Sto caricando...

Ultimo
Pianeti

()

Voto:

Niccolò Moriconi, in arte Ultimo, si svela con questo album (Pianeti appunto). La depressione costante, cronica, intrinseca di una società ormai stanca, bramosa delle correnti di pensiero forti, emerge con prepotenza in questi brani e lo fa in maniera velata ma esplicita. Molte volte ci siamo chiesti: "Perché un ragazzetto che canta della vita e dell'amore (come fanno tutti gli artisti del resto), dovrebbe essere così amato?" Bè, in verità sono amati anche altri cantanti giovani che personalmente reputo inascoltabili ma non credo sia questo il punto. Lui riesce a rimpire l'Olimpico di Roma.. insomma niene a che vedere con gli altri giovanotti che non ho citato. La verità è che ragazzi e adulti vedono qualcosa di speciale nelle sue canzoni: i primi lo sentono vicino, lo vivono come fosse l'amico famoso che potrebbe usicre al pub con loro la sera, i secondi come "uno serio" in mezzo ad un mare di rumore.

Chiave: una canzone che sta "in mezzo", tra l'Ultimo degli esordi che rappava e l'Ultimo melodico che ora ancora canta. Viene sottolineata la grande sofferenza di chi perde qualcuno o qualcosa. Un amore, un amicizia, qualsiasi cosa. Nel video della canzone si accenna ad una una desolazione infinita che mette al centro i soggetti: unici, particolari, privi di conformismo. Tutti diversi e singolari. Come siamo tutti. Alla fine anche questa canzone è raccontata per loro. Per noi individui inimitabili. Per ciascuno di noi.

Pianeti: sottolineare l'attesa di qualcuno (di quella persona!) che aspettiamo con bramosia e allo stesso tempo il fatto di essere ultimi. Quello che viviamo spesso: aspettiamo qualcuno, aspettiamo quella persona, aspettiamo qualcosa che poi alla fine non crediamo possa arrivare perchè ci sentiamo ultimi. Ma forse non lo siamo per davvero.

Sabbia: l'amore domina in questa canzone, domina la tristezza individuale e la sofferenza di quando si perde qualcuno, di quando ci si sente fuori posto nella società. Parla di una sofferenza che ciascuno vive in solitudine nella stanza della propria vita senza che vi siano finestre a cui affacciarsi per poter urlare al mondo quello che si prova. Una condizione che provano spesso tutti ma che in realtà viene spesso sminuita e minimizzata. "Ma ti giuro che da sempre io punto all'eccellente, se devo avere poco scelgo di avere niente.": in questa frase si racchiude la forza di chi sta male. Sono quelli che non si accontentano, quelli che lotttano e che stanno male se ciò che ottengono non è quello che si erano prefissati. Sono loro quelli che staranno meglio, ma ancora non lo sanno. Il cantante è la prova vivente di questo.

Racconterò di te: sembra un testo di quelli che scrivi di sera, di getto, prima di andare a dormire. Tanto poi non chiudi occhio comunque. Tanto poi alla fine la vità è così complicata che se anche provo a riordinarla non ce la faccio. E allora scrivo di getto e quello che scrivo lo canto. Sì, lo canto perchè è bello urlare al mondo quello che provo e quello che penso della vita. Non piacerebbe anche a voi? Prendere, scrivere qualcosa che vi emoziona e sbatterlo in faccia al mondo. Senza paura di mostrare una debolezza. "Racconterò a mio padre che la notte non dormivo, mi giravo dentro al letto e ripensando lo piangevo." Mi sembra che questo sia uno di aquei pensieri, di quelli che si scrivono di getto la sera, magari davanti ad una birra e con gli occhi lucidi. Uno di quelli che quando poi lo scrivi è tamente semplice che fa piangere.

Sogni appesi: un pianoforte, una voce calda ed ecco nascere "Sogni appesi". Ma quanto cazzo sono pochi i cantanti che fanno così oggi!?

C'è da dire che in sottofondo alle canzoni di Ultimo ci sono sicuramente l'amore (per una persona, per la vita, per una particolare condizione) e una percezione esistenziale globalmente pessimistica. Questa è la critica che gli si può fare. Vero. Ma credo anche che questo sia ciò che piace davvero a chi lo segue: la sua sincerità e la sua voglia di esprimere pensieri con quella vena pessimistica.

Alla fine di tutto ci resteranno due cose: la poesia sulla vita e le note di una canzone.

Commenti (Dodici)

De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Ma sei Ultimo?


nix: già, l'ho pensato anch'io.
Sembra uno di quei commenti che una volta venivano allegati all'interno di un album, magari firmati dal produttore del disco.
De...Marga...: Siamo vecchi del mestiere @[nix]
Frozen06: esagerato! comunque ci sta alla fine questo è quello che penso io poi naturalmente può sembrare scontato o trovarsi in diaccordo col pensiero degli altri.. però sono già contenta che il DeBasio mi consenta di scrivere queste cose.. è la verità :)
De...Marga...: Ti consiglio di rileggere la prossima volta lo scritto prima di pubblicarlo...ci sono molti errori ortografici. E te lo dice uno che non eccelle in ortografia. Aspettati commenti molto ma molto più caustici!!
scummyman
scummyman
Opera:
Recensione:
Ultimo discorso registrato


Danny The Kid
Danny The Kid
Opera:
Recensione:
Giggi d'Alessio con un'immagine meno sputtanata e un accento diverso. Anzi, penso seriamente che costui e Giggi d'Alessio siano effettivamente la stessa persona, e nulla potrà convincermi del contrario.


De...Marga...: Danny mi mancavano queste tue perle di saggezza!!! Come va nel varesotto?
marcoantonio
marcoantonio
Opera:
Recensione:
L'unica scelta azzeccata da questo pseudo artista è il nome d'arte.


Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
L'ultimo degli stronzi.


CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
"Lui riesce a rimpire l'Olimpico di Roma" ah beh allora..
Ricorderei che anche il Colosseo era riempito da belve feroci che scannavano cristiani..


Stanlio: "i cristani che brutte creature
ogni volta che parlano
è una truffa..."

(G. de Fregori)
algol
algol
Opera:
Recensione:
Prooooooooooottttttt


Onirico: Cavolo algol, la tua scura ha disinfestato i batteri di corona da qui a dieci chilometri :)
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
lo ascolta mia madre.


proggen_ait94: ok, ho letto le prime cinque rime
Italiaamoremio: tua madre ha ottimi gusti, tu no
Mauro82
Mauro82
Opera:
Recensione:
Era dagli anni di "Questo piccolo grande amore" che non sentivo canzoncine così mielose e pallose. Grande Ultimo, un nome un dato di fatto.


Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Italiaamoremio
Italiaamoremio
Opera:
Recensione:
Grazie frozen, Ultimo è un gran cantautore.
Mettono gli uno perchè sono invidiosi


Ditta: Si, un grande cantautore.. ma Pupo, Mino Reitano e Toto Cutugno sono insuperabili!
Italiaamoremio: Anche Albano
Ditta: Certo, io ho citato solo i primi che mi venivano in mente. Aggiungerei anche Ricchi&Poveri, I Cugini Di Campagna, Claudio Villa, Nilla Pizzi, Orietta Berti ma sopratutto il grandissimo Mariano Apicella. Che dici?
Italiaamoremio: Tutti grandi artisti
Italiaamoremio: Abbiamo gli stessi gusti musicali, mi fa piacere. Ho intenzione di scrivere una recensione su un dsico di Orietta Berti, ma non sono molto bravo con il compiuter
Ditta: Aspettiamo con ansia!
Italiaamoremio: A te piace pupo con filibero? E' un peccato che non abbiano continuato
Ditta: Nel podio tra i miei duetti preferiti, insieme ad Albano e Romina.
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Alla fine di tutto ci resterà una cosa: ehm, nulla!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Pianeti è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link