Sto caricando...

AA.VV.
Underworld (Music From The Motion Picture)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"... In questi giorni nei migliori cinema italiani": così idealmente dovrebbe finire ogni buon trailer per un film che si rispetti.
Ma nel caso di Underworld, è nei negozi di musica che si deve accorrere, perché la colonna sonora di questo movie hollywoodiano, curata da Danny Lohner dei Nine Inch Nails, vale decisamente più del film in questione. Basta dare un'occhiata alla parata di artisti che presenziano questa splendida compilation, per rendersi conto di trovarsi di fronte alla degna erede della colonna sonora de Il Corvo, ormai lontana più di un decennio.

Lohner riesce ad amalgamare perfettamente musica decisamente ambivalente, mettendo in risalto da un lato l'aggressività tipica di nomi del calibro di Page Hamilton (Helmet), Skinny Puppy, Richard Patrick (Filter) e dall'altro la sensualità di delicate e nuove voci femminili, quali Milla Jovovich (splendida la sua Rocket Collecting), Lisa Germano e Johnette Napolitano. Ma Lohner pesca il jolly con la sua amicizia del vero signore della musica alternativa di questi anni, Maynard James Keenan, che lascia il suo segno indelebile in quattro brani, di cui due degli A Perfect Circle (clamoroso il remix di Weak and Powerless), e uno sotto nome Puscifer, in compagnia dello stesso Danny Lohner, in una gustosa e probabile anteprima di quello che (semmai) sarà il progetto Tapeworm.
Ma non è finita: Maynard impreziosisce anche, insieme a John Frusciante, una canzone del mitico David Bowie, che guadagna moltissimo rispetto all'originale presente nel suo ultimo lavoro Reality: una gemma.
Trust Company, Finch e the Damning Well (in cui riappare anche Wes Borland) aggiungono suoni nu-metal di discreto livello per una volta, e le intermissioni ambient Renholder riescono perfettamente nell'intento di dare continuità ad una compilation altrimenti troppo eterogenea.

In definitiva, una raccolta di ottima musica nuova, per un film notturno che potrebbe diventare più famoso per la sua colonna sonora, che per il cast, la regia, gli effetti speciali o la storia in sé.
Don't let me know we're invisible...

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Azz, non lo sapevo... bella dritta.


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
barrylindon
barrylindon
Opera:
Recensione:
sono curioso di sentire Bring me the Disco King


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
il film lo visto è mi è piaciuto. anche le colonne sonore sono azzecate. è uno dei film che ormai circola quotidianamente nei cinema, ma è carino. lo consiglio. anche perchè lei e una delle mie attrici preferite


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Beccati i Rmx degli APC, stilosissimi. Bella dritta davvero, io le Soundtrack non le piglio mai, questa merita anche solo per quelle 2.


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
Aspetta di ascoltare il resto allora


donzaucher
donzaucher
Opera:
Recensione:
questo disco merita anche solo per il remix di "bring me the disco king": prima era una brutta canzone con un bel testo, così è meravigliosa! e quando maynard sussurra "Smelling of love through the moist winds..." B-R-I-V-I-D-I!


Adriano Bernard
Adriano Bernard
Opera:
Recensione:
Non so come sia la colonna sonora ma il film fa schifo


Dante
Dante
Opera:
Recensione:
la colonna sonora è da dio e il film è anche meglio


bellepoque
bellepoque
Opera:
Recensione:
The Damning Well. Incredibile


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Underworld (Music From The Motion Picture) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link