Wataya Risa
Solo Con Gli Occhi

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


SOLO CON GLI OCCHI: NIENTE BOCCA NE' MANI, UN VIAGGIO IRREQUIETO NELLA SOLITUDINE UMANA.

Mi sembrava stupido pubblicare una recensione sul debutto di Wataya Risa ("Install", da cui è stato anche tratto anche il poco riuscito film omonimo) senza trattare qualcosa su questo secondo, essenziale romanzo: "Solo Con Gli Occhi", una storia ancora più profonda e realistica di quel piccolo manuale della perversione che è "Install".

Hatsu ha sedici anni ed è seducente, ribelle, ama stare fuori dal coro, ma è spesso stanca e a pezzi. Emarginata dal resto della classe, durante le ore di biologia, in laboratorio, a lei tocca sempre la sedia più brutta, composta di quel legno vecchio centinaia di anni, distrutto da tarme e dolori. Poi un giorno nota che anche un altro ragazzo è seduto su una sedia simile: Ninagawa, così si chiama, è timido e silenzioso e possiede un insana passione/ossessione per la modella locale.

Tra Hatsu e Ninagawa nasce, così, uno strano rapporto a metà tra l'amicizia e l'amore. Non è amicizia perché ogni tanto scoppia quella fiamma che spinge l'uno a lanciarsi nelle braccia nell'altro, ma il cui gesto viene subito frenato da quella strana ossessione del ragazzo che interrompe di netto quell'aurea di romanticismo e ricerca erotica. Non è amore, perché sempre a causa di questa ossessione i due vivono come isolati l'uno dall'altro, persi in un limbo vitale primo di vita. Il loro è un rapporto astratto, fragile, indefinibile. Vivono in una bolla di sapone e fanno fatica a comunicare.

Ancora una volta, la giovanissima scrittrice giapponese ci regala un romanzo vero e intenso, dove la sua penna traccia linee poetiche sui fogli bianchissimi, dipingendoli di grazia ed armonia. Ogni frase, ogni parola raccoglie una parte dell'anima della scrittrice, impressa in quel lessico così romantico e vivace, puerile e sensuale.

L'adolescenza viene descritta come una malattia, contagiosa e virulenta, che si sprigiona in nostalgia verso l'infanzia, quando si è più liberi, quando non esiste la vergogna e si può fare ciò che si vuole. Ci si può abbuffare di cereali al supermercato, ritenendola una cosa normale, si può danzare, infilare i piedi nelle pozzanghere senza pensare di prendere una polmonite.

Con l'adolescenza si cambia, si ha voglia di tornare adulti, ma anche di ritornare bambini.

La Risa descrive benissimo questo disagio e affonda le unghie in una storia semplice e complessa allo stesso tempo, diventando sempre più brava a fotografare una quotidianità  con passione e seduzione. E così, quando la scintilla dell'amore sembra esplodere ecco che accade sempre qualcosa di insolito, che la blocca.

"Noi umani siamo così strani, abbiamo paura di dire la verità, di dire cosa proviamo veramente e soffriamo in silenzio."

Hatsu fissa la luna nel cielo notturno, è persa e stanca, ma non riesce a dormire. Una mano all'improvviso le sfiora la spalla, un sospiro le infiamma il collo e penetra nei suoi timpani, accarezzandoli. Sa che quella mano non sarà sua e resta a fissare quella sorta di paradiso terrestre, in una notte che sembra durare in eterno.

Struggente, forse anche più del precedente "Install".

Questa DeRecensione di Solo Con Gli Occhi è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/wataya-risa/solo-con-gli-occhi/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

macaco
Opera: | Recensione: |
Bellissima!
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
Molto interessante, cercherò.
BËL (00)
BRÜ (00)

Giona
Opera: | Recensione: |
Bella davvero. Cercherò pure io :)
BËL (00)
BRÜ (00)

misterNo
Opera: | Recensione: |
mi interessano i tuoi consigli, le tue letture... e son belle le tue recensioni... io parlerei meno della trama ;)... comunque acquisterò entrambi i libri.... ma dimmi, hai letto anche qualcosa di Natsuo Kirino, io sto leggendo "Morbide Guance", ed ho finito da poco "Grotesque", romanzo molto interessante...
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
Opera: | Recensione: |
Non conosco nulla di quest'autrice.
BËL (00)
BRÜ (00)

wolf85
Opera: | Recensione: |
Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
enbar77
Opera: | Recensione: |
Gentile O___O, a parte la bellezza della recensione, gradirei ottenere qualche informazione sulle qualità di questa scrittrice che ho scoperto grazie alla tua esposizione. Secondo te è meglio della Yoshimoto? (a volte un pò noiosa!) Ha uno stile del tutto personale o si avvicina a qualche altro/a autore/ice? Hai mai letto Haruki Murakami? Se no ti consiglio "Tokyo blues, norwegian wood". Grazie.
BËL (00)
BRÜ (00)

O__O
Opera: | Recensione: |
Enbar, Wataya Risa ha uno stile suo personale in quanto descrive con una delicatezza davvero unica le sue emozioni. Ciò che è ancora più significativo è l'uso massiccio dei colori come fattori simbolici: ad esempio in "Install" il colore verde della speranza viene spesso associato ad un aggettivo disprgiativo. Come stile non ho mai incontrato nulla del genere, anche se si avvicina parecchio all'ideale di Banana Yoshimoto, come ad esempio nella scelta del finale tronco. Le tematiche, poi, cambiano: Wataya Risa, al contrario della Yoshimoto, non tratta veramente nulla sulla morte, nemmeno sulla famiglia (elemento cardine di molti romanzi di Banana Yoshimoto, come "Tsugumi", "Kitchen" o "Honeymoon"), persino l'amicizia non viene trattata in modo specifico. Il tema di Wataya Risa è più che altro un tema astratto: il suo intento è quello di imprimere sulla carta il degrado dell'anima di chi sta invecchiando troppo precocemente...


L'altra scrittrice non la conosco, ma di Murakami conosco Ryu (quello di "Tokyo Decadence") che apprezzo tantissimo
BËL (00)
BRÜ (00)

O__O
Opera: | Recensione: |
Se dovessi scegliere tra Wataya Risa e Banana Yoshimoto non so davvero chi decidere: la prima mi ha rapito cuore e anima (ammirevole che una ragazzina di poco più di vent'anni mi abbia colpito così fortemente), la seconda è un'icona della mia infanzia-adolescenza. Ricordo di aver aperto "Kitchen" molte più volte del libro di fisica XD
BËL (00)
BRÜ (00)

enbar77
Opera: | Recensione: |
Ti ringrazio per le validissime direttive, gentile o___o. Provvederò a metterle in atto e ti farò sapere. Grazie e a presto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: