Thursday
Full Collapse

()

Voto:

Che lo si voglia o no i Thursday sono stati uno dei gruppi che più hanno segnato l'ultimo decennio.

Hanno rivoluzionato uno dei generi più sputtanati di sempre, l'emocore post anni 2000, elevandolo ad un livello di eccellenza difficilmente raggiungibile, e "Full Collapse" è l'inizio di tutto (o meglio, è il primo album sotto major poichè il debut "Waiting" è stato realizzato dall'etichetta indipendente Eyeball). Mi piace pensare al percorso del combo originario del New Jersey come al volo di una colomba, volatile particolarmente significativo per la band: è inannzitutto il loro logo, creato dal chitarrista Tom Keeley, e nei testi si ritrovano diversi riferimenti all'uccello; un volo ad ali spiegate, tra le nuvole appena sopra la città, osservando quello che accade in basso. Perchè è questo il panorama che descrivono i cinque: una corsa, rapida, veloce, tra le strette vie di una metropoli, una corsa che poi si fa più lenta quando la pioggia diminuisce, ma che poi implacabillmente ritornerà.

Bisogna subito precisare che la nasalissima voce del grande Geoff Rickly difficilmente piacerà al primo ascolto, se si riesce ad andare oltre a questo, a sentire tutta l'anima che ci mette, da quanto in profondità provengono gli scream... bè gran parte del lavoro è fatto. Perchè i Giovedì non sono solo la straordinaria prova vocale appena descritta, che già di per se basterebbe...il loro splendore risiede in egual modo negli intrecci che riesce a creare il duo Keeley-Pedulla, nei mai banali cambi di tempo, che ti colpiscono quando meno te lo aspetti, nelle incredibili aperture melodiche, nelle sfuriate metalliche, nei piccolissimi breakdown appena accennati. Sarebbe superfluo inoltre fare un'analisi track by track, si toglierebbe gran parte del gusto della scoperta, ma se volete scegliere un paio di pezzi per capire di cosa sto parlando partite da "Cross Out The Eyes" e "Paris in Flames".

Non vi è nulla di scontato, di già sentito, ogni stacco, ogni urlo, colpiscono come frecciate al cuore. E' qui che si trova la componente più emo del gruppo, ricordando a tratti i Sunny Day Real Estate, ma questo è solo l'inizio, perchè catalogarli appunto come "emo" o "post-hardcore" sarebbe quanto meno riduttivo, nonostante le loro radici provengono proprio da questo calderone.

"Full Collapse" è solo l'inizio del volo della colomba, un volo incessante, che quando batte la pioggia sembra stentare, rallenta, ma poi si alza, guardando la città, spiegando le ali d'aquila.

Questa DeRecensione di Full Collapse è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/thursday/full-collapse/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

boyintheocean
Opera: | Recensione: |
Mai sentiti. Il massimo del genere a cui ho fatto orecchie sono stati i grandi At the Drive In.
Gli emo però strillano troppo.
BËL (00)
BRÜ (00)

princexero
Opera: | Recensione: |
Mai piaciuti.
Il cantante è insopportabile per quando mi riguarda. Strumentalmente bravi comunque.
I Thrice (simili nel genere) sono nettamente superiori.

BËL (00)
BRÜ (00)

reverse
Opera: | Recensione: |
"Gli emo però strillano troppo". Sarà per dove va a finire l'uccello citato nel disco?

BËL (01)
BRÜ (00)

Divodark
Opera: | Recensione: |
Mai piaciuti, preferisco i Thrice a loro. Geoff Rickly l'ho apprezzato soltanto con gli United Nations (vabbè che lì c'era anche Daryl Palumbo...)
BËL (00)
BRÜ (00)

gasba 77
Opera: | Recensione: |
divodark per me invece i due gruppi sono imparagonabili, pur apprezzando assai le nazioni unite
BËL (00)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Mai approfonditi nonostante abbia ascoltato un paio di canzoni tra cui la citata cross out the eyes..ogni volta mi riprometto di sentirli meglio ma poi mi dirigo altrove..dei Thrice invece ho ascoltato tre dischi..bravi e non scontati!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: