Booji Boys
Weekend Rockers

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Devolvere é un concetto che nelle menti degli intellettuali e dei filosofi del post-moderno, ristagna. Nella cultura della ricerca del passato, del ritorno al primordio è difficile da aberrare.
L'esempio dell'uomo delle caverne che batte delle pietre e crea dei suoni, non è stato di certo il capolavoro della ritmica o della timbrica; ma sto divagando.

Devo-luzione, Devo, Booji Boy è il sempliciotto, l'adulto con il volto di bambino.
La band in questione rientra nel genere Devo-Core, come dice il nome, gruppi che si ispirano ai pazzi di Akron: deumanizzando i suoni, rendendo strambe le melodie con testi demenziali; io credo di no, i Booji Boys vanno oltre questa etichetta.

Garage Rock, Hardcore Punk, Post-Hardcore.
Il disco ruota sulla falsa riga del Land Speed Record con pezzi rapidi e velocissimi (Weekend Rockers, Satisfaction) e da quella evoluzione avvenuta in Metal Circus che virava verso un acerbo post-hardcore (Piscine Perfect, Highest Guy), continuando, in maniera logica, lo sviluppo all'hardcore punk di Minor Threat ed emocore dei Rites Of Spring (Mr. Nazi's On The Beat, Ripper Too, Locked Up In The City); non mancano comunque dei momenti più vicini al post-punk di Wipers o Mission of Burma (Doin The Pyre e Love Was Strange).

Il disco si conclude, in maniera inaspettata dopo queste schegge che raggiungevano poco più di due minuti, con i quasi 8 minuti di Oh Yeah: un pezzo che cavalca l'hardcore punk e post-hardcore, e muta in continuazione fino a giungere alla progressione centrale acida, sussurrata, emo-oriented con un incidere pomposo del basso.

Forse il futuro sarà l'entropia, sarà la mancanza di appigli confortanti e ridondanti, ma i nostri ragazzi tengono davvero il volto di bambino..

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Questi non mi ispirano per nulla, ma la pagina è una bomba.. Bravo!
(oddìo, forse il pezzo finale un po' mi ispira)..


kloo: Non ti piace il core?
CosmicJocker: Mi piace se contaminato, tipo i June of 44..
Ma non è questo il "problema" : tu mi parli di pezzi "pezzi rapidi e velocissimi" ed io ho bisogno o che mutino un po' o che ci siano piccole variazioni che ruotino (o si evolvano lentamente) attorno ad un centro gravitazionale (a-là drone)..quindi, di norma, in un minutaggio più lungo.
Però va beh, non sono un monolite. Magari se li ascoltassi ne rimarrei folgorato..
CosmicJocker: Poi va beh, io amo la psichedelia e/o lo space (se restiamo sul rock), ma tieni anche conto che le "etichette dei generi" non sono il mio forte..
kloo: Per me le etichette sono tutto. Per orientarsi nei dettagli più miseri. Comunque June of 44 adoro come tutti i collaterali rodan, Rachel's, shipping news.
CosmicJocker: Lode al merito per aver nominato gli "shipping news" (non lo fa mai nessuno)..
Beh, sì.. Poi di "rusty" non ce ne sono stati tanti..
kloo: Volevo scrivere un editoriale partendo dagli squirrel bait per nominare (e scrivere magari due righe a riguardo) di tutti i proggeti collaterali dei componenti della band e di quelle band in cui sono subentrati. La lista é abnorme.
CosmicJocker: Fallo kloo, sarebbe utile un bell'albero genealogico..
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Booji Boy è un mito: il demente postmoderno. Ottima Kloo. E poi quella svista sui Mission of Burma. Da ascoltare.


Almotasim : *sviata (svista? Dove?)
kloo: Diciamo che il disco é bello corposo come i du appunto. Poi appunto più garage qui più emo li e un paio di volte anche postepunke
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Già lambiti ma non posso mica dire niente se hanno sgasato solo dalle casse del pc


kloo: Tutti belli per me.
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
La mancanza di appigli è auspicabile per l' evoluzione, rinfresca...


lector
lector
Opera:
Recensione:
Con questo Prog avete rotto il cazzo!


algol
algol
Opera:
Recensione:
A volte mi ricordi korrea/MikiNigagi.
Il che per me è una gran bella cosa.


kloo: @[MikiNigagi] secondo me si offende
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Land Speed Record e Metal Circus...mi cogli impreparato!! E chi sarebbero gli autori di questi lavori? Non ricordo...ahahahahahahahah. Grande come sempre kloo!! Le tue pagine necessarie più di ogni altra volta attualmente. In giornata ascolto e ripasso.


kloo: Grazie dema.
De...Marga...: Cazzo che botta!!! Auricolari ed in diretta ti commento così come viene l'ascolto. Voci effettate, con riverbero quasi fastidiose ma che tiro. Poi passano a momenti più "raccolti", per modo di dire, quasi come dei FVGAZI al vetriolo però. Minchia che bel regalo mi hai fatto ragazzo. Proseguo l'ascolto saltando a caso ad un altro brano. Più o meno a metà arriva un brano in perfetto clima Husker Du, però a mio parere più vicino a New Day Rising come periodo...sono al settimo cielo!!!
kloo: È accettabile il paragone con NDR ovviamente, ed anzi assieme a zen forse sono più sporchi del metal circus. Ma metal circus ha una ferocia diversa ancora legata agli esordi. Comunque grazie soprattutto dell'ascolto che é sempre il mio obiettivo quando scrivo.
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma qvindi "Satisfaction"

sarebbe la cover della cover dei Devo dei Rolling Stones?


kloo: Praticamente si, ma é una chicca che non volevo dire.
Carlos
Carlos
Opera:
Recensione:
Ascolto sicuro. Sembra tutto molto bello.


kloo: Secondo me é tutto bello.
Carlos: La sezione ritmica così intransigente con un sacco di piatti ma dal sound pulitissimo è quasi straniante.
kloo: Ogni tanto mi veniva il dubbio fosse una drum machine
masturbatio
masturbatio
Opera:
Recensione:
Figata, ha reso la mia pelle morbida e lucente. A Halifax si divertono


kloo: Che sferzata di vita vero? Sono veramente una bella novità
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
Sembra registrato in un garage; mi piace.


kloo: Garage é proprio una parola esatta
omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
A me sembrano con tutti e due i piedi nel '77-'78 americano, a parte qualche tirata ardi core e gli stop and go moderati sono proprio quadrati, puro garage. Forse il riferimento che fa centro sono i Mission of Burma, appunto. Comunque grazie, lo metto su in questi days. Ho visto ora la copertina del Self Titled, avranno ascoltato tonnellate di dischi garage demodé, tipo Barracuda, Miracle Workers, Unclaimed e i loro fratelloni.


kloo: si é vero sono molto molto garage, ma si sente che sono figliocci belli dell'ardecore.
Bello pure Tube Reducer dell'anno scorso comunque,

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Weekend Rockers è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link