Damien Rice
My Favourite Faded Fantasy

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Recensione scritta a quattro mani, in collaborazione con De...Marga...


[L'opinione di De...Marga...]

3 Novembre 2006: veniva pubblicato “9”3 Novembre 2014: esce “My Favourite Faded Fantasy”
Otto anni, otto interminabili anni ho dovuto attendere per ritrovare sulla mia strada l’amato Damien; un disco che vuole essere un ritorno, un rientro in punta di piedi dopo anni bui, difficili per il cantautore irlandese.Bisogna fare un lungo passo indietro per capire il perché di questo periodo di forzato abbandono dalle scene musicali; è il Marzo del 2007 e Lisa Hannigan lascia il collega, l’amato, l’amico Damien. Un sodalizio musicale che ha donato meravigliosi brani, profondi, semplici, essenziali, nei due album che li ha visti collaborare; un delicato equilibro vocale il loro che sapeva donare nell'ascolto sensazioni emotive di intensità drammatica, ma pregna di pathos da emozionare, devastando positivamente l’animo.Damien sceglie di abbandonare tutto e tutti, in una sorta di esilio per ritrovarsi; sceglie l’Islanda luogo lontanissimo dove la natura selvaggia e la quiete lo aiutano a comporre l’album, aiutato da Rick Rubin, da trent'anni apprezzato produttore.Una frase del cantautore, che ho letto un queste piovose giornate autunnali, mi ha lasciato di ghiaccio, colpito in pieno dalla sua intensità: “A volte devi andare via da ciò che ami, per provare ad amarlo di nuovo. Darei via tutto, carriera, canzoni, fama per poter riavere Lisa”. E’ inutile soffermarsi e provare a dare un senso a queste poche, struggenti parole.Il disco è emblematico fin dalla copertina: un disegno che mostra un alto muro bianco, sulla cui cima ci sono delle persone ed una lunga scala conduce alla sua sommità. Si vede un uomo che ha da poco iniziato a scalare la parete, per riunirsi a quelli che lo hanno già fatto; subito mi balza alla mente il Muro di Berlino ed il suo crollo avvenuto venticinque anni fa, proprio in queste giornate.Otto sono gli anni trascorsi da “9” ed otto sono anche i brani che vanno a comporre il disco; quasi tutti di minutaggio corposo, due oltre gli otto minuti ,come se Damien volesse con la sua Musica rimanere nella canzone il più a lungo possibile, per ritrovarsi, per rinascere.Mi è bastata la visione del singolo “I Don’t Want To Change You” per avere la certezza di aver ritrovato un amico in Musica, un compagno pronto a regalarmi quei brividi, quelle vive emozioni delle quali mi nutro, da sempre e per sempre.Damien appare sul pontile di un lago, ritengo islandese ma non è molto importante; è bagnato ed infreddolito, sta piovendo. Mi sembra invecchiato e mentre canta fa fatica a tenere gli occhi sulla telecamera...”Ovunque tu sia sai che ti adoro, non importa quanto distanti siamo...” Si avvicina al bordo del pontile, cadendo in acqua e ritornando poi indietro: l’acqua l’elemento principale del nostro corpo, da dove siamo nati. Infine il cantautore scompare, proprio nell'elemento liquido e all'orizzonte nel livido e grigio cielo appare una luce, un chiarore che sembra indicare una svolta nella sua vita: Damien è rinato, è tornato.
Terminato il video spengo il computer e per un attimo mi specchio nel nero schermo: anch'io sto invecchiando, il bianco della mia barba sta aumentando ogni giorno di più. Mi tolgo gli occhiali, devo asciugarmi le lacrime che mi stanno bagnando il viso...ma sono strafelice anche e soprattutto per il mio amico Damien.Di solito concludo i miei scritti con l’abituale frase latina “Ad Maiora”. Ma oggi mi sembra appropriato usarne un altra: “Omnia Munda Mundis”.

[L'opinione di Ociredef86]
Damien Rice è tornato. Damien Rice è ancora tra noi. Caduto nella disperazione e nella sofferenza, è risorto dalle sue stesse ceneri ed è tornato ad emozionarci. Eleganti, raffinate e profonde emozioni che si dipanano nelle otto lunghe tracce del suo nuovo disco, l'attesissimo "My Favourite Faded Fantasy".Ed è proprio nella title-track che il cantautore irlandese di Kildare butta fuori tutto quello che ha tenuto per sé negli otto anni di silenzio. Voce in falsetto, chitarra dolcemente pizzicata. Tutto sembra rimasto come nel 2002, come quel gioiellino che fu "O", il suo esordio. Oggi però c'è ancor più profondità nei testi, più consapevolezza di essere un quarantenne. Consapevolezza anche delle proprie enormi capacità di musicista. A mano a mano che si va avanti, il brano cresce, si fa sempre più intenso avvolto da armoniosi archi e il cuore di noi che ascoltiamo si riempie di bellezza, di sconsolata malinconia. Le dita che sfiorano il pianoforte scandiscono il lento ritmo della lunga "It Takes A Lot To Know A Man", ed è in questi quasi dieci minuti che Damien Rice ritorna a stupirci. Se nella prima parte il brano sembra un normale pezzo pop-folk, nei minuti finali tutto si trasforma. Diviene un pezzo strumentale, etereo e affascinante come le desolate lande islandesi in cui Damien si è trasferito per ricominciare la vita daccapo e per concepire questo suo nuovo capolavoro. Etereo e affascinante tanto da ricordare (a tratti) le atmosfere magiche dei Sigur Ròs.
Terra, ghiaccio, cielo color piombo e aria che violenta la nostra faccia. Sono queste le sensazioni che l'album emana, sono questi i paesaggi che lo hanno ispirato. La fredda notte islandese, silenziosa e inquietante, fa da sfondo ad ogni singolo brano. Penetra sottopelle e arriva fino all'osso, lasciandoci totalmente spiazzati.Nel singolo di lancio "I Don't Want To Change You", la produzione di Rick Rubin tocca livelli pazzeschi, senza però esagerare nella presenza. E' sempre Damien il vero protagonista. La sua voce cristallina che fa scorrere brividi di amara dolcezza dalla nuca giù lungo tutta la spina dorsale. La chitarra che ti sfiora le guance come fossero calde e morbide dita di un bambino sorridente. Gli archi che ti accerchiano come fossero le braccia del tuo migliore amico. Applausi su applausi.Si tinteggiano di gospel gli otto delicatissimi minuti di "Trusty And True", in cui il cantautore irlandese esprime tutto il suo malessere nel non avere più Lisa (Hannigan, pure lei cantante) nella sua vita. Una perdita dolorosa, una triste e appassionata lettera a lei che se n'è andata, a lei che non fa più parte della sua quotidianità. L'emozione non smette un momento, e le vibranti corde dell'immancabile chitarra ci toccano nel profondo, commuovendo anche il più inossidabile degli ascoltatori. A chiudere la sussurrata e trasparente voce di Damien che ci lascia stupefatti e senza più lacrime. "Long Long Way" è come un piccolo ciondolo di cristallo a forma di cuore, che dondola lentamente allacciato al nostro collo. Potrebbe rompersi in mille pezzi solo a sfiorarlo con le mani, potrebbe frantumarsi come la voce di Damien. Invece resiste, invece resta integro. Resta appeso al collo proprio come l'immensa emoziona che suscita questa traccia finale rimane per tutta la sua durata. Bravo Damien, ce l'hai fatta. Hai sofferto, hai pianto, hai urlato e distrutto soprammobili ma ora sei ancora qui, con noi. Sei con noi e ci regali emozioni fortissime, sincere, trasparenti come l'acqua glaciale della tua nuova casa, l'Islanda. Bravo Damien.


P.S.:ringrazio di cuore l'amico De...Marga...per aver voluto collaborare con me in questo lungo ma spero gradevole scritto.

Questa DeRecensione di My Favourite Faded Fantasy è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/damien-rice/my-favourite-faded-fantasy/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiNove)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Bella rece! Me lo cerco
BËL (01)
BRÜ (00)

proggen_ait94: *ascolto ;)
pozzo
Opera: | Recensione: |
Esperimento recensorio favoloso non solo per la forma ma anche per il contenuto.
Lui mi piace tantissimo ma di questo nuovo conosco solo il bellissimo singolo. Ovviamente lo prenderò e già so che mi piacerà.
BËL (01)
BRÜ (00)

Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
Conosco " O " , bel disco ma conteneva " The Blowe'r......." , canzone che odio con tutto il cuore. Piaceva a una mia ex , la suonava a ripetizione, a casa, in macchina, in ogni luogo, in ogni lago. Per giunta se la cantava a voce alta. Accendevo la Tv e mi capitava il video. Sentivo quel pezzo e mi veniva la schiuma alla bocca. Il nome di Damien Rice mi fa sudare freddo, peccato perché il disco non era male e sicuramente questo merita . Eh ! sono cose che lasciano il segno. Va Bene, ora rientro nella mia stanzetta con le pareti imbottite. Ah ! dimenticavo, bella recensione .
BËL (01)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
Ed ecco il secondo esperimento recensorio a quattro mani, ottimo. Si potrebbero fare anche recensioni "doppie" con 2 valutazioni opposte per la stessa opera, in questo modo si scontrerebbero opinioni opposte nello stesso momento
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Interessante proposta; nel caso di Damien era onestamente difficile per me e federico "al contrario" fare due recensioni diametralmente opposte come giudizio; come sempre nel mio caso ho voluto soltanto ascoltare il singolo, ti invito alla sua splendida visione, cercano di concentrare le attenzioni su quei particolari mai troppo considerati. Ciao madcar, grazzzie per il passaggio.
De...Marga...: ...cercando...madcat...AZZZ.... i miei soliti errori.
madcat: Per esempio sarebbe interessante farla sul nuovo dei Pink Floyd in questo momento, visto in ogni caso l'interesse e le opinioni solitamente molto diverse che ci sono. Ciao (Creuza) De Ma!
Flo
Flo Evangelìsta
Opera: | Recensione: |
Lo sto ascoltando da un paio di giorni e tipo la title track mi piace un sacco. Ma pure il resto. Ah, e comunque dicevo a Prog che nella title track mi ricorda un po' Jeff Buckley, ma magari sono pazza.
BËL (01)
BRÜ (01)

Ociredef86: Beh pazza non direi. Paragone lusinghiero per Damien :)
Ociredef86: Beh pazza non direi. Paragone lusinghiero per Damien :)
Ociredef86: Parlo doppio....
madcat: Vedo doppio...
Flo: Basta coi grappini dopo pranzo, Mad!
Ociredef86
Ociredef86 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti di essere passati e di aver lasciato un commento.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ciao amico; ho notato che le nostre due parti sono praticamente lunghe uguali e a parer mio sono molto complementari. Tu riesci sempre a centrare in maniera clamorosa le sensazioni che nascono dall'ascolto dei brani; io punto molto sul contorno, per così dire. Sono contento di come è andata, attendendo qualche altro commento, magari un po' anche polemici, sull'esperimento.
Ociredef86: Eh vediamo dai :) se qualcuno commenta male son pronto a litigare hahaha! Scherzo XD
De...Marga...: Secondo me sarebbe anche bello aprire un dibattito, delle polemiche, sul disco, sulla nostra recensione: comunque noi due uniti sfideremo chiunque!!! Ho rivisto il video del singolo, con quel finale dove Damien ritorna nell'acqua: anzi osservando meglio sembra una visione al contrario. Lo si capisce dai cerchi concentrici dell'acqua, almeno così credo.
Ociredef86: Devo rivedermelo allora :)
Dragonstar
Opera: | Recensione: |
Complimenti ragazzi! Segnalazione obbligatoria, per un disco fantastico, che è l'ideale colonna sonora di questo autunno. A dir la verità avevo in mente anche io di recensire il disco, ma quando ho scoperto che De...Marga... aveva dichiarato questo ascolto, ho preferito aspettare la pubblicazione di questa pagina (fermamente conscio che prima o poi qualcosa sarebbe successo). Avevo ragione! Grandissimi!!!
BËL (02)
BRÜ (00)

musicanidi
Opera: | Recensione: |
Lo trovo bello ma fin troppo costruito, poco spontaneo...non so quanto potrei dare per sentirlo in un disco rock spaccaculo...
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ciao carissimo; ho ascoltato davvero ancora pochissimo del disco, ma le prime mie impressioni si dirigono da tutt'altra parte rispetto alle tue. Opinioni che rispetto ovviamente; solo l'ascolto del disco integralmente mi darà indicazioni forse più precise. Anche se ritengo, conoscendo benissimo Damien, che sia un disco sofferto, uscito con enormi difficoltà, ma sincero ed onesto.
musicanidi: Ho paura che la sua "sofferenza" vocale sia oramai un marchio di fabbrica....intendiamoci però.....è un signor album....poi lui è uno dei miei grandi amori.....
Ociredef86: No, che questo sia un album costruito ho davvero i miei seri dubbi...è estremamente istintivo e spontaneo.
masturbatio
Opera: | Recensione: |
davvero bravi, siete riusciti a trasporre le vostre emozioni nello scrivere, lui non lo conosco ma potrebbe fare al caso mio, spero di mettermi a piangere come un bambino quando lo ascolterò
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Emozione: questa semplice ma complicata parola. Da sempre mi faccio trasportare da ciò nell'ascolto della Musica, tutta. Per me non occorre altro per parlare, raccontare, scrivere di un disco.
Ociredef86: Grazie mille!
masturbatio: capire tu non puoi...tu chiamale se vuoi...un po' ti capisco marga anch'io lascio che sia la musica a rapirmi, sono un ascoltatore "ignorante" perchè non mi soffermo in particolare sui testi o su come suonano gli strumenti, preferisco farmi sopraffare dall'insieme che mi arriva alle orecchie
De...Marga...: Guarda da questo punto di vista sono come te: totalmente ignorante dal punto di vista della conoscenza tecnica della Musica; e raramente mi occupo dei testi, come ho già più volte detto.
Opel
Opera: | Recensione: |
bravissimi, centratissimi
BËL (02)
BRÜ (00)

Ociredef86: Grazie mille :)
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Ciao fede; il mio voto va ovviamente alla tua splendida parte. Ed approfitto anche per ringraziarti di questa collaborazione, nata in chat per gioco ed in tempo zero. E poi tu ti sei sobbarcato l'invio della recensione e l'hai firmata a tuo nome, con tutti i rischi che ciò richiede; davvero un infinito grazzzzzzie di cuore.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ociredef86: Non devi ringraziarmi, l'ho fatto con estremo piacere. Gentilissimo davvero :)
ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mi unisco ai complimenti per la recensione competente e ben scritta dal mio corregionale (TN) Ociredef e da DeMarga. Bravi, bis!
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Sempre un piacere ricevere i tuoi complimenti; artista per me importantissimo che ho amato nel decennio scorso. Amore che finalmente dopo anni sta riprendendo viva forma.
Ociredef86: Grazie freddo! Non sapevo fossi mio corregionale :)
erik
Opera: | Recensione: |
Bell'esperimento
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazzzie erik!!!!
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Complimenti a tutti e due ragazzi, DeMa ormai opinionista di qualità. Attendo un tandem con Rafssu su un disco dei Pooh, ah ah! Scherzo.. Lui non lo conosco, sembra interessante...bravi!
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: La collaborazione per un disco dei Pooh la lascio volentieri a te!!!! Tornando seri procurati assolutamente i primi due dischi, ma anche questo, di Damien. Cercati in rete i video dove cantava con Lisa: non dico altro. Come sempre le tue belle parole sono nutrimento vero per il mio spirito; alegher fiol.
hjhhjij: Tutti a recensire i dischi dei Pooh.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Bene, l'idea delle rece in comune sta prendendo piede vedo, comunque Oc e DeMa sono entrambi ottimi recensori e il risultato non poteva che essere valido.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie, questa volta scritto giusto, ragazzzo!!! Sono delle belle collaborazioni, che penso ripeterò in futuro. A tal proposito...non aggiungo altro: a buon intenditor!!!!
hjhhjij: Non mi avrai mai, nemmeno tu :D
De...Marga...: Pensa ragazzo il tuo "esordio" sul sito con la mia "sapiente" collaborazzzione; guarda sinceramente sai come la penso sulla tua ironia, sulla tua conoscenza vastissima e competente a livello musicale. Così mi sono venuti in mente i Fugazi...Sarebbe uno spettacolo.
hjhhjij: Ma sarebbe anche un doppione :( "sulla tua conoscenza vastissima" Se, infatti degli ascolti di imasoul ne conoscerò il 10% :D
De...Marga...: Imansoulman ha anche più del doppio dei tuoi anni, come io del resto. Ed anch'io, nonostante possa sicuramente vantare ottime conoscenze, rimango tante volte senza parole davanti ai suoi ascolti, non conoscendo minimamente l'artista od il gruppo.
hjhhjij: Fosse almeno roba che fa cagare. No è roba figa, poi io di solito sono versatile negli ascolti quindi mi ritrovo schiacciato dalla mole di roba che vorrei approfondire ma tutta quella roba proprio non ce la faccio, e piango :(
TSTW
Opera: | Recensione: |
O mi piace molto anche se a piccole dosi (melassa,tanta melassa).Questo lo devo ascoltare.Recensione a quattro mani che è una manna dal cielo di sti tempi
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Contento che questa operazione 2+2= 4 ti sia piaciuta; Damien è un bravo autore, senza dubbio.
ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Solo per aggiungere che il disco me lo sono ascoltato oggi e devo dire che mi è piaciuto. Molto, E al prossimo giro di acquisti Damien entrerà nella mia piccola collezione. Non so chi l'abbia detto nei commenti ma in effetti a tratti la voce ricorda Jeff Buckley, che comunque rimane irraggiungibile.
BËL (02)
BRÜ (00)

hjhhjij: " ricorda Jeff Buckley, che comunque rimane irraggiungibile." A me piace tanto Jeff ma per essere irraggiungibile dovrebbe prima riuscire lui a raggiungere il babbo e la vedo dura :) Lo so lo so, è il solito confronto del cazzo.
Taurus
Opera: | Recensione: |
Non conoscevo...doppio 5 d'obbligo ad entrambe le due penne!
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Ciao Taurus; era da parecchio che non avevamo l'opportunità di sentirci. Se non conosci l'artista recuperati al più presto i suoi due precedenti dischi "O" e "9", oltre questo; ti conquisterà il cuore, ne sono sicuro!!! Grazzzie per il passaggio e per il voto al nostro "sforzo" di coppia; un esperimento che mi piacerebbe ripetere anche in futuro: quindi......mi sembra chiaro!!!!
Ociredef86: Grazie Taurus!
Taurus: ci avevo pensato anche io con un altro utente a farlo su un altro disco poi non se ne fece niente, ma l'idea è interessante. Ultimamente non ho frequentato assiduamente il sito, nonostante abbia sempre sbirciato, ho pure una recensione ferma da più di due mesi che non so come ma non riesco mai a finire o trovare l'ispirazione per finirla, spero di riuscire nell'intento di ultimarla in questi giorni. Riguardo l'oggetto della recensione sto sentendo la title-track sopra indicata.
De...Marga...: Le due collaborazioni a quattro mani di questi ultimi giorni con ziltoid e federico "al contrario" sono nate per gioco in un attimo e hanno ricevuto lusinghieri commenti; io sarei disponibilissimo per una nostra eventuale collaborazione futura: lascio a te decidere modo e tempi.
Taurus: prendo il sasso e vediamo...credo l'unica difficoltà non sia il tu o io, quanto trovare l'oggetto...
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Ma come ha fatto l'Irlanda di Rory Gallagher, Stiff Little Fingers e Pogues a dare i natali ad un simile "moscio"? Mi piace (oddio, ho solo l'esordio), ma è troppo malinconico e monocorde. Tanto per dire, i Mojave 3 sono molto più vari e divertenti. Quest'ultimo disco è un po' più mosso?
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Mi sono preso del tempo per meditare su come risponderti, visto come hai trattato Damien!!!! Tornando seri come l'opera richiede ti posso candidamente dire che ho solo ascoltato il singolo, guardando lo splendido video sul tubo; ma ho pochi dubbi sulla bontà del lavoro. Sul fatto che sia più mosso o meno ti potrà rispondere con più precisione ociredef86.
gnagnera
Opera: | Recensione: |
Recensione splendida, il disco non l'ho ancora ascoltato, ma l'ho visto dal vivo una quindicina di giorni fa e a proposto qualche nuova canzone (The Greatest Bastard, I Don't Want To Change You, My Favourite Faded Fantasy) e mi hanno molto colpito.
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazzzie caro, come sempre i tuoi sinceri commenti sono manna dal cielo per il mio spirito; ti avevo già accennato che qualcosa "bolliva in pentola" sul nuovo disco di Damien. Come è andata al Bloom con i New Bomb Turks? Purtroppo ho dovuto rinunciare...Azz... Comunque potevi almeno dare un voto alla recensione, visto che l'hai trovata splendida!!!...AZZ alla seconda!!!!
gnagnera: Per quanto riguarda il voto purtroppo, non so per quale motivo, non riesco a votare nel senso che ho teoricamente messo 5 stelle, ma non le ha prese (e non è la prima volta). Con i New Bomb Turks invece metti il dito nella ferita, purtroppo anche io non sono riuscito ad andare, ma mi hanno detto che sono stati devastanti
Ociredef86: Gentilissimo grazie!
the last
Opera: | Recensione: |
Complimenti ragazzi...pagina stupenda!
In questi giorni sto scoprendo "O"...bellissimo...ma ho la sensazione che anche quest'ultimo mi piacerà molto!
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazzzie mille; e non dimenticarti di passare anche, con l'ascolto, dalle parti di "9" che contiene altrettante meraviglie sonore.
the last: non mancherò l'appuntamento neanche con "9"! : )
Ociredef86: Grazie mille :)
kloo
Opera: | Recensione: |
Bella. Recensione e belle parole, stupendi esperimento... Non ho ascoltato, mio fratello comprò "o" quando uscì e nei meandri della mia mente si fanno largo alcuni ricordi.. Tutto é ancora troppo nebbioso devo per forza ascoltarlo e ascoltare questo dopo queste magnifiche interpretazioni...bravi
BËL (02)
BRÜ (00)

Ociredef86: Grazie Kloo :)
De...Marga...: Che belle parole hai usato; e te ne sono grato.
masturbatio
Opera: | Recensione: |
cazzo che bello sono rimasto impressionato, the greatest bastard mi ha fatto piangere :)
BËL (01)
BRÜ (00)

A-Lad-insane
Opera: | Recensione: |
Lo sto ascoltando ora, lacrime a fiotti. In pratica in ogni singola canzone sembra che dica: "Lisa torna da me, non posso vivere senza te, ho sbagliato, sono uno stronzo"... madò come mi prende male :( Complimenti ai recensori, anyway
BËL (02)
BRÜ (00)

Ociredef86: Grazie! Son contento ti stia piacendo :)
claudio carpentieri
Opera: | Recensione: |
Non c’è che dire la combinazione Lorenzo/Federico si propone come una delle novità più entusiasmanti del cosmo debaser di questo ultimo scampolo del 2014. Bella prefazione e descrizione ambientale dell’album per DM ed approfondita e fedelissima analisi del disco per ociredef.

Premio l’idea (dell’accoppiata per intenderci) ma anche la perfetta sintonia di entrambi con l’artista, mettendo n parole sentimenti e stati d’animo che rispecchiano appieno il nostalgico intimismo musicale che traspare dal confidenziale “I don’t want to change you”.

Best compliments to you all…
BËL (02)
BRÜ (00)

De...Marga...: Grazie amico, dal cuore...................
Ociredef86: Wow, che belle parole! Grazie mille :)
zzot
Opera: | Recensione: |
Bene. Sono contento dell'emozione che traspare da questo scritto. Vorrei solo sottolineare che, è vero che Lisa non c'è più, pero', in fondo questa è un'opera che va molto al di là dello sfogo romantico nei confronti di una storia finita. Tutto l'album è improntato sull'idea universale di solitudine, secondo me, e sulla capacità di ricrearsi sfuggendo alla malinconia e passando per la disperazione. Testi di livello altissimo, grande disco, da avere assolutamente, il migliore del 2014.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Analisi che condivido ed apprezzo; non sono stati anni facili questi per Damien ed infatti gli otto di silenzio lo dimostrano. Grazzzie per il tuo commento, che accompagnerà da oggi questo nostro scritto a quattro mani. Il video che cito nella mia parte è davvero uno dei più belli, anzi il più bello, di questo 2014 almeno per me.
A-Lad-insane
Opera: | Recensione: |
Ascoltato a dovere, tante volte. E' semplicemente bellissimo, le canzoni sono superbe e gli arrangiamenti incredibili. Rick Rubin fa un lavoro al solito eccelso. Grandissimo ritorno.
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Bravi ragazzi. Che piacevole lettura. Adesso con calma mi ascolto il disco e poi leggo tutti i commenti della pagina. Anzi, domani.
BËL (01)
BRÜ (00)

De...Marga...: Sembra scritta ieri...e sono passati già più di tre anni. Bella pagina, candidamente lo ammetto.
Ociredef86: Oh che bello leggeri ancora commenti su questa pagina <3

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: