Wolfsbane
Live Fast, Die Fast

()

Voto:

I Wolfsbane sono stati a mio avviso la più grande band street metal di fine anni '80 inizio anni '90.

Formati a Tammworth (UK) da Blaze Bayley, Jase Edwards, Jeff Hateley e Steve Ellett hanno dato alle stampe tre bellissimi e divertentissimi dischi dischi di cui prendo in esame il primo, uscito nel 1989 per la Def American e prodotto da Rick Rubin (proprio lui, lo stesso di capolavori come "Reign In Blood" degli Slayer e totali merdacce come "minutes to midnight" dei linkin park) "Live Fast, Die Fast" parte al fulmicotone con Man Hunt, coronata dal superbo riff di Jase e la prestazione vocale impressionante e inaspettata del grandissimo Blaze (inaspettata per chi lo conosce sono per la sua esperienza negli Iron Maiden, di cui parlerò in seguito). Molto bella anche Shakin, caratterizzata da sonorità più Rhytm & Blues con un ritornello molto orecchiabile e cattivo quanto basta. Le due successive tracks (Killing Machine e Fell Out Of Heaven) sono abbastanza incazzate ma non colpiscono più di tanto. Va un po' meglio con l'ironica Money To Burn, che ci riporta alle sonorità di Shakin, seguita dalla trascurabile Greasy. Tutto qui? direte voi... NO!! Con I Like it Hot si entra nella parte migliore dell'album: è un hard rock senza troppe pretese, divertente e scanzonato che farebbe tornare il sorriso anche al più cupo e depresso dei Blackster, seguito a ruota da All Or Nothing, imprescindibile perla di punk ramonesiano che in soli due minuti condensa tutto lo spirito del disco; fate attenzione, causa dipendenza!

Mancano ancora due tracce, e portebbe esistere un album così senza almeno una ballatona? Certo che no, quindi arriva puntuale Tears From A Fool, dove Blaze sfodera un'altra prestazione da campione quale è sia nelle dolcissime strofe che nel ritornello intenso e passionale (Altro che l'irritante starnazzio di Axl Rose nella sopravvalutatissima sweet child o'mine). L'album si chiude con l'ottima Pretty Baby, autentico Hard n'Heavy da manuale Wolfsbane.

In conclusione si tratta di un disco (e di un gruppo) che ha proposto uno street metal decisamente più godibile, sincero, genuino e meno patinato rispetto a tutte le schifezze d'oltreoceano come i motley crue, gli aerosmith e i già sopracitati guns n'roses. Assolutamente da riscoprire. UP THE BLAZE

Questa DeRecensione di Live Fast, Die Fast è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/wolfsbane/live-fast-die-fast/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Undici)

hugoniot
Opera: | Recensione: |
ma chi sono 'sti tamarri???
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

GiudiceWoodcock
Opera: | Recensione: |
Addirittura "UP THE BLAZE", cioè uno dei cantanti più afoni e meno dotati della storia.
Axl Rose che tu hai citato, magari sarà anche un pirla, ma di certo è Frank Sinatra al confronto, altrro che.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

gemini
Opera: | Recensione: |
"...tutte le schifezze d'oltreoceano come i motley crue, gli aerosmith e i già sopracitati guns n'roses..." O_O solo per questa frase dovrei darti 1 alla rece..
loro non li ho mai sentiti, con gli Iron ha fatto qualcosa di buono, nonstante tutto; meglio sicuramente i suoi dc solisti usciti successivamente
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

gemini
Opera: | Recensione: |
*volevo scrivere CD, ovviamente...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

GiudiceWoodcock
Opera: | Recensione: |
Che gli aerosmith, poi, siano una street band mi sembra da oscar della vaccata.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

supersoul
Opera: | Recensione: |
Questo disco lo beccai a poche lire(quando le lire esistevano ancora). Grossa delusione, secondo me è la loffia produzione di Rubin che li fa suonare come dei Van Halen del mesozoico. Me li ricordo abbastanza commerciali, il cantante pure lui loffio abbastanza rispetto ai campioni americani.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

supersoul
Opera: | Recensione: |
quando torno a casa me lo riascolto e sarò più preciso (semmai possa fregare a qualcuno)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Tepes
Opera: | Recensione: |
una fetta di metal che non conosco molto bene
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

47
47
Opera: | Recensione: |
i motley poi sono casinisti e divertenti, questi no

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

carloirons
Opera: | Recensione: |
mi convincono poco...meglio il blaze post-maiden
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

doominicus
Opera: | Recensione: |
Disco divertentissimo e con un grande Blaze!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: