Cavern of Anti-Matter
Hormone Lemonade

()

Voto:

Il kraut rock, quello di matrice elettronica, è una scienza esatta.

E' musica dai confini ben delimitati, sia nella ritmica, che si ripete stolidamente sull'ortodossia dei 4/4, che in una immaginaria trasposizione nello spazio fisico. Il kraut rock è un poligono dagli angoli acuminati e le pareti lisce e prive di attrito, l'equivalente in musica del monolite di Kubrick, disceso fra noi 40 anni fa per aprirci le porte di un nuovo sentire musicale. Il suo incedere sembra esistere da sempre, è il suono del cosmo, tanto meccanicistico e inarrestabile è il suo dipanarsi nel tempo e nello spazio. E se si dovesse, per praticità, citare un solo nome della scena, difficile sarebbe non accomunare questa visione musicale ai Kraftwerk.

Da più di quarant'anni questa idea meccanica e futuribile di musica fatta con le macchine ha affascinato e continua ad affascinare uno stuolo di musicisti. C'è chi ne ha ricalcato e ampliato le intuizioni ritmiche, c'è chi ne ha preso spunto per creare mjusica elettronica sempre più proiettata nel futuro, e c'è anche chi ha plasmato la propria immagine su quella robotica e retrofuturista dei Kraftwerk.

Infine ci sono quelli, come Tim Gane, che del krautrock ha fatto quasi una ragione di vita, prima con gli Stereolab e ora con questo progetto, Cavern Of Anti-Matter, giunto al terzo disco. Una fede incrollabile quella di Gane verso i sopracitati Kraftwerk, gli Harmonia o i Cluster e tutta la brigata di tedeschi pazzi che armeggiavano con i primi sintetizzatori e le prime batterie elettroniche.

“Hormone Lemonade”, rispetto al precedente “Void Beats/Invocation Trex”, si presenta come un unico flusso di coscienza robotica, costruito come è da un taglia e cuci scaturito da tre ore di improvvisazione fatta con due synth autocostruiti (per la cronaca denominati Taktron Z2 e Z3),

Il risultato? A metà fra il sogno bagnato di chiunque canti sotto la doccia “Europa Endlos” dei Kraftwerk e un (forse) inutile Trans Europe Express versione 2.0. E quindi il grado di apprezzamento dipende molto dal vostro livello di gradimento/assuefazione a questi suoni. Personalmente sono in pieno periodo kraut meccanicistico, per cui personalmente un grosso sì.

Questa DeRecensione di Hormone Lemonade è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/au-695207/hormone-lemonade/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Praticamente un disco che già odiavo col tutto il cuore solo a leggere te. Ne ho provato due e mi hanno addirittura dato fastidio (:D), io sta cosa di usare macchine obsolete non la capisco e non la capirò mai.
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Anche perché le macchine obsolote è noto che vadan sfasciate prima che si obsoletizzino fin à diventare senescenti.
Prezzi modici per eventuali comitive.
ça va sans dire.
puntiniCAZpuntini: Oh, "senescenti" mi mancava. Grazie, è bellissimo. Sai quanto cucchi sulle montagne con un vocabolario forbito? :D

Però c'è da dire che ci sono Macchine (Emmemaiuscola) che non Scenescen... Sceneggia... che non diventano mai vecchie, tipo un bel Moog dei primi 70 se usato bene spaccherà dischi anche nel 2050.
psychopompe: Beh caz, moog e suono meccanicistico ci sta. O Arp o i mitici synth Crumar (miei conterranei). Quella roba lì, un suono ai tempi futuristico ma che da anni è retrofuturo.
puntiniCAZpuntini: Col Moog puoi ancora fare futuro, o comunque "un suono non necessariamente omologato e standardizzato", mentre i suoni commodore_64 dei Kraftwerk e dei due pezzi che ho sentito di questi qua, sono e resteranno suoni Commodore_64.
Che ci mancherebbe, se piacciono piacciono, io ascolto da ormai quasi 30 gli stessi riff stoner e mi va benissimo così. Vorrei che mi piacesse anche questo retro_80, ma è proprio una roba a cui non arrivo e più che altro il fastidio è che non ci arrivo, vorrei sempre mi piacesse tutto.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Io son cresciuto a pane e Kraftwerk.
Con qualche bella fetta di Devo che ci stava sempre ammeraviglia.
Ma qvesto ho (quasi) timore d'assaggiarlo: tèmo l'indigestio.

BËL (00)
BRÜ (00)

luludia
Opera: | Recensione: |
pagina precisa e essenziale...
BËL (00)
BRÜ (00)

musicanidi
Opera: | Recensione: |
Tutto bello, conosco solo il precedente, sembra un bigino sul krautrock. Sul gruppo icona del suono meccanicistico e inarrestabile prenderei i NEU! invece dei Kraftwerk. Tu bravo ed essenziale come al solito.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: i NEU! erano decisamente meglio e andavano decisamente oltre, mettendoli ai livelli dei Kraftwerk li offendi. Marrano.
musicanidi: Erano due cose diverse. Fra vino e birra io non scelgo, me li bevo tutte e due....ma se proprio proprio proprio debbo scelgo i Neu.
puntiniCAZpuntini: Sì in effetti mi sono spiegato malissimo, i NEU! non erano così meccanicistici, c'era sempre dell'umano nei loro pezzi. I Kraftwerk hanno sicuramente inventato qualcosa - di pallosissimo e con un suono da galera - di "meccanico" mentre i Neu! hanno più "mischiato il meccanico con l'umano", che per me è "andare oltre", però allo stesso tempo se dici "icona del suono meccanicistico" devi dire Kraftwerk.
Insomma ci stiamo incasinando, facciamo che anche io - ovviamente, ci mancherebbe - preferisco di brutto i Neu!, e chiudiamo come se non fosse successo niente.
psychopompe: @[musicanidi] : ovvio anche io per anni mi sono riferito ai nel per identificare L' obnubilazione dei sensi che provocava la ritmica kraut. Tanto che Dinger è da solo quello che ha creato il motorik sound (in pratica con due pezzi, Hallogallo e Negativland). Ma qui non c'è l'amore parte umana dei neu! E degli Harmonia, per dire, solo chincaglierie proto elettroniche, quindi molto kraftwerk (fino a trans Europe express, già man machine si muove su altri territori) e un pizzico di Cluster.
odradek: @[puntiniCAZpuntini] "Meglio? Oltre? mettendoli ai livelli dei Kraftwerk li offendi?" Sai che potrei finirti qui, adesso, davanti a tutti? E infierire sul cadavere, tanto per gradire. Ci scassi la minchia da 30 anni con la musica da real negro e non mostri devozione ai bianchissimi padri? Valla a dire a loro sta minchiata dei Neu vs K. Ti aspetto appena fuori dal ghetto. ;)
puntiniCAZpuntini: Qualcosa mi dovrà pur far cagare così, perchè mi fa cagare. E mi fanno cagare ben due cose: 1 i suoni dei Kraftwerk, 2 il rap anni 70-80 con quei suoni dei Kraftwerk che mi fanno cagare.

Se uno proprio gli garba, può giocare con le suonerie del Nokia :D
puntiniCAZpuntini: Poi capisco te che te li vissuti in diretta nel pleistocene, ci mancherebbe. Anche agli antichi romani piaceva farsi il sugo con il grasso di pecora perchè non avevano pomodori :D
odradek: E te pareva che non t'aggrappavi al pleistocene. Sei tutto chiacchiere e distintivo. Io non "mi sono vissutta" una beneamata cippa, ho ascoltato la Mosica, mica fatto il tifo. Il rap degli anni 70 e 80 è il rap, il resto è scoria (a volte buona) E magari pure Detroit e tutta la techno è roba vecchia, vero, giovincello? Ti meriti David Guetta.
puntiniCAZpuntini: << Il rap degli anni 70 e 80 è il rap, >> Fratè, facevano rime tipo "io sono bello di più, e quindi ti rompo il cù". Ajò dai, erano quattro ignorantoni ritardati. El-P - "Stay Down" (Official Music Video) Ascolta ma soprattutto leggi la grammatica nell'aria, vedi le letterone che ti arrivano in fronte, i dizionari volanti, il complemento oggetto che ti prende a calcinculo...
puntiniCAZpuntini: GZA - Shadowboxin' feat. Method Man (HQ) E qui senti le coniazioni, lo slang, il nontidicouncazzoperòtelodico, il minventoleparole, il ghettomistastretto... Talking out your asshooooole... Yashouldalearntabouddaflowanpeasyaf ro, ticallion stallion...
odradek: In principio era il verbo, POI il complemento oggetto ;)
Carlos
Opera: | Recensione: |
Recensione superba. Adoro i Kraftwerk e in particolare Trans-Europe Express. Magari fa per me.
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe: Beh allora ti dovrebbe piacere, è tutto molto kraftwerk autobahn e trans europe
ErosGiannini
Opera: | Recensione: |
Mi piace la recensione, ed il genere. Mi procurerò senz'altro questa nuova uscita. Kraftwerk vanno bene, Neu anche, non dimentichiamo però i formidabili Can.
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe: E chi se li scorda, dormo con la t shirt di tago mago da un decennio, ho aggiunto ora quella di future days ;)
ErosGiannini: Fa piacere di non essere il solo, a godere di queste vecchie glorie del passato.
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
Bravissimo.
BËL (00)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
3,5 - 4. - Con Malfunction in loop tutto diventa più chiaro. Almeno finché non perde i contorni e comincia ad ondeggiare... - Ciao @[psychopompe]
Si può qui
Zippyshare.com - Cavern of Anti-Matter - Hormone Lemonade - 320.rar





BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Grazie al buon @[odradek] mi sono amabilmente sciroppato, scorrazzando addestra e ammanca in automobilia, cotanto synthetico DeManufatto.
Ebbene:
mica male.
Mica.
Mì.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: