Totaled
Lament

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ogni tanto è bello stupirsi di una nuova uscita discografica, perché lo ammetto, sono abbastanza legato al passato e guardo un po’ di traverso il nuovo, soprattutto quando trovo che suoni poco innovativo. Quindi sorpresa è stata quando ho sentito una traccia di Lament dei Totaled, gruppo facente parte della scuderia della Profound Lore, etichetta molto sensibile alle proposte post-qualcosa metal.

Procediamo con ordine: innanzitutto del gruppo non si sa nulla, tranne che sono americani, probabilmente sono solo in due, lo deduco da una foto vista in rete, ma non ne ho la certezza; nel booklet del cd ci sono solo i testi, non c’è un nome, non c’è un ringraziamento, niente che dica dove abbiano registrato. Mistero completo.

Per fortuna le tracce ci sono (eheh!) e tutto ciò provoca grande fomento: ci troviamo di fronte ad un ibrido black metal/hardcore riuscitissimo. Riff in tremolo picking che sanno di primi Mayhem, glaciali ed inesorabili, una sezione ritmica distruttiva con una batteria che passa con scioltezza da blast beat a d-beat ed un basso sempre sugli scudi che non fa scampo. E poi spunta la melodia qua e là, come nei migliori Dissection, supportata da quel suono avvolgente e liquido caro al migliore post-hardcore. Ciliegina sulla torta infine: assoli che paiono usciti da un album dei Metallica anni ottanta. Il bello è che tutte queste caratteristiche ed influenze sono mescolate benissimo tra loro e le canzoni scorrono con una naturalezza quasi imbarazzante. Il minutaggio pure è azzeccato, sui trentasei e qualcosa, e non concede spazio ad alcun riempitivo.

Finalmente ho trovato un album black metal moderno (meglio dire blackcore forse?) che mi gusta parecchio, perché ammetto di non amare il cosiddetto cascadian che ho sempre trovato prolisso ma soprattutto pretenzioso, qui invece ci troviamo di fronte ad una band diretta, melodica ed oscura quanto basta ma che va dritta al punto, quasi fossero una sorta di Unanimated dei tempi contemporanei.

Insomma se un mattino vi svegliate e non sapete se ascoltare i Mayhem oppure i Turmoil mettete su i Totaled e non ve ne pentirete.

Questa DeRecensione di Lament è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/totaled/lament/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

Giangiorgio
Opera: | Recensione: |
La Profound Lore è fantastica! Ottima proposta la tua, le darò un ascolto e ripasserò. Se ti interessa la fusione tra Black e HC Punk, che mi pare piuttosto di moda ultimamente, ti consiglio i Devil Master e il loro "Satan spits" ecc.
BËL (01)
BRÜ (00)

Elfo Cattivone: Ci do un ascolto allora.
Giangiorgio: A un primo ascolto mi sono sembrati molto più Black che Punk; ,mi aspettavo qualcosa di diverso. Ad ogni modo un bel disco, bella esperienza, un po'di Medal ogni tanto ci vuole
Giangiorgio: La conclusione è veramente notevole… vero Post-Hardcore fuso con Black Metal.
BonHiver
Opera: | Recensione: |
Ad un primo ascolto mi sembrano i the secret,solo che loro oltre all’assalto all’arma bianca danno molto spazio anche alla melodia. Interessanti
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Mi ricorda la friggitrice del McDonald's quando l'olio ha 100 mila chilometri. Sei Stra-Cattivone....!!!
BËL (01)
BRÜ (00)

Chainsaw
Opera: | Recensione: |
È così che mi piacciono lo scream e gli assolacci alla Metallica: seppelliti dal casino
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: