Andrzej Zulawski
Il diavolo (aka Diabel)

()

Voto:

Prima ancora di Possession, altro suo apice assoluto, "Diabel" con le sue originali escursioni verso un fantasy via via sempre piu´ opprimente, gia´ si fa manifesto di quella poetica del "demoniaco" inteso non tanto come malvagita´ in senso classico, bensi´come sostanziale assenza di ordine sia in senso filosofico che umano.
Come opera risultera´ essere nel tempo, forse la piu´ visivamente degradante e sgradevole di tutta la sua produzione .

Il film in oggetto ha rivelato a livello internazionale il talento "parossistico" e le attitudini filmicamente schizofreniche del genialoide Zulawski al punto da rimanere, nel tempo, addirittura un clamoroso successo (anche se inizialmente, solo in quelli che erano gli entourage "d´essay" intellettualmente piu´ attivi e a la page dell´epoca) .

Durante l'invasione della Polonia da parte dell'esercito prussiano nel 1793, il giovane nobile polacco Jakub,prigioniero, viene liberato da uno sconosciuto che, in cambio, esige da Jakub una lista completa dei suoi compagni cospiratori. In viaggio con lui, Jakub assiste al caos dilagante e alla corruzione morale che regna nel suo paese, ivi comprese la morte di una persona a lui cara e all ´ infedeltà della sua promessa sposa.
Ormai mentalmente stravolto di fronte a tante atrocita´ inizia a commettere una serie di omicidi sanguinosi per nessun motivo apparente.

La singolare visionarieta´ di questa opera, la straordinaria fotografia, unitamente alla sapiente maestria del regista nel dirigere gli attori, (in questo non puo´ non ricordare Werner Herzog) fa di questa pellicola una opera obiettivamente "sui generis" .
Gia´ , perche´ oltre al lampante contrasto tra astrattismo e cromatismo barocco che prevale nella sua realizzazione il film risulta, anche nel montaggio, (con sconcertante anticipo sui tempi) un lavoro precursore di significative soluzioni cinematografiche che saranno poi adottate solo diversi anni dopo, come ad esempio la tecnica della telecamera a spalla (che contribuisce non poco,anche tecnicamente, a rendere ancora piu´ angoscianti ed ansiogene gran parte delle sequenze del film) .

In conclusione, una opera che rappresenta metaforicamente una sorta di affresco del "marciume" piu´ oscuro che dimora nell ´ animo e nella mente umana o che per oscure ragioni, poco a poco finisce per impossessarsi di essi (fin troppo facile,per certi versi, identificare il "diavolo" del titolo con lo stesso protagonista), un delirante esercizio di isterismo visivo che a tratti quasi sembra irridersi della sprovvedutezza dello spettatore medio, magari abituato perlopiu´ al torpore e alla prevedibilita´ dei classici peplum,colossal etc. o di certo cinema piu´ incline a drammi storici narrati in modo relativamente piu´ convenzionale e lineare.

Per onesta´ confessero´ che neppure il sottoscritto ha avuto lo stomaco di poter sostenerne la visione nella sua interezza, ma almeno da profano, non ho potuto personalmente restare irretito dalla proposta di un regista tra i piu´ lucidamente ed anarchicamente folli della sua generazione e di sempre, tanto che alla fine non esito a ribadire di averlo trovato addirittura piu´ disturbante e straniante dell ´altro capolavoro datato 1981 ....

Questa DeRecensione di Il diavolo (aka Diabel) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/andrzej-zulawski/il-diavolo-aka-diabel/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Come ogni altro film di Żuławski che ho visto, una sola visione non mi è bastata per "capirlo" (virgolette d'obbligo). Posso solo dire che lo ricordo malato, contorto, isterico, e che la scena iniziale è terrificante. Lo riguarderò al momento giusto.
BËL (01)
BRÜ (00)

vehicular: Ciao Hell e grazie! sicuramente non e´ una passeggiata e non solo la scena iniziale , concordo con te, occorre avere un minimo di predisposizione d ´animo per accingersi alla visione, perfino per i cinefili piu´ esperti e coraggiosi!
Carlos
Opera: | Recensione: |
Del tutto impreparato. Non ho la minima idea di chi sia, ma mi ispira tutto quanto.
BËL (01)
BRÜ (00)

Onirico
Opera: | Recensione: |
Peccato che non si trovi da nessuna parte, ne' da scaricare, ne' da comprare in italiano. Lo voglio, ma come faccio ad averlo?
BËL (00)
BRÜ (00)

vehicular: Ciao Onirico, grazie per la visita (e anche per il voto...) so che e´ una risposta da far cadere la braccia ma purtroppo temo di non poterti/vi aiutare in tal senso, io stesso mi sono dovuto accontentare di una visione in lingua originale con subtitles in italiano (che inoltre risale anche a un po´ di tempo fa, tramite Emule), mi sa che l ´unica speranza e´ di riuscire a beccarlo durante una visione notturna di Ghezzi (o su Youtube nei casi piu´ disperati) !....
Onirico: Ma ci sono molti dialoghi? Cioe' se non so bene l'inglese e lo vedo in lingua originale e' probabile che non capisca una mazza?
vehicular: "temo" per cosi´dire, di si' anche se considerando il film in oggetto, le didascalie in tal caso aiutano.
semmai possa essere utile provo ad appoggiarvi un link (ripeto, in italiano -almeno per me- e' davvero ardua impresa trovarlo..
un salut_ Diabeł (1972)
vehicular: P.S. cmq. non e' detto che magari le altri menti diaboliche del DEB possano intercedere alla bisogna .... :)
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Io ultimamente sono tipo da film ignoranti... Se mi piace Herzog questo può andare?
BËL (00)
BRÜ (00)

vehicular: Ciao Chainsaw. anche io stravedo per Herzog, ma laddove (almeno per come io personalmente vedo entrambi i registi) il buon Werner ha un approccio e uno stile comparativamente molto piu´ "contemplativo" la propensione generale nei film di Zulawski sembra invece, quella di voler scioccare lo spettatore ad ogni costo, questo e´un po´ lo spartiacque secondo me (pur detto abbastanza terra terra...)
vehicular: comuque se ti piace il cinema d ´ autore , diciamo che questo quanto meno non te lo sconsiglierei...
vehicular
Opera: | Recensione: |
Ciao , grazie mille a tutti per gli interventi e gli apprezzamenti! buon fine settimana o quel che rimane...
BËL (00)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Oh, bravo, tra questo ed il documentario sull'ossario ti sei contraddistinto per alcune delle segnalazioni più "particolari" degli ultimi tempi.
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Bella segnalazione.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: