Sto caricando...

Yuppie Flu
At the Zoo

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Abbiamo avuto certi nomi, passati per il Belpaese, che nessuno (o quasi nessuno) si è cagato di striscio. Ascoltiamo tanta musica d’oltreoceano e ci perdiamo quelli che potremmo coltivare in casa, vedere più spesso dal vivo magari, farci due parole.

Credo di aver visto più concerti in vita mia di quanti dischi ho ascoltato eppure loro finii per perdermeli, peccato. Le mie buone intenzioni si schiantarono contro un cartello appeso davanti al palco:

“CAUSA INFORTUNIO CANTANTE/CHITARRISTA CONCERTO YUPPIE FLU ANNULLATO”.

Gli Yuppie Flu, che gran gruppo… con questo album si slegano in maniera quasi definitiva da quell’appellativo di versione italiana dei Pavement, assegnato loro dalla critica di settore e, come spesso avviene, riduttivo.

C’è già tutta la psichedelia e attitudine freak, portata avanti negli States da formazioni quali Mercury Rev e The Flaming Lips, che negli anni successivi la band svilupperà fino a realizzare quei capolavori che sono “Days Before the Day” (Homesleep 2003) e “Toast Masters” (Homesleep 2005). Se vi piacciono questi due titoli, qui dentro sentirete da dove tutto è partito.

Un sistema musica che non è riuscito a trattenerli, a dar loro una speranza di vita; troppo dura portare avanti una band in Italia e allo stesso tempo mantenere una famiglia. Quelli che ci sono riusciti o hanno fatto il vero salto di pubblico, oppure rimangono nel limbo dei martiri della cultura.

Dopo quello splendido finale che è “Back Home” spero siano davvero tornati a casa sereni, perlomeno soddisfatti di ciò che ci hanno lasciato da ascoltare.

Vorrei incontrarti Matteo e dirti che conservo ancora quel cartello, appeso lì, dietro al computer. Ogni giorno lo leggo e in fin dei conti capisco perché abbiate deciso di chiudere la baracca, tanti saluti e chi s’è visto s’è visto.

Mi accontento della vostra musica, quella sì che rimarrà per sempre.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
Ho amato gli Yuppie Flu. Days before the day per me è un capolavoro. Live non tradirono le mie attese; visti nel 2005 e poi qualche anno dopo.. Una garanzia ed un grande gruppo come dici tu!


Baccanali: Ci rimasi male quella volta, poi non passarono più dalle mie parti e poi addio. "Days Before the Day" è il mio preferito, questa recensione vuole essere un omaggio ad un grande gruppo che abbiamo perso per strada.
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Io me li sono cagati, ho comprato addirittura originale Days before the Day. Non poteva essere altrimenti dato che sono stati gli epigoni in Italia dei miei amati gruppi indie americani di fine 900 inizio 2000 (Flaming Lips, Mercury Rev, Grandaddy, ecc)


zaireeka: Erano molto bravi ma forse in alcune cose un po’ troppo leziosi e autocompiaciuti. Comunque non per tutti
Baccanali: Ce li siamo cagati in pochi ahimè...
italianissimo
italianissimo
Opera:
Recensione:
Ben detto. FAC U INGLAND!!!!


MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Ottimi, a suo tempo sentiti, ma ora ricordo poco e tutto sommato non ci tornerei


Carlos
Carlos
Opera:
Recensione:
Tu a volte come gusti e proposte mi ricordi un tipo che ho conosciuto una volta in una baita di montagna (della sua ragazza se non ricordo male) non molto distante da Montaner. Ricordo pure che amava i Goat, quelli svedesi e suonava anche se non mi viene in mente cosa. Magari se non sei lui sei la sua anima gemella.


Baccanali: Sono delle zone e mi sono molto piaciuti i Goat, però mai avuta, purtroppo, una ragazza con la baita!
Baccanali: E già mi sembra una figata che i Goat arrivino fino a Montaner.
Carlos: Ma davvero? E un amico? Minchia sarebbe il colmo scoprire che ci suonavi assieme o che lo conosci magari. Ricordo che rimasi di sasso quando la tipa mi spiegò dello scisma, che risate cazzo. Come periodo parliamo indicativamente non so, intorno agli anni in cui hai scritto la rece di Fela per esempio. Poi ecco poco dopo si erano lasciati i due e poco dopo ancora pure io con la mia ragazza che era amica di sta qui insomma un casino. Lei studiava giapponese (info così a caso, visto che non ce ne sono tante).
Carlos: Ricordo che al mattino mi sono svegliato con uno scorpione sul muro (non ne avevo mai visto uno dal vivo in vita mia)
tia: cmq per la cronaca i Goat piacciono parecchio anche a me. Manca la baita, cazzo.
omahaceleb: @[Carlos] io l'ho trovato nel letto di casa mia lo scorpione. Nelle lenzuola, ancora devo capire come cazzo ci è arrivato
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Sconclusionismo logico, molto bene. Mi hanno ricordato i californiani Steaming Coils in alcuni passaggi.


Caspasian: Tipo questa per esempio:
Carne Del Sol
Baccanali: Simpatici, approfondisco!
omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Conosciuti molto dopo il mio periodo idoneo ad amarli. Molto buoni, ma con loro non ho mai abbondato con gli ascolti. La recensione è ottima


omahaceleb: Dio bubu ma che commento ho scritto iersera? Avevo le mani piene di pasta di pizza e ho premuto a caso i suggerimenti del t9.
Baccanali: Ti ringrazio. Capisco il tuo discorso sul "tempo massimo" anche se sto cercando di smarcarmene. Nel senso, da bocia ascoltavo anche i Guns N' Roses, ora non li ascolto da più di vent'anni e manco li riascolterei ma amen, hanno fatto la loro parte nella storia della musica, mia e di quella di molte altre persone.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di At the Zoo è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link