Sto caricando...

Autechre
Amber

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Di "Amber" si è già detto di tutto e di più, ma raramente approfondendone il punto di vista storico/sonoro, un punto di vista assolutamente non di poco conto, che trascende l'opera per insinuarsi direttamente in oltre un ventennio di musica elettronica dal '94 a questa parte, dato che questo indimenticato gioiello, più di ogni altro album dell'epoca, contribuirà a delineare definitivamente i canoni di quella che oggi giorno viene globalmente riconosciuta come "IDM", genere che, malgrado il calo di idee del nuovo decennio, i nuovi nomi non sempre all'altezza e le numerose storiche etichette decedute, è più che mai vivo e vegeto. 

Infatti, a differenza di gran parte dei colleghi inglesi (che magari cambieranno il loro sound soltanto più avanti), gli Autechre sono stati in grado di evolvere la loro creatura sin da subito, appena un anno dopo il non meno fondamentale "Incunabula", e per ben due volte in modo seminale: dapprima "lanciando", o meglio consolidando, proprio l'IDM dalle ceneri del già morente fenomeno ambient-techno, qualche anno dopo - dal '97 al 2005 - con il versante "abstract", versante quest'ultimo decisamente più dedito alla sperimentazione, meno commercializzabile e radicato nel sottosuolo elettronico, che però ancora oggi vanta numerose imitazioni, oltre ad essere ormai l'unico per cui azzardare la parolina "intelligent", al cospetto di un "Intelligent Dance Music" che, arrivati al nuovo millennio, di "intelligent" aveva già ben poco visto l'appiattimento generale e il calo a livello di innovazione. In entrambi i casi i due si sono distinti per una personalità musicale eclettica e all'avanguardia, sperimentando ovunque, dai ritmi soprattutto (rivoluzionari) alle atmosfere (dei più disparati immaginari) alle sempre innovative tecniche di produzione, passando per il rifiuto della forma canzone, lo stravolgimento delle regole musicali, gli artwork e persino i titoli, generati random.

Ad un'orecchio che ha assimilato molta elettronica dai risvolti più sperimentali dell'ultimo decennio (e in particolare robe tecnicamente gigantesche e super-complesse del tipo Richard Devine, Otto Von Schirach, Datach'i, gli stessi secondi Autechre, o le sperimentazioni digitali di Noto, Delay, Bretschneider..) questo lavoro, malgrado suoni ancora terribilmente attuale, potrà probabilmente sembrare datato, spudoratamente novantoso nella sua analogia estrema, nel suo trionfo di Nord Lead e drum-machine della Roland. Non è un caso infatti come insieme ad "Incunabula", "Amber" rimanga l'atto più umano, accessibile, e per l'appunto analogico, del complesso inglese; complesso che farà in seguito dell'apparecchiatura digitale (nient'altro che il cuore della moderna IDM) il proprio cavallo di battaglia.

La sua importanza è comunque elevatissima, dal momento che nell'affollata scena (soprattutto inglese) del periodo abbiamo il pieno boom dell'ambient-techno, sempre più in continuo fermento (Aphex Twin, Future Sound of London, U-ziq, Orb, LFO, B12, Black Dog, Deep Space Network, le case di produzione Warp, R&S, GPR, Rephlex per citarne soltanto una minima parte), sia esso il versante più ancorato alla fiorente techno europea di Joey Beltram, Speedy J & co. (a sua volta ispirata ovviamente dalla già sviluppatissima scuola Detroit) e alle due warp-compilation "Artificial Intelligence" - (LFO, B12, The Black Dog), quello collegato all'ambient (Aphex Twin, The Orb, The Irresistible Force, Biosphere) o alla sperimentazione e un sound generalmente più eclettico, personale e difficilmente catalogabile (Future Sound of London, Mouse on Mars, i tedeschi Atom Heart e Oval, Alec Empire, gli stessi Autechre). Senza contare il fatto che molti dei nomi qui citati viaggiavano già da una 'categoria' all'altra - mostrandosi musicalmente aperti e affidandosi spesso a svariati pseudonimi a cui attribuire determinate direzioni (è soprattutto il caso di Aphex Twin e Atom Heart). In pratica, in una scena così movimentata e in via di definizione, la sigla "IDM" rimaneva più che altro un termine "teorico", ancora piuttosto ancorato alla serie "Artificial Intelligence" della Warp e al trittico concettuale nascita-sviluppo-origini etimologiche del genere, piuttosto che ad un vero e proprio sound distintivo che vedrà soprattutto nelle uscite riguardanti la seconda metà degli anni novanta (quando l'ambient techno era già un lontano ricordo) gli esempi più limpidi.  

Il fulcro del tutto è che con l'avvento di due-tre dischi in particolare, ma "Amber" su tutti, si tratterà proprio di un sound distintivo, e non un genere - ed è anche per questo che il buffo termine verrà ripudiato da molti artisti del settore - come puo essere invece terza musica elettronica ben delineata (techno, electro, drum'n'bass ad esempio). Parliamo dunque di un non-genere? Quasi: attualmente si puo parlare di IDM infatti per molteplici casi, ma tutti accomunati dalla produzione generata tramite mezzi elettronici (siano essi sintetizzatori d'annata, drum-machine, pad d'effettistica, laptop, ambienti di sviluppo come il Max/Msp, plugin all'avanguardia e VSTi di ultima generazione) ma che difficilmente riescono ad essere "inquadrabili" in uno dei pur numerosi generi col medesimo procedimento facenti parte la dicitura 'musica elettronica', come lo era invece l'antenata ambient-techno, almeno nella sua prima forma, che altro non era che quella che inizialmente veniva chiamata IDM (ma per questione di promozione) e che sonstanzialmente, tolti i pochi che stavano già sperimentando, non faceva che agglomerare i ritmi, le melodie cristalline e l'anima visionaria della techno detroitiana ai paesaggi rarefatti della musica ambientale.  

Non si tratta di un qualcosa di "non inquadrabile" perchè sperimentale di natura come possono esserli (incatalogabili + sperimentali) i primi ispirati lavori di un Nurse With Wound (la maggiorparte dell'IDM è ovviamente incentrata su un certo livello, elevato o minimo che sia, di sperimentazione, ma pochi - gli Autechre sono tra questi - hanno sperimentato a livello 'totale' rendendosi spesso incatalogabili), piuttosto perchè, malgrado possano esservi piccoli richiami secondari (ad es. Aphex Twin-acid/ambient / Squarepusher-drum&bass/jazz) non affonda le radici in nessun determinato contesto socio-teorico-musicale, affidandosi alla sola creatività artistica senza paletti alcuni (ovviamente parlando di cose dalla personalità 'unica' come i qui trattati, e non semplici cloni - bravi ma pur sempre cloni - come ISAN - sorta di triste replica dei Boards of Canada); motivo per cui in un "confronto" più o meno totalitario tra artisti/etichette/periodi rientranti nella cosiddetta etichetta "IDM" possiamo trovarvi artisti dai più disparati tratti stilistici, spesso diversissimi tra di loro (dalla sperimentazione ritmica degli Autechre, a quella melodica dei Boards of Canada o quella breakkosa di Venetian Snares)

Tale sound distintivo, che si evolverà verso le suddette molteplici strade - solo in parte anticipato in vari bozzetti sul precedente album [Incunabula è una parola latina che sta per 'qualcosa in via di sviluppo', decisamente appropriata per quanto seguirà qui], deve tutto o quasi proprio ad "Amber", (e, certo, prima e dopo da altre idee sparse in vari lavori/artisti che contribuiranno ad anticipare determinati "concept", soprattutto Aphex Twin per quanto riguarda un certo tipo di "approccio melodico" o Squarepusher per quello, più recente, incentrato sui breaks ultra-elaborati). Ma se la serie "Artificial Intelligence" aveva dunque tracciato la via, e i sovraccitati le scorciatoie, è invece questa release a delineare del tutto un vero e proprio 'modus operandi' che lancia una sorta di 'dettame tecnico' - comunque lunge da diventare clichè altrimenti non parleremmo di IDM - che consiste nell'evoluzione del beat (adesso non più un battito di drum-machine vicino alla techno, bensì ritmiche complesse che fanno del glitch, della sonico-processazione stratificata, del tempo dispari, e in generale nell'uso del suono meno scontato possibile il loro fulcro) e della sezione melodica (che diviene sempre più di difficile decifrazione, sempre più un mezzo per creare un determinato 'scenario' - soggettivo e non - più che il mero motivetto, al fine di creare territori mentali e piece più adatti all'ascolto attento e trasportante, o al trip cerebrale più che al pezzo ballabile adatto anche al contesto pista come poteva ancora esserlo un pezzo ambient(techno) dei primi novanta (si pensi ad esempio a "Didgeridoo" di Aphex Twin, classico sia della techno che dell'ambient-techno). In tal senso la celebre questione 'brain-dancing' di quest'ultimo, o la copertina della seminale compilation "Artificial Intelligence" col suo robot comodo sulla poltrona intento ad ascoltare questa nuova 'elettronica d'ascolto' con accanto i vinili di Kraftwerk e Pink Floyd, inizialmente concepita da casa Warp come un elettronica da dopoclub, una trovata pubblicitaria, è abbastanza esplicativa.

Che poi la situazione si sia espansa a live set, concerti laptoptronici e forme nettamente più ballabili è ovviamente un altro discorso, ma è appunto sugli albori di questa realtà che ci siamo soffermati in queste righe, per mezzo di un'introduzione tutt'altro che superflua, dal momento in cui essa non vuole spiegare dell'enciclopediaca origine in quanto tale, ma concentrarsi piuttosto sul binomio sound/evoluzione in generale, binomio abbastanza articolato e qui limitato ai soli Autechre, ma più che mai fondamentale al fine di comprendere, o rivalutare, appieno un'album che influenzerà ancora oggi molta elettronica moderna. 

E' dunque il caso di passare al lavoro in quanto tale, e non vi è miglior riassunto di quanto detto che il capolavoro assoluto della carriera degli Autechre: la prima pulsante "Foil", un pezzo che sembra prodotto da entità aliene e che sin da subito mostra sia le nuove direzioni intraprese, sia la sperimentazione adesso più evidente. Non è quindi un caso come da queste prime note si possa già notare un suono di gran lunga più freddo e meccanico rispetto agli epici soundscapes su cui si basava "Incunabula": dal geniale sali-scendi con continuo cambio di tonalità dell'ipnotico riff analogico (sorta di roulette russa del suono) scaturisce un senso di paranoia e abisso che sarà piuttosto presente nella produzione di questi Autechre particolarmente "darkeggianti" (basti pensare alla simile "Rsdio", sul successivo "Tri Repetae"). Sulle nervose ritmiche in terzina di "Montreal" - che suona avanti di una decina d'anni -  si possono già intravedere timidi esempi di quello che sarà il loro sound da "Chiastic Slide" in poi, ossia ritmiche complesse e disarticolate che rappresenteranno il marchio di fabbrica del lato più astratto; il grosso carico di effetti timbrici (phaser, flanger, riverbero, eco) su tutto il pezzo regala un senso di 'spazio indefinito' molto interessante (ritrovato sulle tele visionarie di "Further"), mentre melodicamente parlando, cosiccome accadrà più avanti sulla tenue "Slip", sulle vibrazioni emotive di "Nine" e quelle distanti e catacombali di "Yulquen", la traccia resta invece piuttosto ancorata ai dettami della calda techno incunabulosa, con gli usuali tappeti di analogia ambient. 

"Silverside" costituisce l'altro capolavoro del disco, una piece sinistra che a distanza di diciassette anni riesce ancora a suonare futuristica; dagli archi minacciosi, quasi vicini al dark-ambient, prende vita, sepolto tra il delirio organico, un campione vocale alieno (merito di un pioneristico lavoro sul sample soprattutto tonale e di decomposizione strutturale che verrà più volte riproposto da altri artisti) che va e viene (mutandolo e de-mutandolo continuamente) cercando di farsi spazio sul beat solido, che porterà via via, con un incredibile progressione che ricorda i viaggi cosmici dei Tangerine Dream, al consolidarsi di terze dimensioni psicofisiche. "Glitch", all'apparenza nulla di trascendentale, 'lancia' un altra cosa fondamentale in quel determinato ambiente, ossia l'utilizzo di una tecnica conosciuta come bitcrushing - per la verità già usata nell'hip hop ma in modo differente - che consiste nel ridurre la qualità del suono processato (in questo caso il synth) ricampionandone la risoluzione, producendo così un suono sporco, pseudo-distorto e 'rovinato' di considerevole impatto (per capirci si puo sentire ciò sul classicone "Alberto Balsalm" di Aphex, uscita un anno dopo); qui il beat è ossessivo come nel più classico ambient techno, ugualmente per i cimbali e percussioni ricche di riverbero, ma l'interazione col riff "ridotto" è notevole al fin di creare un mood terzo-dimensionale ancora una volta avanti per la sua epoca; anche il titolo è in un certo senso profetico, essendo il bitcrushing tecnica familiare alla glitch-music (rappresentando, appunto, un errore sonoro, altrimenti detto "glitch"), sia essa la prima forma targata Oval, sia il glitch minimale-experimentale-digitale dei giorni nostri (raster noton et similia).

L'andamento detroitiano di "Piezo" è preludio al solito campionario di sperimentazione ritmico-riempitiva, con numerosi suoni inusuali assolutamente imprevedibili ad un primo ascolto, mentre certe soluzioni sulla monumentale "Nil" e l'ipnotica "Teartear" anticipano quanto verrà fatto su "Tri Repetae", ossia il perfetto connubio dei due lati autechriani (quello melodico degli esordi, quello ritmico degli anni a seguire) oltre che propinare progressioni ambient degne di Eno nella prima, ritmi più adatti ad un disco industrial nella seconda. 

Quante volte si puo leggere "innovativo" o "innovazione" o "anticipare"? Inevitabile per una delle opere più influenti che la storia ricordi. Questo è ciò che generalmente viene definito Genio. Questa è la sperimentazione.

Questa è l'elettronica.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiSei)

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Capisco che è il tuo disco preferito, ma prova ad essere meno DEBORDANTE. La perfezione/imperfezione definitiva verrà con Tri Repetae.


Suonoonous
Suonoonous
Opera:
Recensione:
quando avrò una maledetta ora libera leggerò bene questa rece immane e ascolterò bene quel disco immane. Voto ad entrambi 5 perchè basta spilucchiare un pò per dare un giudizio (e si, al contrario di quanto ho detto una volta ho riascoltato qualche pezzo del disco e mi è piaciuto un casino. I gusti cambiano). Statti bene uomo


scaruffoditurno
scaruffoditurno
Opera:
Recensione:
" -review- is so irresistible,was what -readers- used to say(?!?)..."


Kaczynski
Kaczynski
Opera:
Recensione:
Più che una recensione, forse dovresti scrivere davvero un'enciclopedia sulla musica elettronica popolare. Io credo che te la comprerei, vista la mia ignoranza pressochè totale sull'argomento. Ricordo solo dei rave degli anni '90 (cui andavo comunque soprattutto per motivi extra-musicali) e di quando - con nostra estrema sorpresa - i dischi house e techno, sul finire degli anni '80, avevano iniziato a vendere nei negozi di vinili preferiti ormai quanto il punk e la new-wave. Voto 5, ovviamente.


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Meriteresti un monumento. L'album lo devo ancora sentire ma l'aspettativa era già elevata. Figurati adesso.


seagullinthesky
seagullinthesky
Opera:
Recensione:
No, dico davvero. Qualcuno può farmi un riassunto?


teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera:
Recensione:
Untitled, sicuramente ne sai a pacchi, ma cazzo penso che sei l'utente più logorroico che abbia mai visto! E te lo dice un altro che ha problemi di logorrea di tanto in tanto ;) Senza offesa ovviamente eh :D


mementomori
mementomori
Opera:
Recensione:
cazzo, ho più imparato con questa rece che con 7 abbonamenti annuali a blow-up....ma in tutto questo, un'artista come AGF (la mogliera di delay) come la vedi? come merda per sfilate di moda?


Untilted
Untilted
Opera:
Recensione:
Non è il mio disco preferito, soltanto l'introduzione è necessaria per inquadrarlo nel giusto contesto (il contesto del '94, anno di grande movimento e innovazione da quelle parti) e percepirne il livello 'di rottura'. Memento, a me Delay piace e molto in tutte le sue reincarnazioni, la roba con AGF non proprio. Lei la apprezzo da solista specie i primi dischi, ma niente per cui strapparsi i capelli, stilisticamente la trovo fin troppo debitrice di tutti gli altri che si muovevano già da tempo sulle sperimentazioni digitali, soprattutto Senking, Snd e Bretschneider che suonano uguali, dunque personalità poca a differenza del marito. Merda non di certo comunque.. ad avercene!


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Si, ma i grandi riescono ad essere (o non essere) al di là di qualsiasi contesto. Cmq è giusto interessarsi alle notizie biografiche, lo faccio anche io. Ti piacciono i Monolake?


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Bel disco, all'epoca uno dei più venduti tra quelli di elettronica nella mia bottega di pusher musicale. Siccome già all'epoca non ero più un virgulto non provai lo stesso entusiasmo che sembra muovere la monumentale digressione del buon Untitled, che lo descrive a 16 anni di distanza inscrivendolo in una sua personale visione della musica elettronica che pare mossa dal desiderio, comprensibilissimo, di tracciarne una mappa e produrre una sorta di albero genealogico. Un modo di "analizzare" la musica che mi fa pensare agli entomologi e che soffre, per sua stessa natura, di qualche forzatura e rigidità ma consente, spesso e a molti, di orientare i propri ascolti. Non fa per me, ma apprezzo lo sforzo. A me, e ai più giovani avventori della bottega, Amber sembrò semplicemente un gran bel disco. E' molto che non l'ascolto e forse lo rifarò dopo questa pagina. - @MEMENTOMORI: alcuni lavori di AGF sono molto interessanti. Che aleggino o meno su catwalk.


miraggio2
miraggio2
Opera:
Recensione:
Così cosà: sei esperto in materia e fornisci un sacco di nozioni utili ma frasi come questa:" malgrado suoni ancora terribilmente attuale, potrà probabilmente sembrare datato" non possono far andare la valutazione della recensione sopra il 2.


Dopesmoker
Dopesmoker
Opera:
Recensione:
Beh, mi sembra anche abbastanza logico riuscire a tracciare una "mappa" a sedici anni di distanza, con il senno di poi delle seguenti evoluzioni. L'analisi è molto nitida e "Foil" è il primo grande capolavoro degli Autechre.


unkle69
unkle69
Opera:
Recensione:
il disco è da 5, la recensione sarebbe anche buona, anzi lo è sicuramente, ma è troppa. ;)


Untilted
Untilted
Opera:
Recensione:
Non è che si tratta di notizie biografiche o visioni personali, è appunto una 'mappa' necessaria proprio perchè è soprattutto questo disco a rompere la questione della 'techno ambientale' (di lì a poco sparita) e tracciare le vie che cito a recensione inoltrata, vie ancora oggi intatte e percorse, quindi è lecito ricordarle. Trovo superfluo soffermarsi unicamente sul disco in quanto tale, essendo già ben trattato nelle due in archivio; è giusto prenderlo anche dall'ottica di innovazione e impatto sulla scena altrimenti il doppione non avrebbe senso. Se non si concepisce il ruolo di tale 'mappa' probabilmente non si è letta la pagina per intero ! Zion, si si, anche se un pò meno da quando c'è solo Robert. Tralaltro Monolake è un assist utile, ecco infatti chi ha fatto per primo quel celebre 'giochetto' di cui parlavo (la voce tagliata che va e viene dai soundscapes melodici) (94) (97) (98) (2001 monolake) (2001) e questa è ovviamente nient'altro che una piccolezza, già altre parti di questi stessi pezzi, figuriamoci terzi non linkati, hanno cose già fatte prima dagli Autechre e se contiamo quante ne hanno pionerizzato poi confield e chiastic non finiremmo più.


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
@UNTILTED: "Se non si concepisce il ruolo di tale 'mappa' probabilmente non si è letta la pagina per intero !" Beh, affermazione un po' presuntuosa: mi si conceda la facoltà, letta la pagina nella sua interezza, non di "non concepire" ('chè non capisco il senso della concezione, nonostante la pagina sia "gravida" di contenuti) ma di esprimere perplessità (di natura personale, ovviamente: "Non fa per me, ma apprezzo lo sforzo" in sintesi)in merito al senso, pur avendolo compreso. Semplicemente perchè non è il mio modo di vedere le cose. Spero sia consentito. In caso contrario non perderò il sonno, credo. Ciao.


Untilted
Untilted
Opera:
Recensione:
No, non era a te che mi riferivo Odradek, hai già scritto perchè trovi inopportuna questa 'mappa', ma a chi trova la pagina lunga o logorroica (ed è proprio tale introduzione/mappa a renderla tale). Se Amber non avesse questa importanza, nell'area che mostra la mappa, sarebbe stata corta, come le altre.


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Allora chiedo venia, ma dato che avevo usato io il termine pensavo logico a me fosse riferito il tuo post. In realtà questa attitudine analitica, questa tendenza a definire priorità e connessioni, questo prodigioso esercizio mnemonico e didattico, se da un lato mi affascina (perchè è lo stesso delirio, fatte le dovute proporzioni, che mosse ad esempio gli enciclopedisti) dall'altro mi provoca un senso di asfissia, perchè sostanzialmente credo sia vano e mai rispondente a criteri oggettivi e univoci, in questo senso vanificando in partenza la propria stessa natura. E anche se non mi metterei a teorizzarlo (non ce la fo, son qui di passaggio e son pure un po' stanco)credo che la cosidetta "sperimentazione" non sia di per sè un dato significativo in relazione alla produzione musicale. Non è comunque, per me, un discrimine che colloca l'oggetto in una luce migliore o ne aumenta il "valore". Ma è unavisione appuntio soggettivissima e opinabilissima. - Detto questo, apprezzando lo sforzo, constato anche la qualità dei tuoi contributi in un'area di DeB che è abbastanza scoperta e con pagine che si lasciano leggere, anche quando son un po' più lunghette. Salut.


Untilted
Untilted
Opera:
Recensione:
Capisco Odradek, la penso diversamente (la sperimentazione o più semplicemente la creatività e l'innesto di nuove idee sono ossigeno per la musica) ma sarebbe una questione troppo articolata per liquidarla in due parole, magari se ne parlerà in altri momenti. Comunque non c'è nulla di presuntuoso, dico sul serio, infatti il ruolo dell'introduzione (o mappa come la si vuole chiamare) si comprende quando si passa a parlare dell'opera in quanto tale, cioè alla fine. Se non la si vuole leggere perchè troppo lunga non c'è niente di male, è infatti realmente lunga e chi lo fa notare ha ragione, ma questa lunghezza è appunto giustificata dal contesto che ho deciso di trattare - peraltro già anticipato ad inizio recensione dove scrivo che del disco si è già detto di tutto - che è un contesto essenziale visto il lato da cui ho trattato il disco ("approfondendone il punto di vista storico/sonoro, un punto di vista assolutamente non di poco conto" cit.). Non lo chiamerei vano, è semplicemente rendere il giusto merito ad un disco che nel bene o nel male ha un ruolo importante.


omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Per la puttana che mappazza! Passerò non appena avrò il tempo, dai commenti sembra che ne valga la pena.


unkle69
unkle69
Opera:
Recensione:
Ritratto il concetto la recensione è "troppa".
E' "troppa" se parliamo di una "semplice" recensione, recensione come tante altre recensioni su riviste del settore o fanzine online. Se invece parliamo di testo "celebrativo" o angolo di "approfondimento" allora il testo ha "più" senso.


omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Beh, manca un po' di documentazione, ma è accettabile :)


omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
A parte le stronzate, documentata è documentata, tanto di cappello, ma chi come me è digiuno di elettronica fa un po' fatica a seguire i riferimenti che riversi nella recensione. Ovvio, questo è un problema mio. Ti preferisco nei commenti, quelli lunghi e azzurri con i link. Ciao


rael82
rael82
Opera:
Recensione:
Bellissimo disco...beccato su ebay per un soffio il CD...fonte continua di ispirazione, non inferiore a cose come "Oxygene" o "E2-E4".


Radioactive Toy
Radioactive Toy
Opera:
Recensione:
Uno dei migliori recensori di sempre.


Papageno
Papageno
Opera:
Recensione:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Amber è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link