After Crying
Megalázottak és megszomorítottak

()

Voto:

Gli After Crying sono una combinazione di musicisti/polistrumentisti magiari dai connotati prettamente classicheggianti con intuizioni jazzistiche, accenni cameristici, tastiere evocative e ritmiche perlopiù delicate ma sempre pronte a variare d'intensità. In tutto questo fanno capolino cori, voci spesso dal carattere recitativo, momenti rock scintillanti, archi e fiati elegiaci alternati a fraseggi virtuosi di crimsoniana memoria. L'opera si compone di due suite (prima e quarta traccia) più tre brevissimi e delicati intermezzi che vedono protagonisti archi e cori dalle sfumature nostalgiche ("A Kis Hos"), melodie dalle tinte dark ("Nocturn") e divagazioni per violoncello fagocitate da percussioni impetuose a cesellare il tutto ("Vegul"). Si parte con "A Gadaraj Megszallot" e siamo subito in territori contaminati da contrappunti di cello e piano disposti in tempi asincroni in un connubio cupo, intriso di malinconia. Il perentorio ingresso di una nota grave (minuto 4:29) scuote le membra e graffia nella sua nascosta e raggelante bellezza. Si va avanti con due linee melodiche asimmetriche che si allontanano tra loro come a descrivere equazioni ricurve per poi risolversi l'una nell'altra (5:04) implodendo in un basso poderoso a rimarcare quel senso di inquietudine e struggente solennità. Attraverso una fase centrale più meditativa archi e piano singhiozzano fino ad introdurre un cantato a cui adesso è affidata la conduzione del brano e su cui si adagiano i tasti d'avorio che paiono accarezzati più che percossi. Ma è solo equilibrio tra le parti che rimangono come sospese, senza ossigeno. Le soluzioni di cello si fanno via via più spigolose in un crescendo ritmico dove contrappunti di clarinetto, prima, e stille dissonanti di piano, poi, scardinano il tema iniziale fino ad una breve pausa (17:00). Poi è scorribanda sonora con schegge di trombe che lampeggiano vorticose sui flutti di un piano-free forsennato alternando momenti di "stop and go". Il mellotron lento ed inesorabile ci concede ancora una volta di sognare tra limpide punzonature di note sospese in un'atmosfera di palpabile abbandono. Alla fine è come scorgere la luce nascosta nel fondo di occhi ciechi. La title-track (quarta traccia) debutta con un fraseggio di cello che sembra contorcersi su se stesso fino a strozzarsi. Sono sempre gli archi a spadroneggiare insieme ad arrembanti incursioni pianistiche. Il clima si fa meno rovente ed un lavoro sui tamburi dal sapore tribale introduce un breve canto quasi sussurrato (5:50) a cullarci in un vuoto di forma circolare. Inserti di fiati colmano gli spazi tra i rintocchi di pianoforte che spiazza per la sua poderosa beltà....ed è armonia allo stato puro ad accompagnarci in un delirio fluido che sfiora l'anima. Questo piccolo gioiello di musica contemporanea dal titolo impronunciabile si pone come opera mai fine a se stessa. La mescolanza di stili fa da collante alle singole intuizioni spingendo ed ampliando la tensione emotiva... come una sorta di Karma liberatorio..... "dopo il pianto".

Questa DeRecensione di Megalázottak és megszomorítottak è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/after-crying/megalazottak-es-megszomoritottak/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
la proposta potrebbe essere interessante, ma personalmente non mi piacciono le recensioni telecronaca. Comunque bravo per la proposta
BËL (00)
BRÜ (00)

anfoxx
Opera: | Recensione: |
Ho il loro primo, Overground music, e non è proprio un brutto disco. Questo non lo conosco e i successivi neanche. Perché novità? Credo abbia almeno 25 anni
BËL (00)
BRÜ (00)

BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Ascolto e ripasso. Grazie per la proposta
BËL (00)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Mi spiace ma non è per me. Recensione un po'troppo dettagliata.
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Gruppo molto valido, conosciuto grazie a mastro @[TheJargonKing] , Overground Music é bellissimo, questo solo bello.
BËL (00)
BRÜ (00)

JeyTonMan
Opera: | Recensione: |
ma questi chi li conosce? mah... saranno più noiosi di quel miserabile di frank zappa.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: