Sto caricando...

Bill Frisell
Guitar in the Space Age!

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


A causa di una non incline passione per il jazz e per il blues di un mio caro amico più incline al rock post/'80, mi è cascato in terza mano, fresco fresco un mesetto e mezzo fa, questo dischetto di Bill Frisell, una delle ultime pubblicazioni discografiche del 2014.
Conosco per fama il chitarrista statunitense, anche se non ho mai approfondito nulla in particolare delle sue produzioni.
L’artista in “Guitar in the Space Age!” omaggia ciò che per lui è una specie di genesi e di ispirazione del suo percorso musicale, dodici brani più o meno seminali di matrice folk, country, blues e rock ‘n roll incisi tra la fine degli anni cinquanta e la prima meta degli anni sessanta e che lasciarono un segno tangibile nella fase puberale/adolescenziale di Bill, periodi fondamentali in cui la “sei corde” iniziava a diventare strumento di prime autentiche sperimentazioni e a tracciare quel percorso evolutivo e culturale delle varie sfaccettature del rock.
Onestamente non me ne intendo una benemerita mazza di chitarre, dato che da più di vent’anni mi diletto con tutt’altro strumento, però da audiofilo non ci vuole un genio a capire chi sa suonare e chi no. Tuttavia non starò qui neppure a vivisezionare ogni singolo pezzo, ma la sensazione, appunto, che mi ha scaturito questo cd è certamente più che soddisfacente.


Le rivisitazioni vestono ovviamente i brani a nuovo, senza stravolgerli e snaturarli e la maestria con la quale vengono inseriti a piccole dosi effetti psichedelici, swing e jazz è notevole.
Tra gli episodi più fortunati, lo stile western di Morriconiana memoria di "Pipeline" degli Chantays che apre le danze e a seguire in filotto si prosegue in quinta con "Turn, Turn, Turn" di Pete Seeger, "Messin’ Whit the Kid" di Mel London, “Surfel Girl” dei Beach Boys e il rognoso blues di “Rumble” di Milt Grant.
E’ lo stesso Frisell a spezzare il clima coveristico, propondendo a metà e verso la conclusione del disco “The Shortest Day” e “Lift Off”, due brani inediti dall’astmosfera rarefatta e ipnotica, atmosfera che riconferma in "Reflections From the Moon" di Speedy West.
In alternanza nella seconda parte altri passaggi notevolmente interessanti dei generi predominanti dell’album dalle più “leggere” surfistiche “Rebel Rouser” di Duane Eddy e “Baja” di Lee Hazlewood, il ritmo swingato di “Bryant Boogie‘s” di Jimmy Bryant, il country di “Cannobal Rag” di Merle Travis e il delicato tappeto psichedelico in “Tired of Waithing for You” di Ray Davies e “Telstar” di Joe Meek che chiude i 55 minuti di “Guitar in the Space Age!”
La sontuosa sezione ritmica affidata ai giri di basso di Tony Scherr e alle percussioni di Kenny Wollesen e le incursioni mai prepotenti delle chitarre, utilizzate in tutte le salse e protagoniste assolute, in cui oltre a Frisell nel gioco degli assoli ci sguazza allegramente spesso in coppia anche il collega Greg Leisz, non lasciano spazio a critiche negative.


Quindi per chi volesse riassaporare brevemente quel clima "iuessei", si procuri questo piacevole cd tutto rigorosamente strumentale. Ricordatevi solo che non vi troverete sotto il sole dell'Oklahoma sulla Route 66 a bordo di una Pontiac Cabrio in uno spensierato pomeriggio assolato del 1965, ma molto probabilmente su una nebbiosa Statale italiota piena di buche con i pioppi a far da contorno poco fuori dalla banchina. Quindi alzate il volume e lavorate di fantasia.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Stuzzicante dos, non ero abituato a leggerti al di fuori del cantautorato italiano ma davvero una segnalazione interessante.


dosankos: Lusingato Hj, è vero, però ogni tanto mi piglia la mina vagante. Già tre anni fa uscìi dallo stivale e mi dilettai con Jerry Lee Lewis e un anime giapponese (Conan - ragazzo del futuro) del divino regista Miyazaki
dosankos: Dimenticavo... anche "Common One" di Van Morrison :)
hjhhjij: Si me le ricordo quelle, però sono casi sporadici. Grande disco "Common One"... Non c'entra nulla ma volevo ribadirlo :D
Dragonstar
Dragonstar
Opera:
Recensione:
...prima di commentare ho preferito ascoltarlo un po'. Poco da dire, molto interessante, sebbene di primo acchito abbia un po' storto il naso quando ho letto che si trattava di un disco totalmente strumentale. Mi sono detto: "Chissà quanto ostico dovrà essere da digerire...però ci provo lo stesso!". Ho fatto bene! Disco piacevolissimo e scorrevole, da ascoltare preferibilmente on the road. Grazie del consiglio dosankos, e naturalmente ottima recensione!


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Quindi un progetto sulla falsa riga di Have a Little Faith. Bill mi piace molto nei primi lavori alla elektra e in compagnia di Zorn (ossia il Bill piú sperimentale), é da tanto che non lo seguo, magari un ascolto ci scappa. Bella rece. Ah, se ti facessi vedere le strade di Pernambuco, altro che i buchi, i crateri ci stanno!


G
G Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
Bella dos!


dosankos: Denghiu Alto Papavero :)
Renagade: over dos!
holdsworth
holdsworth
Opera:
Recensione:
Lui è un chitarrista talmente gigantesco che attualmente non ho voglia di spendere parole. Secondo me questo è uno dei suoi dischi peggiori (soprattutto a causa del repertorio), consiglierei a chi fosse interessato di ascoltarsi Big Sur, Go West o Good Dog Happy Man oltre a quelli "più famosi". Oppure il live intero su youtube di lui che suona John Lennon a La Villette.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Guitar in the Space Age! è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link