The Yardbirds
For Your Love

()

Voto:

Mi sono spesso chiesto se ci sia mai stato un motivo per cui, finché gli Yardbirds avevano Eric Clapton come chitarrista, in Italia non si siano mai degnati di pubblicare lo straccio di un singolo. A guardar il pelo nell’uovo però, non è così. Nonostante sulla copertina italiana del 45 ci sia l’immagine di Jeff Beck (subentrato a Clapton, inorridito dalla svolta pop del gruppo!) quando gli Yardbirds incisero il brano, alla chitarra solista figurava proprio il futuro Cream che, in verità, diede solo un piccolo contributo impegnandosi ben poco e non suonando neanche l’accenno di un assolo; lui avrebbe voluto incidere nientemeno che una cover di un brano di Otis Redding! A scrivere “For Your Love” fu il diciannovenne Graham Gouldman (futuro membro dei 10cc) che in verità aveva in testa i Beatles quando la compose, tanto è vero che desiderava fossero proprio loro ad inciderla! Come ben sappiamo fortunatamente non andò così, e quindi gli Yardbirds con questo 45 giri salirono finalmente alla ribalta, dopo esser stati scartati dalla CBS e dalla Decca e avendo ottenuto un contratto con la Columbia, e scritturarono Beck (dopo un rifiuto da parte di Jimmy Page). Una delle tante curiosità che riguardano l’incisione di questa canzone è l’intro: fu scelto Brian Auger per suonarlo all’organo ma, con incredulità, tutti si resero conto che al momento non era disponibile né un organo e nemmeno un pianoforte; Auger così suonò l’inizio (che ripete gli accordi di accompagnamento per tutta la durata della canzone) con un clavicembalo disponibile, pensando - in cuor suo - che nessun amante della musica pop avrebbe mai comperato un disco con un clavicembalo all’interno! Fortunatamente ciò non accadde e la canzone, seppur di struttura alquanto elementare (quegli accordi iniziali erano la prima preda di chi si apprestava ad imparare a suonare una chitarra), esce fuori con forza e con piglio assolutamente vincenti grazie anche ai tamburellanti bongo suonati da Denny Pierce. Vistoso l’effetto in controtempo della batteria, la voce di Relf è bella e chiara, e i cori assaltano il brano scalando di continuo le note, mentre il bello viene con l’inciso che cambia completamente tempo e si sviluppa accartocciandosi su se stesso. Il retro, intitolato “Got To Hurry”, porta la firma di un certo Oscar Rasputin, dietro il quale si celava Giorgio Gomelsky, e in questa occasione Clapton ci da dentro con più foga probabilmente perché sentiva che questo pezzo era molto più vicino al suo modo di intendere una canzone. C’è molta vena blues e il canto del cigno di Eric è salutato con la sua elettrica per tutta la canzone, grazie anche al fatto che trattasi di uno strumentale e quindi molto avvezzo a lasciar spazio al chitarrista; da qui ne nasce un assolo killer che andrebbe ricordato insieme al resto dell’opera di Clapton come uno dei più intensi commiati della storia per un chitarrista che ha deciso di andarsene da un gruppo. Se nella vostra collezione possedete la personale copia di questo singolo, potete vivere in pace, tranquillamente!

Questa DeRecensione di For Your Love è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-yardbirds/for-your-love/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

Battlegods
Opera: | Recensione: |
Imposta la rece con paragrafi, la si legge meglio di sicuro. Comunque, singolo shock con sitar e tanta innovazione. Azzardo un 4 perchè la mia preferita è "Shapes of things" (mezzo proto punk, pure migliore dei Who di "I can see for miles")
BËL (01)
BRÜ (00)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Non lo sapevo di Gouldman o meglio non avevo ricollegato con i 10cc.
BËL (01)
BRÜ (00)

amarolukano
Opera: | Recensione: |
manca il video, straordinariamente kitsch

BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Bella.
Io, comunque, il pelo nell'uovo l'ho sempre cercato, mica guardato.
BËL (01)
BRÜ (00)

hellraiser: L'hai trovato sto pelo?ah ah..
Pinhead: Infatti pare che qualcuno lo trovi pure, ma che qualcuno lo guardasse non lo sapevo proprio :-)
Comunque, io ancora non ho trovato niente.
IlConte
Opera: | Recensione: |
E' risaputa la mia assoluta non memoria musicale ma qui e' leggermente il mio terreno. Se non sbaglio avevano pubblicato due 45 l'anno precedente "Wish you Would" e "Good Morning Little Schoolgirl" ma non se li era cagati nessuno in Inghilterra, figurati se andavano a pubblicarli in Italia... e poi i primi due album (uno live e uno in studio) sono praticamente solo cover. Quindi e' semplice "For Your Love" fu il primo successo tutto qui... ma sicuramente sbaglierò ahah!
BËL (00)
BRÜ (00)

sergio60: mica tanto.....andò proprio cosi,e clapton se ne andò perchè voleva fare blues,fini all università del blues cioè alla corte di j.mayall per andarsene appena finito di registrare il mitico primo lp chiamato da quella macchina da guerra che sarebbero stati i cream....ma gli yardbirds restano una pietra d'angolo del rock hanno avuto tra le loro fila clapton beck e page con questi ultimi insieme nel brano .....oddio non mi viene il titolo!! happiness ten years ago! i cui blues psichedelia e rock si fondono con un equilibrio mirabile e affascinante .curioso che un gruppo cosi importante non abbia mai prodotto un lp vero e proprio...i loro lp erano raccolte di singoli che facevano uscire a ritmo serrato e venivano poi raccolti in lp a chiusura di un ciclo di uscite ....,certo le vie del rock a volte sono imperscrutabili ....
IlConte: Mettendo ordine del tutto i primi tre dischi non sono album (anche se ora vengono classificati come tali) ma, appunto raccolte di canzoni "sparse" . "Roger The Engineer" e "Little Games" sono invece album "veri" con tutte le canzoni (vado a memoria) scritte dal gruppo. Certo che una chicca bella e' in Blow-Up dove sono in concerto e Beck sfascia la chitarra con un quasi irriconoscibile, mio amato, JP Page sullo sfondo. Comunque sono stati il "ponte' tra il blues e ritmendblues americano e la loro Inghilterra con tutte quelle favolose cover hanno portato, forse i primi in quel modo, quel sound al di qua dell'oceano.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: