Sto caricando...

Blue Öyster Cult
The Symbol Remains

()

Voto:

Esultate fan del rock! Dopo 19 anni ritornano i Blue Oyster Cult. Non che se ne fossero mai andati, perennemente in tour negli States (poche volte in Europa, quasi mai in Italia) finalmente hanno deciso di farci sentire qualcosa di inedito. Ad accompagnare i mitici Eric Bloom (voce) e Buck Dharma (chitarra e voce) abbiamo: Richie Castellano (voce e tastiere) Danny Miranda (basso) Jules Radino (batteria). Scansiamo subito gli equivoci, si tratta di un ottimo lavoro, sicuramente nei miei top album nell'Annus Horribilis 2020. Preceduto da diversi video, come la granitica opener "That Was Me" spezzata da un ritmo reggae che la rende originalissima! "Box In My Head" con Buck alla voce è un grande brano con echi sixties. Terzo video rilasciato: "Tainted Blood", ballata che può candidarsi tra i migliori brani slow della band, troviamo alla voce un ispiratissimo Castellano e chitarre sugli scudi! Con "Nightmare Epiphany" e "Edge Of The World" stiamo abbastanza nella normalità, sempre con classe però! "The Machine" riff alla AC/DC e di nuovo il bassista alla voce. "Train True (Lennie's Song)" è uno dei miei brani preferiti, un boogie rock frenetico con continui cambi di tempo cantato da Dharma. Altra grande song "The Retun Of St. Cecilia". Un basso pesante introduce "Stand And Fight" e qua i B.O.C. ci danno dentro di brutto: power metal rules! "Florida Man" è più pop, cantata e suonata da Dio.Altro vertice di "The Symbols" Remains", nonchè ultimo video rilasciato: "The Alchimist": cantata splendidamente da Bloom è destinata a diventare un classico, ci sono tutti i riferimenti cari alla band di New York: HP Lovercraft, stregoneria ecc. con un piano spettrale e chitarre perfette: 6 minuti di goduria. "Secret Road" e "There's A Crime" scorrono via senza grandi sussulti. Chiude l'album "Fight" altro rimando ai migliori B.O.C. anni 70. Un ritorno stimolante. Come per questo disco, mi vengono in mente gli ultimi lavori di: Deep Purple, Cheap Trick e Styx (per esempio), queste grandissime band sono veramente di un altro pianeta, vedremo se le nuove generazioni di rocker sapranno sfornare dei lavori così fra 30/40 anni.

Commenti (Tredici)

fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
Non è che questo è @[snes] che ce sta a coglioná?


fedezan76: Comunque io ho già detto di adorarli, ma no ... questo non è un bel disco. Come non lo è tutta l'ultima produzione dei Purple. Non è che se sono grandi band del passato bisogna per forza dire che fanno ancora bei dischi. È mestiere, ma non basta.
snes: non ho più tempo per queste cose, scrivo solo di cose che mi piacciono veramente.
fedezan76: magari è lui che è già tornato...
snes: adesso glielo chiedo.
Farnaby: Non è lui...dice...
snes
snes
Opera:
Recensione:
ciao, sei quello he si è offeso? nel caso avrei un consiglio che puoi benissimo ignorare: prima di parlare ddei tuoi gruppi preferiti, prova a proporre qualche cosa a cui tieni un filino meno, credo sia utile per comprendere appieno le dinamiche del sito (e dei sociopatici che lo popolano) senza cadere nella spiacevole sensazione del "mi stanno dicendo che non capisco un cazzo". che boh, difficilmente qui lo si dice intendendo la cosa a 360 gradi.

non credo sia chiaro il commento... per farla breve: dei tuoi idoli parlane poco e con parsimonia.

è solo un consiglio. che credo resti valido pure se non sei juliushark (o come si chiamava)


Farnaby: @[snes] se mi venisse la tentazione di intervenire (ho già commentato) sul disco, fammi DeBannare...grazie.
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
ho aperto il tubo tutto divertito, ma tra la chitarra a groviera, i video budget clochard, la bolsaggine strofale e la cafonaggine ritornellica, tra sti assoli belli de dio e gli sguardi assenti da casa di riposo mi sono dovuto ricredere: mi sa che è un bel disco muffa-rock per mettere in moto l'opel Astra e mandare a scuola Greta Tuborg.


Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Seguo con curiosità e simpatia.


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Io non ce la faccio...


CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Sento l'acre odore della senilità..


Urocker
Urocker
Opera:
Recensione:
Ciao a tutti e grazie per essere intervenuti, mi sono iscritto per la prima volta a Debaser, non sono quello che si è offeso 😀 e non credo di offendermi. Grazie per i consigli! La strada è lunga


TataOgg: Se non ti offendi allora posso dirti che non ti credo manco per idea senza che tu ti offenda?
Questo é bellissimo. 😍
Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Disco sentito.
Bruttino.
Poveri.


MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
io un disco con la copertina così lo ascolto sempre


perfect element
perfect element
Opera:
Recensione:
È chiaro che dopo 50 anni, di mestiere ce ne sia tanto, ma il disco è bello, ben suonato e ben prodotto.


Dislocation
Dislocation
Opera:
Recensione:
Se non sei quello di prima, bene, se lo sei, come parrebbe, magari ne hai imparata un'altra, chissà, magari ti vien bene...
Ascoltato.
No, grazie. Sento anch'io un acre odore, non so, tra la muffa ed il pannolone da cambiare.
Non c'è nulla di male nel fare musica "vecchia". Ma un po' di dignità, dai. Strarisentito, stravecchio, stracazzi.


Dislocation: Scusa, le stelline...
Dislocation: Niente, non vengono....
Dislocation
Dislocation
Opera:
Recensione:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Symbol Remains è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link