Warlord
The Holy Empire

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Parlare dei Warlord equivale a parlare di epic metal, quindi bisogna chiarirsi subito su cosa sia questo genere. Infatti molti non hanno bene a fuoco la questione e sbagliano; l’errore di solito porta a disprezzare e a parlare male, ma è comprensibile perché se si crede che il metallo epico sia quell’allegro, sprizzante, zuccheroso, sinfonico, elfico e gaio power metal crucco, italico o finnico che spopolava a cavallo del cambio di millennio si è giustamente giustificati.
Innanzitutto l’epic metal è heavy metal, ma cosa lo distingue dal metallo classico? Solamente la sensazione che prova l’ascoltatore, non c’è dunque una netta demarcazione ma un labile e volubile distinguo. Quindi gli Iron Maiden sono epic? No. E i Warlord? Sì. I Manowar? Sì ma solamente nei primi quattro album, poi non più. Sono epic invece i Cirith Ungol, i Manilla Road, gli Omen e i Medieval Steel. Non sono epic i gruppi NWOBHM e quelli power americano anni ’80. I Sanctuary sono epic? No, mi dispiace. Però Battle Angels spacca! Lo so che ci vuoi fare. Per alcuni sono epic i primi Queensrÿche, per altri i primi Candlemass, che tutto il mondo considera tra i pilastri del doom. Anche i Bathory del periodo viking vengono presi in considerazione. Come mai tutto ciò?
Forse perché l’epic nasce dalla mancanza e dalla malinconia. Non è un caso, secondo me, che di fatto sia un genere americano, con americani che narrano le gesta di achei, ateniesi e spartani, di cavalieri medievali e rozzi barbari, insomma di un passato glorificato che non appartiene loro, apparteneva ai loro avi migranti, a loro non più. Questo senso di perdita si trasforma in una malinconia di fondo che permea tutte le canzoni, sia che siano veloci e magniloquenti, come i Warlord, sia che siano lente ed oscure, come i Cirith Ungol, oppure che possiedano un po’ tutte queste caratteristiche, come i Manilla Road. L’epic guarda al passato, vive nel passato, non è autoreferenziale, è sommesso e triste. E i Manowar allora? Sono sicuramente il punto di riferimento dell’edonismo e dell’autoesaltazione, però a ben vedere agli inizi la cosa non era esagerata, è solamente dal quinto album in poi che diventano i pagliacci che tutti conoscono, prima un minimo di contegno ce l’avevano.
Agli europei per contro l’epic non è mai riuscito granché, Quorthon a parte, ma pensandoci bene i Bathory sono tristi perché soffrono per la morte di quella che considerano la cultura scandinava, ad opera dei cristiani, dunque sempre di perdita in un lontano passato si tratta. Non si può dire lo stesso di Rhapsody, Hammerfall e compagnia pauereggiante, al massimo loro potrebbero aver perso le carte di Magic.

Dopo questa estenuante ma doverosa introduzione veniamo al disco con cui i Warlord tornarono a farsi vivi nel 2013, dopo un decennio circa. La prima sensazione che si ha durante l’ascolto è che l’album sembra essere uscito dagli anni ottanta, con due canzoni composte a tutti gli effetti in quella decade, come se il chitarrista William Tsamis avesse ritrovato una vecchia registrazione riordinando la soffitta, la produzione è volutamente all’antica, cosa necessaria e obbligatoria (Nuclear Blast vade retro!), ed lo stile del gruppo è rimasto pressoché immutato, le solite melodie sognanti e ariose, tranne per il fatto di procedere con il freno a mano molto più tirato, come se ormai non ci fosse più l’urgenza di dimostrare la propria bravura e la propria energia. La prestazione del cantante è rivolta tutta in questa direzione, risulta infatti di una pacatezza spiazzante, mai sopra le righe, e trasmette serenità e sensazione di pace dei sensi, un nuovo equilibrio spirituale raggiunto con la saggezza dell’età. Tutto l’album da l’impressione di immutabilità e di estraniazione dal tempo, come in quei racconti dove qualche esploratore scopre un’antica civiltà immutata da millenni che vive ai confini del mondo. Sempre uguale a se stessa.

Concludendo si può dire che questo è stato l’album perfetto per i Warlord, nell’ormai già lontano 2013, un ritorno molto gradito che pone l’interrogativo sul futuro: torneranno, emergendo dalle antiche sabbie del tempo, per continuare la propria opera di bardi e menestrelli?

Questa DeRecensione di The Holy Empire è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/warlord/the-holy-empire/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
"Battle Angels" spakka sempre (ora come allora) di brutto!

Altroché!

BËL (01)
BRÜ (00)

turkish: Anche se non è epic? Come la mettiamo con quest non-epichezza? Eh?
sfascia carrozze: Son cose inspieghevoli, in effetti.
Harlan
Opera: | Recensione: |
Quando ascoltai questo album non mi aspettavo niente onestamente. Avevo ancora nel telefono dischi come The Eternal Battle dei Doomsword che mi aveva deluso non poco, tentavo invano di trovare un punto a favore nel terribile The Lord Of Steel dei Manowar, e spaziando un attimo di genere, in quegli anni scoprivo i Queensryche che se ne erano usciti due anni prima con Dedicated To Chaos, non proprio un bell'anno. Però rimasi piacevolmente sorpreso, fu veramente una bel disco, 70.000 Sorrows, la Titletrack, e Father me le ricordo ancora oggi, ora mi è venuta voglia di risentirlo. Una prefazione sul genere scritta in modo ottimo come l'hai scritta tu credo di non averla mai letta in giro, complimenti!

Ps: Fra tutte le band Epic che hai nominato mancano i Virgin Steele, loro ti piacciono?
BËL (00)
BRÜ (00)

Elfo Cattivone: Grazie!
I Virgin Steele ammetto di averli ascoltati pochissimo, sto recuperando in questi giorni.
Dragonstar: Mitici i Virgin Steele. Francamente Harlan, non capisco come possa non piacerti The Eternal Battle, per me un gran disco!
Harlan: I due precedenti (My Name Will Live On e sopratutto il bellissimo Let Battle Commence) mi piacquero tantissimo, forse complice l'attesa dopo dei lavori così belli mi smorzò completamente l'ascolto di Eternal Battle. Proverò a riascoltarlo in questi giorni comunque!
Sui Virgin Steele niente da dire, sono il mio gruppo preferito. :D
loStraniero
Opera: | Recensione: |
un esordio che ancora oggi suona maestoso nel suo essere minimale. Rimango legato a quell'ep dell'83, ma "Holy Empire" è stato un regalo insperato...


BËL (02)
BRÜ (00)

dsalva
Opera: | Recensione: |
massacrato dall'introduzione!!.....non e' il mio genere ma si ascoltano!
BËL (01)
BRÜ (00)

Elfo Cattivone: Di solito scrivo recensioni sintetiche, ma sta volta mi è scappata la mano!
dsalva: bella mano, pero'!!
Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
Piacciono molto a un mio amico. Lo scritto è ottimo.
BËL (01)
BRÜ (00)

Elfo Cattivone: Grazie
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Bello rispolverare i Warlord.
Questo era un bel disco.
(I Manowar, la mia band preferita fino a Sign of the Hammer, bestiali, truci, feroci, sanguinolenti e Guyana, zioporko, che song)
BËL (02)
BRÜ (00)

Elfo Cattivone: Verissimo, però qualche filler nei loro album c'è sempre, come All men play on 10, che sembra un inno da cantare con tutta la truppa, tipo "Bolt 2 in 1 è conveniente, risparmi e hai l'ammorbidente!".
Elfo Cattivone: E un sergente Hartmann gay che dirige il tutto.
Dragonstar
Opera: | Recensione: |
Loro li conosco solo con i primi due. Bella rece
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: