Avion Travel
Danson Metropoli - Canzoni di Paolo Conte

()

Voto:

Missione impossibile.

O forse solo apparentemente tale. Sì, perché i fans di Paolo Conte, tra cui ovviamente, e sfegatatamente, chi scrive, sono abbastanza talebani e di solito non amano le cover del proprio Maestro. I fans degli Avion Travel, con tutto rispetto, sono un po’ pochini e certamente “di nicchia” (nel bene e nel male), malgrado un Sanremo vinto sull’onda della potenza della Sugar. Mentre l’operazione “Danson Metropoli”, in sé, è coraggiosa se non persino sconsiderata. Ma siamo qui per parlare del risultato, e non di analisi astratte e sofistiche.

Il disco, ascoltato più volte e con crescenti attenzione e curiosità, propone alcune cose davvero bellissime, alcune non particolarmente remarcabili ed una, ovviamente per il sottoscritto, decisamente fallace. L’atmosfera dell’album è divertente e, in generale, buona. I ragazzi sono dei secchionazzi, ma qui non lo fanno pesare troppo e paiono divertirsi davvero, soprattutto a manipolare e riarrangiare le partiture contiane con un misto di rispetto, rigore, sperimentazione e tanta, davvero tanta, libidine. Dicevo che alcune cose sono davvero egregie. Innanzitutto trovo bellissimo ciò che han fatto di “Cosa Sai Di Me”, brano splendido che l’avvocato -chissà perché…- aveva ultimamente la tendenza di buttare in cha cha cha… Ora invece diventa lento e cadenzato, con quelle ripetizioni che apparentemente non “s’involano” mai ma che alla fine costruiscono il vero fascino di una canzone. Poi trovo eccezionale l’accostamento impossibile tra gli Avion, lo stesso Autore e nientepopodimeno che Gianna Nannini nella splendida “Elisir”, brano che, se non mi sbaglio, era ancora vergine di coverizzazione. Qui la Nannini, che trovo tanto una gigantesca promessa dei ’70 e dei primissimi ’80 quanto l’insopportabile delusione neo-melodica attuale, è incredibilmente a suo agio nel rendere semplicemente bello e lirico, nel senso migliore, il ritornello del brano. L’accostamento Conte/Nannini è proprio il simbolo del coraggio e della sostanziale riuscita dell’opera.

Poi trovo si siano realizzate fatte cose egregie su “Max” e su “Blue Haways”, oltreché sulla conclusiva “Languida”, sempre soprattutto a livello di arrangiamenti ed orchestrazioni. In “Spassiunatamente” si gioca in casa, essendo uno dei brani contiani scritti –in palese omaggio a una Musica, una Città, una Cultura…- con la “lingua” partenopea. Se fossi stato io il produttore dell’opera, avrei imposto l’interpretazione di tutti i brani “napoletani” di Conte. L’indedita “Il Giudizio Di Paride” è brano molto bello, che fa crescere la curiosità del sentirne la versione originale –che magari prima o poi verrà…-, essendo l’unico privo di raffronti. Le perplessità giungono invece proprio dai due brani che la Piccola Orchestra giudica “di punta”. “Danson Metropoli” è quasi uguale all’originale, con una buona dose di ironia contiana in meno (e questo era una limite oltre che invalicabile anche facilmente immaginabile con un po’ di modestia), impreziosita però dallo stesso Conte che “verseggia” qua e là, un po’ come nell’originale. Un po’ troppo. Anche le parole cambiate, come “incazzatura” al posto di “idiosincràsia”, oltre a poche altre, sono semplicemente meno belle delle originali, per quanto evidentemente dalle stesso Conte approvate.

Vera nota dolente, però, è l’inspiegabile primo singolo: “Sijmadicandhapajiee”, brano ultracontiano, ultrastigiano, ultrautoctono, che non ha nessun senso tra le mani degli Avion Travel, e non solo per motivi dialettali. Innanzitutto perché anche qui va a scomparire l’autoironia disincantata e superiore dell’autore (…son cose che o ce le hai o non ce le hai…), poi va anche a scomparire quella scanzonata “quasi samba” per diventare una samba a tutto tondo, molto men che jobiniana, banalizzata e banalizzante, con improbabili coretti carioca. Insomma, la pecora nera del disco, un errore fatale e gravissimo tipico del complesso di superiorità che alberga dentro ad ogni secchione, che non vede l’errore anche quando è evidentissimo anche per l’ultimo degli asini. Il risultato è quello di un Ranieri che cantasse “La Città Vecchia” di De André accompagnato da Casadei (forse ho esagerato…ma capiamoci…). Peccato. Per il resto la lode al coraggio degli Avion Travel e anche all’impegno di quel pigrosauro di Conte, convinto a produrre l’opera, dare copertina e persino un inedito, oltre ad una “fetta” di voce.

Rimarrà nella storia ? Chissà…: in quella degli album di cover, universo parallelo che meriterebbe più d’un trattato d’approfondimento, probabilmente sì. Quel che ci potrebbe entusiasmare sarebbe un disco di inediti Contiani cantati da Lui e suonati da Loro, anziché dai secchionazzi senz’anima con cui l’Avvocato gira negli ultimi anni. Gli Avion secchionazzi sono sì, ma almeno di anima ne hanno da vendere.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Danson Metropoli - Canzoni di Paolo Conte è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/avion-travel/danson-metropoli-canzoni-di-paolo-conte/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Tredici)

Sabatino
Opera: | Recensione: |
Non sono d'accordo con il "secchionazzi" dato ai musicisti che lo accompagnano in tour..anzi
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Lo sto ascoltando proprio in questi gg e mi sembra di livello inferiore rispetto alla produzione originale loro. Più canzoni "tradizionali" e meno "avanspettacolo" (penso a Elisir con la Nannini, secondo me NON eccelso)... più in generale mi sembra che abbiano perso leggermente lo smalto, ma forse è una prima impressione.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

ecioso
Opera: | Recensione: |
la rece invoglia , il disco mi è stato gentilmente omaggiato da un'amica purtroppo devo ancora ascoltarlo ma penso(spero) che non mi deluderanno
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Sentito qualche settimana fa, disco gradevole. In verità lo temevo un po', pensavo che le cover mi avrebbero disturbato, invece l'ho ascoltato con piacere. Bello, anche se non ha torto punisher nel considerarlo "minore" rispetto ai loro lavori precedenti. Ho anche sentito un'intervista a Servillo nella quale raccontava il lavoro. Diceva che hanno provato moltre canzoni di conte, poi hanno scelto quelle che sono sembrate loro più azzeccate. Speriamo che non cadano nella tentazione di un capitolo II con ciò che è avanzato. Ciao
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

iside
Opera: | Recensione: |
dopo due tre canzoni mi annoio
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

kookaboorra
Opera: | Recensione: |
L'ho ascoltato proprio ieri e non è malaccio.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

gabbox
Opera: | Recensione: |
Sostanzialmente scrivi le stesse cose che ho postato nel'altra rece. In più ci aggiungi molto in termini di pregiudizio nei confronti degli Avion. Ci tenevi proprio a bollarli come secchionazzi, vero?
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

primiballi
Opera: | Recensione: |
@gabbox...: tengo molto ad altre cose. Amo Conte da sempre e con assoluta devozione. Questa rece la dovevo a Lui e a me. Se per te è un doppione mi spiace (ma non così tanto...diciamo che, come il Sassaroli, soffro come un cane per quasi 45 secondi). @altri: ok, d'accordo, più o meno (e confermo, secchionazzi bravissimi, senza nessun'autoironia, d'altra parte ultimamente molto rara, ma moltissima libido strumentale)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Grasshopper
Opera: | Recensione: |
Se i fans di Paolo Conte sono talebani io sono il mullah Omar. Ho sentito solo “Sijmadicandhapajiee”, neanche a farlo apposta a quanto sembra l'episodio più insignificante, e tale l'ho trovato pure io. Certo che la sola idea dell'accostamento tra l'aristocratica raucedine dell'Avvocato e l'urlo pacchiano e sguaiato, da venditrice di cocomeri, della Nannini, mi fa venire i bordoni, ma mi fido di primiballi e quindi non escludo a priori che il miracolo di questa incredibile fusione possa essere avvenuto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

primiballi
Opera: | Recensione: |
grazie per la fiducia, grass (che ricambio), ma trattasi di discorso sempre relativo, e non assoluto (assoluto è l'amore per gli originali)...forse varrebbe la pena di chiarire la proprie idee sul concetto e sul valore delle cover...il discorso, di fondo, è assai complesso e opinabile...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

manliuzzo
Opera: | Recensione: |
L'a solo di chitarra di cosa sai di me è fantastico! Ah, lo sapete che Beppe servillo non aveva capito e cantava "Simpaticandaapaiè"! Eh eh! Noi terroni siamo simpatici (io sono di Crotone!)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

manliuzzo
Opera: | Recensione: |
Il solito maledetto voto....
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

GustavoTanz
Opera: | Recensione: |
L'ho comprato oggi e lo sto ascoltando proprio adesso, e mi pento di non averlo fatto prima. Sono d'accordo quasi totalmente con Primiballi sul risultato davvero soddisfacente. Si sentono, a mio avviso, anche degli influssi quasi rock, come se Servillo e soci non avessero mai rinnegato le loro origini pre-"Bellosguardo", soprattutto nell'ottimo rifacimento di "Elisir". Ottimi anche gli espedienti elettronici della nuova versione di "Cosa Sai Di Me?". Mi ha stupito particolarmente anche la nuova versione di "Spassiunatamente", ma si sa, io ho sempre amato quel pezzo, forse uno di quelli che prediligo maggiormente di quel capolavoro che é "Aguaplano". Non sono d'accordo invece su "Sijmadicandhapajee", secondo me, nel suo effetto samba, è comunque un buon rifacimento, inferiore agli altri, però non da buttare. Sempre e solo opinioni, comunque...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy