Black Marble
It's Immaterial

()

Voto:

Derivativi? Certo. Anche la pasta alla norma di mia nonna è derivativa. La ricetta non l'ha certo inventata lei, e chissà quanti si saranno cimentati prima con ottimi risultati.

Eppure la norma di mia nonna spacca come poche cose al mondo.

Quindi, asteniamoci dal fare inutili recriminazioni sulle ovvie fonti d'ispirazione (Cure, Joy Division, New Order, Simple Minds, e via dicendo), superiamo con coraggio quei processi di etichettatura (dark-wave, synth-pop) che sembrano voler bollare come non più proponibile un genere ormai da tempo sviscerato, e approcciamoci senza pregiudizi a quest'album.

Se la vostra sensibilità risuona a sufficienza con la mia, ci troverete molti momenti speciali.

Reminiscenze di estati magiche à la New Gold Dream, forse vissute, forse solo sognate (It’s Conditional); meraviglioso smarrimento nel perdersi in dei misteriosi, notturni boschi (Woods) che rievocano la Forest di Smithiana memoria; rapimento ipnotico, estatico, al cospetto della maestà del firmamento (A Million Billion Stars); una leggiadria irresistibile, fresca come una brezza primaverile, che accompagna i movimenti di Self Guided Tours.

Il tutto attraversato da un fil rouge di sistematica, incrollabile umanità che si fa largo tra i suoni sintetici ed emerge ancora più cristallina.

Che dire? Quando il mondo affila le sue lame, e certe spiagge sono lontane, aprire un disco e tornare là…non male.

Questa DeRecensione di It's Immaterial è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/black-marble/its-immaterial/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Due)

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
effettivamente una bella nuotata nel tempo; anche io penso quello che hai sottolineato nelle prime righe, fanculo la rivoluzione e godiamoci Anche le cose vecchia scuola. Iron Lung sembra sul serio un pezzo dei Cure.
BËL (00)
BRÜ (00)

Vitan Jeffers: assolutamente! il riferimento a "A Forest" l'ho messo più per il titolo della canzone :D
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Sei per caso un mio fake?
BËL (00)
BRÜ (00)

Vitan Jeffers: Direi di no, ma se lo fossi dubito che ne avrei la consapevolezza...why?
musicanidi: Perché avrei scritto più o meno le stesse cose...album ascoltato per puro caso...pensavo fossero gli it's immaterial che a metà anni '80 facevano più o meno le stesse cose.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: