tempo fanno la muffa, taluni nascono giá con le spore e altri passano incolumi mode e stagioni.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

drunkedQueen
drunkedQueen
Opera:
Recensione:
Cazzo loro me li ricordo, non so quando, non so chi, mi fece ascoltare una roba tipo un live jappo... spero di non prendere un abbaglio! :) Tento di recuperarli. Recensione davvero molto, molto bella. Un tempo avevo bisogno di tenere accanto a me gli oggetti e i ricordi più importanti. Oggi anch'io preferisco saperli lontano e, soprattutto, nel posto più sicuro del mondo.


giola
giola
Opera:
Recensione:
oooooh, bentornatoooo!!! anche io vengo poco qui ma tu ti eri dileguato letteralmente!!


ProgRock
ProgRock
Opera:
Recensione:
Effettivamente i King Crimson ottantiani han molto in comune con quel suono così secco e cerebrale dei Talking Heads, lo dimostrano anche la presenza di Fripp in "Fear Of Music" e di Belew alla produzione di "Remain in Light", elementi stilistici senza tempo che sembra contenere il disco recensito, la presenza di Hodgkinson mi convince ancor di più a cercarlo al più presto.


ZannaB
ZannaB Divèrs
Opera:
Recensione:
Non conosco e non credo faccia per me, ma 5 alla rece te lo volevo dare lo stesso!


Giona
Giona
Opera:
Recensione:
Questo è un disco che, per più di un aspetto, definirei ambiguo. Gli azzardi avanguardistici, soprattutto rispetto alle formazioni radicate nei territori progressivi, sono limitati e mai estremi o troppo ambiziosi, però l'ascolto risulta essere comunque impegnativo a causa dei ritmi opprimenti e di quell’atmosfera madida di alienazione che permea tutte le tracce e raggiunge in "Warehouse" autentiche vette di straniamento. Proposta affascinante.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Ennesima paginona. Grande macaco!


enbar77
enbar77
Opera:
Recensione:
Quando passa @Macaco, rimane il segno. Positivo! Interessante segnalazione tra l'altro.


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Grazie a tutti. @Drunkedqueen: si, live in Japan dell´82 con Cutler alla batteria, un grande, ma che in quel frangente non convince. @Giola: sette mesi senza internet + un´altra bambina = un´anno senza debaser.@Zannab: ho apprezzato. Até logo!


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Ciao, Macaco. Questo non credo di conoscerlo, (la mia memoria è un colabrodo) e non son nemmeno riuscito a "pescarlo". Ma son contento di averti rivisto. Salutami la creatura e auguri.


markus82
markus82
Opera:
Recensione:
ciao,sei stato bravissimo ...mi piace la tua scrittura


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Però, davvero una bella sorpresa questi The Work. Ancora grazie, Macaco. Ora cerco anche questo, prima o poi lo trovo.


giola
giola
Opera:
Recensione:
Un'altra bimba Macaco? auguriiii, a me è nata una bimba il 25 novembre!! :)))


fosca
fosca Divèrs
Opera:
Recensione:
Questa me l'ero persa. E' stupenda Macaco, e mò me li cerco. Bentornato a noi :)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di See è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link