Akercocke
Words That Go Unspoken, Deeds That Go Undone

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Opera complessa, oscura, onirica, che restituisce all'universo della musica estrema una band sempre più in forma e sicura, grazie al supporto dei propri mezzi e delle proprie capacità professionali. Ecco quindi l’ennesima dimostrazione di forza, resa pubblica nell’album "Words that Go Unspoken Deeds that Go Undone" (non è facile tener a mente un titolo simile!), pubblicato durante il corso del 2005, full-length che giunge dopo l’opaco "Choronzon" che non aveva convinto a pieno critici e fan, a parte qualche song ben riuscita come “Praise the Name of Satan”, “Bathykolpian Avatar” e in particolar modo "Leviathan", il cui videoclip è forse uno dei più intriganti, passionali e seducenti che io abbia avuto modo di vedere in questi ultimi anni. Con il nuovo lavoro, siamo, per l’ennesima volta, di fronte ad una band che viene presentata dai critici come il volto acculturato e diligente della scena estrema, grazie al loro look "raffinato" (in giacca e cravatta!) e all'approccio devoto al culto satanico.

Per certi versi questi sono solo dettagli, per altri questi pochi dettagli sono sufficienti per sconsigliarne l'ascolto. Ma... passiamo ad analizzare uno dei lavori più sofisticati e variegati che la loro label statunitense (Earache = letteralmente mal di orecchie) abbia mai pubblicato sin dalla sua nascita. Andando ad analizzare il sound generale che emerge da ogni singola canzone, è importante dire innanzitutto che per tutta la durata dell'album l'ascoltatore assiste a parti vocali ben strutturate e ad eleganti tastiere, che attraverso la loro particolarità, tengono alta l’attenzione soprattutto sulle parti melodiche ed articolate. Per quanto concerne la parte black/death invece, si possono subito notare le influenze, catalogate prima di ogni cosa nel death/brutal floridiano (stile Deicide) per poi passare per le varie sonorità black norvegesi, feroci e sofisticate, prendendo come modelli fondamentali la melodie prodotte dai Borknagar (vedasi "Verdelet") dai Satyricon dell’”età moderna” o gruppi come i compagni d'etichetta Lunaris (band estrema di origine norvegese con membri facenti parte sia dei Borknagar che degli Spiral Architecht), senza tralasciare, seppur in pochissimi sprazzi sonori (soprattutto per quanto riguarda la voce) la musica dei conterranei Cradle of Filth (vedasi "The Penance").

In generale un disco ben strutturato e definito, da ascoltare solo se si apprezza il black metal più profondo (tipico di Dødheimsgard o Lunaris per fare un esempio), ma da evitare se non sopportate il blackened death mescolato a generi differenti, alcune parti sono in stile “progressive” come nella title-track “Words That Go Unspoken, Deeds That Go Undone” e in “Intractable”, in altri punti si evince lo stile gothic metal come nella traccia conclusiva "Lex Talionis". Per quanto mi riguarda, ritengo che questo lavoro meriti più di un ascolto affinchè lo si capisca; forse nel songwriting ci vuole ancora un po’ più di esperienza e ispirazione anche se il britannico Jason Mendonca dimostra di usufruire già di una base più che buona per far fronte ai lavori che intenderà pubblicare per il futuro della band.

"Words That Go Unspoken Deeds That Go Undone" è, dunque, un'opera di non semplice assimilazione, non priva di minute sbavature, ma degna di attenzione e di considerazione, rivolta ai sostenitori dei generi più estremi della musica odierna, oltre che un indizio più che incoraggiante per quello che riguarderà il futuro dei britannici di Londra.

Questa DeRecensione di Words That Go Unspoken, Deeds That Go Undone è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/akercocke/words-that-go-unspoken-deeds-that-go-undone/recensione-axiom

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Trota-Da-Mare
Opera: | Recensione: |
Queste recensioni su questi gruppi oscuri e malsani sono tutte oscuramente e malsanamente uguali.
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Trota, hai rotto il cazzo senza riuscire ad essere originale.
BËL (00)
BRÜ (00)

Axiom
Opera: | Recensione: |
Non ho capito per quale ragione non vada bene il sample. Forse ho sbagliato qualcosa e posso rimediare?!
BËL (00)
BRÜ (00)

RottenCore
Opera: | Recensione: |
Per niente d'accordo con il recensore, lo scritto è cosi così, e che la Earache sia statunitense è la più gran minchiata del secolo metallaro.

BËL (00)
BRÜ (00)

Axiom
Opera: | Recensione: |
Le sedi si trovano sia a New York che a Nottingham
BËL (00)
BRÜ (00)

apocalisse
Opera: | Recensione: |
bel cd! come pure l'ultimo..! io ci ho sentito anche un pò di Anacrusis dell'ultimo periodo. L'unico difetto credo che sia il growl un pò troppo monocorde.. ma riesce a rimediare alternando gli stili e cambiando spesso registro vocale. Comunque ottimo!
BËL (00)
BRÜ (00)

RottenCore
Opera: | Recensione: |
Caro Axiom, tutti coloro che ascoltano metal da almeno una decina d'anni sanno perfettamente che la Earache è nata in Inghilterra per poter pubblicare gli album dei Napalm Death, poi ha fatto su anche Carcass, Entombed, Bolt Thrower etc.. etc.. Informati meglio la prossima volta.
BËL (00)
BRÜ (00)

Axiom
Opera: | Recensione: |
Lo so, ho commesso un errore. Non sapevo chi l'avesse fondata (Digby "Dig" Pearson, di nazionalità inglese); per essere a conoscenza della nazionalità tempo fa mi affidai ai wikipedia che riporta come nazionalità la bandiera statunitense. Pardon.
BËL (00)
BRÜ (00)

Axiom
Opera: | Recensione: |
Non posso accettare il giudizio di trota.
BËL (00)
BRÜ (00)

lflow
Opera: | Recensione: |
Pessimo disco e peggio ancora pessimo recensore. La coerenza dove l'ha lasciata, nell'utero materno? Per April Rain dei Delain (disco molto scarso) sequela di affermazioni deliranti sul symphonic metal morto e sepolto. Su questo aborto di CD Black invece si sente un'ispirazione e un'innovazione senza precedenti? Allora è vero che basta fare collage di frammenti di musica di 30 secondi in cui suoni ciclicamente Morbid Angel, Opeth, Slayer, Darkthrone, My Dying Bride, Deicide e Kreator senza nessuna soluzione dicontinuità e subito finisci nell'olimpo della musica colta che solo i blackster più acuti e sopraffini riescono a contemplare? Che indecenza!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: