Sto caricando...

Craig Mazin
Chernobyl

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Fa ancora più male, oggi, vedere Chernobyl. Fa male perché la Storia è “uno scandalo che dura da diecimila anni”. Quando si scatena è mostruosa, e il travaglio purtroppo non è breve. È articolato, complesso, pieno di bivi decisivi, scelte dolorose, sacrifici. Un lento scorticarsi del corpaccione, una piaga che piano divora tutto.

Non riesco a non collegare l'orrore di questa serie con quello che abbiamo letto e sentito, che leggiamo e sentiamo in questi mesi. Per tanti motivi, per le decisioni arbitrarie prese da qualche politico incompetente, ad esempio. “Ma chi ha deciso che devono essere 30 km?”. Per quella terribile catena umana che reclama vittime sacrificali. Volontari, entrano nudi nella galleria per portare fuori una pietra alla volta. Non gli è concesso un ventilatore, e ci sono 50 gradi. La scienza e la politica che si rincorrono, collaborano ma sempre fino a un certo punto. Entrambe fallibili, solo una delle due impara dai propri errori. (L'altra poi tenta di sbranarla).

Le bare portate via dai militari, i corpi vivi che sono già cadaveri, le mascherine e gli ospedali come lazzaretti. Una cancrena che il potere aborrisce, rifiuta di portare. Quando è costretto ad affrontarla, lo fa con sorda insensibilità, cola cemento sopra corpi e verità. Ce ne riversa contro le conseguenze nefaste. Ci uccide la mucca che stavamo mungendo.

È la storia del potere inadeguato (impotente se vogliamo, stucchevole spettatore, nefasto attore), quella di Chernobyl. È la storia dell'uomo scientifico che non sa. Dell'uomo industrioso che nulla può fare ormai. L'umanità che costruisce il suo mondo ma non sa affrontarne le criticità che ciclicamente imperversano. Oggi come allora siamo quasi impotenti, ciechi, fragili. Scimmie che picchiano un osso sul terreno. Il potere reagisce sempre allo stesso modo, di fronte alla catastrofe. Un moto di repulsione, negazione. Poi bisogna affrontare la lotta a mani nude, ma le piaghe si appiccicano. Le mostruosità che abbiamo partorito ci vengono incontro.

Quel nuclear error poteva fare danni inimmaginabili? Esplosioni da due megatoni? A guardare la serie pare proprio di sì, poi leggendo in giro e ancora spulciando si scopre che le inesattezze sono molte. A grandi linee possiamo dire che Hbo abbia sicuramente enfatizzato per rendere il suo prodotto più accattivante. E non sarò certo io a censurare questa scelta. Non è un documentario.

Però mi colpisce che, senza cercare in internet, non avrei potuto sospettare nulla di tutto questo. La facilità con cui la serie ci convince subdolamente su tanti aspetti dice molto della sostanziale non conoscenza che abbiamo di un fatto storico così importante. La verità è sempre malleabile e sfumata.

C'è un'atmosfera che sa di cartapecora e tante stanze scure, un po' sudice, che danno una lettura politica implicita. È cinema, la lettura che si vuole dare è palese e anche sostanzialmente condivisibile, i mezzi che utilizza poi non sono da premio Pulitzer, questo è certo.

È anche bella esteticamente, se vogliamo dirla tutta. Mi fa impazzire soprattutto il brusio ferroso di quando si espongono alle radiazioni. In generale le musiche spettrali, i colori grigiastri. I palazzoni sovietici. Nulla di estremamente originale, ma funziona. Per non parlare dei corpi quando diventano viola.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciannove)

Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
L ho messa in download poco fa, poi apro debaser e chi ci becco? Joe che parla di cherobyl... Ma è vera la storia che è una serie anti sovietica e pro ammeriguns?


Farnaby: La serie ha effettivamente fatto nascere diverse discussioni. Qui un po' il sunto.
La disputa su Chernobyl in tv Record di ascolti per la serie Usa - Corriere.it
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Indubbiamente "Chernobyl" è una delle migliori serie tv uscite l'anno scorso. E al di là delle inesattezze storiche e tecniche (funzionali alla narrazione) ci trasporta in un pezzo di storia che, alla fine, ci ha solo sfiorato. Vuoi perché l'informazione all'epoca passava solo attraverso la stampa e i telegiornali, vuoi perché le notizie erano confuse, frammentarie, volutamente occultate. Solo il tempo ci ha fatto (forse) conoscere la verità.
Tecnicamente poi, questa serie, è una bellezza per gli occhi. Belle le ambientazioni, la messa in scena, la fotografia, in un'esplosione di grigio che disorienta.
Come sempre, bellissima pagina.


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Sinceramente non mi attira. Non so il perché, sono di quelle cose che succedono sempre a noi ignorantoni che “l’istinto è la prima cosa è quella giusta”. Forse perché tratta di quelle vicende in cui non sapremo mai la verità è che mette una contro l’altra due identità ben precise - il danno è successo ad una ma poteva succedere anche all’altra quindi non mi fido ... come non mi fido MAI dell’essere umano soprattutto al potere.
Tra l’altro è un periodo che vissi moderatamente distaccato perché da diciottenne più o meno avevo per la testa ben altro e anche l’esame delle superiori che per uno che non apriva un libro era una menata. Mi ricordo che si parlava che non si sarebbe potuto mangiare roba dai campi per i decenni successivi, che saremmo stati tutti in pericolo radioattivo ecc ecc. Tutto rientrato o così poi “dissero”. Situazione troppo difficili e controverse come, forse, sarà quella attuale.
Poi quando ci sono le verità sul piatto le verità americane... madooooooooooo
Tu non prendi una posizione definita e nel caso specifico mi sembra saggio.


Farnaby: Ciao NobilConte… mi permetto, nonostante la tua diffidenza, di consigliartene la visione. Come dice il nostro buon Joe, è cinema. Capace di tenerti incollato allo schermo al di là della storia. A tratti, durante la visione, mi sembrava di assistere ad un distopico fanta-horror. Immagini crude e terrore puro.
sfascia carrozze: Io non gvardo le serie perchè qvando arrivo alla terza/qvarta puntata mi sono già dimenticato cosa sia successo nelle puntate precedenti.
Qvesta l'ho vista a spezzoni ergo calci-e-morsi e non mi è sembrata inguardabile:
c'è anche da dire ché di qvesta vicenda conoscevo già lo sviluppo per cui è stato più semplice andare avanti pur non ricordandomi le prime puntate.
IlConte: Se arriva su Netflix la guarderò (ma dove la danno?!)
Immagino sia fatta bene, il mio era un discorso più viscerale, di viscere, visceralmente parlando e pure guardando... ecco.
Farnaby: Sky
IlConte: Sky???!!
Sono cliente da quando c’era tele più e stream
Ahahahahahah
IlConte: Comunque è sulla 7 non su Sky...
Farnaby: Beh dai se ora è sulla 7 potrai vederla comunque...
IlConte: Ah no bisogna aspettare ... io le guardo consecutive le puntate sono nevrotico...
Farnaby: Magari su Sky la trovi nel Boxset!
IlConte: Nain
Ahahahahahahah
Farnaby: Download selvaggio...
Farnaby: Oppure registrale… la 7 è visibile sul decoder sky
IlConte: Ecco
#forse
Ma c’è già troppo da fare
Ahahahahahahah

Farnaby: Belin Nobile… quante musse!
IlConte: Musse??!!
Farnaby: Dal genovese.
Mussa=organo riproduttivo femminile
Toccu de mussa=bella ragazza (ingentilito)
Pin de musse=caspita come sei viziato, non hai voglia di fare niente, non ti piace niente.
Contamusse= bugiardo
IlConte: Ahahahahahahah
Belisim!!!
fedezan76: una musse al cioccolato per me, grazie!
Farnaby: Ragazziii!!! una muss al tavolo 4 grazieeeee!
Farnaby: Conte vuoi che noi, popolo che mette belin da tutte parti, non desse il giusto valore anche alla mussa...ahahahahah
Dislocation: Poche musse, figgeu.
sfascia carrozze: Robbe straqque!
Confaloni: Se è puro horror reale Chernobyl, il riferimento agli esami di maturità da parte del Conte può non essere da meno. Un sogno/incubo ricorrente potrebbe essere trovarsi il giorno dell'"esame seduti dinnanzi alla commissione esaminatrice con la precisa consapevolezza di essere completamente impreparati, per poi risvegliarsi in piena notte agitati, sudati e con il cuore in gola. Che altro la suspense nei film di Hitchcock, una situazione molto più agghiacciante!
IlConte: Ahahahahahahah
Sogno fatto tante volte anche dopo tanti anni...
Un altro terribile che mi richiamavano a militare perché risultava non l’avessi fatto
Porco zio
Ma i miei sogni sono incubi da sempre...
fedezan76: No dai, gli esami di maturità ? Credevo fosse una leggenda ... sarà perché li ho presi molto alla leggera ... ma non li ho mai sognati. Invece quella che mi richiamavano a militare è capitata anche a me.
IlConte: Spiegato male, non l'esame specifico ma scene da interrogazioni o compiti in classe. Bisogna mettersi nelle vicende di uno che dalle medie era per strada tutto il giorno e non apriva un libro. In più aggiungiamo stravizi adolescenziali importanti… era una lotta al minuto ogni mattina, in autobus - quando non andavo in stop o moto - e l'ora prima per quella dopo provare ad apprendere tutto in pochissimo tempo…
una follia totale, forse è nata anche li un pochino di ansia
Amore/Odio verso la scuola… divertito tantissimo ma c'era quel piccolo problema del dover studiare obbligatorio
Comunque ricordo feci un esame top, soprattutto consegnai una decina di pagine di tema dopo neanche due ore per la faccia stupita di tutti - dovevo andare, cazzo -
Non poterono darmi il massimo dei voti per il durante savansadir
sfascia carrozze: Come se l'avessi scritto io.
Ma non è chè Lei, lì, sono io sotto mentite spoglie?
Me lo dica!
IlConte: Fratelli Gemelli, savansadir
sfascia carrozze: Si ma due fratelli gemelli eterozigoti.
Ora mi spieghi però perché qvello dei dve basso, brvtto e idiota dovevo essere proprio io.
fedezan76: Beh, più o meno anche io così, tranne l'ultimo anno dove ho dovuto almeno far finta di studiare per ... ragioni di cuore ...
IlConte: Ma che dice???!!! Non scherziamo, su!!!!
IlConte: e allora Fede qui viene fuori il carattere, l'insicurezza, la fragilità … storie così, insomma
fedezan76: La gnocca è la gnocca. E questa era una quasi secchiona ... faceva pure danza ... cosa non si fa per questi esseri ...
IlConte: Ahahahahahahah, no dicevo che tu riuscivi a vivere tutto senza ansie e cose represse dentro e qui è un fatto di carattere e soprattutto di vissuto infantile
Ahahahahahahah la fanciulla bella e secchia, un bel classico, savansadir
fedezan76: In effetti non sono mai stato uno da troppe paranoie. Sempre dritto al punto.
fedezan76: Comunque poi è uscita con 58/60 ahahahah. Un'onta.
IlConte: per il prosieguo una infanzia serena è veramente fondamentale - la mia è stata da no comment -

58/60???!!! Ahahahahahahahahahahahahah, da suicidio!!!
fedezan76: Ovviamente colpa mia che l'ho ... traviata. Ai tempi suonavo e quindi anche lei usciva più del solito e quindi figurarsi i genitori...
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
L'ho vista durante la pandemia, non vedevo una seria da molto tempo ma devo dire questa é stata una "bomba", in ogni senso.
Mi ha commosso tantissimo nelle prime puntate, per la rabbia estrema che mi ha provocato, ovviamente. Mi ero proprio ripromessa di cercare dove fossero le finzioni (dovevano essercene per forza) e quindi con calma andrò a leggermi i link che segnali. Se hai più o meno la mia età (a quanto ho capito si) noi eravamo troppo bambini per ricordare i dettagli... Anche se qualcosa la ricordo lo stesso. Il cibo, ad esempio.


TataOgg: Sulla recensione c'è qualcosa che non mi torna.. la rileggo con più calma.
joe strummer
joe strummer
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Mod1». Vedi la vecchia versione Chernobyl - Craig Mazin - recensione Versione 1


Geenooofficial
Geenooofficial
Opera:
Recensione:
Manca la conclusione alla recensione per caso?


123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
La serie è molto bella (o meglio: "bella" non direi, piuttosto potremmo dire "disagevole e coinvolgente").
Però, sarà che l'ho vista prima dell'affaire Covid, ma una analogia come quella che istituisci tra i due fatti ("Non riesco a non collegare l'orrore di questa serie con quello che abbiamo letto e sentito, che leggiamo e sentiamo in questi mesi") mi pare un po' esagerata.

P.S. Molte delle inesattezze o romanzature che dir si voglia, riscontrabili qua e là, mi pare siano imputabili a ragioni soprattutto narrative. La realtà, è bene ricordarlo, è spesso raccontabile solo ricorrendo alla finzione (e viceversa): Herzog insegna.


TataOgg: In verità mentre la guardavo (durante la reclusione) anche io sentivo una certa attinenza. Le emozioni umane di fronte a una tragedia sono sempre quelle lì e credo sia la ragione principale dell'associazione. Per quanto i due fatti siano molto diversi, forse.. infatti a seguire certi filoni di narrazione, anche sul covid...
123asterisco: @[TataOgg]: gli errori/orrori umani sono in un certo qual modo sempre i medesimi. Soprattutto quando sono legati a doppio nodo con le nostra epoca iperburocratizzata. Quel che cambia (tra i due fatti) è la natura stessa di essi (uno naturale, l'altro artificiale) e soprattutto la gravitá della cosa. Poi, se si vogliono istituire analogie per questioni retoriche, allora va bene.
123asterisco: Piesse: non volevo esser polemico, tata. Solo puntualizzare.
Saluti cipollosi!
TataOgg: Io invece sempre polemica! Pensavo alla gestione dell'emergenza e a quanto poteva essere fatto inizialmente se si avessero avute informazioni più complete fin dai primi contagi.
Comunque...
Mi manca l'emoji della cipolla ed é inaccettabile. Ecco.
Voglio l'emoji delle cipolle!!!!
kyra1
kyra1
Opera:
Recensione:
Piaciuta moltissimo. Il burocrate. lo scienziato. i pompieri e tutto quanto. il ronzio dei raggi. i minatori (ricordiamoci che loro erano la crème del proletariato russo e quindi potevano parlare come pareva a loro). In quanto a verità abbiamo Prypiat, le decine di migliaia di morti e ammalati, la terra contaminata per centinaia d'anni.E, soprattutto abbiamo un reportage di A.Poljakowa (non so come si scriva con esattezza) .Decine di pagine con le testimoniane di chi s'è salvato, chi è ammalato, i parenti .Non importa chi sia stato, anche se conoscendo il pressapochismo e la burocrazia malata dell'ex USSR si può pensare ad un loro errore, senza mettere d mezzo la CIA, fra l'altro l'URSS stava già vacillando sotto i colpi del vaticano e delle multinazionali, non c'era bisogna di Chernobyl. Comunque il popolo russo si è dimostrato all'altezza della sua fama.


sfascia carrozze: In che senzo?
IlConte: Ahahahahahahah e poi non ditemi che non se la giocherà con Dave...
@[fedezan76]
IlConte: Quale fama?!
O... fame?!
fedezan76: No dai, qui è solo punteggiatura "ad catsum".
IlConte: No, no, scusa ma è un bel mix concettuale ad catsum
Segui, segui... son belle cose.
Ovviamente siamo su un altro livello e stile, ma qui c’è serietà di intenti che merita la massima attenscion.
Anche perché risponde al templare credendo di rispondere qui...
Ahahahahahahah, belisim
Grande kira!!!
IlConte: È una Russologa doc
kyra1: guardate che mi arrabbio!!! e poi da quando "popolo" significa conoscere uno ad uno? o non si dice "il popolo inglese?" o italiano? dai che fa caldo.... domani vado in Abruzzo a conoscere il "popolo" abruzzese.( che palle però :))
kyra1: ps. guardate che sapevo di espormi al pubblico ludibrio...
IlConte: Stai continuando a sbagliare posto dove rispondere
Ahahahahahahah
Il popolo itagliano, non italiano che se la sentono Salvini&Meloni si incaprettano selvaggiamente.
Il popolo abruzzese è patriottico?!
Attendiamo suoi resoconti, Fanciulla.
kyra1: Dai resoconti di coraggiosi esploratori pare che le popolazioni oltre il Tronto abbiano abbondonato le sanguinarie tradizioni tipiche di quei luoghi impervi per cui penso di potervi documentare .Il viaggio sarà duro sicuramente funestato da salti di camosci sul cofano e da valanghe improvvise. Ma chissà..che sia patriottico il popolo abruzzese non so, ma che sia forte e gentile, come si è detto spesso, è una certezza.
fedezan76: E in effetti #forse @[IlConte] ci ha visto giusto. Ci ha.
kyra1: si però così non si fa...contnuate a prendermi per i fondelli con questo Dave e manco so chi sia e voi ve la ridete quattiquatti...
sfascia carrozze: Cara @Kyra1 sé Le serve una (buona) mano per distribuire manrovesci addestra e ammanca agli scocciatori sappia ché puote contare sul mio sostegno morale e soprattutto fisico.
E comunque CaraKira è bellissimo.
fedezan76: Soprattutto se pronunciato alla toscana: Harakira!
ziobestia
ziobestia
Opera:
Recensione:
minchia che serie


Lao Tze
Lao Tze
Opera:
Recensione:
perfetta per calarsi nell'incubo, vivere l'angoscia del momento, rinnovare la paura e il ribrezzo per il nucleare, sfiorare (di più non si può) la tragedia degli innocenti e continuare a tormentarsi con un eterno: perché? In questo, la serie è inattaccabile.
Tutto il resto lo è meno e già lo dissi a suo tempo.
Tipo il modo in cui è rappresentato Dyatlov, che alla resa dei conti ne esce troppo "vittima del sistema" per i suoi errori e le sue responsabilità, troppo sfruttato in un'ottica politica quando la risposta più ovvia stava forse nella pura ambizione personale.
Tralascio le manipolazioni, quelle son state discusse già a iosa.
Neanche mi è piaciuto il finale, troppo legal drama in stile americano e in contrasto con l'atmosfera invece molto russa dei primi episodi - certo non è come leggersi un libro di Martin Cruz Smith ma per una fiction non fatta da Russi può andare anche bene.


joe strummer: Io sono un sostenitore del cinema-cinema, che può manipolare come gli pare e piace.
Il Tarantino degli ultimi dieci anni ne è un portabandiera.
Ma un conto è far morire Hitler prima del tempo e un altro limare astutamente le questioni delicate che tu nella tua serie introduci esclamando in locandina "Qual è il costo delle bugie?", quasi fosse un'operazione verità. Sono molto interdetto e se da un lato apprezzo la messa in scena e l'atmosfera, i personaggi, dall'altro vedo una distorsione delle cose che francamente non mi aspettavo. Non riesco a dare un voto, un giudizio finale.
joe strummer: Insomma voglio dire che concordo con te e bisogna fare dei distinguo tra "bugie" e "bugie". Alcune sono più subdole di altre
Lao Tze: per il tuo stesso motivo non sono riuscito a votarla e non la voterò.
hellraiser
hellraiser
Opera:
Recensione:
Vista l'anno scorso sulla PayTv, miniserie che mi ha preso molto ai tempi e che rivedrei nuovamente molto volentieri...


templare
templare
Opera:
Recensione:
Serie televisiva che mi è piaciuta tantissimo.


kyra1: sfascia carrozze: nel senso che credo che pochi popoli al mondo abbia vissuto tante tragedie quanto il popolo russo. Mi vengono in mente i torrenti di sangue della Rivoluzione, i concerti a Stalingrado assediata, lo Zar e i paesi venduti ed ereditati, le stragi dei kulacs e le ondate, così le chiama Solgenitsin, le ondate di medici, ingegneri e di qualsiasi bipede,verso la morte, la grande guerra patriottica che si è inghiottita milioni di persone etc etc, e, nonostante tutto, la coscienza patriottica rimasta, il coraggio di salire sul tetto sapendo bene di andare incontro alla morte. Per quello dico che il popolo russo è composto nella stragrande parte di individui con un'anima grande.
IlConte: Coscienza patriottica rimasta in che senzo?!
Sono 300 milioni di persone e non hanno una grandissima coesione... o no?!
Occhio che per rispondere devi conoscerne personalmente almeno un terzo quindi 133.333.333.
Poi @[sfascia carrozze] devi chiamarlo...
sfascia carrozze: Ecco appunto, chiamatemi.
Almeno al citophono.
Strecate più volte il tasto giacché sono un po' sordo (oltreché un po' sardo).
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Lo sapete come la penso...


dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
Sapete come la penso


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
"Però mi colpisce che, senza cercare in internet, non avrei potuto sospettare nulla di tutto questo. La facilità con cui la serie ci convince subdolamente su tanti aspetti dice molto della sostanziale non conoscenza che abbiamo di un fatto storico così importante. La verità è sempre malleabile e sfumata."
il motivo per cui la serie la detesto


lector
lector
Opera:
Recensione:
Faccio fatica a seguire le serie. Mi sa che mi perdo qualcosa.....


TataOgg: ...ma questa dura poco...
snes
snes
Opera:
Recensione:
Certo che ci son parti romanzate: è una serie tv. Fossero stati interessati a farne una cosa didattica ne avrebbero fatto un documentario. Che non avreste visto probabilmente. Come probabilmente non ne avete visto nessuno della miriade di cui gia' ne son stati prodotti.


Lao Tze
Lao Tze
Opera:
Recensione:
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
Non sono particolarmente appassionato ne di serie tv ne di cinema. L'ultima serie che mi sono visto per intero è "The Mentalist" ... sono antico ... rece scritta benissimo come sempre, non ti dico che ho capito tutto perchè non è così ma questo dipende dalla mia mente fangosa. Su Chernobyl ho visto un docu che fa venire la pelle d'oca.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Chernobyl è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link