Andrea True Connection
More More More

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


ANDREA TRUE CONNECTION - More, more, more (Buddah LP, 1976)

C'è a chi piace... e a chi non piace: a me piace diceva il Principe; e pure a me, piace, dico io.

Sì lo so, sono passati un pò di annetti da questo primevo Buddah records, stelle stellette e stelline della musica sono sorte, hanno brillato e poi sono tramontate, in questo mondo sublunare dove tutto è transeunte. Ma il desiderio, musicale e sessuale, annulla i confini del corpo, e in fin dei conti non c'è fatica a pronunciare l'enunciato che segue: che figa Andrea True!

L'esclamazione è di meraviglia e adorazione per la forza erotica rimasta immacolata nella voce lasciva della pornodiva Andrea regina della discomusic di quegli anni. Una volta c'erano appunto le disco-queens, oggi hai Avril Lavigne, e mi si perdoni la rima. Oppure a scelta di pescheria stronze, Nelly Furtado. E, tornando a casa nostra, siamo sicuri di non meritarcele un pò tutti Carmen Consoli  e i suoi lesbo pipponi di incomunicabilità psico-sociale finto Tracy Chapman, o Laura Pausini bellezza latina del canto gastronomico faciolaro...

Il nostro sonno della ragione, dimentico delle disco queen, ha creato sti mostri, capaci di rovinare pure una cover easy come Io canto . Ma non voglio perdere il feeling, che ci ho un 33 di Andrea True sul piatto che pompa da matti, e tra un pò viene una mia amichetta con pantacollant leopardati a farmi uno spogliarello sul groove di More, more, more.

Dalla disco furono contagiati tutti, ma proprio tutti, dagli Stones a Battisti, da Marley a Rod Stewart. Non si è salvato proprio nessuno, ho visto stormi rocchettari nudi e crudi convertirsi al riflusso. Andrea True fece un botto planetario con More..., che è ritornato persino nella recente serie "SEX AND THE CITY".

La nostra eroina era una puledra tutta nuda di pelo biondo nata in quel di Nashville, ma alla fine degli anni '60 si trasferì a New York per intraprendere la carriera di attrice, e dopo aver interpretato parti secondarie in film di discreto successo si buttò anima e sopratutto corpo nell'hard-core. Non rinunciò mai alla sua passione per il canto, e la fortuna -o culo che dir si voglia- girò dalla sua parte.

Nel 1975 in Giamaica, con il produttore Gregg Diamond, registrò "More More More" remixato da Tom Moulton su etichetta Buddah Records: la canzone arrivò al n.4 della classifica statunitense. Al singolo seguirono l'album omonimo e il successivo "What's your name, what's your number" dai quali vennero estratti diversi singoli: ottime vendite, che non vennero però replicate dal successivo "White Witch" l'LP che segnò la fine della sua carriera di successo.

Mentre si trovava in Giamaica per lavoro, incontra il produttore Gregg Diamond che le fece fare un provino per la canzone More, more, more: fu buona la prima, senza che lei neanche s'accorgesse che stavano registrando mentre provava, mugolii sexuali compresi ("I was tired and thought we were just getting levels and lining up the tracks... I always thought I could have done it better").La sezione fiati fu reclutata a Kingston, e contribuisce a creare il clima caraibico sognante e sensuale del brano. Dai piccoli club il successo fu progressivo e inarrestabile, il primo grosso hit per la Buddha records, etichetta indie, e da Billboard in tutto il mondo. Famoso fu anche il rimixaggio del d.j. Tom Moulton, l'inventore del disco-remix. More more more ha influenzato una marea di compositori di colonne sonore di film erotici di serie b in Italia.

L'album fu scritto così in poco tempo e risente, oltre del sound Silver Convention-quelle di Fly robin fly e Get up and boogie -, dei primi hit di Donna Summer, nonché del funky di New York (PARTY LINE, che apre l'album). CALL ME, brano disco melodico con un bel piano in evidenza, poi KEEP IT UP LONGER, FILL ME UP (HEART TO HEART). I titoli sono eloquenti, tienilo dentro di più, riempilo in su-cuore a cuore-, ma che si vuole di più per creare un'atmosfera SOGNANTE E arrapante con una ragazza monastica che ci sta?

P.s. Sul CD si può trovare un altro grande hit danzereccio, What's your name, what's your naumer

V.R.

 

Questa DeRecensione di More More More è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/andrea-true-connection/more-more-more/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentaQuattro)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
non la conosco (peccato, in tutti i sensi)... ma apprezzo la svolta sexy già avviata con Dolly. Che dirti... continua così, c'è bisogno come il pane di queste "provocazioni".

sylvian1982
Opera: | Recensione: |
Ma "more more more" era quella canzone che girava a assieme ai Daniel Santacruz Ensamble e al Guardiano del Faro nella Hit Parade di Lellio Luttazzi ? Cazzo se erano trash !!!

sylvian1982
Opera: | Recensione: |
Che poi all'epoca non essendoci praticamente niente alla tv, non si capiva bene se erano uomini donne, complessi. Eh si, perchè se uno alla radio ti dice "Andrea True Connection" non è mica facile inquadrare il personaggio. Anche i Daniel Santacruz Ensamble non ho mai capito chi cazzo fossero. Ma ce n'erano eh !!!

iside
Opera: | Recensione: |
What's your name, what's your naumer <<<number.
Ma è quella dei DD Sound?

Pi.Per.
Opera: | Recensione: |
Anche a me piace scherzare, percui non ti offenderai se ti metto...

ArnoldLayne
Opera: | Recensione: |
A me piace fare quello che fa Pi.Per

DaveJonGilmour
Opera: | Recensione: |
Non posso che accodarmi

STIPPE
Opera: | Recensione: |
Tanto che ci sono passo anche da qui

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
Thank you Velvet, hai capito che hanno rotto sti censori con le orecchiette al prosciutto
Iside ma che c'entrano i ddsound-alias fratelli La Bionda. Sono contento pure per i tromboni hipppy che hanno messo 1 al disco, già è tanto che l'hanno letta sta rece discomusic: significa che pure per loro the times are changin. o are ending?

DeBeer
Opera: | Recensione: |
significa che sei tu l'involuto

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
Ah x syvian:i D.S.Ensemble erano un gruppone tardo freakky che ebbe un discreto successo di vendite-i mercatini dell'usato vinile a 45 sono un metro infallibile x vedere chi veramente vendeva, si hanno delle grosse sorprese-dicevo LE loro hit maggiori furono SOLEADO,Allah è sceso giu in città,e la cantante Mara Cubeddu collaborò pure in un disco di Battisti.Bye

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
SI mi sto involvendo, è che il mio è una sorta di ritorno al riflusso, senilità anticipata forse...la stessa che colpì però il giovane chitarrista rock Bruce Cullick -Kiss additional musician- che suonò in tour con Andrea True pure in Italia nel 76

DeBeer
Opera: | Recensione: |
Sei vecchio ma maturità zero..mollusco

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
Guarda ameba sapiens che la differenza è che io i tuoi orgasmi sui tuoi pipponi critici manco li leggo: tu i miei sì e io i tuoi no; compris? Ciò non titilla un pochino le trombe di falloppio che hai nelle orecchie-la tua evoluzione-no?- Immagino già i pipponi progressive che ti senti, non oso neanche pensarci, pascolaci da solo nelle tue praterie di dischi.

DeBeer
Opera: | Recensione: |
beee beeee cazzo dici? connetti il cervello, pattume che non sei altro

DeBeer
Opera: | Recensione: |
Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
beee beeee cazzo dici, vedi che stai regredendo,pochi suoni inarticolati, forse, visto che sei evoluto hai lo sfintere nella laringe;vai al cottolengo fraciconeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee e

DeBeer
Opera: | Recensione: |
ce l'hai una ragazza? lo sa che sfoghi i tuoi istinti su internet?

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
Sei tu che stai bloggando sciocchino, io alle tue rece non scrivo proprio; io l'avrei chiusa da un pezzo: sono sposato, mi sa che tu invece scarseggi.. ma sei sicuro che non ci hai proprio un cazzo da fare a quest'ora del pomeriggio, ce l'hai un lavoro, un hobby, una setta segreta?

DeBeer
Opera: | Recensione: |
un hobby? si mi diverto a leggere le tue stronzate..valeriorivoli, la macchietta del web, lo scemo del villaggio, il fenomeno da barraccone

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
punti 20 euro su valerio rivoli nominato caso umano prima di Debeer! le quote sono valerio rivoli 2:1 e Debeer 3:1

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
DeBeer
Opera: | Recensione: |
valerio è caso umano da una vita..la scommessa non vale..anzi, fatelo salire di posizione..5 posizioni ogni suo commento casoumanoide

francis
Opera: | Recensione: |
non capite proprio un cazzo, è un pezzo fantastico con una produzione sublime....uno dei più grandi pezzi della discomusic anni '70

GUGLIELMO EPIFANI
Opera: | Recensione: |
GRANDE COMPAGNO CASO UMANO FRANCIS FORD COPPOLA, CONGRATULAZIONI PER ESSERSI TRADITO.
LA SALUTO COMPAGNO VALERIO FRANCIS RIVOLI.

Bonny91
Opera: | Recensione: |
sei simpatico come un gatto col cimurro sdraiato sul tappeto della nonna di inestimabile valore

Bonny91
Opera: | Recensione: |
ops il voto mi scusi

antiFAKEsimile
Opera: | Recensione: |
si figuri non c'è di che

iside
Opera: | Recensione: |
io mi ricordo di una "wath's your name wath's your number" dei DDsound (i fratelli La bionda erano un altro complesso, cioè insomma i fratelli La bionda avevano due gruppi simili erano fake!!!)

moanapozzi
Opera: | Recensione: |
Quanti balli quanti ricordi

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
évvero quanti ricordi che nesanno sti quattro metallari prog scoppiatissimi, che non se li filava nessuno...Francis non sono io

Babel
Opera: | Recensione: |
sylvian1982
Opera: | Recensione: |
Questo brano lo sta utilizzando attualmente la Vodafone per la sua campagna pubblicitaria. Valeriorivoli docet...eheheheheheh

Valeriorivoli
Opera: | Recensione: |
MORE MORE MOREEEEEEEEEEEE

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: