Tosca
Dehli 9

()

Voto:

Continua la separazione consensuale del marchio K&D, la quale vede Richard Dorfmeister “tradire” il partner Kruder con Rupert Huber, vecchio compagno dei tempi di scuola.
Proprio a quegli anni risale il progetto Delhi 9.
Si tratta di un pezzo di storia biografica del duo Tosca, ovvero la primissima collaborazione che ha visto i due compagni muovere i primi passi a suon di tastiere, chitarre e flauti, in tempi in cui equipaggiamenti Midi e VST plugins ancora non avevano la diffusione odierna.

Memori di queste radici, il duo viennese intitola Delhi 9 il suo nuovo lavoro, un succoso doppio cd in cui tutti i suoni sono per l’appunto prodotti dal vivo e solo successivamente rimaneggiati al computer.

Nel primo disco Dorfmeister propone il suo classico sound fatto di tappeti dub, su cui incastona gradevoli loop downtempo, seguendo lo stile già assaporato nel precedente Suzuki, e tuttavia differenziandosene con un ricorso più frequente a contributi vocali e beats uptempo.
Il secondo cd invece vede Huber suonare una dozzina di pezzi al pianoforte, in origine destinati ad un progetto a parte, da cui Dorfmeister ricava dodici sessioni condite di lievi intromissioni elettroniche e riverberi impercettibili.

I due cd sono da ascoltare in simbiosi e rappresentano l’uno la naturale prosecuzione dell’altro: soffice e frizzante il primo, fa ballare piedi e neuroni contemporaneamente. Notturno e narcotizzante il secondo, da ascoltare rigorosamente in posizione orizzontale...

Nel complesso un lavoro di buona fattura che dà nuova linfa ad un genere (downtempo, lounge o chill-out se preferite) che proprio aveva bisogno di spunti originali.

Questa DeRecensione di Dehli 9 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/tosca-dorfmeister/dehli9/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Diciassette)

turkish
Opera: | Recensione: |
Ahhhh... "Fuck Dub", primo pezzo di "Opera"... che gran cosa!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Rivo
Opera: | Recensione: |
Joser, l'avevo recensito ieri e mi si è impallato il pc PROPRIO MENTRE SCHIACCIAVO "INVIA". Dopo una ventina di bestemmioni mi sono rassegnato. Comunque avevo dato anch'io 4/5!!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Rivo
Opera: | Recensione: |
Il voto....
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

joser
Opera: | Recensione: |
azz, mi spiace rivo... mandala comunque, due opinioni meglio di una!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Rivo
Opera: | Recensione: |
Ma no, Joser. Va bene così. E' inutile sprecare così le risorse. Poi come ti dicevo sono giunto alle stesse conclusioni. Sarebbe un'inutile ripetizione. ;-))
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
innamorato pazzo di SUZUKI non vedo l'ora di ascoltarlo dopo l'ottima recensione di joser!!che ne dici di SUZUKI IN DUB?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
scusate il voto al disco ho errato spero di poterlo confermare al + presto pero'!!!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
suzuki in dub è a dir poco succulento, forse anche meglio dell'originale!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
ma il midi esiste dagli anni 80!!!!!
comunque tutti i dischi di Tosca sono STRAORDINARI, a partire da suzuki passando per opera(onirico!).
Delhi 9 è da ascoltare più volte, ma contiene delle perle che risaltano immediatamente(vedi Gute Laune o wonderful).
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

luciano
Opera: | Recensione: |
Ottima recensione, avrei gradito se l'avessi farcita con qualche altra notizia, ma quelle necessarie ci sono. Sono passati 7 mesi dall'uscita, ma constato che non sono in tanti ad averlo ascoltato sino a votarlo... (come spesso succede su questo database per i pochi dischi originali che escono). Quasi 5 al cd1, deludente il cd2, poco più che uno studio di chi, controllando pienamente lo strumento elettronico, cerca di affacciarsi alle sonate (che invece rappresentano, e non solo a mio avviso, il prodotto classico più difficile da raggiungere e completare). Da ascoltare a letto perché se ti alzi lo togli dal lettore. Per quello che riguarda il connubio tra motivo e sfondo elettronico, non vale l'unghia di "Phaedra"-Tangerine Dream o "No Pussyfooting"-Eno & Fripp; poi, de gustibus... Ciao.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
tiene sospesi in aria..
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

slint
Opera: | Recensione: |
io non riesco a farne a meno!!!!!!!! esiste una cura? spero di no! ancora dal vivo non li ho mai visti.. del genere,dj elettro,ho visyo solo MOUSE ON MARS e MATMOS. mi sono sembrati interessanti.. cè qualcuno che ha visto un live loro?se non sbaglio sono stati in ita un pò di tempo fa... LUCIANO STAI TRNQUY!!! NON 6 SOLO! io cerco solo musica originale!!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ZiOn
Opera: | Recensione: |
Molto bello sto cd, a me piace un sacco "Gute Laune" :D
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

LoneSwordsman
Opera: | Recensione: |
ah! com'è che mi era sfuggito il commento per questo doppio cd??? bah!
cmq superbo! come ogni loro produzione... molto di +, niente di - eheh
4+
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ZiOn
Opera: | Recensione: |
Io però preferisco "Suzuki", lì ci avviamo verso il punteggio piento... %/% ;-)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ZiOn
Opera: | Recensione: |
5/5 volevo dire. Sorbole!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

joser
Opera: | Recensione: |
è vero zion, suzuki è una spanna sopra...e anche suzuki in dub non è male
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: