Arab Strap
The Week Never Starts Round Here

()

Voto:

Sulla tua copia di "The Week Never Starts Round Here" c'era un discreto stato di polvere e la cosa in fondo ti rendeva parecchio felice, era un buon segno. Ma da qualche giorno è stata scrollata via tutta, il cd è finito di nuovo nel lettore dopo tanto tempo e tu hai preso coscienza che è veramente finita. Ed allora tanto vale scriverci due righe per sublimare la frustrazione e i sensi di colpa.

Una sorta di concept-album sulla condizione transitoria e intrinsecamente fallimentare di ogni relazione sentimentale, a pensarci bene "The Week Never Starts Round Here" è un disco irrimediabilmente "brutto", nel senso estetico del termine: improvvisato, incostante e cacofonico, pervaso da una indolenza che avrebbe depresso anche Bukowski. Un sconvolgente disco d'esordio.

L'amore, così come ci siamo abituati a chiamarlo, si spoglia di ogni orpello romantico e tutto si riduce a relazioni fra uomini e donne fatte di esplosioni irrazionali, affetti, rancori, silenzi e incomprensioni. E sesso: quello "sporco", improvviso e passionale e quello, molto più frequente, meccanico e abitudinario.

Forse prima di allora nessuno aveva messo in musica questo vortice di situazioni in modo così crudo e immediato; gli Arab Strap lo avrebbero fatto da allora per i dieci anni a venire, rompendo convenzioni e taboo. E se negli album successivi le strutture musicali si fecero più solide e complete, rendendo gli ascolti decisamente più accessibili, qui ancora manca anche quell'aspetto e tutto risulta terribilmente spoglio e scostante.

"Coming Down" suona come i Mogwai prima dei Mogwai (le due band collaborarono strettamente in quel periodo e i rispettivi esordi sono quasi contemporanei) e apre un album che risente molto delle atmosfere post-rock ormai in auge in quegli anni.
Canzoni che gettano le strutture seminali della musica degli Arab Strap tra pseudo-ballate acustiche ("Wasting") e e le prime contaminazioni tra folk-rock, timbri elettronici e noise ("The Clearing"), che diventeranno poi una delle costanti dell'opera della band.

Il tutto concepito come colonna sonora per storie di ordinario squallore esistenziale di una generazione che ha buttato nel cesso miti e ideologie e vive disincantata le sue quotidianità davanti ad un bancone umido e appiccicoso di birra; un universo rigidamente maschile per cui l'altra metà del cielo rappresenta un campo di battaglia, talvolta piuttosto ipotetico, per nuove e vecchie conquiste, che si rivelano quasi sempre poco gloriose, specie dopo averle ottenute. Una lucida presa di coscienza di quanto improbabili siano i sentimenti, tra le sensazioni che si affollano mentre affondi il viso tra le gambe di una donna o nel disagio agrodolce di un'eiaculazione precoce. L'apologia di una filosofia di vita che sembra trovare un attimo di serenità solo nella pratica del cazzeggio fine a se stesso ("The First Big Weekend"), fatto di randagi vagabondaggi e devastazioni alcoliche di gruppo; che rifugge scientemente ogni assunzione di responsabilità, siano esse una gravidanza accidentale ("Kate Moss") o un la preparazione di drink troppo esotico ("I Work in a Saloon"). Quel lato sordido in ciascuno di noi, che ogni volta ci illudiamo di aver messo a bada per sempre, ma che poi riprende il sopravvento quando si resta soli con i cocci di un ego da rimettere insieme.

"I'll walk through this world making little girls happy. But not you, no, not you". Forse solo sciocche pose da improbabili tombeurs de femmes: ma tutti sappiamo quanto, in certi momenti, facciano bene all'anima e al proprio orgoglio ferito.

Questa DeRecensione di The Week Never Starts Round Here è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/arab-strap/the-week-never-starts-round-here/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (TrentaDue)

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Belli ed emozionanti ma... al secondo ascolto c'è di che tagliarsi le vene....
BËL (00)
BRÜ (00)

presoblu
Opera: | Recensione: |
Recensione bellissima. Gli Arab Strap è una vita che mi ripropongo di ascoltarli, prima o poi ce la farò.
BËL (00)
BRÜ (00)

lux
lux
Opera: | Recensione: |
Ho ascoltato Philophobia, un pò una palla.. non bastano qualche accordo languido e una voce dimessa per creare vero sconforto, soprattutto quando in prececedenza sono usciti dischi di tutt'altro calibro di "squallore esistenziale". Quel retrogusto post rock inflazionato poi, dona al suono quella sensazione di Deja Vu che non fa mai bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

blechtrommel
Opera: | Recensione: |
Mi hai colpito. Scrivi davvero bene. Complimenti vivissimi, continua così! Chapeau
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
"Make me reflective, introspective, make me the violence, and explain my silence, cause its never too late to fill me with hate.....". bellissima recensione, bel disco, niente a che vedere con i due successivi (di un altro pianeta), ma sempre bel dischetto. E quanti ricordi...
BËL (00)
BRÜ (00)

JimMorrison
JimMorrison Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ma che bravo figliuolo che sei, nick. Domenica andiamo a messa insieme? Poi, con le 500 lire che ci da la nonna andiamo a fare una partita a Street Fighter II (quello con la virgola) e con il resto compriamo una gazosa in due. Che ne dici? Anche se ti odio, ti amo lo stesso.
BËL (00)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
davvero una bella pagina.
BËL (00)
BRÜ (00)

blechtrommel
Opera: | Recensione: |
la copertina poi è bellissima

BËL (00)
BRÜ (00)

maryg
Opera: | Recensione: |
pagina stupenda.
BËL (00)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
telespallabob
Opera: | Recensione: |
Copertina splendida, chissà cosa direbbe il Dottore. La rece è molto bella, ben fatta. Il disco non l'ho ascoltato anche se me ne avevano parlato bene
BËL (00)
BRÜ (00)

Kid_A
Kid_A Divèrs
Opera: | Recensione: |
Questa è rimasta in naftalina per diversi mesi, scritta in circostanze facilmente intuibili, che il tempo e parecchi barattoli di Nutella fanno ora sembrare alquanto lontane. In effetti l'ho un po' ripulita per l'occasione, perchè come la scrissi allora era imbarazzantemente personale e stucchevolmente emotiva. Ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

azzo
Opera: | Recensione: |
Bella lì. Forse il post è pure più carino della rece. P.s.:Lux, fai un favore, torna ad ascoltare i DT, che del resto non capisci un cazzo, te l'ho già detto.
BËL (00)
BRÜ (00)

absinth
Opera: | Recensione: |
il resto è stato già detto
BËL (00)
BRÜ (00)

lux
lux
Opera: | Recensione: |
Azzo, stracciacoglioni che non sei altro, mi pare di avertelo messo nel culo dialetticamente già tempo fa.. altro giro altra corsa, regazzì?
BËL (00)
BRÜ (00)

lux
lux
Opera: | Recensione: |
Ehi ScAzzo, aspetto gemme di intellettualismo sopraffino degne del tuo passato, quali "Questo è un disco con una notevole latenza psichedelica, un bellissimo barrage chitarristico ed un uso della melodia a dir poco accattivante". Davvero proposizioni che metterebbero KO chiunque. Aggiornaci sul tuo genio intellettuale hegeliano, ti prego.
BËL (00)
BRÜ (00)

GustavoLamazza
Opera: | Recensione: |
azzo, io posso mettertelo nel culo non dialetticamente? per cominciare raccoglimi l'accendino!
BËL (00)
BRÜ (00)

lux
lux
Opera: | Recensione: |
Ahah, magari dopo una bella inchiappettata si calma un pò l'amico Fritz :-P
BËL (00)
BRÜ (00)

azzo
Opera: | Recensione: |
Lux, prima che tu riesca a mettermelo in culo la finale di Champions sarà Lecce-Chievo. Anche perchè mi dai la sensazione di uno che ha bisogno di un faro da diecimila watt per trovarselo nelle mutande. Impara un po' di italiano (ci metti tre post prima di risucire a replicarmi con un po' di insulti) ed ascoltati qualche disco. Poi collega il cervello e cala un po' di supponenza. Che io sono pieno di privati di utenti che vengono a dirmi che sei uno stronzo. Scusami infine per i consigli, magari sei tu che ami il masoKo e ti piace farti insultare.
BËL (00)
BRÜ (00)

Larrok
Opera: | Recensione: |
Azzo, non parlare di supponenza quando sei tu che hai esordito con un bel "non capisci un cazzo", sparato così a freddo a uno che sta semplicemente esprimendo la sua opinione. Poi non lamentarti se ti si risponde a tono. Certo che ce n'è di individui ridicoli qui dentro eh...
BËL (00)
BRÜ (00)

darkHaem
Opera: | Recensione: |
Che bello spettacolo! Lux alle prese, come direbbe lui, con un altro "professorino del nulla". Ahaha!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Larrok
Opera: | Recensione: |
I professorini del nulla sono quelli che si attaccano ad un errore grammaticale per mettere in croce qualcuno di cui si vogliono vendicare. Quello sei tu. Azzo invece ha insultato gratuitamente una persona che esprimeva la propria opinione. Riesci a scorgere la differenza?
BËL (00)
BRÜ (00)

darkHaem
Opera: | Recensione: |
Torno dopo 10 minuti e, con estremo piacere, ho già ricevuto una risposta offensiva. (ma va!) Mi devi scusare se mi ero dimenticato che quando si attacca un certo "Lux" interviene immediatamente la famosa "Corte Celeste", mi ci devo abituare. Innanzitutto soltanto quando mi iscrissi ragionavo in quel modo e subito dopo (potrei fartelo vedere, volendo) in un mio commento chiesi pubblicamente scusa a tutti gli utenti di debaser.
BËL (00)
BRÜ (00)

darkHaem
Opera: | Recensione: |
vabbè voto la rece va! Bye.
BËL (00)
BRÜ (00)

Larrok
Opera: | Recensione: |
Ma quale Corte Celeste? Mica sono pagato a cottimo da Lux per ogni post che faccio in suo favore. Di solito mi sento di difendere chi ha ragione, guarda un po'...e comunque se controlli, in passato ho spesso ribattuto criticamente a certe sue idee, ma non mi sono mai attaccato a piccole stupidaggini per sopraffare le opinioni altrui. Se non sono d'accordo tiro fuori i miei argomenti, non mi servono gli insulti. A meno che non vengano prima da qualcun altro, e allora se l'è cercata...
BËL (00)
BRÜ (00)

darkHaem
Opera: | Recensione: |
lux
lux
Opera: | Recensione: |
"Impara un po' di italiano (ci metti tre post prima di risucire a replicarmi con un po' di insulti)"--- per me gli insulti sono un optional ricreativo, io di solito replico semplicemente riportando ciò che penso. Quello che ha bisogno di insultare sei tu (non hai argomenti), semplicemente perchè ho scritto che non mi piacciono gli Arab Strap. Metti 4 e 5 stelle al 90 per cento dei dischi che commenti, sembra che siamo circondati da capolavori...che ridere... Ovviamemente ascolto ogni disco che commento (tranne alcuni power metal, a cui metto ogni tanto 1 sulla fiducia, mi perdoni per questo?) e tu mi vieni a parlare di supponenza quando hai esordito (e non è la prima volta) con un "torna ad ascoltare i DT, che del resto non capisci un cazzo". Detto da uno che ha queste grandi teoriche organiche sui dischi... ma cosa cazzo vuoi da me? Chi ti pensa?
BËL (00)
BRÜ (00)

lux
lux
Opera: | Recensione: |
"Che io sono pieno di privati di utenti che vengono a dirmi che sei uno stronzo."--- questi elementi non avrebbero un cazzo da fare il giorno che pensare a: 1) un tizio che nemmeno conoscono. 2) un tizio con cui, probabilmente, non hanno mai parlato nemmeno su Deb 3) un tizio al quale non hanno mai avuto il coraggio di dire in faccia che è uno stronzo. Dovrei considerarli, te che dici?
BËL (00)
BRÜ (00)

lux
lux
Opera: | Recensione: |
Larrok grazie, ma i poveracci son poveracci :-) Sono stronzo perchè considero gli Arab Strap un gruppo non imprescindibile... guarda che è proprio da infami eh! Ma come mi sono potuto permettere!?
BËL (00)
BRÜ (00)

Kid_A
Kid_A Divèrs
Opera: | Recensione: |
allora micini, abbiamo finito di azzuffarci, che m'avete pure intasato l'inbox. Al mare ci sono un sacco di ragazze, fateci un salto nei pomeriggi estivi. Magari scoprirete una valida alternativa al mettervelo nel culo a vicenda (sempre dialetticamente, si intende!) Lux, Larrock e compagnia bella, il prossimo di voi che mi posta un commento qui sotto, non scopa per la prossima decade, quanto (non) è vero Iddio. E 1 a me per questo post così arrogante...
BËL (00)
BRÜ (00)

Appestato mantrico
Opera: | Recensione: |
Ehi, la maledizione qui sopra ha forse spaventato anche chi non vi aveva a che fare? evabbè, rischio io.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: