Thee, Stranded Horse
Churning Strides

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nudo e crudo. Nessun fronzolo, niente elettronica. Questo è Thee, Stranded Horse (con la virgola), seconda incarnazione del francese Yann Tambour, già incontrato nei panni di Encre. Post-folk, neo-folk... chiamatelo come volete, le etichette importano poco. Yann alterna chitarra e kora o addirittura le suona contemporaneamente, l'una con la mano sinistra e l'altra con la destra, in maniera magistrale. A volte sussura, altre il suo cantato accarezza toni rabbiosi. E nel mentre non smette mai di tessere accordi come se fossero i fili di un'intricatissima ragnatela.

Canzoni un po' spettrali tanto scheletriche, basate unicamente sul suono dei suoi strumenti e della sua voce, tinte fosche che non si diradano mai. Giri ipnotici, ripetuti e continuamente intarsiati ed arricchiti da nuovi intrecci. Un groviglio di accordi impossibile da scindere.

Con un piglio di altri tempi, "Churning Strides" sembra uno zootropio che non viaggia mai alla stessa velocità ma piuttosto segue un ritmo altalenante: le melodie rallentano, sembrano fermarsi... un falso finale, un momento per tirar fiato per poi riprendere nuovamente, con ancora più spinta.

Richiami obbligati: il Marc Bolan pre-lustrini e glitter (dei suoi Tyrannosaurus Rex "Misty Mist") ed il suo emulo Devendra Banhart, il folk di quel posto fantastico dove il Mississippi ed il Niger confluiscono in un unico fiume sulle sponde del cui Jacques Brel, beato, si beve un bicchiere di Beaujolais.

Questo ragazzo ha talento, e tanto.

Questa DeRecensione di Churning Strides è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/thee-stranded-horse/churning-strides/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (QuarantaNove)

maryg
Opera: | Recensione: |
bella recensione, anche se un po' stringata. ho sentito i pezzi sul myspace ma non mi ispirano un granchè di nuovo. le melodie si fermano davvero.

lemuro
Opera: | Recensione: |
considerato che devendra è diventato una droga per le mie orecchie, mi sa proprio che il tuo povero cavallo lo dovrò presto cavalcare......

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
sapevo che l'avresti scritta :) adesso me lo riascolto

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Questa ragazza ha talento. E tanto.

Festwca
Opera: | Recensione: |
Ringrazio sentitamente per la segnalazione e provvedo all'immediato ausculto. Chitarra e kora in contemporanea: ha quattro braccia??

bjorky
Opera: | Recensione: |
mmmm sì, mi interessa....

therealramona
Opera: | Recensione: |
il mississippi e il niger... lo preferisco come encre (strano, vista la scheletricità). la voce mi lascia un po' così. rece tutta in una schermata come esigo io (!).

Antmo
Opera: | Recensione: |
aaaaaah! per caso è "folk apocalittico"??? la recensione è bella e raffinata, complimenti. ps. che ficata d'altri tempi lo zootropio!

alessioIRIDE
Opera: | Recensione: |
supersoul
Opera: | Recensione: |

Yo sí oigo a Donovan
Yo sí oigo a Marc Bolan
Yo sí oigo a esto Thee
A Six Organs me gusta a mí


Blackdog
Opera: | Recensione: |
Iggy Pop 'The idiot' according to Blackdog in esclusiva e senza decoder
only su Pagina non trovata Culattoni o raccomandati?
Nel dubbio potrebbe arrivare in città il pacifico Chuck Norris. Una volta
Mae West disse al Texasranger: 'Sei contento di vedermi o hai in tasca 'na pistola?'. Chuck le ha sparato.

trellheim
Opera: | Recensione: |
inseriti samples, se qualcuno fosse troppo pigro per andare su myspace. ramona: tu mi confondi. fest: non ha quattro braccia ma penso seriamente che abbia 10 dita per mano, quella che senti nel sample 3 è una chitarra sola. antmo: con il folk apocalittico non c'entra una beata sega nulla. raffinata io, eh? tsk!

pretazzo
Opera: | Recensione: |
ah ah bello il link allo zootropio! :-) la recensione parla chiaro: questi non credo mi possano piacere...tuttavia, finiti i nirvana, mi ascolto i samples...

pretazzo
Opera: | Recensione: |
e invece mi piacciono!

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Lello
Opera: | Recensione: |
Lo sto sentendo. Bello e malinconico, come una brutta giornata di settembre.

psychopompe
Opera: | Recensione: |
il beaujolais è una delle invenzioni vinicole per cui dovremmo linciare i fratelli francesi (per il resto silenzio, capo chino e scudisciate sulla schiena, tutto quello che sappiamo sui metodi di vinificazione ci sono stati insegnati dai fratelli d'oltralpe). Ma i riferimenti m'intrippano....suonano tipo SIx Organs Of Admittance? Tipo Voice Of The Seven Woods? Tipo Accept? Che fico lo zootropio lo vedo tutte le notti prima di addormentarmi.

trellheim
Opera: | Recensione: |
ho sparatoun vino francese a caso... per giudicare ci sono dei simpatici samples o ancora meglio il link myspace ma occhio e croce ti dico: no, non c'entra una cippa. almeno penso.

trellheim
Opera: | Recensione: |
ah, tra l'altro: SUONA. singolare. il ragazzo è uno solo. con quante dita non so, ma uno solo.

psychopompe
Opera: | Recensione: |
vedevo prima sulla mail di(C)lapdance promotion che lo porta in Italia....ma ou? DIcevi a Roma, conoscere altre date?

trellheim
Opera: | Recensione: |
in realtà ovunque tranne che a roma. copio/incollo: GIOVEDI 22 NOVEMBRE - Rorschach @ Mariaberg (Swiss) SABATO 24 NOVEMBRE - Cesena @ AfternoonShowCase at Lego Cafè + Concert at Officina 49 DOMENICA 25 NOVEMBRE - Ferrara @ Zuni MARTEDI 27 NOVEMBRE - Copertino (Le) @ I Sotterranei MERCOLEDI 28 NOVEMBRE - Milano @ S'Agapò [data da confermare] GIOVEDI 29 NOVEMBRE - Torino @ El Barrio

odradek
Opera: | Recensione: |
Peccato quella voce, il suo timbro ... in certi momenti piuttosto bruttina, per me. Anch'io ho preferito il disco di Encre, ma pure in questo trovo momenti davvero ispirati. Quasi 4?

odradek
Opera: | Recensione: |
trellheim
Opera: | Recensione: |
alla fine ognuno ha la voce che si ritrova, no? essendo lui one man band parrebbe brutto far cantare qualcun altro...

Lello
Opera: | Recensione: |
Ciao Odra, anche a tutti gli altri ovviamente.

odradek
Opera: | Recensione: |
Si, certo: ognuno ha la voce che si ritrova. E qualcuna mi piace meno di altre. Infatti dicevo peccato per me, mica per lui.
- Spesso, il timbro e l'uso della voce sono una discriminante assoluta. Spesso mi fotte poco quel che dice, faccio fatica a comprendere, non ho voglia di leggere i testi mentre ascolto, ecc.. Ma un timbro, la grana di una voce, la sua capacità di essere innanzitutto suono, di muoversi con personalità e efficacia tra i suoni, tutte queste cose mi mi arrivano immediate al centro dell'ascolto. E quando invece non mi garbano faccio fatica a non badarci...

uxo
uxo
Opera: | Recensione: |
www.debaser.it/Chat80Basic/cli ent.aspx LA CHAT DI DEB è TORNATA

therealramona
Opera: | Recensione: |
e poi le canzoni che si fermano e poi riprendono. swaying eel non dovrebbe fermarsi mai, avanti a oltranza fino a incriccarsi le dita. tutte e venti.

Lostinspace
Opera: | Recensione: |
Qui di fingerpicking ce n'è parecchio... eseguito ad arte con 5 dita che sembrano... 37 chissà come mai. Il disco è bello ma devo ancora assimilarlo. "Swaying Eel" è la canzone dell'anno. La sogno di notte. La sento nelle dita, pur non possedendola. Non ancora, perlomeno. L'ho ascotata fino a consumarla. E a consumarmi. La voce non può che essere quella, bella o brutta che sia. La recensione è bella e vera. E mi piacciono le parole che usi. Niente 5 al disco perchè non mi ha rapito nel complesso come la "singola" Swaying Eel. Io vado a vederlo il buon Yann. Un po' lo amo. 5 a te perchè non conosco sulla faccia dell'orbe terracqueo pusher musicale migliore di te. E perchè quando scrivi sei tu.

Lostinspace
Opera: | Recensione: |
E ora... inevitabile ed ineluttabile.... Tié

josi_
Opera: | Recensione: |
Già sai che ci ho provato ma non riesce a conquistarmi, e non so perché. Di sicuro Swaying Eel è bellissima, per carità. Bellissimo il riferimento allo zootropio, tra le tue più riuscite. E il concerto al S'Agapò, se lo confermano, comunque mi incuriosisce non foss'altro che per il locale, che vale

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera: | Recensione: |
"Canzoni un po' spettrali tanto scheletriche". Lo cerco, lo cerco, lo cerco.

trellheim
Opera: | Recensione: |
lost, tu hai sentito swaying eel fino a consumarla/ti, eh? ed io che per un paio di mesi l'ho sentita almeno una volta al giorno, come se fosse una medicina? con risultati notevoli, dato che m'è venuta la tonsillite. comunque a vedere il buon yann non sarai solo. e miao miao purrrr purrr

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
non devi cercare lontano Zzzz. :) non l'ho ascoltato quanto Encre, xché non mi prende altrettanto. 3.5 -- Ad ogni modo il ragazzo è davvero talentato, ha delle ditina fatate.

Targetski
Opera: | Recensione: |
non riesco ancora a capire se sia un disco ossessivo o etereo, soprattutto quando lui si incanta per minuti e minuti (come in quella swaying eel), se lo fa perché si emoziona e non riesce a mollare la vibrazione, o se lo fa perché si stordisce, si intontisce, si droga, ma mi piace, e mi piace molto, ma forse sharpened suede sulle altre, perché è più scollegata. thanx trella per l'ennesima dritta.

Pietro Minchiadura
Opera: | Recensione: |
Ah, so che non lo ascolterò mai (di nuovo!)!

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera: | Recensione: |
perfetto adesso, molto bello, grazie Trell.

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
ascoltato ieri in loop insieme a jose gonzales. fantastici entrambi, magari yann una spanna sopra jose.

AMALTEO
Opera: | Recensione: |
mi era scappata la tue recensione. ti ringrazio ancora per evermi introdotto alla conoscenza del trentenne talentuoso.
ciao

Bisius
Opera: | Recensione: |
"Swaying Eel" è il pezzo dell'anno dietro ad "Atlas" dei Battles, dai 6' in poi quando parte con l'arpeggiato in finger nemmeno una fucilata in pancia potrebbe fermarlo. Troppo, troppo, troppo bello. E gran bello anche "Flux" di Encre (sempre lo stesso signorino, con pseudonimo diverso, vero?). Grazie Trell della doppia dritta.

therealramona
Opera: | Recensione: |
blechtrommel
Opera: | Recensione: |
Una splendida ragnatela, toccante, delicata, ammaliante e ipnotica. Grazie Trell:)

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
therealramona
Opera: | Recensione: |
ha tolto il thee-virgola spero ti piaccia.


boredom
Opera: | Recensione: |
visto ieri sera come supporto a Shannon Wright. Ti ho pensato.

therealramona
Opera: | Recensione: |
da ascoltare assolutamente nei pomeriggi estivi belli torridi, desolazione e malinconia.

Stanlio
Opera: | Recensione: |
mai l'avevo sentito prima, ma il pezzo Swaying Eel che ho appena finito è notevole

musicanidi
Opera: | Recensione: |
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
bellissimo ripescaggio.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: