Bad Pelicans
Best Of

()

Voto:

Primo fatto strano è che dei tizi aprano la loro carriera musicale con un album dal titolo "Bets Of".

Secondo fatto strano è che stia DeBaserizzando una band francese, parigina per l'esattezza. Lo preciso perchè dai gol di Wiltord e Trezeguet all'Europeo (ero novenne) ho capito che coi francesi non avrei mai avuto grande empatia.

Terzo fatto strano, legato al secondo: questi pur essendo di Parigi sembrano cresciuti nello scantinato di John Dwyer o del buon Ty Segall. E si sente che sono anche amanti platonici di Nathan Williams, Jay Reatard e compagnia. Fanno parte di una scena musicale ben precisa ma sono fisicamente in altro luogo.

Ed ecco che all'ascolto tutte le stranezze collimano: il loro esordio è una pura celebrazione del surf/garage/punk/fuzz del nostro decennio in declino. Si sono formati alla scuola del cazzeggio più duro, con anni di vasche in skate, di sessioni di videogiochi infinite (dai video si nota questa predilezione), di perdite di tempo in negozi di vestiti hipster, in negozi di dischi hipster, in locali pieni gente coi baffetti all'insù, tatuaggi anche nelle pupille, calzoncini da acqua alle ginocchia etc etc etc. Probabilbmente si credono dei fichi senza senso, ma come tutti noi sono vittime dell'estetica di questi anni... Eh vabbe. Anche se va notato che il gusto del trash è innegabile e per quel che penso gli fa guadagnare diversi punti: quando il fancazzismo raggiunge certe vette è ammirabile.

Invece la questione musicale è tutt'altra cosa: hanno colto lo spirito del genere che suonano e lo tramandano ai posteri divinamente: si meritano uno zero per la creatività e un dieci per la rielaborazione. Le canzoni sono tutte un susseguirsi di titoli uguali: passiamo da "Svrk Pvnk" a "Svrf Yovr Coffin', per non parlare di "Svrf Svrf", e che dire dell'originale "Svrf". Poi non poteva mancare una citazione wavvesiana - perchè solo di citazione si tratta dato che siamo a Parigi - del tema spiagge/sole/mare/vivo in costume e skate e godo/mi faccio le canne e faccio i falò con "Svmmertime". Ma che canzoni! Tutto incredibile, l'album è tutto caos e divertimento. La monotonia dei titoli è scartavetrata dall'eterogeneità delle songs. Chitarra che sgrattarella e scatarra il giusto, pesantezza giusta, surf quando serve, punk quando serve, garage negli intermezzi, batteria e basso idem, la voce è affetta dalla giusta raucedine e così via. Non c'è una sbavatura. Ultima perla di cui non si può tacere è "Covch Pizza", inno alla pizza d'asporto di altissimo livello, brano che ammicca decisamente al Mudhoney sound.

A tutti gli amanti del genere e non, consiglio una mezz'oretta di movimentato relax.

Questa DeRecensione di Best Of è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bad-pelicans/best-of/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

zaireeka
Opera: | Recensione: |
Quarto fatto strano è che una recensione contenga un errore di battitura molto marcato nelle prime tre righe, ed addirittura nel citare il titolo dell’opera recensita. Un vero record 😂
BËL (01)
BRÜ (00)

zaireeka: Il problema è che recensione è scritta in uno stile, pur se talvolta sgrammaticato, che mi ricorda tanto quello di vecchi fancazzisti di talento qui sul deb, vedi AlessioIride o NickGhostDrake (chiedi ai più anziani chi fossero). E mi e’ piaciuta.
emgag: hahah è perchè sono sbadato.
emgag: ma d'altronde scrivendo con un dito nel naso qualcosa mi scappa :D
lector
Opera: | Recensione: |
E, oltretutto, i francesi non si sono ancora scusati con Salvini!
BËL (01)
BRÜ (00)

emgag: Sono veramente maleducati! E ci tocca vederli in finale di Copppa del Mondo! bah...
ilafante
Opera: | Recensione: |
queste band surfgaragepunkfan-sti-cazz son davvero tutte uguali, ora anche i parigini sono californiani! Indistinguibili, come giustamente tu dici, da Ty Segall&Co. A me viene la noia al solo pensiero, anche se effettivamente sono piacevoli e ora li sto pure ascoltando! Come bere un'ottima birra fresca da discount.
BËL (01)
BRÜ (00)

emgag: Il problema è proprio questo! Che poi quando li ascolti sti gruppetti.... ti piacciono!! ahaha io non riesco a uscirne, adesso sono in fase "Sic Alps", "The Peacers" e tutto quello che gravita attorno a Mike Donovan, cioè la versione più rilassata di questo piccolo mondo casinaro. Aspettando il nuovo dischetto del maestro Ty Segall con White Fence che esce tra un paio di weeks. Anche se ti dà noia ascoltali, vedrai che ti piaceranno!
ilafante: Sic Alps, White Fence (con e senza Ty) e Ty Segall mi hanno "annoiato" abbastanza negli ultimi anni. The Peacers invece penso di non averli mai ascoltati, ma non è certo! Magari li ho dimenticati come spesso mi succede. Si parla di noia bonariamente.. questi gruppetti li ascolto e li vedo anche! Ma ne riconosco anche tutti i limiti, come nel caso in oggetto. Quindi aspettiamo il prossimo disco di Ty Segall e White Fence, Hair è carino!
emgag: Giusto ieri -lo saprai già- è uscito il secondo singolo, promette bene il secondo Ty-White! Io ho un debole per Ty, ho recensito il primo LP sul DeBasio perchè sono convinto non circoli abbastanza nel DeMondo. Anche i primi King Gizzard erano sintonizzati su queste frequenze poi hanno virato (giustamente) per i loro lidi (tra l'altro ad agosto vengono a torino). Ma poi in generale seguo queste "scene" perchè non mi va di rivangare sempre il passato e molte altre cose di oggi mi sembrano troppo commerciali (poi per tutto il buono che mi sfugge c'è Soto) mentre almeno i "gruppetti" mi sembrano genuini, non so. Lo dico a bassa voce ma nel DeBa ci sono troppi nostalgici. Bisogna picchiare duro sui nuovi perchè è giusto così.
ilafante: Su una cosa hai sicuramente ragione, con tutta la musica che viene attualmente prodotta non è giusto continuare a parlare solo di dinosauri. Il problema è stabilire cosa equivalga attualmente a quei dinosauri, personalmente sto provando a capirlo da un pò ma mi sto convincendo del fatto che il fattore tempo sia imprescindibile per un giudizio completo su un gruppo. I gruppetti sono sicuramente genuini, la freschezza è la loro forza. Ty Segall l'ho sentito la prima volta con Mikal Cronin... ero davvero entusiasta! Però non so... il fatto che siano tutti molto simili tra loro a tratti mi disturba, inoltre non sento stacco dal passato... Personalmente ascolto tanti gruppetti in quanto rappresentano proprio un fenomeno al quale stiamo assistendo in tempo reale e già solo per questo meritano attenzione, ma questo é un discorso lungo e forse esula dall'ascolto musicale in senso stretto... Comunque ti seguo perchè avevo già intuito avessi gusti simili ai miei, inoltre mi sembri attento e informato ed è giusto così!
emgag: scusa il ritardo ma questa settimana non ho potuto usare il pc! oggi è uscito il "dischetto" Ty-White! l'hai sentito? c'è qualche canzone bella bella poi è vero, il resto è gia sentito e risentito
ilafante: Mi ero completamente dimenticata..... aaah! le ferie!!! l'ho sentito ora, concordo col tuo giudizio

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: