Sto caricando...

Various Artists
Spasm Sampler #1

()

Voto:

La mia copia è la numero 348, poi uno legge in giro che è una limited edition a 200 esemplari, dove l'inganno? Certo che poi andando a sentire questa musicassetta contenuta in un libricino di plastica (che un giorno, come a tutti, aprendolo mi si è spaccato al centro facendo Stock!) non troviamo inganni di sorta. Spiazzante si, per la varietà di mistificazioni underground contenute nascondendosi dietro una nomenclatura canonica dei pezzi, ma la regolarità cronologica si ferma lì.

All'ascolto le stratificazioni di inaspettato ci confondono non poco anche perché quando l'ho acquistata mi si raccomandò di andarla a sentire subito per controllare che fosse tutto ok, in quanto alcune copie erano fallate. E al primo giro un dubbio mi era venuto che ne avevo beccata una marcia, ma già al secondo iniziavo a sentire la puzza di bruciato di un bell'arrosto tendente al trascendente di entità lontane anni luce dagli stilemi comportamentali indotti dall'esterno che cercano di rincoglionirci a più non posso col "melodia, ritornello e muori".

Sibilline arie sui pezzi un po' più "calmi", palesi scleri senza considerazioni sulle piece movimentate, distruzioni psichiche coscienti su quel proporre quella post wave metificante paradiso, ecco la mortifera evoluzione che mi si è parata davanti.

E non si faccia l'errore nell'inquadrare i pezzi più vicini al punk industrial come comprimari di passaggi più ethereal: l'unità d'intenti permea il tutto, come fumarsi 200 sigarette d'un colpo ed entrare con una boccata dalla porta principale del Guinness dei Primati per un sacrosanto tumore ai polmoni e per dire "Hei, quello sulla copertina ero anche io!", mettendosi quegli occhiali da sole per avere più carisma ad attirare le cellule cancerogene.

E la rassegna delle sofferenze volute srotolata dal nastro magnetico ci regala momenti sublimi di impersonalità dove l'ecletticità è relegata ad un complemento d'arredo, facendoci gustare sostanza aliena.

Le bracciate dentro questo tumulo di liquidi idrocarburici aumentano di frequenza e nello stile dorso ci si regala la visione di un cielo nero, riverbero della vasca infiammabile, dove la densità del distillato di formazione milionaria tiene a galla facilmente il corpo fisico ma dove dobbiamo necessariamente alzare l'attenzione sul corpo sottile che tende ad abbandonarsi all'aldilà con queste ciniche atmosfere.

Ma siamo tranquilli, non c'è dualità, non c'è contrapposizione, c'è il barlume di assaggiare la nostra pura posizione nell'eterno ritorno, senza andata.

Package include: 40 Min. High Bias Chrome Tape and Silk Screened Prints Designed by the Artists.

Commenti (Tre)

Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Ho scritto su questa compilation perché c'è sul tubo tutta, perciò sentitela e fatemi sapere.


Caspasian: Disco qui:
Spasm Sampler #1 (1990)
Caspasian: @[Almotasim ] ⭐ grazie.
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Ethyl Meatplow - Non male: riporta alla mente "certi" Pankow [7]
War World - Sembrano una sorta di incrocio tra Ministry e Godflesh in salmì [7,5]
Pressure Head - Abbastanza piatti, direi gnente di signficativo [5]
Vanishing Family - Ma, ecco, insomma, direi anche boh [5]
Brain Eater - Forse sentiti 30 anni fa. Oggi m'impressionano poco [5]
My Sin - Già qvesti mi attizzano di più: belli ruspanti [6]
Christina Dallas - Qvesta deve avere ghrossi problemi [3]
Motiv - Atmosfere electro-elementari alla primi DM [5]
Pink Lady - Ma che stà a dì qvesta? [1]
Mark 9 - Che drogha bisogna usare per farseli piacere? [2]


Caspasian: Agli antipodi ci si incontra, i miei preferiti sono l' 1 2 3 dei tuoi voti. Grazie dell'attenzione nell'ascolto.
sfascia carrozze: "La sua soddisfazione è il nostro miglior premio"
(cit.)
Caspasian: Piri piri piri
Conteverde
Conteverde
Opera:
Recensione:
So che è impossibile, ma hai fatto venir voglia di riaprirla, quella musicassetta, di sfidare il fato. Non mi basta però un ascolto , quando la neo melodia è assente, la percezione dell'ascolto è ciclica, cosi a pelle direi che il terzo brano mi ha discretamente alienato.


Caspasian: Più la ascolti 'sta cassetta e più diventa un pezzo unico, poi l'ultimo pezzo di Mark9 dove ci sfata? Grazie.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Spasm Sampler #1 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link