Anja Garbarek
Briefly Shaking

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Anja Garbarek è una trasformista.

So che una recensione difficilmente inizierebbe in questo modo, ma è la verità: la cantautrice norvegese (figlia del celebre sassofonista Jan) è una che spesso cambia le carte in tavola, e lo fa con una maestria innata. Se all'inzio vi sentite trasportati dall'intro simil-jazz molto Billie-Holiday di "Born That Way", lei riesce a spiazzare: ora che ti sei rilassato ti manda una furia rock chiamata "Dizzy With Wonder", che ricorda non poco la Pj Harvey degli anni '90. Anja, ovviamente, non raggiunge la rabbia della cantante inglese, ma comunque ne è vicina: il suo pezzo è una cosa semplice, che resta in mente proprio perchè messa in contrasto con il rilassamento della prima traccia. Quindi "The Last Trick", poesia trip hop e primo singolo, in cui la cantante prende in prestito una sezione d'archi ai Portishead, personalizzandola con la sua voce inconfondibile, di certo non in grado di alti acuti e vocalizzi incredibili, ma di certo suadente e penetrante.

"Sleep" metterà a dura prova le vostre casse: un vulcano di bassi e synth che si aprono in un pezzo dalle venature soul. Nel disco non sono presenti due canzoni che si assomigliano: è un mix di generi, che tanto ricorda il capolavoro "Post" di Bjork. Quindi, tra gli archi che si aprono a ventaglio, disturbati da rumori alla aphex twin della belissima "Can I Keep Him?" e la potenza quasi metal (!), si ho detto metal: ne sono rimasto sconvolto anche io!, di "This Momentous Day", si dirama un disco riuscitissimo e molto eterogeneo, in bilico tra antico e ipermoderno, un caleidoscopio di creatività ed idee, in grado (forse) di resuscitare il povero trip-hop.

Questa DeRecensione di Briefly Shaking è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/anja-garbarek/briefly-shaking/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

Dr.Adder
Opera: | Recensione: |
Certo che, devo dire che hai una leggera fissa sulle copertine con i visi di donna eh?
Bhe, meglio queste ultime che quelle di "Ioco ono".
Voto 3,7 periodico arrotondato a 4.
Bye!
BËL (00)
BRÜ (00)

JakeChambers
JakeChambers Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non l'ho mai frequentata più di tanto, certe cose che fa mi danno un po' sui nervi. Però è senz'altro un'artista interessante.
BËL (00)
BRÜ (00)

Shò
Opera: | Recensione: |
bella questa....conosco solo la cover fatta da Wyatt "Stay tuned" della Garbarek
BËL (00)
BRÜ (00)

Shò
Opera: | Recensione: |
che ovviamente è splendida (Wyatt ha un certo gusto nel scegliere i brani di altri musicisti da "coverizzare"). sono veramente curioso di ascoltare questa
BËL (00)
BRÜ (00)

rikiii
Opera: | Recensione: |
Per avere 15 o 16 anni hai dei gusti molto particolari ed eclettici, quindi lode al merito con un 3,5 per al rece. Il disco in questione non lo conosco, della signorina ho ascoltato qualcosa quà e là, e mi sono rotto gli zebedei...
BËL (00)
BRÜ (00)

rikiii
Opera: | Recensione: |
voto media
BËL (00)
BRÜ (00)

Orwell
Opera: | Recensione: |
e bravo.. ancora.. non m attira molto però. ciaoo
BËL (00)
BRÜ (00)

Yosif
Opera: | Recensione: |
interessante, mi piacciono i dischi multicolore..me lo procuro.
BËL (00)
BRÜ (00)

Yosif
Opera: | Recensione: |
ascoltato, pessimo direi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: